I cori della quarantena

cori ep Anna Lombroso per il Simplicissimus

Chi mi conosce attraverso i post che pubblico su questo blog sa che di volta in volta sono accusata di essere velleitaria, frustrata, invidiosa, anarcoide e poi ribellista, snob, schizzinosa, sofisticata, sguaiata. Retorica se parlo di riscatto e di uguaglianza, cinica se non mi unisco al coro di Fratelli d’Italia affacciata al balcone.

Per via della mia idiosincrasia a farmi arruolare in una delle tifoserie che fanno finta di contrastarsi con le sciabolone di legno come i pupi in commedia, sarei ovviamente salviniana se non mi accontento di Carola Rackete e invece mi interrogo sulle correità personali e collettive che hanno fatto accettare guerre di conquista e sfruttamento. E probabile simpatizzante della destra se non mi basta cantare Bella Ciao perché sono convinta che il fascismo è una declinazione del totalitarismo che oggi si manifesta come supremazia dell’economia finanziaria.

Ah, dimenticavo, sarei populista se mi piacerebbe che fosse restituita al popolo partecipazione non solo in forma di quel consenso coatto e manovrato che si chiama voto, sovranista quando manifesto il mio   dissenso per l’espropriazione di poteri e competenze, avocate a sé da una entità sovranazionale che ha apertamente rivendicato il suo intento di limitare l’area di influenza e di decisione delle democrazie nazionali, ree di essere nate da guerre di liberazione.

L’elenco sarebbe lungo, mettiamoci anche che non sono una fan della povera Greta oggi oscurata da altra emergenza, portavoce di una propaganda che affida alla collettività e ai singoli individui la salvezza tramite azioni volontarie, comportamenti di ecologia domestica, consumi già peraltro forzosamente  più ragionevoli e sobri per il consolidamento di una crisi di sistema, nutrita dalla fine dell’economia produttiva, dall’eclissi dell’egemonia occidentale, dalle fortune della roulette globale, e che ci racconta la favoletta  della realizzazione di  una transizione industriale virtuosa e “responsabile”, “light”, “equa” e “sostenibile”, con meno CO2, ma più tolleranza per tutti gli altri inquinanti e veleni.

E nemmeno sono soddisfatta che a rompere il soffitto di cristallo della cultura patriarcale sia la fionda della meccanica sostituzione nei posti chiave di donne al posto dai maschi, che le piazze vuote quando è stata adottata una controriforma intesa a cancellare i diritti e le garanzie del lavoro, quando si è umiliata l’istruzione pubblica per convertire le scuole in fabbriche di esecutori  specializzati in obbedienza, si siano riempite per deplorare maleducazione come se invece fosse garbato, gentile e mite la pratica dello sfruttamento, della consegna a potentati e della frattura dell’unità nazionale.

Non può mancare l’estrema offesa sempre di moda: radical chic.  Insieme a supponente se cerco di non contribuire al processo di infantilizzazione in corso nel paese, tramite scuola affidata a manager che cercano di fare scouting di delfini di riccastri pronti a contribuire per conquistare una corsia preferenziale verso il successo die loro rampolli, informazione e intrattenimento necessariamente indissolubili, linee guida dell’università della strada indicate dai social network, e cerco di mettere a frutto anni di studio e di buone letture, cui si sono sdegnosamente sottratti esponenti del ceto dirigente che condannano la rozzezza dei plebei professando l’ignoranza dei signori.

Adesso però si è aggiunta una nuova accusa fresca fresca, la stessa che viene mossa quando muore un potente e subito salta su qualcuno che chiede silenzio, implora pietas, rinviando i giudizi della storia e pure della cronaca all’indomani, e peccato che l’indomani non arriva mai, perché si stende una pudico coltre di oblio, in modo che non si ricordi che il “povero” taldeitali è stato votato, lusingato, blandito, assolto da tribunali del popolo pronto pure a intitolargli una strada.

Così in questi giorni è sciacallo chi invece di avviarsi su per gli impervi sentieri della medicina, della virologia, della statistica applicata  all’epidemiologia, si interroga sugli effetti venefici della limitazione di libertà imperniate sulla disuguaglianza: profilassi e prevenzione per tutti salvo i pony, i metalmeccanici, gli operai delle fabbriche irrinunciabili, diventati eroi dopo essere stati parassiti.

È sciacallo chi non si stupisce che l’informazione delle autorità scientifiche sia contraddittoria, confusa, alla lunga inaffidabile, se anche in quel contesto fanno la parte del leone le star molto presenti sui media più che nei laboratori.

E’ sciacallo chi non è estasiato e commosso per le cavatine di tenori respinti dai teatri dell’opera, affacciati sul poggiolo, per i cori da ubriachi che si levano dalle finestre sul cortile che suscitano l’appassionato consenso del giornalismo investigativo impegnato a riferirci le cronache dall’interno 11. E’ sciacallo perché sa bene che questi  riti consolatori, che non comprendono mai l’aggiunta pepata della collera per la devastazione dei sistema sanitario, quella si causa prioritaria dei decessi, per l’impoverimento delle attività di ricerca e sperimentazione universitaria e pubblica, sono favoriti perché aiutano a persuadere la gente impaurita che è meglio il coraggio privato all’audacia di scegliere, criticare, opporsi.

E’ sciacallo chi si premette di criticare l’anatema lanciato contro la cittadinanza indisciplinata che fa rifornimento al supermercato, mentre non si condannano gli speculatori che in Borsa, in Europa, nelle imprese, nel mercato fanno profitti con l’aggiotaggio, l’accaparramento, il ricatto.

E’ sciacallo chi è preoccupato del passato, è preoccupato del presente, ma è ancora più preoccupato del futuro quando il sollievo del passato pericolo spingerà a far tornare tutto come prima, anzi peggio di prima, più gente a spasso ma nell’altra accezione anche se i parchi e i centri commerciali saranno riaperti, più alti i prezzi delle merci, più passivi in bilanci familiari e statali, messi alla prova dallo stato di necessità, che impedirà di realizzare le promesse fatte durante la crisi.

Si tornerà come prima, perché l’aspetto positivo dei comandi superiori e esterni è che esonera i governi dall’agire, per mancanza di quattrini e di potere decisionale. Anzi, peggio di prima perché ospedali al collasso, personale sfinito e umiliato, collettività sfiduciata concorreranno al successo di quelle pretese di autonomia e di consegna al privato rivendicate da regioni cui, alla prova dei fatti, occorrerebbe togliere le competenze.

E’ sciacallo chi stando a casa, con la rete che va e viene perché è molto frequentata, la fibra è peggio del rame, la banda larga è uno slogan della Leopolda, alla faccia dello smart work della telescuola, dei recapiti a domicilio delle major al collasso, fino a  ieri denigrate oggi promosse a Onlus, non si sente orgoglioso e fiero di essere italiano proprio come chi si è ingoiato la perdita di beni, diritti, garanzie, lavoro, istruzione, in cambio di promesse di ordine e ordini.

Vuoi vedere che sciacallo è solo il sinonimo di critico, raziocinante, indipendente?

 

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

10 responses to “I cori della quarantena

  • Anonimo

    Musica:

    "Mi piace"

  • Angelo Kinder

    Meglio “sciacalli” come Anna Lombroso che pecore che belano “andrà tutto bene”. Quando basta togliere un po’ di caligine dagli occhi per vedere che va tutto male e andrà peggio, se seguiamo questa ciurma di cialtroni che ha fatto dell’Italia la discarica dell’immondezza del mondo.
    Vedere e ascoltare uolterveltroni che elogia la Sanità pubblica dopo che ha contribuito fattivamente a distruggerla fa vomitare; fa vomitare pure gasparri che da decenni manteniamo noi italiani per fankazzare eternamente dedito a rollare sullo smartphone e a controtwittare gli insulti che gli inviano da tutta la galassia e da quella cloaca che ha al posto della bocca ha vomitato a sua volta: “(…) la Cina è il cancro del Mondo, è il problema non la soluzione (…)” (e il conduttore del talk mainstream da cui il senatore fankazzaro gettava in faccia questo liquame da pozzo nero, invece di porre una saracinesca a questo fiume di fango lo lasciava parlare, senza vergogna, buon per loro che quel talk show ha un’audience da codice IBAN degno delle performance alla Alberto Angela del buhaiolo della Fiesole, perché l’Ambasciata cinese avrebbe protestato a sacrosanta ragione); fa vomitare pure quel ciuco bocconiano, tal monacelli, che oltre a capire di Economia spicciola come federicapanicucci capisce di teorie Mond in Astrofisica teoretica, vomita l’idiozia frammista a cinismo e cattiveria umana sconfinata che le mascherine le indossa chi si può permettere di pagarle quanto un Rolex GMT Master Ice in oro massiccio 18k tempestato di diamanti. Ecco, di questa fanfaglia umana, composta da sagome con la faccia di Anubi, questi sì veri sciacalli, l’Italia dovrebbe sbarazzarsi, tirando la catena dello sciacquone e assicurandosi di spruzzarvi un getto di varechina.
    Sono tanti i motivi per leggere i post della Dott.ssa Lombroso, non ultimo il suo sottrarsi dal parteggiare per opposte tifoserie che sono opposte come i termini della metafisica cusaniana. Così “opposte”, che coincidono.

    "Mi piace"

    • Anonimo

      “fa vomitare pure gasparri che da decenni manteniamo noi italiani per fankazzare eternamente dedito a rollare sullo smartphone e a controtwittare gli insulti che gli inviano da tutta la galassia e da quella cloaca che ha al posto della bocca ha vomitato a sua volta:”

      Si ride anche per disperazione:

      😀 😀 😀

      "Mi piace"

  • r@kivio.net

    Inviato da Libero Mail per iOS

    domenica 15 marzo 2020, 13:00 +0100 da

    "Mi piace"

  • Anonimo

    Musica:

    "Mi piace"

  • I cori della quarantena | infosannio

    […] (Anna Lombroso per il Simplicissimus) – Chi mi conosce attraverso i post che pubblico su questo blog sa che di volta in volta sono accusata di essere velleitaria, frustrata, invidiosa, anarcoide e poi ribellista, snob, schizzinosa, sofisticata, sguaiata. Retorica se parlo di riscatto e di uguaglianza, cinica se non mi unisco al coro di Fratelli d’Italia affacciata al balcone. […]

    "Mi piace"

  • Anonimo

    “E’ sciacallo chi stando a casa, con la rete che va e viene perché è molto frequentata, la fibra è peggio del rame, la banda larga è uno slogan della Leopolda, alla faccia dello smart work della telescuola, dei recapiti a domicilio delle major al collasso, fino a ieri denigrate oggi promosse a Onlus, non si sente orgoglioso e fiero di essere italiano proprio come chi si è ingoiato la perdita di beni, diritti, garanzie, lavoro, istruzione, in cambio di promesse di ordine e ordini.”

    Quando la miseria è troppa, ci si può rifugiare ( per disperazione…) nell’arte:

    "Mi piace"

  • Anonimo

    “Vuoi vedere che sciacallo è solo il sinonimo di critico, raziocinante, indipendente?”

    Eh… aggiugerei una parola usata in senso spregiativo anni fa:

    Dissidente.

    "Mi piace"

  • Anonimo

    “Per via della mia idiosincrasia a farmi arruolare in una delle tifoserie che fanno finta di contrastarsi con le sciabolone di legno”

    Ecco un buon motivo per leggere i post della Lombroso, nonostante i difetti che lei Non cita in questo post , che ha pure lei.

    😀 😀 😀

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: