Archivi tag: Europa

Irrilevanza dell’Europa

00000-BECCO_massoneE’ francamente  patetico vedere come l’informazione occidentale stia affrontando la nuova ” peste  cinese” con una messa in scena drammatica per un’epidemia già circoscritta e dovuta a un ennesimo corona virus, uno dei tipi più diffusi di agenti patogeni perché purtroppo è condiviso sia dagli uomini che da quasi tutti gli animali con cui entra in contatto dai bovini, ai polli, ai maiali e ai gatti. Già dopo una settimana dall’allarme ci sono i primi guariti e la mortalità sembra inferiore all’1% ovvero non lontana da quella dell’influenza: la metà dei morti riguarda infatti persone di oltre 80 anni e già gravemente malate. Ma per carità non si può perdere occasione per accostare la Cina al Male creando delle increspature cognitive davvero curiose: ieri a Venezia vedendo dei turisti cinesi con la mascherina evidentemente usata contro i miasmi lagunari dovuti alla scarsa manutenzione (tutti i soldi vanno al Mose) c’era gente che pensava che lo facessero per “proteggerci dal contagio”.

Ma ormai viviamo nel grottesco europeo dove il rapido declino e l’irrilevanza vanno nascoste con bendaggi mediatici. In questi giorni per esempio usciti i dati sulle vendite delle auto sul mercato mondiale nel 2019: chi ha venduto di più? Magari ci si aspetterebbe di leggere i nomi nobili che hanno fatto l’automobilismo, ma i marchi italiani uccisi dagli Agnelli sono di fatto scomparsi dai radar mentre gli altri arrancano, compresi i marchi tedeschi, anzi soprattutto quelli. Dunque nei primi venti modelli venduti non abbiamo i soliti nomi  ma praticamente solo giapponesi e cinesi. Se si escludono due pickup per bovari americani doc, il grosso viene dall’Asia. Prendiamo il maggior marchio europeo ossia la Volkswagen Nella classifica dei modelli più venduti la Golf è solo al nono posto, preceduta a sorpresa dalla Tiguan e seguita dalla Lavida.  Lavida? Chi è mai costei? Bene è un modello marchiato VW che viene costruito esclusivamente in Cina e per il mercato cinese, anche se poi i motori in particolare il 1.4 TSI e 2.0 TSI finiscono anche i in Europa. E non basta:  la Tiguan risulta l’auto del marchio più venduta solo grazie al mercato cinese che assorbe oltre la metà delle vendite e dove del resto viene costruita la maggior parte degli esemplari del modello  ( a parte la fabbrica di Kaluga, in Russia). Questo per qualche verso è davvero interessante perché per realizzare questo Suv, Vollkswagen aveva costruito uno stabilimento ad hoc e costituito una società parallela, l’Auto500 con il preciso scopo di mantenere la produzione in Germania grazie  una riduzione della retribuzione settimanale e orari di lavoro più flessibili. Ma alla fine il risultato non è stato quello che ci attendeva da questa operazione tutta a carico del costo del lavoro e dei lavoratori perché la crisi ha falcidiato il mercato europeo e perché il prodotto in sé non era alla fine che l’ennesimo bricolage con i soliti motori e la solita scocca di Golf, Audi 3, Seat e Skoda con pelle un po’ diversa

Proprio questo immobilismo accompagnato dalla contrazione del mercato interno tedesco e da quello europeo ha spinto il capo dell’azienda di Wolfsburg a prodursi in un discorso assurdo in cui ha detto che bisogna costruire solo elettrico e che per questo occorre che il governo intervenga in maniera massiccia: a parte i vaneggiamenti come al solito finisce che  il privato così carico di invincibili qualità secondo il neoliberismo, fa la questua allo Stato e mette in chiaro tutti i suoi limiti, i suoi infingimenti e la sua cattiva coscienza. Ma insomma da queste vicende appare chiaro come dopo decenni di Europa, l’Europa sia divenuta periferica e marginale in mano alle lobby  e alle oligarchie di potere. Essa ha voluto in ossequio al globalismo cancellare le sovranità dei singoli paesi senza però creare una nuova sovranità democratica. Si è arrivati a questo a forza di mortificare le forze vive nei vari Paesi e di omologarle forzatamente a un modello unico, senza peraltro supportalo con partecipazione  e solidarietà, ma anzi  caricandolo di opachi giochi di egemonia. Adesso l’Europa da nano politico che era, si sta trasformando anche in un nano industriale, ed è ormai  a tutti gli effetti periferia del mondo.  Se non si hanno gli occhi foderati di prosciutto  è abbastanza evidente come i singoli Paesi da soli potrebbero fare molto meglio per sé e per gli altri partner, di questa ameba cresciuta nel brodo di coltura dei massacri sociali, anche perché i meccanismi comunitari e le tentazioni egemoniche che vi si inseriscono fanno sì che comunque si vada in ordine sparso verso i nuovi giganti, ma per giunta col freno a mano tirato.


Lo chiamavan Draghi

Mario DraghiQualche giorno fa per la nona volta in due anni si sono presentati alla porta due emissari di una società di servizi per tentare di correggere un dato che in tutto quel lasso di tempo non erano riusciti a modificare, pur correndo regolarmente le bollette, ovviamente tutte basate sui consumi presunti e non reali visto che questa azienda come del resto quasi tutte in Italia, non sono in grado di fare rilevazioni di consumo effettivo se non una volta ogni tot anni e non intendono spendere un soldo  per adeguarsi: tanto i tribunali nel loro ambiguo aziendalismo tengono loro bordone. Questa volta i due cottimisti – e mi dispiace per loro- sono cascati male perché di fronte a tanta inefficienza avevo provveduto a cambiare gestore, cosa che  i due in realtà facevano solo finta di non sapere tanto era chiara la loro ansia di mettere a segno una qualche gabola. Fossero arrivati qualche giorno dopo avrei avuto almeno la soddisfazione di poter leggere il discorso fatto da Draghi nel 1992 sul panfilo Britannia (pubblicato in questi giorni dal Fatto, ma rimasto segreto per 30 anni) ) mentre svendeva per pochi soldi alla Goldman Sachs il patrimonio immobiliare dell’Eni ed annunciava la buona novella della messa l’asta dell’industria pubblica italiana, mostrando agli investitori i 30 denari per entrare nell’euro. Quel giorno veniva inaugurata l’era delle privatizzazioni di cui avevo sotto gli occhi una manifestazione vivente: aziende che producono solo profitto per pochi, lavoro precario di scarsa qualità per molti, paghe a limite della sussistenza per tutti salvo che per i manager strapagati, niente tecnologia, efficienza o innovazione e nemmeno produzione di qualcosa, solo un vivacchiare parassitico sulle spalle delle infrastrutture  messe in piedi in passato.

Non si può non riconoscere il totale fallimento del decalogo neo liberista di cui Draghi si fece interessato portatore  (la svendita gli valse la vicepresidenza di Goldman Sachs) in quel giorni lontani, tra l’altro in coincidenza con la strage di Capaci, ma fa impressione la stolta sicumera con la quale al tempo glorificava il mercato in quanto misura di tutte le cose e dunque  sacralizzava le privatizzazioni a cui tanto deve le sue fortune private, tanto per fare un gioco di parole e di concetti. Ciò che impressiona però non è soltanto il credo neoliberista che nella sua vulgata è da almeno due decenni la preghiera quotidiana dei media. quanto i particolari di quel discorso che sembrano un lucido piano di battaglia in vista di un nuovo ordine sociale votato alla disuguaglianza e realizzabile attraverso l’Europa. Prendiamo alcuni passi in sequenza: “La disoccupazione potrebbe aumentare come effetto della ricerca dell’efficienza sulla possibile concentrazione di mercato e sulla discriminazione dei prezzi in particolare per la privatizzazione delle utility“; “La deregolamentazione dovrà accompagnare la decisione di privatizzare“; “I mercati vedono le privatizzazioni in Italia come la cartina di tornasole della dipendenza del nostro Governo dai mercati stessi“. Una condizione quest’ultima per “stare in Europa”

In pochi passaggi si comprende come le privatizzazioni avrebbero creato una disoccupazione necessaria non solo a stare sul mercato, ma anche ad abolire i diritti stessi del lavoro come nucleo di una nuova e infame concezione a cui l’Italia avrebbe dovuto aderire per diventare totalmente dipendente dal mercato e per entrare nell’euro. Dunque, almeno in parte, le conseguenze negative non sono state una sorpresa, ma sono state messe consapevolmente messe in conto in vista di un nuovo ordine sociale di cui euro ed Europa sarebbero stati gli strumenti. Si capisce allora per quale motivo l’intervento sul Britannia pieno di cose che oggi appaiono banali  sia rimasto tanto a lungo segreto, sia stato anzi negato, salvo quando Cossiga da ex presidente della Repubblica vi accennò aggiungendo che Draghi era ” un vile, un vile affarista,. non si può nominare presidente del consiglio dei ministri chi è stato socio della Goldman Sachs  … è il liquidatore dopo la famosa crociera sul Britannia dell’industria pubblica italiana”.

Non so quale sia l’obiettivo politico anzi politicante per il quale quelle parole di un trentennio fa siano uscite oggi, né quali personaggi ci siano dietro l’operazione, ma è certo che non si tratta di arginare quelle posizioni e il disastro a cui hanno portato, ma di riproporle con un nuovo tradimento.


Eurovaticano, ovvero i trucchi del potere

140927223-aa1f2531-4d25-4c82-aef4-d34ce565da81E’ incredibile la reticenza dell stampa europeista nel parlare di Macron assediato dalla folla e letteralmente fuggito da un teatro, oppure della  marsigliese suonata dall’orchestra dell’Opera  in sciopero davanti a una marea di manifestanti, cosa evidentemente così scandalosa agli occhi degli informatori che un Tg ha mostrato al posto del video originale quello di una manifestazione a Beirut o ancora delle dimissioni di 1200 medici ospedalieri perché obbligati a distinguere fra pazienti “redditizi” e “non redditizi”. Fanno bene i media a nascondere o minimizzare queste notizie perché più va avanti  l’ondata di protesta contro la riforma delle pensioni in Francia, più chiaro emerge in superficie il fondo reazionario in cui è finito il progetto europeo, come la mota di un caffè alla turca. Ma d’altronde è il modo stesso, opaco  ingannevole con cui i poteri elitari e reazionari si sono impadroniti del potere, che rimanda all’ancien regime.

In Italia, per esempio, l’adesione ai trattati europei è avvenuta con le stesse modalità di inganno,  anticostituzionalità e rifiuto del’espressione popolare con cui la neonata repubblica si trovò a incorporare così com’era il concordato fascista col Vaticano. E quando dico fascista voglio esprimere una realtà più generale perché questi trattati la Chiesa li ha sempre stipulati esclusivamente con il potere più opaco: con Napoleone, con l’imperatore d’Austria, con Mussolini, con Salazar, con Hitler e con Franco. Immaginatevi dunque di inserire così com’era tutto questo apparato nella costituzione della Repubblica nata con la Resistenza: al di là del problema politico e del catastrofico errore di Togliatti nell’appoggiare questa operazione di compromesso storico ante litteram, vi erano proprio delle difficoltà di principio visto che il Concordato si apriva con un’invocazione alla santissima trinità e faceva continuamente riferimento allo Statuto Albertino, cioè a quella legge fondamentale che la Costituzione si apprestava a cambiare insieme alla forma Stato, passata da monarchia a repubbilca. Inoltre i Patti  Lateranensi firmati da Mussolini prevedevano che la religione cattolica fosse religione di Stato, mentre la Costituzione che si andava formando proclamava  l’uguaglianza dei credi religiosi. Come inserire nella Costituzione un articolo anticostituzionale? 

La trovata fu di considerare le normative del Concordato (inserite nell’articolo 7) una “fonte atipica dell’ordinamento”, cioè di qualcosa che ha meno forza delle disposizioni costituzionali, ma più forza delle leggi ordinarie, dunque per cambiarle il Parlamento non può agire unilateralmente, né possono essere sottoposte a referendum in quanto trattati con uno stato estero. Insomma si blindò la norma in maniera che non potesse essere toccata se non con  l’assenso del Vaticano cosa che avvenne solo nell’ 83 quando furono cambiati alcuni punti formali, senza tuttavia intaccare la sostanza ovvero una posizione di assoluto privilegio e un contributo finanziario che tra 8 per mille, esenzioni fiscali e prebende avarie arriva ai 10 miliardi . E’ facile vedere come il trucco usato per mantenere nella costituzione italiana il concordato fascista è in sostanza il medesimo che è stato adottato per introdurre una normativa europea, premiante rispetto alla legislazione nazionale, intoccabile in quanto trattato estero (sebbene lo spirito dell’Unione questo possa apparire estremamente  ambiguo ) e che tuttavia può benissimo essere inserita nel Costituzione ancorché faccia a pugni con essa. Se proprio è impossibile una qualche conciliazione, oppure si pensa di stringere il cappio con più forza allora il Parlamento preferisce cambiare la costituzione stessa, com’è avvenuto per quella follia del pareggio di bilancio.

Ma se la forma del pasticcio è simile, lo è anche la sostanza perché lo stesso spirito di conservazione che anima la chiesa cattolica è quella che informa Bruxelles, così come ci si trova di fronte alla medesima retorica che tenta di fare da velo al midollo di una concezione disuguale della società. E poco importa che si faccia riferimento a una qualche metafisica ultraterrena che rinvia la giustizia all’altro mondo o a una forma di panteismo economico che prescrive fin da subito il paradiso per pochi e l’inferno per molti perché in entrambi i casi si tratta solo e soltanto di potere, cambiano solo le giustificazioni. Ecco perché Bruxelles e Chiesa vanno a braccetto e si spalleggiano, ad onta del fatto che una certa sinistra neo liberista veda nelle religioni un ostacolo al pieno compimento del globalismo: sono simili anche per i meccanismi usati per interferire con il funzionamento della democrazia nei singoli Paesi. E forse non è un caso che quasi in sincronia con l’elezione di Macron sia diventato arcivescovo di Parigi e primate di Francia uno dei prelati più conservatori secondo una strategia papale che nomina i vescovi più in sintonia con il potere nelle varie aree del mondo secondo uno spirito concordatario globale e che nel caso particolare si presentava come fronte comune  antipopulista.


Germania anno zero

germany-berlin-souvenir-plate-kaiser_1_4b7f9729be6a9a709a661b80976ad358Se in un pomeriggio di sole a Berlino si percorre la Ku’damm fino alla Kaiser-Wilhelm-Gedächtniskirche, chiesa semidistrutta dai bombardamenti e lasciata a simbolo della distruzione della città, tra le rovine, come fosse un nuovo tabernacolo si vede brillare la stella a tre punte della Mercedes posta su un palazzo di costruzione postbellica. Ma questo simbolo di rinascita si fa sempre più opaco: l’anno scorso la produzione automobilistica tedesca, quella che è simbolo del modello mercatista adottato con l’ordoliberismo e imposta a tutto il continente, è tornata ai livelli del 1996 lungo una curva in discesa che si è fatta ripida a cominciare dal 2017 arrivando oggi al meno 10% di vendite interne e meno 13% in export. Non è un dato inatteso, anzi non è altro che il raccolto di ciò che si è seminato, vista la sempre maggiore diffusione della precarietà e della disuguaglianza all’interno, la progressiva distruzione dei mercati continentali dovuta ai diktat di Berlino, ai venefici effetti della moneta unica nonché a una perdita di dinamismo tecnologico che vede le aziende tedesche in un pasticciato e improvvisato inseguimento dell’elettrico che per ora sta aprendo buchi nei bilanci, specialmente in quello della Daimler Benz .

Ma quella stella Mercedes è diventata anche più opaca dei numeri in rosso visto che dal 2005 quando Deutsche Bank  per dare l’assalto al mercato dei titoli spazzatura, che oggi la stanno trascinando a fondo, vendette la sua partecipazione di maggioranza, i gruppo si vide costretto ad affidarsi  ai fondi del Kuwait e poi  a quelli di Abu Dhabi per riempire il vuoto. Non un bel segnale, ma nemmeno disastroso, specie prima della crisi, visto che quei Paesi hanno soltanto soldi in cerca di investimento, ma senza nessuna capacità produttiva propria e dove anche la progettazione di una bici con pedalata assistita potrebbe essere problematica. Erano insomma partecipazioni di maggioranza, ma iun certo senso mute, tuttavia  dal 2018 la musica è cambiata, la maggioranza azionaria con quasi il 10 per cento appartiene al costruttore automobilistico cinese Geely ( che cura la Smart) mentre un altro 4% appartiene alla Byd, altra azienda cinese del settore. E quest’anno è già previsto un raddoppio netto di entrambe queste partecipazioni, anche perché alla poca redditività dell’azienda la quale ha già pronto un piano di licenziamenti per risparmiare un miliardo e cento milioni di euro l’anno, si è aggiunto il  flop totale delle elettriche della marca che secondo le stime dovevano vendere 15 mila esemplari mentre ne sono stati smerciati solo 55 esemplari in Germania e a poche centinaia nel resto d’Europa.  Ora tutto questo potrebbe sembrare fuori tema, ma non è affatto così: intanto perché Ferrari e Mercedes sono i due marchi di auto in assoluto più conosciuti al mondo, perché il logo della stella a tre punte è un simbolo dell’economia tedesca e on della Germania tout court e perché il fatto che il prodotto più  rappresentativo stia rientrando nell’orbita cinese cambia assolutamente e in maniera paradigmatica il modo con cui il Paese e disgraziatamente anche il resto dell’Europa trascinata all’inferno da Berlino, entreranno nella nuova via della Seta. Da una parte sarebbe suicida non entrare in questo nuovo flusso economico che rappresenta il futuro del commercio mondiale e infatti la Germania sta facendo di tutto per non essere tagliata fuori, dall’altra però conta anche il modo in cui ci si entra ovvero da protagonisti o da comparse.

Ora già la robotica industriale tedesca è cinese, il 40 per cento dei prodotti “hergestellt in Deutschland” e di cui si vanta la qualità sono in realtà asiatici e di fatto anche quelli cinesi, dunque l’apertura all’Eurasia con i suoi Paesi in rapido sviluppo che rappresentano la metà del genere umano è già in parte compromessa da politiche cieche che hanno di fatto isterilito il continente in ogni senso, compresa la cultura che è ormai una nota a margine dell’ideologia disuguale.  Non per nulla in  Germania si ha ormai l’angoscia di affrontare i rendiconti: banche riempite fino all’inverosimile di titoli spazzatura o sottratte ai controlli imposti ad altri, milioni di giovani a spasso o impegnati con i minijob da 450 euro al mese, la parte orientale che si considera maltrattata e cova malumori e Ostalgie, il calo di produzione industriale, il progetto di rapinare i risparmi privati altrui, in particolare i nostri, attraverso il cambiamento degli strumenti legati all’euro. Insomma il tentativo di trasformare l’unione europea in un terreno per la propria egemonia ha prodotto danni gravissimi e ha portato anche all’irrilevanza di tutto il continente sul piano geopolitico e per paradosso a una sua maggiore dipendenza dagli Usa come possiamo ben vedere in questi giorni in cui si è sull’orlo della guerra planetaria senza che i leader europei osino aprire bocca di fronte alla criminale arroganza a stelle e strisce.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: