Annunci

Archivio dell'autore: ilsimplicissimus

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come.

Ultimo rapporto del Comitato Centrale Salottiero

Salon_de_Madame_Geoffrin-600x300A circa  quattro mesi di distanza dalle elezioni chi si chiedesse perché Potere al popolo abbia preso solo l’ 1,1 per cento (compreso il mio voto) pur nel pieno di una drammatica crisi sociale, può trovare una risposta in ciò che sta avvenendo in queste ultime settimane, nel quale la battaglia contro il nuovo governo non viene condotta propriamente in termini politici, ma in nome di una sorta di feticismo simbolico orchestrato dal CCS, ovvero Comitato Centrale Salottiero, costituito da quelli che lavorano nei mezzi di comunicazione di massa o nell’informazione e hanno agibilità politica ed economica solo in tale contesto determinato dal potere.

Stupisce che tutto prescinda dai dati reali, sia che si tratti di contratti che di immigrazione o del famoso fascismo a prescindere, ma faccia riferimento a petizioni di principio contestuali che guarda caso sono sempre allineate con le tesi di fondo del neo liberismo e delle sue espressioni di vertice. Soprattutto manca un’analisi degli avversari che vengono tout court demonizzati senza tentare, nemmeno per un attimo, di comprendere le ragioni della loro vittoria e del consenso che hanno trovato proprio nei ceti più colpiti dalla crisi e nelle aree dove la sinistra avrebbe dovuto fare il pieno di voti, manca cioè la cosa essenziale per risalire la china. Anzi no, una chiave di lettura, facile facile, c’è: hanno vinto perché sono populisti. Questa parola magica che in realtà non significa assolutamente nulla serve come spiegazione universale esattamente come quei personaggi delle farse che non concludono mai una frase e aggiungono “ho detto tutto”. Alla fine è davvero difficile vedere la differenza tra Juncker e un antagonista di maniera e lo si può probabilmente stabilire solo dal tasso alcolico. La conseguenza diretta è che non è possibile trovare proposte e soluzioni di un qualche realismo: tutto naviga nella notte hegeliana, ma anche dentro una grande ipocrisia perché in fondo il vituperevole Salvini non fa nulla di molto diverso da ciò che hanno fatto Prodi e Minniti, solo che lo fa violando l’ordine nuovo stabilito da Berlino e Parigi.

Vi confesso che non riesco proprio a sopportare il leader della Lega, è un fatto di pelle, un’allergia, ma questa valanga di ipocrisie e satira forzosa che ondeggia nel nulla come una foglia morta, non più legata a qualche ramo vivente, comincia a suscitarmi le stesse sensazioni perché in ultima analisi buonismo e cattivismo sono le due facce della stessa medaglia conservata nella teca del pensiero unico. Del resto in un Paese (ma questo vale anche per il resto dell’Europa) che ha conosciuto tre  decenni di progressiva messa in mora della solidarietà e dell’uguaglianza anche grazie alla resa totale della socialdemocrazia al globalismo oligarchico di derivazione neoliberista, come potrebbe essere possibile una magica riemersione di questi valori, compresa la fratellanza dimenticata in soffitta, solo per la biblica emigrazione dalle guerre e dalle rapite occidentali? Pensare questo vuol semplicemente dire non comprendere nulla o per dirla nella maniera affettata ed elusiva della contemporaneità significa  non comprendere la complessità. Ma anche non avere voglia di intraprendere alcuna lucida analisi sulla storia recente e sulla grande battaglia al berlusconismo che già dal ’95 non fu più condotta in termini politici, ma di confronto giudiziario e di costume: non esisteva più un progetto di società né da una parte, né dall’altra, ma solo un grande nulla riempito da una parte con gli interessi personali e l’immoralismo degli affari, dall’altra con etichette e totemismi sempre meno veritieri. Alla fine però l’attacco al mondo del lavoro è stato concentrico e bipartisan.

Il tentativo di riempire questo vuoto con  i fascisti su Marte come al buon tempo andato o con astrusi ragionamenti sull’immigrazione di massa che mette completamente da parte le cause di questa tragedia e si nutre di luoghi comuni o addirittura di santificazione delle Ong, comprese le più opache che non si sa come distinguere dagli scafisti, non ha semplicemente senso e anzi alla fine elude il vero obiettivo che si dovrebbe dare una sinistra, non quello di tacere tartufescamente sul contesto disumano della fuga dai propri Paesi per poi accogliere ad libitum la gente nei lager nostrani, ma di realizzare una vera parità salariale, giuridica e vorrei dire  morale tra chi lavora da anni nel nostro Paese o vi è addirittura nato. Questa è ovviamente una mia opinione, anche se sarebbe arduo dimostrare che grandi numeri e volontà di accoglienza vera non siano in una contraddizione reale, ma sta di fatto che dietro al contendere non c’è un vero dibattito, ma un velo di simbologie e di diallelismi che hanno persino perso i riferimenti di un tempo e che alla fine vivono in una sorta di perfetto autismo. E’ populismo in rosso destinato a una nuova sconfitta.

Annunci

La strage “eccezionale”: da 5 a 7 milioni di morti

foto_usaQuanti civili e quanti combattenti sono stati uccisi dalle truppe Usa e dei loro alleati dopo l’11 settembre? Come ci si può facilmente immaginare esistono stime ufficiali abbastanza ridicole che contraddicono in modo evidenti anche quelle fatte per singolo Paese o zona di operazione, per non dire la logica stessa e l’esperienza. Americani e inglesi in un sondaggio di qualche tempo fa sembrano convinti che il Irak i morti sono stati diecimila, un numero che un po’ fa cifra tonda e un po’ risulta eticamente compatibile con una “guerra giusta”, ma che in realtà non ha alcun aggancio reale. Del resto per arrivare a un numero che abbia una qualche credibilità occorre vagliare e mettere assieme un enorme numero di studi, saggi, rapporti, analisi, notizie e stime, cosa che richiede una pazienza certosina peraltro ricompensata solo con l’imbarazzo e il silenzio degli stragisti.

A mettere insieme tutto questo, grazie all’apporto di altri collaboratori, ci ha provato il giornalista  Nicholas J.S. Davis , autore  del noto “Blood On Our Hands: the American Invasion and Destruction of Iraq, libro del 2010, mai tradotto in Italiano. Aggiornando le cifre ed estendendo lo studio ad altri Paesi ha prodotto un saggio breve (che potrete trovare quiqui qui in inglese e qui in francese) che è veramente agghiacciante: in Irak le vittime possono essere calcolate tra 1,5 e 3,4 milioni; in Afghanistan tra un minimo  di 640.000 e un massimo di 1,4 milioni; in Pakistan da un minino di 150 mila a un massimo di 500 mila; in Libia da un minimo di 150 mila a un massimo di 360 mila; in Siria la cifra “mediana” circa 1,5 milioni di persone; in Somalia, tra 500 mila e 850 mila; in Yemen tra 120 mila e 240 mila. Occorre tenere conto che per la stragrande maggioranza, si tratta di vittime civili, che questi conteggi non tengono conto delle morti indirette provocate dal drammatico abbassamento dei livelli di vita il cui numero è altissimo, mentre dal conteggio vengono esclusi molti conflitti in Africa e molte operazioni coperte o indirette condotte in Asia e Sud America e persino Europa, dove i conteggi sono ancora più ardui. Si tratta comunque di una grande strage nella quale sono morte dai 5 ai 7 milioni di persone apparentemente per vendicare le meno di 3000 vittime delle due torri gemelle fatte da terroristi e non da stati o da popolazioni che c’entravano poco o nulla. Con questi criteri alle Fosse Ardeatine avrebbero dovuto essere fucilati 66 mila romani.

Faccio appositamente questo paragone che a prima vista potrebbe parere improprio e provocatorio, ma alla fine calza abbastanza bene visto che una settimana dopo gli attacchi alle torri, quando Bush già si preparava ad attaccare l’Afganistan, Benjamin Ferencz il giurista che fu uno dei procuratori di accusa al processo di Norimberga disse che gli attacchi terroristici, erano crimini contro l’umanità, ma non “crimini di guerra”, perché gli Stati Uniti non erano in guerra. “Non è mai una risposta legittima punire le persone che non sono responsabili del torto fatto. Dobbiamo fare una distinzione tra punire i colpevoli e punire gli altri. Se rispondi in modo massiccio bombardando l’Afghanistan, ad esempio, o i talebani, ucciderai molte persone che non credono in quello che è successo, che non approvano ciò che è accaduto”. Probabilmente da un punto di vista etico il numero in sé potrebbe avere una valenza non fondamentale, ma quando ci si trova davanti a milioni di morti è evidente che si colpisce nel mucchio, che la risposta armata diventa vendetta e quest’ultima pretesto per operazioni imperialiste. Senza dire che nel corso di tali operazioni le vittime civili essendo certe e quasi sempre più numerose dei combattenti non possono essere considerate solo danni collaterali, ma quasi l’essenza della guerra stessa. 

Tuttavia sappiamo che gli Usa pretendono di cancellare tutto questo, non soltanto occultando i numeri reali, ma in virtù della propria eccezionalità. Che deve esserci davvero se alcuni storici delle università dove studiano i ricchi hanno la faccia di annunciare la morte della guerra oltre alla fine della storia. E questo lo dedurrebbero dal fatto che la riduzione del conteggio ufficiale dei morti messa in relazione con l’aumento della popolazione globale riduce la percentuale delle vittime. Purtroppo ciò che sta scomparendo non è la guerra, ma il cervello e questo grottesco argomento è una delle prove del nove della progressiva infantilizzazione cui sta andando incontro la cultura americana, travolta dalla comunicazione di massa, condizionata fin nel midollo dal denaro, tarpata dal troppo potere che la schiaccia su un piano bidimensionale dal quale viene esclusa qualsiasi dimensione evolutiva del sociale e del politico, dedita al più vieto formalismo, all’emotivo compassionevole o alla speculazione astratta e futile.


Un amerikano a Bruxelles

Meeting of NATO Heads of State and Government in BrusselsDio ci conservi Trump, l’amerikano. Ancora una volta al vertice Nato il palazzinaro ha dato di matto e ha chiesto ai membri dell’alleanza di alzare il budget delle spese militari non fino al 2% del pil, che già incontrava grave scontento e forti resistenze, ma addirittura al 4%. In più ha fatto chiaramente capire, soprattutto alla Germania, che gli europei devono smetterla di comprare gas e petrolio russo e acquistare invece quello americano che tra estrazioni da fracking, trasporto e infrastrutture costerebbe il doppio. Solo a lui è concesso se del caso aprire alla Russia e a Putin, cosa che peraltro potrebbe accadere fra qualche giorno.

Trump ha recitato alla perfezione il ruolo dell’idiota americano rimasto al dopoguerra che pensa agli europei come parassiti dell’ombrello difensivo Usa e dunque impone loro di partecipare allo sforzo comune per la maggior gloria della Casa Bianca e contro un nemico inventato di sana pianta con l’affare ucraino per ragioni di pur imperialismo. In più pensa di usare questa specie di ricatto per ottenerne un enorme vantaggio economico. In fondo è ciò che è sempre avvenuto da 60 anni a questa parte, ma che non è mai stato detto apertamente. Molti analisti pensano che in realtà Trump e il suo staff non la pensino davvero così, che il presidente abbia fatto una memorabile sceneggiata in vista delle elezioni di medio termine, ma personalmente credo che in realtà l’inquilino della Casa Bianca incarni l’america profonda, ma senza gli infingimenti che ne nascondevano lo “spirito”.  Altri commentatori  meno banali nutrono l’illusione che con l’America First Trump voglia contestare la dottrina del Pentagono secondo cui il mondo è ormai diviso in due, da un lato gli Stati sviluppati e stabili, dall’altro gli Stati non ancora integrati nella globalizzazione imperiale dove la missione delle forze armate Usa è distruggere le strutture statali e sociali delle regioni non integrate.

Anche in questo caso temo che si tratti  di pure illusioni perché se Trump la pensa come i suoi elettori, dispone però di un punto di osservazione nel quale comincia a vedere che il suo progetto è assolutamente irrealizzabile rimanendo sul terreno del neoliberismo, visto che il mantenimento della posizione imperiale è una condizione sine qua non per il trasferimento dei capitali transnazionali nell’economia statunitense e che il progetto di riportare il lavoro in Usa , attraverso il ritiro dai trattati commerciali o commercial -politici è completamente insensato visti i costi stratosferici che hanno i servizi di base in Usa dopo 45 anni di dominio del capitalismo finanziario, nonché il livello assurdo di indebitamento privato: a questo punto il lavoro che non solleva dalla povertà anche quando non sia precario o effimero, è una realtà ineludibile e un ritorno alla produzione con salari da fame finirebbe persino per peggiorare la situazione. Solo con una sorta di neo socialismo keynesiano che torni a una massiccia redistribuzione degli utili si può pensare di attuare un progetto del genere, ma questo non è nemmeno pensabile da uno come Trump. Certo può fare le sparate, capelli al vento, appoggiandosi alle grottesche contraddizioni idei partner europei che da una parte hanno voluto essere protagonisti nell’avventura ucraina e nella successiva, delirante demonizzazione sanzionatoria della Russia, chiedendo però di poter fare affari con Mosca quasi intendessero lo scontro come una sorta di commedia a favore del pubblico. In realtà però si trova in un vicolo cieco il cui risultato finale potrebbe essere l’alienazione dell’Europa  intendendo con essa i suoi Paesi e non certo le oligarchie di Bruxelles, e con essa anche un retroterra vitale per l’esistenza stessa degli Usa.

Nell’insieme Trump sta cercando di tenere insieme i cocci di un sogno americano, ma anche di un’idea di democrazia e di libertà che esiste solo nei telefilm: l’oligarchia Usa è ormai padrona della scena e del retroscena, il Paese è di fatto in mano alle multinazionali e ai ricchi che sono  immuni dalle leggi e anzi le fanno attraverso le lobby, attraversato da una violenza nichilistica e dalle droghe, afflitto dall’elefantiasi dell’apparato militare, dipendente dall’imperialismo, afflitto da una gigantesca sotto occupazione, privo di una reale dialettica politica e dotato di strumenti puramente formali di partecipazione: basti pensare  che solo 40 seggi sui 435 della Camera dei Rappresentanti derivano da una vera e propria competizione elettorale: il resto è di fatto assegnato grazie a un accorto disegno delle circoscrizioni che in un paese assai meno complicato di quelli europei, è un gioco da ragazzi. Insomma Mr Smith scappa da Washington e Trump si agita dando l’impressione di voler colpire la globalizzazione di cui ha bisogno, simulando un ira che non può permettersi, cercando di smorzare l’imperialismo facendo l’imperialista al quadrato: chi meglio di lui può rappresentare il declino di un sistema?


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: