Annunci

Archivi tag: populismo

Bolsonaro, la fascio marionetta

bolsonaro--conhea-os-mais-de-630-projetos-de-lei-do-deputado-kofh-u3040420763596ld-1224x916corriere-web-sezioni_MASTER-593x443 (1)L’egemonia culturale e il  sistema economico produttivo sul quale si fonda hanno due capisaldi che rendono difficoltosa la lotta contro il sistema che si illude di essere la fine della storia: il primo è la rassegnazione che nasce dal presentarsi come senza alternativa dopo che quella storicamente concretizzata è collassata. Il secondo è invece la retorica, del nuovo che oltre ad essere ovviamente funzionale al consumismo più folle, è diventato un vero e proprio sistema di culto che prescinde da qualità, opportunità, buon gusto, consistenza, beneficio, per assolutizzare un unica caratteristica, ovvero la novità reale o immaginaria che sia. Questo vale per qualsiasi cosa, dal più infimo oggetto di consumo alla politica, tanto che in epoca di leaderismo mediatico, l’essere nuovo è sempre vincente come abbiamo cominciato a vedere con Berlusconi e confermato in purezza con Renzi o Macron.

Ma il diapason di questo fenomeno può essere osservato con meno schermature culturali in Sud America dove personaggi nuovi o più spesso spacciati come tali  predicano quel vecchio contro il quale c’era stata una sorta di rivolta popolare a partire dagli anni ’90 e che tuttavia paiono costituire un’attrazione fatale. Il Brasile è ora sotto l’effetto Bolsonaro, un ex militare di estrema destra, contrario ai diritti umani e favorevole alla tortura, sessista a un livello inconcepibile, razzista (che è un bel problema in Brasile)  oltre che, naturalmente, ultraliberista, il quale rischia di diventare presidente del Paese dopo l’uscita di scena forzata di Lula e Rousseff  grazie a un colpe morbido organizzato molto a nord dei confini . Jair Bolsonaro, che a quanto pare è il candidato Washington, è un predicatore d’odio, un imbarazzante ritorno al passato più oscuro e tuttavia riesce ad apparire, grazie alla retorica dell’uomo nuovo, addirittura come rivoluzionario, arrivando a intercettare  il  voto di protesta. La cosa è assolutamente grottesca perché quella protesta si leva contro le promesse mancate del lulismo, ma si concentra su un personaggio che disprezza quelle promesse e nemmeno nel più remoto angolo della mente pensa di realizzarle, anzi il suo programma si propone di distruggere anche quel poco che è stato fatto e che non sia già stato disfatto da Temer.  Eppure ha preso il 47% .Non è un caso che il suo elettorato sia composto principalmente da giovani che trovano in lui, in maniera del tutto acritica. una via d’uscita dalla corruzione, dalla crisi attuale e la possibilità di un futuro migliore, nonostante egli sia sia una sorta di giacobino delle ricette economiche e sociali che ha sottratto futuro alle persone.

Tutto questo è possibile però non soltanto grazie al peso dei media che sono le cinghie di trasmissione dell’egemonia culturale e dei suoi “valori” vuoti, ma anche grazie ai colossali errori delle politiche fatte a sinistra che hanno spostato l’enfasi dai diritti sociali collettivi verso sistemi di inclusione finanziaria individuali. Così che quando le difficoltà economiche hanno messo in crisi il modello lulista, non c’è stato più un chiaro spazio politico di azione. Ma dopo la caduta di Lula e della Rousseff invece di riconcentrarsi su un programma di risocializzazione, la sinistra si è limitata alla denuncia del golpe strisciante e del pericolo del fascismo, elementi necessari, ma di certo lontani dall’essere sufficienti e dal riempire uno spazio politico lasciato vuoto o al volte riempito con le idee dell’avversario, mentre si sarebbe dovuto chiarire in termini molto semplici che il problema di fondo non era la corruzione, ma ciò da cui fondamentalmente nasce ovvero la miscela tra ricette neoliberiste e forme di economia del sotto sviluppo. L’altro errore è stato quello di creare una sorta di incomunicabilità con la base sociale, conservando gelosamente un’ obsoleta modalità gerarchica di fare politica e non concedendo credito ai gruppi giovanili.  Come dice Rosana Pinheiro-Machado, docente di antropologia , “dal 2013, ciò che abbiamo visto è una sinistra paralizzata che rifiuta tutti i gruppi che non può né comprendere né trattare. Questo è un errore strategico. Il bolsonarismo ci mostra come la frustrazione radicale verso il sistema possa essere sfruttata per ottenere un guadagno politico in favore dello stesso sistema. Gli attivisti di sinistra devono comprendere e accettare questa insoddisfazione agendo attraverso le lacune delle contraddizioni del capitalismo, offrendo al contempo un’agenda radicale alternativa che abbia senso per i cittadini comuni”.

Sarebbe un errore ancora più grande archiviare tutto questo sotto il capitolo del cosiddetto populismo, termine peraltro privo di definizione e dotato solo di connotazioni, anche se a prima vista vi si potrebbero scorgere delle analogie: lo dimostra una delle voci del padrone, certamente fedele ai riti dionisiaci del nuovo ossia il Financial Time che in merito al duello tra Bolsonaro e il leader della sinistra Fernando Haddad scrive che si tratta  di “una competizione tra populisti dell’estrema sinistra e della destra”. Qui invece si tratta di uno scontro fra una forma di fascio liberismo ( rifiutata a parole, ma in realtà auspicata e aiutata dal sistema almeno fino a che obbedisce) e  una di socialdemocrazia per così dire leninista che perde contatto con la sua base. Una battaglia tra elettori soli per definizione ed elettori lasciati soli.

Annunci

Internazionalismo del profitto, indebitamento popolare

Corona-reale_riproduzione Anna Lombroso per il Simplicissimus

Sovranismo s. m. Posizione politica che propugna la difesa o la riconquista della sovranità nazionale da parte di un popolo o di uno Stato, in antitesi alle dinamiche della globalizzazione e in contrapposizione alle politiche sovrannazionali di concertazione.

Deve essere diventato gialloverde anche l’autorevole dizionario Treccani che, come d’altro canto il Larousse, offre del sovranismo una definizione sobria, ad onta della criminalizzazione sgangherata  in corso perfino tra quelli che – pochi – considerarono sciagurata, umiliante e anticostituzionale  la soggezione al fiscal compact, come ai tanti diktat delle pingui cancellerie a danno delle propaggini africane, indolenti, sciupone e inaffidabili. Destino degli “ismi” che si prestano a sapienti confusioni o sbrigative condanne a partire dalle parole matrici, salvo ideologia liquidata ben prima di ideologismi per via delle preoccupanti evocazioni di eventuali produzioni di idee, ideali e valori e di un’attività di pensiero, quantomai eversive di questi tempi.

Affidato alle decodificazioni aberranti, peraltro bipartisan, sovranismo viene retrocesso a nazionalismo, collocandolo nella cassetta degli attrezzi della destra più bruna e minacciosa di successivi incendi del Reichstag insieme a razzismo e xenofobia, il cui sorprendente recupero è visto di buon occhio da chi ne deplora la declinazione a uso e contro gialli e neri, islamici e rom, mentre lascia correre quando vengono impiegati senza distinzioni di etnia e religione, contro poveracci, diseredati, sfruttati in patria e fuori (ne ho scritto qui: https://ilsimplicissimus2.com/2018/09/28/fascimo-malattia-senile-del-capitalismo/). Proprio come “populismo”, d’altra parte, marchio a fuoco impresso da chi  ha sostenuto misure impopolari (nel senso che, vedi caso, andavano contro il volgo, giustamente penalizzato per comportamenti dissipati), aristocratiche austerità, e sempre più indirizzato a immaginare sistemi elettorali selettivi, che concedano il diritto-dovere di voto a segmenti acculturati, maturi e poco inclini a volgari ribellismi.

Basta pensare alle reazioni schifate nei confronti di chi ha messo in dubbio virtù e bontà dell’egemonia privatistica, esigendo la nazionalizzazione di banche, di servizi, di autostrade, preferendo invece salvataggi immondi (guardati con sdegno perfino nelle geografie di Wall Street) che lasciano la gestione a vertici e amministrazioni criminali, sottraendo risorse necessarie invece alla collettività, comprensiva di indigeni e immigrati, il cui sacro suolo è manomesso, bruttato, espropriato, richiamati a concorrere per la incolumità di “risparmiatori” meglio identificabili azionariati voraci, amici influenti i cui appetiti è doveroso appagare, che sono pochi quelli piccoli, sedotti o ricattati dai croupier del casinò globale.

Modi consueti questi di incriminare sempre e comunque il “popolo” colpevole di aver voluto troppo, di chiedere troppo, ma pure di accontentarsi delle mance, di delegare sulla base di promesse illusorie o di poco partecipare, di astenersi dalla cabina elettorale e contemporaneamente di votare male e esageratamente, che si sa i paesi maturi disertano gli scrutini, forzando  la presunta coincidenza “tra un primato grossolano della volontà generale”, come ha scritto il Foglio,  e il progressivo collocarsi dei movimenti vincitori dentro il sistema politico e di potere, contrari  – plebe e maggioranza – a quegli irrinunciabili criteri, quelle virtù teologali europee interpretate da Draghi: pazienza, cautela, prudenza e magari, in aggiunta, ubbidienza. Perché poco ci vuole a capire che con sovranismo non vogliono intendere in barba alla Treccani e pure al Larousse l’esprimersi delle pulsioni indipendentiste, la volontà di affermazione dell’autodeterminazione di un popolo, ma il manifestarsi dell’opposizione allo sviluppo dell’Unione Europea, come concentrazione di poteri e decisioni  sottratti agli Stati nazionali che la compongono e affidati a organismi non elettivi, alla sottrazione che ne deriva di democrazia, economica e sociale, esplicitamente osteggiata, per via della sua origine “socialista”, incompatibile con l’affermarsi del regime unico.  

È che l’affezione al blasonato sogno unitario europeo, profetizzato già con le stimmate di un’utopia pensata e volta da enclave prestigiose quanto esclusive e quindi escludenti, è difficile da abbandonare anche in vista del suo mostrarsi come un vero e proprio cimitero irriducibile di aristocrazie, per parafrasare Pareto, aggrappato a una tradizione letteraria di pacificazione funzionale a portare guerre di classe e imperialiste all’interno e all’esterno,  gestito nella pratica da una oligarchia burocratica che serve interessi e privilegi di un ceto imperiale che ha sostituito le vecchie élite con una selezione ancora più implacabilmente effettuata sulla base di rendite, censo, affiliazione. Discostarsene mette paura, come sempre succede a chi teme qualsiasi ingresso nell’ignoto forse buono, preferendo Tsipras, Renzi e Macron, quindi il conosciuto cattivo, come succede a chi da noi indica la soluzione nel meno peggio, grazie alla dittatura dell’accontentarsi, come sempre succede a chi si sente rassicurato dallo stare sotto tutela, compresa quella delle menzogne. Tanto che da più parti si sente scendere giù fino a noi il monito severe: questa sfida la pagheremo noi, popolino, noi, italiani riottosi a essere più modernamente europei, noi come i greci, talmente in fondo alla classifica della civiltà che adesso nel Mediterraneo arrivano perfino uragani e  tifoni come nel Terzo Mondo.

State attenti, ci dicono, che a rimetterci “sarete” tutti. Ma non è successo già? non stiamo pagando noi le scialuppe a Banca Etruria, Mps, Casse di Risparmio? Non stiamo pagando noi armamenti scamuffi per essere ammessi alle briciole sanguinarie dei Grandi? Non stiamo pagando una accoglienza raffazzonata e obbligatoria, cornuti e mazziati da chi tira su muri umanitari come le guerre coloniali che conduce? Non stiamo pagando noi con la salute e la perdita di garanzie il sostegno a padronati  assassini e avvelenatori? Non stiamo pagando noi direttamente e indirettamente la perdita di istruzione, cultura, sicurezza sociale, assistenza sanitaria? È davvero questo il prezzo necessario per stare nella sala da pranzo dei Grandi, a raccattare qualche ossicino di pollo, che ormai non possiamo sperare nelle brioche?

 

 

 

 

 

 


I pontieri dell’antipopulismo

ponte crollatoOgni giorno mi scopro più populista che pria perché la supponenza, l’infingardaggine e la vacuità parolaia di chi fa quotidiano sfoggio del cosiddetto antipopulismo prende ormai alla gola. E i fogli padronali che mascherano i loro bassi istinti dietro il politicamente corretto (nei prossimi giorni ne voglio parlare) sono ormai un culmine insuperato di ipocrisia. Leggo su Repubblica, il giornale di sciur padrun da li beli braghi rosa, rosa per catturare i citrulli, che a parlare della scarsa attenzione di Autostrade verso il ponte Morandi  e in generale verso tutta la rete di grande viabilità di cui ha la concessione, si rischia di fare della società “il capro espiatorio di processi sommari e riti di piazza, tipici del populismo”: perciò – ecco la sostanza di questa alata difesa – non si può revocare la concessione prima che la magistratura abbia detto l’ultima parola, quindi se tutto va bene fra dieci anni.

Insomma a definire un contesto assolutamente verminoso e  a imporre l’opportunità di togliere a Benetton la gallina dalle uovo d’oro vergognosamente regalatagli a suo tempo,  non è bastato che Atlantia abbia tentato di coinvolgere i propri dipendenti nel risarcimento dei danni, mostrando di che pasta marroncina sia, non è bastato il tentativo di infinocchiare i danneggiati dal collasso del ponte Morandi con rimborsi parziali e formule truffaldine che oggi la società stessa definisce eufemisticamente “infelici”, non sono bastati gli indecorosi piagnistei piddino – finanziari sui poveri azionisti, non sono stati sufficienti i misteri gaudiosi attorno al crollo che rimangono tuttora inspiegati  e non basta nemmeno la relazione della commissione ispettiva del Ministero dei Trasporti (qui) che arriva a a una conclusione agghiacciante “ la concessionaria  pur a conoscenza di un accentuato degrado delle strutture portanti non ha ritenuto di provvedere, come avrebbe dovuto, al loro immediato ripristino né adottato alcuna misura precauzionale a tutela”. Insomma pur a fronte di segni di grave degrado della struttura, non si è adottato alcun provvedimento di limitazione o di chiusura al traffico, non sono stati eseguiti gli interventi necessari per evitare il collasso del Morandi, non si è nemmeno proceduto a una valutazione di sicurezza del viadotto come invece era stato riferito dalla società (ma forse il documento è stato fatto sparire perché troppo compromettente) . Anzi  questi elementi sono stati nascosti al Ministero, probabilmente nel timore che questo comportasse delle spese di ripristino per Atlantia.

Ma certo solo un populista può chiedere che questi signori siano mandati fuori dalla gestione delle Austostrade. E solo un populista può ritenere che al di là del crollo del ponte, la gestione Atlantia fosse gravemente carente, pericolosa e di natura esclusivamente speculativa visto che fino a quando  le autostrade appartenevano al settore pubblico venivano spesi ogni anno mediamente 1 milione e 300 mila euro in manutenzione ordinaria, mentre con Benetton si è passati a 23 mila euro all’anno, praticamente quanto spendono due camionisti tra pedaggi e soste agli autogrill. Nello specifico della manutenzione del ponte dal ’94 ad oggi sono stati spesi 24 milioni e 610 mila euro, ma solo 492 mila dal ’99 ad oggi, ossia con la concessione a Benetton. Sono cifre che parlano da sole e ci parlano di speculatori che vogliono incassare tutti i pedaggi senza spendere nulla, mettendosi sotto le scarpe la sicurezza dei cittadini, l’efficienza della rete e in ultima analisi gli interessi del Paese. Il quadro complessivo è allucinante e chiude in una sorta di perfezione geometrica, il perimetro entro cui si situano le famose privatizzazioni di cui quella di Autostrade è un caso inarrivabile di scuola con la grande viabilità pagata dai cittadini, praticamente regalata a un gruppo di squali i quali l’hanno ripagata con i pedaggi degli utenti, incassando utili e stratosferici senza peraltro fare una decente manutenzione, nemmeno nel caso in cui le criticità erano evidenti e denunciate da più parti.

Qui la questione specificamente penale qualunque cosa ne pensi l’ingegner De Benedetti e qualunque cosa ne faccia scrivere sui giornali di sua proprietà, per mano dei vari dottor Piuma e professor Catrame, diventa paradossalmente marginale facendo emergere in primo piano il discorso politico e di sistema, mettendo sotto accusa l’intera classe politica che ha permesso tutto questo, l’ideologia che ne è stata l’alibi e la corruzione che ne ha costituito il contesto. Difendere Atlantia significa difendere tutto questo ed è naturale che i giornali di regime temano che la questione Autostrade strappi l’ordito grazie al quale la razza padrona ha fatto strame del Paese. Qui il populismo o l’antipopulismo non c’entrano proprio un bel nulla, sono solo una formula apotropaica per giustificare i frutti di un’ideologia della disguaglianza e del profitto con tutte le sue  conseguenze, il tentativo disperato e al tempo stesso tracotante di dare un senso a un’Italia da dimenticare,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: