Annunci

Archivi tag: Greta

La nuova Porsche turbo Greta

download (1)E’ uscita: dopo un bombardamento di annunci così intenso che pareva quasi il ritorno di Cristo in terra, la nuova Porsche elettrica si è materializzata dalle brochure alla strada. Ed è un capolavoro di ipocrisia contemporanea a cominciare dal nome Taycan turbo, visto che il compressore su una elettrica non esiste, ma è solo quel suadente suono che l’acquirente di una macchina sportiva vuole sentire, soprattutto se deve spendere poco meno di 200 mila euro per comprarla, anzi possederla non diversamente dall’amante strafiga da esibire nonostante la prostata faccia sentire il suo grido di dolore. Similmente alla Testla non è affatto costruita per risparmiare energia, perché è lunga 5 metri e pesa a vuoto 2300 chili, per renderla “turbo” nell’immaginazione dell’acquirente o dei milioni di piccoli fiammiferai con i nasi incollati alle vetrine dei concessionari le hanno messo 700 e passa cavalli ma tutti verdi, anzi green in quel senso che la parola ha nel gretismo.

Finge di essere ecologica solo perché è elettrica, ma in realtà è un monumento all’inutile spreco di risorse, perché se è vero che quei 700 e passa cavalli non inquinano dove passa la macchina, inquinano laddove si produce l’energia necessaria a caricare le batterie e far funzionare il motore. Ma questo è il meno perché l’oggetto in sé è del tutto inutile visto che quella esorbitante potenza, assorbirà energia senza però che essa possa essere effettivamente usata, anche ammesso che l’acquirente sia in grado di farlo: l’auto che dovrebbe fare i 260 all’ora  e quindi, nel mondo intero può essere sfruttata solo su tre autostrade tedesche, è venduta per avere un’autonomia di 400 chilometri o poco più, ma questo secondo le prove standard che prevedono velocità e accelerazioni da sub utilitaria: non appena si voglia schiacciare l’acceleratore e sfruttare la cavalleria, come sarebbe immaginabile su un’auto come questa, quella vantata autonomia si riduce a vista d’occhio e in un centinaio di chilometri o pure meno vi ritrovate a secco. Ma anche a velocità autostradali secondo codice l’autonomia si riduce a meno della metà di quella dichiarata. In fondo ci si fida delle scarse capacità aritmetiche dell’acquirente e sulla dimenticanza della semplice divisione da parte delle riviste di settore: il consumo medio a velocità medie standard delle prove ufficiali, dunque alla portata di una 50 special, anzi neanche special, è di 26 kw per cento chilometri, mentre la batteria ha una capacità globale di 93 kw: quindi già di suo l’autonomia teorica scende a 350 chilometri scarsi. E per ricaricarla fino all’80% nelle prese pubbliche, quelle aree di servizio o quelle speciali da realizzare nel garage di casa ( con spese anche di corrente non indifferenti) occorrono al minimo dieci ore. Insomma non ci troviamo di fronte a un’auto elettrica con i suoi 50 o 100 cavalli, come  quelle prodotte in Asia, che ha la concreta possibilità nell’uso normale di permettere una percorrenza adatta alla gita fuori porta alle velocità da codice, che consuma una quantità di energia ragionevole e che può essere caricata in mezz’ora , ma a una specie di mostro la cui sola costruzione produce un’enormità di gas serra e se usato sfruttandone le prestazioni permette di fare solo una manciata di chilometri. Insomma una roba inutile buona solo a stimolare la fatuità dei ricchi, come del resto la Tesla e che come quest’ultima dopo i primi 3000  chilometri di lussuoso calvario finisce dai rivenditori dell’usato a impolverarsi. Nessuno sembra comprendere come questa auto elettriche strapotenti sulla carta denunciano in realtà un’ arretratezza tecnologica che si cerca di superare buttando sugli occhi la polvere dei cavalli.

Ma ecco che dal cilindro spunta fuori un altro intento ecologico secondo come lo concepisce l’industria e secondo il verbo del consumismo ecologico più gretino: gli interni sono definiti “leather free” per dire che sono fatti di materiali “riciclati e sostenibili” espressione che dice poco o nulla e che per questo è adottata ormai universalmente per stimolare il consumo, ovvero per ottenere il contrario di ciò che si afferma, ma che se anche avesse un qualche senso sarebbe come mettere un unico ricciolo di panna alla soia su una sontuosa Saint Honoré. Si tratta in definitiva di un costoso e inquinantissimo oggetto del desiderio senza alcuna utilità pratica, ma che viene venduto come se fosse la panacea per l’ambiente. E’ in sostanza il simbolo di un certo ecologismo tanto più arrogante quanto più inconsistente che si nutre di parole, di espressioni fatte e pseudo concetti che servono al sistema per continuare come prima e più di prima l’iperproduzione facendo però finta di custodire l’ambiente. Tutti noi  siamo esposti a questa sorta di propaganda e persino quando andiamo al supermercato entriamo negli antri del non senso acchiappacitrulli: paghiamo di più per avere il sale extravergine che non esiste esattamente come il turbo su un’elettrica o il parmigiano senza lattosio (che non ne contiene comunque) o i sali colorati di ogni genere e che vengono da 9000 chilometri di distanza e insomma tutto quello che è basato sulle percezioni inoculate dalla comunicazione e non sulla realtà tanto che se si dicesse che tutti i cibi contengono monossiddo diidrogeno ne sorgerebbe uno scandalo, come è effettivamente avvenuto, non sapendo che questa sostanza non è altro che nome chimico dell’acqua. Eppure alla conferenza Onu del 2010 a Cancun circolò una petizione con numerose firme per la messa al bando del monossido di diidrogeno. E anche la Taycan turbo fa parte di questo vacuo ecologismo catastrofista nelle parole, ma catastrofico per l’ambiente perché si limita ad aggiungere produzione e ad aumentare lo spreco di risorse. Sono sicuro che è la macchina ideale per Greta.

Annunci

La capitan fracassa

82e02713-5c00-4cf5-9970-cdfe30e72e03Non bastavano le eroine dei cartoni animati, nate a bizzeffe negli ultimi anni come testimoni della parità raggiunta nella fantasia e contraltare dell’impotenza delle persone, occorrono anche le Giovanne d’Arco in carne ed ossa per distrarre le masse. Non è nemmeno tramontata Greta gingillo elettorale esaltato dai megafoni del potere, ma messo da parte non appena ottenuto l’effetto, anzi cancellata dalla decisione europea di non farne nulla del piano Co2 zero per il 2050, che adesso si affaccia all’orizzonte un’altra virago di famiglia ultra benestante come la prima, che come hobby fa la negriera punto 2 trasportando sedicenti richiedenti asilo raccattati non si sa bene come e dove, ma decisa a forzare la decisione del governo italiano per appartenenza politica a quel globalismo idiota e all’umanesimo ipocrita nel quale militano colonialisti e guerrafondai della peggior specie, disposti ogni tanto ad accogliere qualcuno dopo aver scacciato e umiliato milioni.

Benché l’azione di questa eroina bianca, ricca e tedesca, come si definisce in maniera fin troppo scoperta, non sia diretta solo contro il governo italiano e in particolare Salvini, ma anche contro le stesse regole europee che pur tra le incredibili fumisterie di Dublino, impongono lo sbarco dei migranti nel porto più vicino, nel caso specifico Tunisi; benché abbia dimostrato un’umanità global robotica visto che come anche un bambino tonto capirebbe sarebbe bastato attraccare la nave tedesca battente bandiera olandese in un un porto dei due Paesi cui la nave è legata, oppure in Francia, oppure in Spagna, insomma dovunque ci si indigna per la chiusure di Lampedusa, una folta schiera di anime belle la mette sugli altari e si straccia le vesti per il destino dei 40 ostaggi ridotti da migranti a potenziali naufraghi politici che peraltro non vogliono affatto venire in  Italia, ma nella patria della  eroina banca, ricca e tedesca. Destino che peraltro non ha mai minimamente previsto alcun reale rischio visto che la Sea Watch è solida e piena zeppa di rifornimenti alimentari. Ma in questo modo si vuol fare passare  l’idea che un’organizzazione privata e finanziata da chissà chi può prevalere  sulla legge degli Stati, ossia sullo stato di diritto. Con conseguenze che sappiamo, anzi di cui abbiamo un esempio di giornata con  la pretesa della Mittal di essere al di sopra della legge per tenere aperta l’Ilva.

Chi è questa gente che o si presta a fare la parte dell’allocco o ci è? Probabilmente appartiene al Pd o a quella galassia esplosa della soi disant sinistra che non manca mai di deludere. Ma più che a queste appartenenze di confezionamento politicante, si tratta di persone che hanno un loro preciso manifesto di azione, anche se in grande maggioranza non se ne rendono conto. Lo ha redatto per loro  Michele Salvati esattamente due anni fa, nel giugno del 2017, dopo che la bruciante sconfitta al referendum richiedeva di raccogliere il gregge. Sul Corriere della sera scrisse esattamente questo programma di potere: la vita dei cittadini è grama e lo rimarrà molto a lungo, quindi la strategia delle forze di sistema è quella 1) di convincerli che le leggi dell’economia non consentono deroghe e che quindi occorrerà farle digerire alla gente; 2) che a questo scopo servirà un cambiamento di costituzione; 3) che siccome una singola forza politica non è più in grado di imporre questi obiettivi dettati dal pensiero unico bisogna lavorare alla costruzione di un grande contenitore che raccolga tutte le forze del cosiddetto anti populismo. Non voglio ritornare sull’ ingenuità. coglionaggine o ipocrisia della fede nelle cosiddette leggi economiche di cui nemmeno una ha avuto una dimostrazione convincente nel mondo reale, né sul significati di populismo, ma è del tutto evidente che per raggiungere lo scopo di mettere insieme piddini e berlusconiani, fascisti e antifascisti, in nome del sistema, dell’Europa e della dura legge del più forte, non c’è nulla di meglio che creare casi e clamori intorno a temi meno diretti che possono essere giocati nel modo più ambiguo possibile e tra questi ci sono certamente i disastri ambientali o l’umanesimo ambiguo e ideologicamente dozzinale di chi con le sue guerre, stragi e ruberie provoca i flussi migratori. Si comincia a portare l’immaginetta di Greta, si loda la capitana tedesca, tutte espressioni per nascita ed educazione delle classi dominanti, in maniera da dare ai più tentennati una buona ragione per confluire nella Santa Alleanza di Bruxelles, la quale naturalmente se ne fotte altamente sia dell’ambiente (salvo quando consente di far fare soldi) e dell’umanità, ma se ne serve per i suoi scopi, avvero castrare la protesta. Ovviamente questo non è valido solo per l’Italia, ma anche per tutti gli altri Paesi impigliati come tonni nel pensiero unico, ognuno a suo modo.

Naturalmente né Greta né la capitan Fracassa della Sea Watch sono dei veri protagonisti, ma solo specchietti per le allodole, vittime inconsapevoli di una cultura dello spettacolo e della narrazione, nonché della sua occasionalità e vacuità. Cerchiamo di  non essere anche noi vittime del grande nulla.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


I fumi della “libertà”

Yulin Coal Industry in ChinaE’ veramente pazzesco, anzi tutto da ridere, una gag della storia: se tutto il sistema mediatico europeo è in ginocchio da Greta i cui genitori l’hanno saggiamente ritirata dalla scuola dell’obbligo perché evitare in futuro la iattura di capire qualcosa di ciò che dice par coeur, le reali politiche ambientali vengono completamente contraddette. Basti pensare che per compiacere gli Stati Uniti e ridurre la dipendenza energetica dalla Russia, la Germania ha aumentato  del 34% le importazioni di carbone americano, la Gran Bretagna pure, ma in misura enormemente maggiore arrivando al 255% di aumento, così come l’Olanda che ha visto crescere le sue importazioni carbonifere dell’80% rispetto allo scorso anno, arrivano a quasi 8 milioni di tonnellate che evidentemente vengono poi smistate in altri Paesi. La ciliegina sulla torta è però quella della Svezia il paese di Greta, il cui consumo di coke made in Usa è aumentato più che in ogni altro posto, del 256%.

Insomma i Paesi europei, in questo pienamente appoggiati dalla Ue, per allinearsi al clima di ostilità nei confronti della Russia, secondo i voleri di Washington,  preferiscono i fumi del carbone della libertà a quelli assai più puliti del gas siberiano. Se il piano di imporre il gas liquefatto americano in Europa al posto di quello di Mosca era pressoché impossibile per la differenza di prezzo e per gli enormi investimenti necessari alla costruzione di degassificatori, quella del carbone sembra essere una strada parallela più praticabile e silenziosa. Certo aumenta l’inquinamento e la scia di inquinamento da carbone dalla Germania arriva sino a Parigi, ma basta non farlo sapere troppo in giro ed esporre il santino di Greta perché ci si liberi dal male. Già ha fatto miracoli, supportando una crescita anomala dei Verdi sia in Germania che in Francia e scongiurando il pericolo che il parlamento di Strasburgo avesse una maggioranza diversa da quella dello status quo. Tanto, anche se questi verdi si mettessero in testa di fare i verdi, nel parlamentino europeo possono solo mugugnare perché questa assemblea non ha alcun effettivo potere. Anzi ancor meglio perché si può dare l’impressione che di un europa verde e di cattive nazioni sporche. Niente di meglio per confondere le opinioni pubbliche. come per esempio è avvenuto in Gran Bretagna dove nel 2017 è stato festeggiato il “giorno senza carbone” , intere 24 ore nelle quali il mix di energia immessa in rete non comprendeva l’elettricità prodotta dalle centrali a coke. Chissà magari si voleva celebrare la definitiva chiusura delle residue miniere inglesi, ma poi si è preso ad importare carbone a più non posso dai cugini. Anche in Italia, dove la scarsità di questo combustibile fossile aveva favorito  piani e prospettive di decarbonizzazione, almeno sulla carta, il processo sembra essersi fermato e addirittura è in costruzione una nuova centrale  a Saline Ioniche. Inutile dire che che con il 13 per cento di energia prodotta, il carbone rappresenta il 40% delle emissioni di Co2.  

Basta insomma creare eventi e personaggi per mettere la realtà effettiva sotto un tappeto di chiacchiere: è bastato che Washington imponesse di tagliare i ponti con la Russia, per ragioni ed interessi del tutto estranei al nostro continente,  perché il consumo di carbone aumentasse a dismisura, salvando tra l’altro molte miniere Usa, fortemente contestate dalla popolazione americana. Proprio dei servi schiocchi. Ma d’altronde i meccanismi Ue messi in piedi  per limitare l’inquinamento ambientale fanno esclusivo riferimento al mercato e di fatto puniscono l’energia sporca facendo pagare l’inquinamento attraverso le quote Co2 o la carbon tax, ma tutto questo è assai poco efficace semplicemente perché i soldi spesi vengono poi addebitati su di noi ovvero sui consumatori di beni e di servizi, soprattutto di questi ultimi che non possono essere acquistati fuori. Così i un certo senso finiamo anche per pagare per l’inquinamento. In questo modo si spiega la resilienza dei combustibili fossili più inquinanti i cui impianti avendo già da molti decenni ammortizzato i costi di realizzazione, sono comunque più convenienti per gli azionisti, i gestori e i padroni, anche se si deve pagare qualcosina in più.

Sempre per evitare il gas russo le oligarchie europee hanno anche preso a favorire sottobanco il nucleare, ma  chissenefrega, tanto per essere custodi dell’ambiente basta ostentare Greta come se fosse una santa reliquia e tutti si sentono con la coscienza a posto e speranzosi di liberarsi di una peste che è tuttavia consustanziale al sistema che lo produce. Tutti a posto con la coscienza come lo erano i mafiosi che non si perdevano una messa.


Firenze presa a nardellate

2156507_nardella 

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Che schifo, hanno votato per Salvini. Che bravi, hanno eletto Nardella.

Chi fosse preoccupato che troppo pluralismo faccia male alla democrazia può stare tranquillo, chi si angustia per il ripresentarsi di quel bipolarismo che ostacola la governabilità, adesso  può rilassarsi.

La linea è tracciata, nel caso non si facesse il buco in Val di Susa, si farà (costo per completare i lavori,  800 milioni) quello sotto Santa Maria Novella (9 km) indispensabile per il celebrato nodo fiorentino dell’Alta Velocita con tanto di stazione con vista sulla Cupola del Brunelleschi, nel caso scriteriatamente i 5stelle volessero fermare che ne so il Mose, in compenso si va spediti verso il restyling dell’aeroporto del Giglio, e se  nel caso poi lo stadio della Roma/Qatar venisse dissennatamente bloccato, ci pensa il rinnovato  sindaco insieme allo scarparo della real casa a realizzare quello del capoluogo toscano.

Ma anche su altri fronti si intuisce che il nostro futuro prossimo è segnato da una incoraggiante unità di intenti e di principi ispiratori: sono una vecchia frequentatrice del Nardella Pensiero e ricordo bene che è stato il primo a applicare scrupolosamente  le misure di ordine pubblico urbano mirate a tutelare il decoro e la sicurezza offesi e minacciati  da molesti poveracci italiani e stranieri, da deleterie esposizioni di kebab, da pericolosi spacciatori di Louis Vuitton contraffatte e da temibili pulitori di parabrezza, arrestati dagli agenti, con il quale il sindaco ritenne opportuno complimentarsi sui sociale, in occasione della manifestazione della comunità senegalese insorta dopo l’assassinio di un compatriota per mano non di un razzista, per carità, ma di un non meglio precisato  “matto” postideologico.

Un po’ sovranista lo è anche lui, in fondo, che quando due sconsiderate  ventenni  Wasp  un po’ brille sono state oggetto di esuberanti familiarità da parte di  due fieri carabinieri ben dotati, si è rivoltato come un Craxi a Sigonella contro le lagnanze statunitensi ricordando ai guardiani del mondo che la sua città esige un comportamento responsabile e virtuoso da parte degli ospiti.

E pure un bel po’ populista se nell’applicare in tempo reale e con entusiasmo la disciplina di Minniti che ha posto le basi del decreto sicurezza di Salvini, ha rivendicato di averle eseguite tempestivamente per interpretare e rappresentare il sentimento diffuso nell’opinione pubblica  e lo “spirito maggioritario dei cittadini”.

È grazie a queste prestazioni che Dario Nardella, fotocopia non poi tanto sbiadita di Renzi, è stato eletto al primo turno con il 57% (un dato storico secondo la stampa fiancheggiatrice).

Il che la dice lunga sui manifestanti con Greta che poi votano il promoter più intraprendente e energico dell’ampliamento di una infrastruttura incompatibile con il Parco Agricolo della Piana, con le attività del Polo Scientifico di Sesto Fiorentino e della Scuola Marescialli, in un territorio già saturo di funzioni urbanistiche e di fonti inquinanti, bocciato dal Tar e per autorizzare il quale la Commissione di valutazione di Impatto Ambientale ha richiesto il rispetto di 142 prescrizioni, che non potranno essere controllate e valutate dei cittadini esclusi dal processo decisionale grazie alla  elusione delle norme sull’accesso alle informazioni. E la dice lunga sulle femministe che gli hanno dato la preferenza al primo colpo, sottintendendo che la violenza su ragazzotte imprudenti e alticcia comporta delle attenuanti. Come la dice lunga sui fan fiorentini di Lucano che mettono come foto del profilo il sindaco disubbidiente e votano quello sottomesso ai voleri degli impresari del sospetto e del rifiuto.

Ma soprattutto la dice lunga sui fiorentini che volontariamente hanno scelto in massa di finire come Venezia anche senza grandi navi (per quanto dobbiamo al rieletto il motto: Firenze è la città che navighiamo) che al resto ci pensa Nardella, che affitta a prezzo stracciato beni artistici e archeologici per gli apericena e le convention degli amichetti della Leopolda,  lui, che lascia crollare gli argini dell’Arno destinando i quattrini delle necessaria manutenzione a opere farlocche che rechino l’impronta della sua gestione medicea, lui, che si ribella alle contestazioni dell’Unesco che gli rimprovera la trasformazione della città in un luna park del Rinascimento, in un albergo diffuso, rivendicando di aver chiuso i disdicevoli trafficanti di kebab,  lui, che come in immobildream e lui in veste di commesso viaggiatore ha convertito gli uffici comunali in agenzia immobiliare,  redigendo un elenco di immobili di pregio con tanto di book fotografico da proporre al miglior offerente estero, lui,  che abolisce i fastidiosi standard urbanistici, quell’obolo che l’amministrazione pubblica chiede ai proprietari costruttori, in modo da favorire i generosi compratori, come è avvenuto in questi giorni con la ex Manifattura Tabacchi, un immobile dismesso nel 2001, concesso alla Cassa Depositi e Prestiti e al The Student Hotel, una società immobiliare olandese a caccia di immobili di prestigio da trasformare in lussuose strutture ricettive.

E sempre lui che si vanta di essere il sacerdote che officia la definitiva trasformazione della città in meta turistica, con oltre 7 milioni di visitatori che con la loro pressione contribuiscono alla cacciata dei residenti espulsi per far posto a alberghi e strutture ricettive, con l’infiltrazione di multinazionali immobiliari che estromettono insieme ai residenti, i servizi, le scuole, gli uffici comunali, le imprese artigiane, il commercio al dettaglio, sicché tutto possa diventare hotel, B&B, greppia, mangiatoia, prestigiosa sede di banca o  showroom di grandi forme uguale a Via Tornabuoni come a Rodeo Drive o a Sheikh Zayed Road.

Eppure si sapeva che gratta gratta, sotto Nardella trovi Renzi, sotto Renzi trovi Berlusconi, sotto Berlusconi trovi i padroni di sempre che non mollano l’osso.

 

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: