Annunci

Europa: in arrivo tempesta dalla “Giamaica”

angela-merkelNon è difficile riconoscere nello scricchiolio della politica tedesca rimasta al palo dopo le elezioni, anche quello dell’Europa neo liberista che per vent’anni si è appoggiata sul pilastro della Germania e sull’alleanza diffusa centro destra – centro sinistra come garante dello status quo mercatista: una volta indebolita questa struttura portante, sia dal punto di vista statuale che da quello politico, gli scollamenti e le crepe ormai visibili ovunque sono destinati ad allargarsi. Ne è un segno anche l’ interessata e volontaria cecità del mainstream che attribuisce il guaio vuoi ad errori di comunicazione, vuoi a falle del sistema elettorale fino a ieri osannato, secondo i dettami dello stile minimalista. Ma l’impossibilità di fare un governo che non sia una riedizione funambolica della grande coalizione ha la sua radice concreta proprio nel crescente euroscetticismo, quello rappresentato dall’Afd, certo, ma anche quello derivante dalla consapevolezza che i vantaggi dell’euro e dei trattati fatto firmare ai paesi deboli si vanno esaurendo lasciando il posto a possibili riequilibri alle aree devastate dalla moneta unica come temono i liberali. Con in mezzo gli orfani del welfare e dei buoni salari, i precari e i minigiobbisti, immensa massa di manovra di fatto senza partito e potenzialmente disponibile sul mercato del voto.

Paradossalmente, ma non del tutto inaspettatamente, le contraddizioni e l’euroscetticismo emergono con più forza proprio nel Paese che da questa cattività ai mercati, alla finanza e ai loro strumenti aveva tratto maggiori vantaggi. La vicenda dell’immigrazione, nonostante il fatto che i padroni del vapore le abbiano attribuito il ruolo di causa efficiente nei risultati del voto rimane marginale: gli stessi liberali per accettare un governo “giamaica” avevano stabilito un tetto massimo non superiore ai 200 mila ingressi all’anno che è comunque una bella cifra su cui non credo che la Merkel si sia intestardita. Al contrario i liberali chiedevano ciò che la cancelliera era molto in imbarazzo a concedere, ovvero una stretta di vite drammatica verso i Paesi con debito pubblico alto, senza più concessioni e flessibilità per negarsi a qualsiasi possibilità di una condivisione dei rischi. E’ evidente che qui si sono scontrate la visione di un’Europa carolingia a guida tedesca e con i Paesi del sud ridotti a colonie di lavoro a basso costo e basso contenuto cognitivo ma il cui peso aggregato avrebbe favorito la proiezione globale della Germania e una visione invece che considera pericolosa questa strategia, molto incerta negli esiti, dipendente comunque dalla geopolitica Usa e con tutta probabilità destinata  a fallire o a rovinare i cittadini tedeschi con esborsi stratosferici per compensare i debiti altrui .

Nulla di tutto questo rassomiglia a ciò che potrebbero essere definiti gli ideali fondativi dell’Europa ben presto dati in pasto prima alla guerra fredda e successivamente al neo liberismo, testimoniando così un fallimento sostanziale, ma rappresenta anche la crisi del modello elitario e oligarchico che era stato costruito abusivamente sulle ceneri delle speranze: in un modo o in altro l’unione continentale diventa matrigna persino dove aveva prodotto vantaggi a fronte di una catastrofico disequilibrio continentale. Il problema è che tali vantaggi sono andati soltanto alla razza padrona mentre i cittadini hanno subito la mattanza delle pensioni, la crescita esponenziale della precarietà, l’arretramento del welfare, la caduta salariale, l’arrivo in massa di “eserciti di riserva”. Per ogni miliardario in più centomila poveri in più: un sistema del quale si è fatta garante anche la socialdemocrazia, accettando qualsiasi compromesso e addirittura facendosi protagonista dell’erosione del welfare.  E’ fin troppo chiaro che se questo modello diventa instabile nelle sue strutture portanti vuol dire che stiamo entrando nelle fasi terminale di questa impropria unione continentale e persino della moneta unica che è stata lo strumento principe della lotta di classe alla rovescia: l’oligarchia di comando è finora stata in grado di tenere testa l’euroscetticismo nelle periferie via via impoverite e persino di sopportare l’uscita della Gran Bretagna che del resto non si era mai integrata davvero, ma è molto difficile che possa resistere nel momento in cui i suoi punti di ancoraggio entrano in fibrillazione.

Di certo per i Piigs, ma anche per la Francia una prospettiva “liberale”, rappresentata concretamente da Jens Weidmann, attuale presidente della Bundesbank e futuro governatore della Bce, deciso a stroncare qualsiasi aiuto diretto e indiretto ai Paesi meno virtuosi , significherebbe un suicidio, compreso ( ed è un elemento tutt’altro che secondario) quello delle classi dirigenti locali, finora prone in ragione dei propri interessi o delle proprie incapacità. Dunque la fase di incertezza nella quale è entrata la politica tedesca è destinata a entrare in risonanza con il resto del continente e già s’intuisce l’arrivo della tempesta.  Dalla Giamaica ovviamente.

Annunci

Ema, Milano perde sangue

cerusicoAnna Lombroso per il Simplicissimus

Squalificati nel calcio ( i nostri rappresentanti non hanno mancato di notare le coincidenze: è come  perdere ai mondiali con la monetina, hanno osservato) e pure nelle finali della riffa europea per la sede dell’Agenzia del farmaco, possiamo consolarci pensando che da nazione mite, come la definivano i pensatori risorgimentali, siamo diventati nazione vittima.

Non della fortuna cieca, perché come in tutti i giochi di azzardo e pure nell’assegnazione delle casette per i terremotati del Centro Italia, il ricorso al bussolotto è sospetto. Ma certo della cattiva reputazione presso il “pingue” Nord e i leoni delle cancellerie che fanno sempre la loro parte e che confermano di averci già respinto giù giù e non solo simbolicamente verso un terzo mondo che stiamo sperimentando anche al nostro interno.

Non stupisce d’altra parte, a vedere la compagine, pardon la “squadra” compatta e autorevole, che ha svolto la trattativa all’Europa Building; Alfano, Lorenzin, e in patria : Sala, Maroni, associazioni industriali.

Se per un momento volessimo far finta che all’Europa Building le scelte venissero compiute sulla base di valutazioni trasparenti, ispirate a finalità sociali e all’intento di premiare i virtuosi interessi di stati e  popoli, dovremmo attribuire lo scarso impegno internazionale a nostro sostegno, alla considerazione che Milano è una delle città più infiltrate dalle organizzazioni mafiose, ad onta della sua autoproclamazione a capitale morale, o che in Italia ogni grande evento (Emo scambio: la città paga anche così il flop Expo) , grande opera, grande business è variamente condizionato e esposto a malaffare e corruzione, o che il sindaco della città candidata è sotto osservazione della magistratura nella sua qualità di commissario disattento di un evento internazionale, o che il presidente della regione che sventola la bandiera dell’autonomia dall’unità nazionale e pure dall’Europa, ha visto finire nelle patrie galere il suo braccio destro padre, guarda un po’, della riforma sanitaria.

O che, non ultima riflessione, l’agenzia del farmaco sarebbe stata ospite del Paese che insieme alla Grecia vanta il miserabile primato di tagli all’assistenza, all’accesso alle cure e in più quella di immondi traffici centrali e locali che hanno sortito l’effetto di dirottare gli investimenti e le risorse trasmesse alle regioni su beneficiari privati in forma di cliniche, baroni, manutengoli, personale delle Asl, costruttori, aziende di sistemi e attrezzature, abituali frequentatori di appalti opachi e che, tanto per fare un esempio, le industrie, una in particolare  godette degli onori della cronache nere, non si limitano a stringere patti oscuri  con amministratori pubblici e enti ospedalieri, ma pure coi medici, censiti secondo le preferenze in apposite mailing list per l’erogazione personalizzata di strenne.

Il fatto è che le motivazioni che spingono a certe scelte non sono mai ispirate da ragioni morali e nemmeno di buonsenso, ma solo dalla potente pressione esercitata da soggetti forti e più credibili o influenti presso l’impero con le sue agenzie di rating, le sue organizzazioni finalizzate ad autoalimentarsi di compiti che legittimino incarichi, prebende, consulenze, remunerazioni, con le sue multinazionali di riferimento, tanto poliedriche da somministrare pesticidi e anticancro, veleni e antidoti.

E se è solo retorico dire che più che dell’agenzia del farmaco avremmo avuto bisogno di un’agenzia, o meglio, di un ministero della salute, potremmo aggiungere, proprio come il saggio: chi ti dice che sia una disgrazia.

Perché nella giornata del rimpianto non è peregrino dare un’occhiata ai compiti che avrebbe dovuto svolgere a Milano l’organismo scippato da Amsterdam: realizzare studi e rapporti per facilitare lo sviluppo di nuovi farmaci e l’accesso da parte dei cittadini. Provvedere alla valutazione sulle domande di autorizzazione per nuovi farmaci: in particolare, quelli derivanti dalle biotecnologie e quelli destinati alla cura di cancro, diabete e malattie rare, attraverso una procedura centralizzata concessioni basate   sul parere, vincolante, di un apposito comitato interno all’Ema. Effettuare periodici controlli sulla sicurezza dei farmaci esistenti. Provvedere a tenere informati ed aggiornati sui medicinali nuovi ed esistenti medici, operatori sanitari e pazienti.

Adesso veniteci a dire che abbiamo perso una formidabile occasione, che la nostra ricerca sarà orbata delle opportunità di sviluppare sperimentazioni e le successive casistiche. Insomma che qualcuno di noi, popolo di sani e malati, giù depredati del necessario sia in materia di prevenzione che di contrasto a malattie e naturali fenomeni di invecchiamento o innaturali patologie provocate   dall’inquinamento, dal cambiamento climatico,  dalle produzioni avvelenate, da un progressivo impoverimento che ha fatto delle cure un lusso,  avrebbe avuto un ritorno, un autentico beneficio, diretto o indiretto. Mentre invece si tratta dello stesso meccanismo che in nome del nostro interesse di risparmiatori ci obbliga a finanziare e salvare le banche criminali. Mentre tutta quella gamma di attività altro non è che un bacino di profitto e guadagno per industre – quelle solo italiane si contano ormai sulla punta delle dita, di lobby, di fondazioni e istituti di ricerca privati, di cricche legate e università che effettuano studi e indagini futili, propagandati nei quiz televisivi e con la stessa attendibilità delle rilevazioni e delle preferenze di voto.

È che a  fare i conti della serva sono stati gli inarrestabili produttori della fabbrica delle patacche che ha annunciato i numeri del fruttuoso movimento che comporta l’Ema: una dote di quasi 900 dipendenti, 36mila visitatori con il loro bagaglio di notti in hotel e pranzi al ristorante, un budget da 325 milioni di euro tra stipendi e spese, insieme a un ricco indotto da un miliardo e mezzo l’anno,  quantificato dalla fantasiosa Bocconi, vocata a dare forma a radiose previsioni ad uso di banche, privati, imprese e lobby e ben collocate sotto l’ombrello ambizioso della “capitale della sanità”.

Ma che a guardar bene altro non sono che la prospettiva di trasferire anche in questo contesto il modello imperante di un paese convertito in contenitore di vari parchi tematici, condannato a ondate turistiche altrettanto “tematiche”, in questo caso quelle dei funzionari, dei lobbisti, e con i residenti ridotti a inservienti, affittacamere, ciceroni.

“Ema avrebbe portato ampi benefici perché le riunioni giornaliere avrebbero garantito un flusso costante di visitatori internazionali di alto livello, è oggi il commento di fonte bocconiana. Milano può garantire mille camere al giorno nel giro di un chilometro dal Pirellone. Se ipotizziamo un costo medio di 150 euro a camera a notte, arriviamo a 150mila euro al giorno potenziali”.

E se non bastava l’indotto per locandieri, ci sarebbe stato anche quello immobiliare: “Le imprese farmaceutiche progressivamente avvicinerebbero i loro quartier generali a Ema” con una festosa proliferazione di sedi, uffici, sale convegno, ospitate in palazzoni in vetro, dove specchiare le trasandate miserie e le infermità sottostanti.

No, non lamentiamoci, può darsi che la fortuna stavolta ci abbia visto bene.

 

 

 


Twitter il censore

LO-Sent-Is This Tomorrow_thumb[1]Di una cosa dobbiamo prendere atto senza equivoci o tentennamenti: la realtà neo liberista è ormai così sideralmente lontana dall’ auto narrazione affidata ai media e alla loro persuasione, che la censura e la repressione delle tesi non ufficiali divengono una necessità per tutti i regimi a vocazione elitaria ancorché definiti democratici. Un censura e una repressione che ovviamente si dirigono verso gli unici spazi comunicativi ancora non totalmente conquistati, quelli della rete. sebbene siano  ormai sulla buona strada per essere silenziati dal denaro e dal gigantismo delle major.

Ovviamente  il modo di agire nell’ambito di democrazie sia pure sempre più finte, è trasversale, si traveste in abiti civili e  si compone di campagne contro il cosiddetto complottismo, contro il sedicente e non ben definito odio, di leggi atte a intimorire i singoli o le piccole realtà informative con la scusa della difesa dell’onorabilità, della dignità, dell’oblio e via dicendo. Ma tutto questo non è molto efficace quando le fonti di informazioni, come la russa RT,  sono ampiamente diffuse, non facilmente raggiungibili dai rigori della legge o dai sotterfugi dei servizi e causano non pochi guasti alla narrazione imperiale. Così abbiamo sentito levarsi a Bruxelles le voci della peggiore Europa decise a progettare autarchie comunicative, esclusioni dei media russi e adesso persino Twitter  che ogni giorno fa correre miliardi di stratosferiche cazzate ha annunciato di non voler più prendere inserzioni a pagamento dalle testate del gruppo Rt per, udite udite, “proteggere l’integrità dell’esperienza degli utenti”. Va bene essere un po’ ottusi, ( e vi garantisco per esperienza personale che è difficile trovare di peggio di questi autistici dell’informatica) ma dire papale papale che si vogliono proteggere i sudditi da voci dissonanti rispetto a quelle dell’impero Usa e dei suoi vassalli è davvero un po’ troppo. Da quando twitter è divenuto il garante della verità pubblica?

O forse lo è diventato il congresso Usa che non accetta più gli accrediti dei giornalisti di Sputnik (la testata più nota del gruppo RT) come se non fossero giornalisti, ma rappresentanti di un governo estero ( e qui si nasconde oltretutto una grande coda di paglia), lo è forse  Macron che ha fatto subito dopo la stessa cosa, da attento homme à tout faire dell’universo bancario e finanziario? No di certo, ma questo atteggiamento inqualificabile è coperto dalla solita balla, alla quale non crede più nessuno, secondo cui  RT “ha contribuito a influenzare la campagna elettorale come piattaforma per i messaggi del Cremlino al pubblico russo e internazionale” . Ed è proprio qui che cascano gli asini, proprio su questa ambigua pezza a colore messa sulla voglia di censura. Che altro scopo avrebbe l’informazione e la sua varietò se non quella di influenzare? Proprio per questo la libertà di espressione ha un senso. Ma con tutta evidenza non è l’idea di informazione che hanno i regimi neoliberisti che ormai temono l’indecoroso spiaggiamento di miti, narrazioni, pompose banalità, bugie, antropologie narcisistiche da export di fronte alla dura realtà concreta.

Ormai il mondo cosiddetto libero vive di questo e sa bene di essere impotente senza la proiezione dei suoi cartoni animati. Lo dimostra molto bene l’Ocse a cui è andato benissimo che gli Usa considerassero agenti stranieri i giornalisti dei media russi, ma adesso che Mosca ha replicato con la medesima misura, corre ai ripari dicendo che non si dovrebbe fare così, che è una pratica pericolosa: ci ha messo due mesi per fare questa pensata così straordinariamente acuta. Ma era necessario far balenare la possibilità di fare un passo indietro per il timore che questa oscena pratica, sguaiatamente inaugurata dagli Usa, si diffonda, specie in quelle aree dove la pressione comunicativa è vitale per gli interessi dell’impero: cosa ne sarebbe dell’occidente senza poter liberamente propalare le sue leggende dichiarate verità assolute, senza poter picchiare duro con le quelle strategie informative che vediamo dispiegarsi in Siria, in Medio Oriente, in Venezuela, nel Golfo Persico e nel Mar Giallo oltre che ovviamente nelle colonie acquisite e al proprio interno? In ogni caso è del tutto evidente che in pochi anni la famosa libertà di espressione finirà definitivamente al macero, assieme al welfare, ai diritti del lavoro, alla rappresentanza. E magari la colpa sarà attribuita a Putin.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: