Annunci

Alzare camicia bianca?

imagesXSJQBW4O2Il vascello dell’Europa, allestito negli anni di Maastricht e concepito da armatori banchieri, non ha mai avuto altro porto di arrivo che quello delle nebbie neoliberiste, ma adesso, dopo le tempeste delle crisi sistemiche, ha le vele strappate e galleggia impotente  mentre la ciurma è in continuo stato di agitazione contro capitani ingordi e inetti. Sembra passato un secolo da quando Delors e Prodi uscirono dal sicuro e potente porto della Cee per andare alla ricerca di un qualche eldorado suggerito dall’egemonia culturale, dopo la caduta del muro e adesso si è in panne in un mar dei sargassi senza uscita dove le ostilità reciproche che avrebbero dovuto essere annullate per sempre sono riesplose, dove chi comanda sono banchieri e commis di multinazionali, in cui la perdita di rappresentanza democratica effettiva è spaventosa e i massacri sociali si susseguono senza tregua.

Appare chiaro che non esiste più un progetto politico, che quello pensato e presentato come tale non era altro che un miraggio dietro il quale si nascondeva un corollario del capitalismo finanziario. Il tutto soffocato in una nebbia di buoni propositi che rimangono solo retorica. Non esiste più nemmeno la capacita, ancora presente negli anni ’80, di mettere insieme le forze e così mentre si fa tanto pio chiasso sull’ambiente, salvo inquinare e devastare il più possibile dentro e fuori dal continente si scopre che la Cina ha investito negli ultimi 12 mesi l’equivalente di quasi 22 miliardi di euro nella produzione di veicoli elettrici, mentre la Ue solo 3,2 semplicemente perché le multinazionali dell’auto nostrane hanno puntato nel progetto ad alto inquinamento del diesel e ora cercano in tutti modi di evitare il sostegno ad altre tecnologie più pulite. Per carità  solo un esempio, ma che la dice lunga sullo stato di un’ unione totalmente prigioniera del lobbismo più sfacciato e ottuso.

Che si sia vicini a un collasso lo dimostra anche l’assurdo atteggiamento tenuto  da Bruxelles con il governo italiano, dovuto semplicemente alla volontà di colpire un governo, buono o cattivo che sia, che non comprende le forze di comando di rito europeo, una sorta di vendetta contro gli elettori che solo una banda di ipovedenti  poteva mettere in piedi. Che questi siano stati gli umori che hanno portato alla bocciatura della finanziaria di Roma lo dimostra anche il fatto che a partire dal 1980′ solo quattro volte il rapporto deficit -pil è stato più basso del 2,4% previsto dal governo per il 2019. Anche nei due anni di Monti, factotum certificato di Bruxelles. è stato attorno al 3%. Dunque non c’era alcun motivo concreto di scendere in guerra se non l’odio assoluto verso qualche refolo keynesiano nel programma dell’esecutivo. Ma la bocciatura non è stata solo infingarda, è stata pure attuata in preda a un’ isterica idiozia perché è assolutamente chiaro che le forze che compongono il governo non possono innestare la retromarcia come se niente fosse: ad onta del fatto che il fascio bottegaismo salviniano ha poco a che vedere con i Cinque stelle e il confuso ritorno keynesiano alla base della loro proposta, che si tratti insomma di un governo a due facce: un cedimento sarebbe per entrambi una catastrofe politica. Sono insomma costretti a resistere perché solo così possono conservare e magari aumentare il loro elettorato. D’altro canto un loro crollo non si risolverebbe con un ritorno dei vecchi servitorelli padronali, ma con una fibrillazione generale del Paese dalle conseguenze imprevedibili, creando all’Europa più problemi di prima. Per di più questo passo avventato e stupido trasforma le prossime elezioni europee da contesa politica a referendum sull’Unione. La rinuncia da parte di Bruxelles a raggiungere un compromesso in queste condizioni è davvero un non senso, un segnale della qualità veramente pessima della governance e del resto lo stesso Prodi è costretto a sottolineare l’assurdo: ” è ora che i responsabili politici europei si rendano conto che, senza l’Italia, non vanno da nessuna parte”.

Tutto è talmente assurdo che non si può non immaginare uno scenario artificiale e ingannevole e che tutto questo faccia parte di un diabolico piano di Berlino per liberarsi di un’Italia che è diventata pericolosa per il progetto di egemonia continentale perseguito attraverso la Ue e i suoi trattati. Se infatti l’Italia fosse messa al muro sotto la minaccia dello spread senza dare il tempo, dopo tanto spargimento di terrore,  di spiegare alla gente che si tratta di un’arma giocattolo, o si dovrebbe chiedere in prestito a Tsipras la bandiera bianca che ha usato con tanta efficacia o la camicia altrettanto bianca che indossava assieme a Renzi e ai leader socialisti e che non si è mai più tolto, oppure sarebbe necessario adottare misure di emergenza per mettere in sicurezza l’economia, ovvero la creazione di una moneta o unità di conto parallela e la nazionalizzazione del sistema bancario. Detta così sembrerebbe una fiaba, ma leggendo la stampa tedesca ci si accorge che invece il tema è molto dibattuto e che qualche economista di nome e influente, come Sinn  ad esempio, ha anche suggerito delle linee di azione per farci uscire in maniera morbida dall’euro. In Germania si sta affermano l’ipotesi che è meglio ridurre l’area della propria influenza diretta piuttosto che rischiare di dover riequilibrare i conti e di trovarsi di fronte a una situazione sempre fluida e incerta, anche se è del tutto evidente che anche in questo caso manca una strategia di grande respiro e che tutto si riduce a egostistiche questioni di bilancio.

Per carità è solo un’ipotesi, ma visto che ci siamo e che l’alternativa è davvero troppo stupida per essere vera, tanto vale citarla, anche perché sembra in qualche modo sottesa alle dichiarazioni di Prodi. Tutto questo mi fa venire in mente Metternich che dopo aver considerato l’Italia una mera espressione geografica, dovette riconoscere che chi gli diede più filo da torcere nella sua vita non furono Napoleone o i papi o gli imperatori, ma un brigante italiano di nome Mazzini.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Alzare camicia bianca?

  • apoforeti

    L’ha ribloggato su terzapaginae ha commentato:
    Appare chiaro che non esiste più un progetto politico, che quello pensato e presentato come tale non era altro che un miraggio dietro il quale si nascondeva un corollario del capitalismo finanziario.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: