Annunci

Archivi tag: governo Conte

Asilo Mariuccia

2Il nuovo governo inizia nella vecchia tradizione democristiana con una certezza, sia pure indefinita e nascosta come il formaggio negli involtini, ovvero una revisione della spesa che vuol dire mandare al macero parecchio di ciò che si è fatto durante l’anno del vecchio governo. Ma anche con una promessa esplicita, anche se incerta e fumosa di dare una mano alle famiglie per gli asili nido secondo una lunga tradizione che va dai pourboire mussoliniani per riempire le culle a quelli berlusconiani e renziani, presi con un occhio al Vaticano e l’altro al portafoglio perché la mancia non sia troppo generosa . L’Italia profonda che è cresciuta e rimane all’asilo Mariuccia approva e applaude non sentendo minimamente puzza di bruciato. Eppure il discorso di Conte è palesemente pieno di vuoti e filigranato sui contorno dell’austerità di marca tedesca e di inquietanti allusioni. come quella ad esempio sul salario minimo, che in realtà non viene quantificato nemmeno per ipotesi, ma semmai verrà concordato categoria per categoria con i sindacati più rappresentativi, ovvero quelli che il governo sceglierà e questo in compensazione del voto che molti ex sindacalisti della resa ai padroni hanno dato al nuovo governo. E’ chiaro che si vuole allontanare persino l’ipotesi fatta negli anni scorsi di 9 euro lordi all’ora, una vera pacchia da brioche e cappuccino, (visto che poi, tolte tasse e contributi si riducono della metà).  Ma andando a leggere da vicino questa terza via rispetto a quanto si discuteva in passato siamo in un strano incrocio tra la presa per i fondelli degli italiani e il ritorno a vecchie suggestioni di vero e proprio corporativismo con i sindacati di stato.

Insomma la sostanza è quella di Monti, persino più accentuata mentre la carta in cui è stata avvolta mette in fascina miraggi che permettono di non far perdere del tutto la faccia all’armata Brancaleone dei pentastellati accomodati in poltrona. Ma bisogna proprio essere dei non vedenti per cascarci. Ci mancava la ciliegina sulla torta per confondere ancora di più le acque: visto che qualche imbecille all’ultimo stadio ha fatto dell’ ironia cialtrona e volgare sulla “presenza” fisica di alcune ministre, senza andare al fondo delle capacitò dimostrate in passato dalle medesime, cioè zero assoluto,  il tema diventa quella della difesa delle suddette e pretesto per dimenticare tutto il resto. Persino le sinistre sparse invece di badare alla  sostanza politica si lasciano trascinare da queste polpette avvelenate come mastini della dimensioni di un topo. La demonizzazione di Salvini ha funzionato egregiamente, così che adesso avendo un nuovo nemico da esorcizzare e un nuovo meno peggio da seguire, tutto si placa e si potrà finalmente saltare tutto ciò che riguarda la politica specifica dell’Italia e dei suoi interessi o bisogni per dedicarsi, in maniera del tutto vaga e approssimativa, ai grandi temi globali come l’ecologia e l’immigrazione e con vera solerzia ai diktat dell’europeismo che sono l’altra faccia del neo liberismo e delle disuguaglianza. E’ l’analogo dei piccoli comuni che in tempi passati invece di badare alle strade o alle fognature o ai problemi concreti del traffico si dedicavano a prendere posizione sulle grandi questioni internazionali: in effetti il paragone non si limita al folclore localistico, ma va alla radice. in quei piccoli comuni  (e non solo piccoli, ma anche grandissimi) nei quali  la sostanza dell’azione delle giunte era decisa dai comitati d’affari, esattamente come oggi il comitatone di Bruxelles determina gli indirizzi sia generali che specifici. Del resto basta pensare che prima della caduta del governo giallo verde si era ottenuto lo scopo di poter scorporare dal calcolo del deficit le spese per l’accoglienza dei migranti: cosa giustissima anche se favorisce il proliferare di ogni genere di affari opachi sulle spalle dei poveracci costretti a migrare, ma non si possono scorporare le spese per i terremoti, alluvioni, insomma tutti i disastri naturali di cui lo Stivale  è generoso e che provocano danni immensi.

Ma non importa, l’asilo Mariuccia è contento perché hanno promesso le caramelle se faremo i buoni: Battiam battiam le mani/ arriva il direttor/ battiam battiam le mani/ all’uomo di valor. Che vergogna. continuare a cantarlo nella maturità.

 

 

 

Annunci

Polpettoni e polpette avvelenate

polpette-avvelenate-bocconi-caniIn pochissimi giorni tutto è cambiato, è tornato indietro ai primi tempi di Renzi con grande spreco di parole ricamate sul nulla assoluto, opera in cui si distinguono i merlattai del disfatto quotidiano finalmente liberi da quell’odiosa necessità di essere critici. Adesso sì che è vita facendo gli aedi dello 0x0 che è il programma del nuovo governo. Oggi ho dovuto persino leggere la folgorante notizia che quella insulsa puttanata del new green deal ha già qualche idea concreta:un museo sulle bonifiche e sugli inquinamenti. Dio mio la cretinaggine, l’incompetenza e la subalternità di questi burattini che agiscono al di fuori di ogni contatto con i cittadini, anzi contro di essi fa venire i brividi: e bisogna ritornare indietro di 70 anni all’8 settembre del ’43 per vedere in azione una elite istituzionale e politica peggiore di questa. E forse nemmeno.

Tuttavia bisogna prendere coscienza che questo ribaltone estivo che non ha trovato nemmeno un tentativo di opposizione reale, salvo quella parolaia saltata fuori dopo il fatto compiuto,  è stato possibile solo grazie al baratro culturale in cui è sprofondato il Paese e determinato da molti fattori a cominciare dalla distruzione della scuola, lasciata priva di mezzi, ma anche preda dell’illusione oppiacea di una inclusività raggiunta esclusivamente per mancanza di selezione, il che ovviamente favorisce i ceti più abbienti, passando attraverso il rincretinimento operato dai media  che hanno abbassato la popolazione generale al loro livello e finendo con i social che hanno collegato la stupidità, l’ignoranza e la mancanza di spirito critico in un flusso plasmatico e continuo di idiozia da coiffeur. Proprio qualche giorno fa – faccio un esempio fra milioni – ho visto una sorta di documentario della Rai, quindi pagato con i soldi di tutti, che trattava della città fantasma (naturalmente citata solo come ghost town) di Piramiden, un complesso minerario dell’era sovietica creato nell’isola di Spitzbergen e poi abbandonato per diverse ragioni, non ultime le pressioni Usa sul governo norvegese: lo svagato narratore e presunto avventuriero da viaggio organizzato, un tipico esempio di cretino contemporaneo, palestrato e bituminato dai soliti banali tatuaggi, ma palesemente ignaro storia oltre che di informazioni specifiche come del resto gli autori del testo, si aggirava tra gli edifici citando a più non posso il fatto  che si trattava dell’unico insediamento sovietico in Europa, come se la -Russia non costituisse la metà della superficie europea. Per di più in ogni momento si stupiva del fatto che esistessero appartamentini privati, palestre e campi di gioco, un cinema teatro, persino delle terme, che ci fossero cucine a gas. Questo collettivo di imbecilli chissà cosa crede che sia stato l’Urss e il comunismo: il loro adeguarsi alla più triviale e idiote delle narrazioni neo liberiste di stampo maccartista, non può indignare, è solo tristemente patetico. E qui siamo nel campo delle trasmissioni culturali  dedicate a un ristretto e selezionato pubblico .

Sempre sulla Rai è possibile vedere un filmaccio immondo del 2010, Machete, che venne presentato a Venezia solamente perché il pretesto per mostrare qualsiasi tipo di violenza compreso la fuga dell’eroe da una finestra grazie agli intestini dell’ultimo nemico sventrato, era quello di una battaglia  contro coloroi che volevano la chiusura del confine messicano. Nelle more di questo immondo polpettone si propone tuttavia una strana tesi che quegli intellettuali dediti al lappamento compulsivo del potere e del suo relativo pensiero unico al punto da accogliere il filmaccio in una mostra del cinema che fu gloriosa, non hanno colto. I cattivi che vogliono la chiusura dei confini agiscono così perché se diminuisce il numero delle braccia a basso costo che entrano, ogni clandestino avrà più valore per coloro che gestiscono lo schiavismo  globalista. Così in realtà si afferma che le  correnti migratorie sia che siano favorite o contrastate, hanno l’unico scopo di fornire lavoro a basso costo. L’argomentazione serviva, nel film, a salvare l’unanimismo americano a cui Hollywood tiene molto, ma in realtà afferma  esattamente  l’argomento di chi è anti immigrazione. Però presi dalla retorica nemmeno se ne sono accorti.

In queste condizioni primitive come si può parlare seriamente di politica, come si possono organizzare dei partiti e una qualunque resistenza ai tradimenti e al fedele di Padre Pio che con le visibili stigmate del trasformismo e dei maneggi di corridoio è diventato premier per la seconda volta senza mai una volta essere eletto da nessuno? Basta che dica qualche cazzata a caso, il che corrisponde praticamente al suo normale eloquio e ci sarà qualcuno pronto a firmargli una cambiale politica. Senza una kulturkampf di lungo periodo saremo sempre vittime dei Conte e dei loro burattinai.


Minibot e botte da orbi

mini-bot-4Come ci si poteva ampiamente immaginare a Bruxelles è scattato l’allarme rosso minibot: l’approvazione di questo strumento, in sé quasi banale, da parte del Parlamento italiano è stato come un pugno sul naso per l’oligarchia eurista che in esso vede il declino in primo luogo del suo potere di ricatto. Il meccanismo è semplice ed è peraltro già stato proposto da anni in varie forme, soprattutto a sinistra:  lo Stato trasforma in titoli di credito gli enormi debiti che ha verso le aziende e queste ultime li utilizzano per pagare allo Stato tasse, contributi o quant’altro. Dunque non è affatto nuovo debito come si è affrettato a dire Draghi, né è di per sé una moneta parallela ma è solo un espediente, si spera efficace, per immettere liquidità nel circuito economico, liberando risorse. Come si vede si tratta di uno strumento puramente interno che non viola alcun trattato e che anzi nei trattati non è nemmeno preso in considerazione.

Tuttavia esso ha degli effetti assolutamente deleteri per il potere eurista: prima di tutto permette allo stato di emettere più titoli interni e meno titoli esterni trattabili sul cosiddetto mercato facendo diminuire così il ricatto dello spread che, val bene ricordarlo, ha valore sui titoli da immettere sul mercato e non su quelli già emessi ; in secondo luogo può permettere un aumento della spesa anche al di fuori dei diktat di Bruxelles che vengono espressi nella moneta ufficiale e infine  allontanano le mire, nemmeno tanto nascoste, anzi apertamente dichiarate dell’Eu, di gestire direttamente la fiscalità, per strappare allo stato ogni residua capacità di autonomia. Insomma i minibot non costituiscono una moneta alternativa, ma sortiscono molti degli effetti che potrebbe avere una moneta parallela. Basta ricordare che Varoufakis stava lavorando proprio in una direzione simile quando il governo di cui faceva parte fu strangolato dalla troika  che voleva evitare a tutti i costi che la Grecia ritrovasse un minimo di autonomia. Quindi non c’è affatto da stupirsi se a cominciare da Draghi per finire a molti analisti economici di sistema, si parla di minibot come una di una divisa parallela, per non parlare di tutta la cialtroneria di rete con rimborso spesa a piè di lista. Per certi versi è come se lo fosse  e alle brutte potrebbe davvero costituire il nucleo di un’uscita dall’euro se dovesse diventare uno strumento di pagamento universale al di fuori del mero meccanismo fiscale.

D’altronde in nessuna parte dei trattati europei viene evocato il divieto di titoli come quelli di cui stiamo parlando e le interpretazioni speciose che arrivano dalla Bce, dalla Banca d’Italia e dai loro sicofanti sono giuridicamente ambige perché il Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (art. 128) e il Regolamento EC/974/98 (art. 2, 10 e 11) stabiliscono che le banconote e le monete metalliche in euro sono le uniche con corso legale nell’unione monetaria, mentre i minibot che comunque sarebbero espressi in euro avrebbero un valore solo in Italia e in ambiti limitati, dunque non violerebbero alcuna regola esattamente come accade per le monete celebrative con valori in euro stravaganti che vengono stampate a milioni. Inoltre corso legale significa solo che un creditore è costretto ad accettare il pagamento in quella divisa, non che debba o possa essere pagato esclusivamente con quella moneta: se lo desidera o lo trova conveniente può essere pagato con qualsiasi divisa o con qualsiasi valore alternativo. Togliere questa libertà al creditore farebbe cadere tutto l’impianto dell’economia capitalista. A parte queste considerazioni  è nella prassi di parecchi Paesi dell’Unione, compreso quello che fa la parte del leone, allestire una moneta sostanzialmente parallela: non è forse in qualche modo indebita creazione di denaro interno il fatto che  gli stratosferici debiti dei Länder tedeschi, equivalenti alla metà del debito pubblico italiano, non entrino nel bilancio federale, ovvero quello di cui si tiene conto nell’Unione eue considerazioni su debito – pil, oppure che la Francia crei euro sottobanco approfittando della gestione del franco Cfa delle sue ex colonie africane o che anch’essa espunga dal bilancio voci regionali che ne dovrebbero far parte? Ma tutto questo avviene sottobanco senza alcuna esplicita contestazione della delirante politica austeritaria visto che essa è opera degli stessi secondini della dottrina ordoliberista ai quali interessa continuare l’opera di rapina senza però pagare alcun dazio. Proprio perché i minibot italiani sono un segnale di ribellione la parte eurista del Parlamento farà in modo di impedire la loro nascita  effettiva dopo averla votata, semplicemente perché non aveva compreso di cosa si trattava, visto tra l’altro che l’intelligenza non è cosa necessaria e men che meno gradita ai poteri continentali: del resto già Tria e Conte hanno fatto sapere di essere dalla stessa parte di Draghi, riuscendo fin da subito a fare in modo che i minibot non possano essere usati nemmeno come strumento di pressione per resistere alla letterina di Bruxelles che di fatto chiede un nuovo grande massacro sociale .

Senza che ce ne accorgessimo siamo arrivati di fronte a uno snodo fondamentale della politica e della vita del Paese che ha poco a che vedere con miserabili appartenenze di comodo e che certo non si può affrontare con un  governo duale nel quale fra l’altro il premier e ministro dell’economia sono i principali rappresentanti del fronte avverso. Altro che rimpastino o rimpastino, qui al minimo ci vuole un rimpastone, anche perché se Salvini e Di Maio accettano le letterine della Ue e il cappio che esse rappresentano sono politicamente finiti qualunque mossa anguillesca possano inventarsi.


Crisi Europa: non si salvi chi può

137529-sdTra le cose più imbarazzanti della resa senza condizioni del governo Conte a Bruxelles c’è il fatto che la bandiera bianca è stata sollevata in un momento in cui la Ue è in profondissima crisi e di certo non ha bisogno di altri scossoni, anche se ha ancora la forza di ringhiare: la rivolta francese contro la dottrina dell’austerità  non si arresta, mentre prosegue il disordinato divorzio della Gran Bretagna e la grande stilista dell’europa contemporanea, la signora Merkel, ha già annunciato il suo ritiro e con esso anche quello della classe politica che ha gestito l’unificazione tedesca e la trasformazione del marco in euro. Ma che si fosse messa in moto una faglia continentale lo si poteva avvertire già da qualche tempo e la prima forte scossa si è manifestata nel 2016 prima con il referendum sull’unione in Gran Bretagna e poi con l’elezione di Trump in Usa che hanno messo in crisi le elite anglosassoni che avevano disegnato l’Europa a loro immagine e somiglianza e in vista dei propri interessi.

Questa cosa non sembra ancora abbastanza chiara agli europeisti che non la vogliono vedere dal momento che tale prospettiva contraddirebbe tutto ciò che essi portano all’attivo, ma non di meno essa è reale: l’Europa è stata una costruzione americana e non certo un’ Unione per proteggersi dallo strapotere americano come generalmente è stata interpretata dalla socialdemocrazia occidentale. Sempre nel 2016,  è stato pubblicato “Il minotauro globale” di Yanis Varoufakis che di certo non può essere considerato un anti europeista e in esso si legge:“Agli studenti di integrazione europea viene insegnato che l’Unione europea ha iniziato la propria vita sotto forma di CECA (Comunità del carbone e dell’acciaio ndr.) Quello in cui hanno meno probabilità di imbattersi è il segreto ben custodito che sono stati gli Usa a blandire, spingere, minacciare e dolcemente convogliare gli europei a metterlo insieme … In effetti, è indiscutibile che senza la mano guida degli Stati Uniti la CECA non si sarebbe materializzata “. 

In realtà tutto questo è avvenuto in varie tappe a cominciare dal 1944 dove alla conferenza di Bretton Woods  il dollaro fu elevato al rango di valuta di riserva internazionale e vennero messe le basi per la creazione del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale. Proseguì nel 1947 quando l’amministrazione Truman fece approvare il  National Security Act che spostava l’economia degli Stati Uniti verso un peso preponderante dell’industria bellica e varava un vasto apparato di sicurezza e di intelligence.  Si arriva al 1948 quando uno dei mandarini del Dipartimento di Stato, George Kennan, l’uomo incaricato di mettere a punto le politiche di contenimento dell’Unione Sovietica, mise a nudo il senso della politica estera Usa: “Abbiamo circa il 50 per cento della ricchezza mondiale, ma solo il 6,3 per cento della sua popolazione … Il nostro vero compito nel prossimo periodo è di elaborare un modello o relazioni che ci consentano di mantenere questa posizione di disparità. Per fare ciò, dovremo fare a meno di tutto il sentimentalismo e i sogni ad occhi aperti … Dovremo fare i conti direttamente con la concezione della potenza “. Nel 1949, sulla base di queste considerazioni nasce la Nato e nel 1950 prende vita il piano Marshall pensato con l’obiettivo immediato di risollevare l’economia continentale fermando così l’influenza sovietica e quello a più vasto raggio di creare in Europa un mercato per le esportazioni statunitensi. E’ ben noto che un a fetta considerevole di aiuti economici del piano (12 miliardi in totale) furono utilizzati  per finanziare varie operazioni segrete sotto gli auspici della CIA, per penetrare e sovvertire quei governi e partiti politici che dimostravano interesse interesse verso le idee socialiste e comuniste. E da questo punto di vista non è che sia cambiato molto: nella ” The Untold History of the United States” i due autori, Peter Kuznick e Oliver Stone, rivelano che una di quelle operazioni segrete riguardava il sostegno di un esercito di guerriglieri in Ucraina, che era stato creato dalla Wehrmacht nella primavera del 1941 con l’aiuto di Stephan Bandera, Talvolta pare che poca acqua scorra sotto i ponti visto il nefasto ruolo di Washington e dei suoi alleati nel sostenere e favorire In Ucraina la rinascita dell’ultra nazionalismo in forma fascistoide  ai nostri giorni.

Ma i soldi del piano Marshall servirono anche a creare nel 1951 la Ceca, primo nucleo continentale e diretto antenato del Mec, della Cee e poi della Ue . E’ abbastanza naturale in questa prospettiva che l’Europa non si sia mai realmente posta come modello alternativo sia pure all’interno della sistema capitalistico, ma abbia finito per seguire le trasformazioni ideologiche del padre padrone, arrivando persino ad esasperare il neoliberismo dell’altra sponda dell’atlantico. Questo senza tuttavia farsi mancare una guerra sotterranea per l’egemonia a ricordo dei vecchi tempi . E’ abbastanza evidente che con la crisi delle elites che dagli anni ’70 in poi hanno portato alle forme di capitalismo finanziario e totalitario che conosciamo oggi, entrano in crisi anche quelle strutture e strategie che sono state piegate a quegli interessi, a quelle prospettive senza esprimere una loro vera soggettività. Dunque anche l’Europa Thatcher –  Merkel e dell’euro afflitta ormai da una crisi endemica aggravata dai diktat di Bruxelles. Tutto sta cambiando, il pendolo comincia un’altra oscillazione, dimostrata anche dall’annunciato ritiro delle truppe americane in Siria, paradossalmente osteggiato dai guerrafondai democratici, ma si alza lo stesso bandiera bianca. La Dc è stata per quarant’anni l’incarnazione dello spirito del piano Marshall e della dedizione atlantista, i socialisti ( si fa per dire) furono tentati dal miraggio in un autonomismo europeo, mentre precipitavano verso Berlusconi che in suo modo folcloristico ha dato finalmente aria agli spiriti neoliberisti. E non riusciamo a rialzarci.

 

 

 

 

 

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: