Annunci

Archivi tag: Germania

Questioni di Pil…u

Romagna al cinema con Albanese. U pilu traina l'economiaE’ davvero straordinaria la capacità del sistema post democratico e della politica spettacolo che le è propria, di trarre vantaggio proprio dalle falle strutturali delle teorie neoliberiste e dalle bugie sparse a piene mani per nasconderle. Ultimamente al bar Italia è tutto un accapigliarsi sulla diminuzione del Pil nel terzo e quarto trimestre di uno 0,3 per cento complessivo: l’opposizione dice che è colpa del governo dimenticando che sotto Monti il prodotto interno lordo diminuì dell’ 1 per cento, mentre l’esecutivo risponde che si tratta solo di un calo temporaneo della durata di sei mesi. Inutile dire che entrambe le tesi sono letteralmente prive di senso perché tutta l’Europa è colpita dal rallentamento dell’economia mondiale, tanto che la Germania che funge da maestra per questi alunni somari ha dati peggiori di quelli italiani che sono culminati con un – 4,5% di produzione industriale.

In realtà poiché il pil è una misura statistica dove oltretutto parecchie voci contengono stime puramente ipotetiche, le piccole variazioni sono facilmente giostrabili per ottenere un qualche effetto ad hoc e che in ogni caso nella flessione italiana ha giocato soprattutto il meno 20% delle residue produzioni Fiat in via di definitivo smantellamento, ma siccome in questo caso la tendenza riguarda tutta la Ue che nel 2018 ha fatto registrare un aumento molto inferiore a quello propagandato e vicino a un misero 1,7% , per di più dovuto praticamente tutto dovuto ai Paesi extra euro, non c’è alcun dubbio che la canea confindustriale la quale gode di soci che sono tra i più taccagni investitori del pianeta o le opposizioni di cappa e mazzetta che vorrebbero tenere in vita il Pil con le opere inutili o lo stesso governo che si mette su questo piano, sono proprio fuori di capoccia. Siamo di fronte a un evidente rallentamento dell’economia mondiale e continentale alla quale un Paese forzosamente devastato nella sua struttura produttiva dalla moneta unica fa fatica a reggere mentre l’impossibilità di investimenti significativi e rivolti alla domanda, impostaci dal leviatano europeo completa l’opera di distruzione. Questo non toglie che si sia costretti a sentire le sciocchezze di Draghi sul fatto che tutto ciò sarebbe dovuto ad un allentamento dell’austerità: qui delle due l’una o siamo di fronte a mentitori seriali che cantano la stessa canzone da 11 anni senza cambiarla di una virgola, oppure a cretini. La prima tesi è senz’altro vera, la seconda non è da escludere perché la natura delle menzogne ossessive risiede proprio nell’incomprensione delle cose.

Ma insomma visto che il pil cade e non solo da noi non si può certo dire che sia colpa dell’austerità imposta dalla Germania attraverso i trattati e ancor meno di può accusare il ciclo economico capitalistico, scacciandolo dall’altare delle adorazioni: così è più facile accusare governi non completamente allineati o forze politiche di opposizione che chiedono l’aumento della spesa pubblica e dunque pretendono di vivere al di sopra delle proprie possibilità e insomma tutte le fesserie di questo genere che ormai da mezzo secolo sono entrate nelle giaculatorie del rito neoliberista. Il fatto è che non ci si accorge di essere in mezzo a insuperabili contraddizioni, come quella di dover fare investimenti per sostenere il pil, ma non di non poterne fare a causa dei trattati europei, dei ricatti con cui vengono fatti rispettare e della debolezza di chi alla fine li accetta senza fare nulla per diminuirne la pericolosità.  Fino a che si accetterà questo Comma 22  non ci sarà verso di uscirne, non prima comunque di aver interamente dilapidato l’economia di un Paese per compiacere la barbarie dal volto europeo: allora si che potremo occuparci a tempo pieno di u pilu al posto del pil.

Annunci

Ttip con crauti

9742-10516Il Ttip non era morto come avevamo sperato e creduto, ma si era solo assentato e ora ritorna in una versione apparentemente ridotta, ma se possibile ancora peggiore perché sarà un trattato “tedesco” che ai guai precedenti aggiungerà anche quello di coronare l’egemonia di Berlino in Europa. Le oligarchie atlantiche, dopo le proteste e i milioni di firme, hanno compreso che forse era eccessivo far digerire un trattato che sotto le spoglie di un accordo commerciale nascondeva la cessione di potere legislativo e dunque di sovranità alle multinazionali, così ora ci riprova senza passare dalla porta principale, ma attraverso la finestra aperta da Trump con le sue guerre commerciali. Secondo quanto riportato dal Financial Time tutto nasce dalla necessità per l’inquilino della Casa Bianca di recuperare l’appoggio,  degli agricoltori, perso nelle elezioni di medio termine e dunque del tentativo di aumentare forzosamente l’export verso l’Europa. C’è un problema però visto che  la filiera agroalimentare statunitense presenta modalità, passaggi e pratiche non  ancora consentiti in Europa e per sbaragliare ogni resistenza residua Washington ha calato la spada di Brenno con la commissaria Ue al commercio Cecilia Malmstrom: se queste le barriere rimaste a tutela dei cittadini e della salute non cadranno, gli Usa potrebbero aumentare del 25% i dazi sulle importazioni di automobili e di materiali legati all’auto.

Ovviamente il Paese di gran lunga più interessato alla questione è la Germania visto che il gruppo Fiat non esiste più, la Francia esporta poco o nulla ed è investita dal problema solo per ciò che riguarda la consociata della Renault Nissan che tuttavia produce già in Usa e comunque fuori dalla Ue, la Gran Bretagna non ha più una vera e propria industria nazionale dell’auto visto che essa è ormai divisa fra tedeschi, indiani e americani e così dicasi per il resto del continente. Non stupirà dunque sapere che la Germania, spalleggiata da Austria, Olanda e Paesi dell’Est, sempre fedeli soldatini, anzi quasi burattini di Washington, sta facendo forti pressioni perché cada ogni barriera verso i prodotti dell’agricoltura e degli allevamenti ormonali made in Usa. A questo si deve aggiungere che la Bayer ha acquisito la Monsanto inventrice e maggior produttrice del glifosato oltre che di numerosi ogm e di certo una calata di braghe europea non farebbe che favorirla ulteriormente. Ma non basta perché nella trattativa generale entrano a quanto sembra anche gli interessi delle major dell’informatica e dell’intrattenimento statunitensi a cominciare da Facebook per finire a Netflix o a Amazon o Google che non soltanto chiedono esenzioni fiscali, ma la possibilità di far cadere le restrizioni in merito alla raccolta e alla vendita dei dati personali.

Insomma in un colpo solo il Ttip sarebbe di nuovo in piedi, più forte e più superbo che pria  imponendo fin da subito una modifica della legislazione agro alimentare, delle regole fiscali e di quelle sulla riservatezza personale, mentre saremmo sommersi di american shit prodotti dalle major: di certo un bell’affare per noi che ormai in Usa non esportiamo più nemmeno mezza vite o al massimo qualche auto di super lusso come Ferrari e Maserati (le Lamborghini sono comunque già tedesche) sulle quali l’aumento dei dazi influirebbe in maniera assolutamente marginale. Questo scherzetto presentato da Bruxelles come un dolcetto: servirebbe solo ad ottenere  l’ambito premio di  danneggiare forse in maniera definitiva agricoltura e allevamento già messi in pericolo dal Ceta con il Canada checché ne dicano mestatori nel torbido dell’alimentare come Farinetti e compagnia cantante o parlante. E questo solo per fare un favore alla Germania la cui egemonia sul continente crescerebbe ancora di più: francamente anche essere servi di due padroni ha dei limiti.


Per Natale voglio una moneta da 12 euro

1667807_euro4Visto che proprio è impossibile sfuggire quel sinistro Babbo Natale che abbiamo eletto quale demone maggiore del consumo, (vedi Trilogia di Babbo Natale /1 Le origini, ) tanto vale chiedere un dono. Io chiedo la moneta da 12 euro o biglietti da 60 e persino 120.  Sto dando i numeri? Niente affatto si potrebbe fare benissimo, anzi i tedeschi  lo hanno già fatto coniando una moneta da 5 euro che ha corso legale solo in Germania e non nel resto dell’euro zona. I trattati non lo impediscono perché nulla è scritto circa la possibilità di creare moneta che non ha corso legale nell’eurozona, tuttavia all’interno di un Paese che li emette esse possono essere scambiate tranquillamente con monete e banconote autorizzate dalla Bce a pari valore,  con l’effetto di creare nuovo denaro per gli investimenti. Inconsapevolmente o meno i trattati di Maastricht e di Lisbona prevedono una vita di fuga nascosta tra i cespugli e di fatto Berlino la sta già mettendo a punto a scanso di equivoci. Ma anche Parigi lo fa seppure in maniera diversa, stampando euro francese per sei terre d’oltremare mentre per per 14 Paesi africani ex colonie produce il franco Cfa (Comunità finanziaria africana) garantendone un certo rapporto con l’euro in cambio di garanzie che valgono circa un miliardo l’anno, il che in pratica significa battere moneta per proprio conto. Nemmeno i virtuosissimi Paesi Bassi sono alieni da questo tipo di pratiche visto che la banca centrale nazionale controlla e produce la divisa usata nelle Antille Olandesi e agganciata al dollaro.

Possibile che dobbiamo proprio essere gli unici che non fanno nulla se non lamentarsi e sventolare bandiera bianca? Oppure è quel capitalismo di relazione e di corruzione che avvolge dentro le sue spire tutto lo Stivale, che lo impedisce perché contrario alle prospettive di un un mercato del lavoro senza diritti e a livelli di fame e alle merende? O è l’istinto di mettere la testa sotto la sabbia e perdere tutto pur di tentare di non perdere nulla? Qualunque proposta come quella della moneta fiscale diventa solo discussione da bar e nemmeno si mettono in piedi i trucchetti usati dagli altri che formalmente non vanno a intaccare i trattati. Anzi ci sono anche degli ottusi a tutta prova i quali sostengono che le monete da 5 euro emesse in Germania sono destinate soltanto al collezionismo, ma visto che in meno di sei mesi ne sono state coniate 2 milioni e 250 mila la cosa prende un aspetto diverso dai conii similari che anche l’Italia ha fatto in diverse occasioni e con valori anche di 50 euro che tuttavia nell’insieme ammontano a poche decine di migliaia di esemplari e sono davvero destinate esclusivamente al mercato numismatico. Il fatto fondamentale è che i cinque euro tedeschi hanno valore legale in Germania, ci si può fare la spesa e comprare le sigarette se si vuole, costituiscono chiaramente una prova d’orchestra: all’occorrenza in pochi giorni si potrebbero emettere centinaia di milioni di queste come di altre monete e biglietti di banca con valori sfalsati rispetto all’euro, ma validi all’interno del Paese e con valore di scambio alla pari con la moneta ufficiale della Bce. nulla potrebbe impedirlo.  Insomma volendo si può fare e anzi potrebbe essere una delle tattiche di uscita morbida dalla moneta unica che al limite rimarrebbe solo di riferimento bancario il cui valore potrebbe essere la media dei vari euro.

D’altro canto di questa natura partecipano anche divise più immateriali come le criptovalute  che hanno già una loro esistenza o vari tipi di monete fiduciarie senza corso legale, ma che potrebbero essere usate per pagare le tasse, oppure monete di prestito e via dicendo. Il fatto è che solo attraverso le monetine titolate in un euro, ma valide solo all’interno del territorio italiano, potremmo immettere risorse fino al 3% del pil che già permetterebbe di ridare lavoro a centinaia di migliaia di persone. Certo il coraggio se non lo si ha non ce lo si può dare, ma andando avanti così alla fine bisognerà ricorrere a quello più assurdo, al coraggio della disperazione.


Contrordine in giallo nero

Francia, proteste a ParigiDa un decennio più o meno dall’inizio della crisi endemica,  una serie infinita di personaggi portatori di Icc, ovvero ignoranza caprina contemporanea e di Mpi, malafede patologica idiopatica, compresi tra questi il governatore di Bankitalia, hanno fatto circolare la tesi che la causa del nazismo in Germania fosse  stata la superinflazione. Erano i tempi in cui tra spread e zanzare bisognava convincere la gente che l’austerità imposta da Bruxelles era cosa buona e giusta per evitare l’inflazione senza controllo e dunque l’insorgere del fascismo. Una tesi quanto meno grottesca e utile alle sinistre di etichetta che già erano passate dall’altra parte, ma che permetteva di evocare lo spettro del fascismo tutto ciò che si opponeva al massacro sociale e al declino della della democrazia sostanziale.

Naturalmente e come quasi sempre ormai, si trattava di una balla colossale o di un errore autoindotto dall’ideologia: la super inflazione in Germania si produsse dopo il primo conflitto mondiale a causa dei danni di guerra e della devastazione territoriale ed ebbe come risultato la fondazione della Repubblica di Weimar e Hitler in galera. Al contrario fu la crisi economica partita dal crollo di Wall Street a determinare, dieci anni dopo, l’avvento del nazismo: essa infatti fu affrontata dai socialdemocratici con gli stessi criteri dell’austerità di europea di oggi, affidando la cancelleria all’economista Heinrich Brüning (quasi una fotocopia di Monti) che secondo scienza e incoscienza pensò di risolvere la situazione attraverso provvedimenti deflattivi, ovvero tagli drastici alla spesa pubblica in modo da avere le risorse per salvare le banche , riduzione dei salari, sostanziale soppressione dei sussidi di disoccupazione, ma aumento dei sussidi e degli aiuti alle imprese che di fatto se ne facevano poco nel momento in cui si restringeva in maniera drammatica la domanda . In un Paese umiliato per la sconfitta e tradito dalla sinistra sociale i ceti popolari si raccolsero attorno a Hitler, visto che i loro referenti naturali erano i principali responsabili della situazione e si erano allineati al capitalismo americano.

Ora per quale ragione mi occupo di questo? Perché la stravagante tesi che fosse stata l’inflazione a favorire la vittoria del nazismo, propalata per motivi politici, viene finalmente smentita proprio da quelle fonti che l’accreditavano o che comunque tacevano su certe ricostruzioni storiche acchiappacitrulli: proprio in questi giorni l’economista nobelato Robert Kuttner ha finalmente infranto questo muro di sciocchezze affermando che “non è stata l’iperinflazione tedesca a portare Hitler al potere. E’ stato Brüning con la deflazione”. E vabbè chi se ne frega, se per una volta qualcuno corregge il tiro? E sarebbe così se l’articolo in cui lo dice non fosse stato pubblicato quasi in contemporanea su Economist, New York times, Gardian, Indipendent e un ‘altra ridda di pubblicazioni tra le quali molte francesi. Troppo per non sospettare che sia una una messa a punto strategica dopo l’inaspettata jacquerie dei gilet gialli, quasi un suggerimento che le politiche di austerità volute da Berlino e attuate dalla Ue, possono avere esiti imprevisti. Si suggerisce insomma all’ubriacone di Bruxelles, al suo factotum che è uomo della Merkel e ai cazzi buffi di varia origine che lo circondano, Moscovici compreso, di non essere troppo fiscali o vendicativi e anzi di abbandonare la prospettiva austeritaria.

Kuttner, insieme a migliaia, direi milioni di altri ipocriti, fa finta di non sapere che tale prospettiva è consustanziale alle regole dell’euro e dunque non può essere cambiata se non attraverso un totale ripensamento dell’Europa neoliberista: qualcosa di impossibile  allo stato attuale delle cose e di impensabile senza prima una dissoluzione anche solo parziale.  Ma l’economista nobelato non è che si faccia troppi scrupoli per il fascismo nelle sue forme palesi, perché in ultima analisi il fascismo non è altro che una reazione illusoria alla subordinazione e deformazione dei bisogni al mercato, ovvero ai padroni che lo fanno, come pensavano tra gli altri Poliany e la Arendt. E anzi in qualche caso può venire utile per opporsi alle forze sociali quando queste rischiano di vincere e come strumento distrattivo di massa dalla disuguaglinaza, Ciò che importa veramente a Kuttner, il nucleo del messaggio lanciato a media unificati, è che le politiche austeritarie finiscono “per colpire tutte le classi”, comprese quelle il cui appoggio è necessario al disegno del capitalismo totale. La rivolta dei gilet gialli in Francia, così come la ribellione elettorale in Italia  ne sono una dimostrazione. Quindi attenti a non esagerare.

Un appello che non sarà raccolto perché è del tutto impossibile farlo sotto il martello degli interessi economico finanziari che hanno creato lo status quo che viviamo e sopra l’incudine della tentazioni egemoniche che hanno lucrato proprio su questo. E troppa gente mette la testa sotto la sabbia delle esecrazioni per evitare di capire. La nave rischia di incagliarsi e di naufragare anche se per caso in sala comando si invertissero i motori e si tentasse di virare.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: