Annunci

Archivi tag: Italia

Europa senza respiro

misereNon saprei se l’Europa che ci minaccia di procedura d’inflazione per qualche decimale in più di spesa, precisamente lo 0,7 sia più patetica, più assurdamente maligna o più fuori del mondo: ignara del fatto che ci troviamo in una condizione di straordinaria tensione mondiale dopo il golfo del Tonchino 2 messo in piedi da Washington, attraversata da incessanti guerre di lobby, da lotte al coltello per le poltrone e da uno scontro durissimo tra Francia e Germania, non si accorge di imbarcare acqua da tutte le parti e di stare affondando cercando un ossigeno che non c’è più. Di fatto l’eurogruppo delle sanzioni  dei giorni scorsi è stato un fallimento come ha detto Wolfgang Munchau, forse il più noto e autorevole editoralista di FT: “L’eurogruppo non manca mai di deludere. Il bilancio della zona euro ora è essenzialmente morto. E non ci sono progressi nemmeno sull’unione bancaria”. La situazione è tale che persino la Spagna di solito ubbidiente nella sua qualità di semicolonia industriale e turistica tedesca, rialza la testa e per bocca della ministra delle finanze di Madrid, Nadia Calvino, dice che se non ci sarà un bilancio di stabilità e anti ciclico, allora dirà no.

Insomma uno spettacolo veramente desolante che da una parte vede all’opera senza alcuna mascheratura i massacratori sociali a mezzo euro e non nasconde più di tanto il fatto che i conflitti nazionali vengano coperti con un falso europeismo. Ad assistere allo spettacolo anche Christine Lagarde, direttore dell’Fmi, un altro strumento che sta perdendo via via di senso dopo aver imperversato per decenni e sempre dalla parte del torto: ora risente dello sfilacciarsi quel mondo occidentale a guida Usa che era alla base del sua creazione. E non c’è solo questo, ma anche una progressiva perdita di capacità di intervento : ancora nel 2000, ultimo anno del XX° secolo le le economie avanzate che di fatto gestiscono il fondo,  avevano generato il 57% della produzione globale, misurata a parità di potere d’acquisto, mentre oggi siamo al di sotto del 40%: entro il 2024 la quota cinese arriverà al 21% , contro il 14% degli Stati Uniti e il 15% dell’Unione europea. In più occorre tenere conto che i Pil occidentali hanno la voce di gran lunga più ampia nei servizi, molti dei quali hanno significato solo in sede locale: se si tenesse conto solo delle attività agricole e manifatturiere che hanno un effettivo valore reale planetario, le percentuali sarebbero molto più sbilanciate. E questo in un contesto nel quale crescono sia la fragilità finanziaria che la stagnazione commerciale, nonché la perdita di supremazia tecnologica non si fa fatica a comprendere come lo stesso Fmi, almeno come è strutturato oggi, sia  diventato un pesce fuor d’acqua, privo delle condizioni nelle quali è nato e costretto a vedere svanire man mano le sue capacità di imperio in un mondo multipolare che è in fuga dal dollaro imperiale.

Dunque anche qui come nei meccanismi della governance europea, ci troviamo di fronte a un mondo ormai confuso e in epocale trasformazione nel quale i personaggi si muovono come Don Ferrante al tempo della peste pensando ad influssi astrali che perturbano ciò che di per sé è vero e immutabile. Così, nonostante il loro spirito vendicativo e la spinta reazionaria ed elitaria nella quale sono immersi, appaiono frastornati e incapaci di riconoscere la strategia migliore. Naturalmente i maggiori responsabili della situazione, la Germania e i suoi satelliti, attribuiscono tutto questo al recalcitrare di Roma e di altri straccioni di fronte a schemi finanziari che del resto altri Paesi come la Francia sforano tranquillamente. Una leggenda di comodo che va incontro a radicati e facili pregiudizi, ma che offre anche la possibilità di sfilarsi dall’unione se le cose dovessero implicare una sorta di riequilibrio del sistema europeo. A ben vedere tutti sono con un piede dentro e un’altro pronto ad essere messo fuori perché le condizioni e le situazioni nelle quali e per le quali è stata costruita l’Europa ordoliberista non esistono più. La Germania ha cercato l’egemonia in maniera così maldestra che ora rischia di perdere il suo piccolo impero e di essere oltretutto trascinata in una situazione di semiconflitto con gli Usa a causa della Russia, la Francia grazie ad Hollande, ma anche al suo innato sciovinismo, ha rifiutato la guida dell’Europa mediterranea considerandola una posizione di serie b senza peraltro riuscire a tenere il passo con la Germania ed oggi è completamente isolata, fa la parte dell’amica brutta invitata solo perché quella c’è quella bella, la Gran Bretagna ha ribadito poche settimane fa la ferma volontà di andarsene, il Belgio è di fatto scomparso, la Grecia è stata massacrata in maniera indegna e il resto del corpaccione non è che ex Paesi dell’Est che hanno tutto da guadagnare dalle delocalizzazioni grazie al fatto di avere monete proprie e gestibili, ma la cui aspirazione europea è puramente strumentale e occasionale.

Insomma l’Ue è così immersa nel proprio tramonto che si comporta in maniera del tutto irrazionale, pensando di uscirne fuori inasprendo i propri diktat: se fosse ancora vitale lo zero virgola non sarebbe di certo un problema, lo diventa quando si ha così poco fiato e così poco spirito che anche un soffio può turbarla.

Annunci

Minibot e botte da orbi

mini-bot-4Come ci si poteva ampiamente immaginare a Bruxelles è scattato l’allarme rosso minibot: l’approvazione di questo strumento, in sé quasi banale, da parte del Parlamento italiano è stato come un pugno sul naso per l’oligarchia eurista che in esso vede il declino in primo luogo del suo potere di ricatto. Il meccanismo è semplice ed è peraltro già stato proposto da anni in varie forme, soprattutto a sinistra:  lo Stato trasforma in titoli di credito gli enormi debiti che ha verso le aziende e queste ultime li utilizzano per pagare allo Stato tasse, contributi o quant’altro. Dunque non è affatto nuovo debito come si è affrettato a dire Draghi, né è di per sé una moneta parallela ma è solo un espediente, si spera efficace, per immettere liquidità nel circuito economico, liberando risorse. Come si vede si tratta di uno strumento puramente interno che non viola alcun trattato e che anzi nei trattati non è nemmeno preso in considerazione.

Tuttavia esso ha degli effetti assolutamente deleteri per il potere eurista: prima di tutto permette allo stato di emettere più titoli interni e meno titoli esterni trattabili sul cosiddetto mercato facendo diminuire così il ricatto dello spread che, val bene ricordarlo, ha valore sui titoli da immettere sul mercato e non su quelli già emessi ; in secondo luogo può permettere un aumento della spesa anche al di fuori dei diktat di Bruxelles che vengono espressi nella moneta ufficiale e infine  allontanano le mire, nemmeno tanto nascoste, anzi apertamente dichiarate dell’Eu, di gestire direttamente la fiscalità, per strappare allo stato ogni residua capacità di autonomia. Insomma i minibot non costituiscono una moneta alternativa, ma sortiscono molti degli effetti che potrebbe avere una moneta parallela. Basta ricordare che Varoufakis stava lavorando proprio in una direzione simile quando il governo di cui faceva parte fu strangolato dalla troika  che voleva evitare a tutti i costi che la Grecia ritrovasse un minimo di autonomia. Quindi non c’è affatto da stupirsi se a cominciare da Draghi per finire a molti analisti economici di sistema, si parla di minibot come una di una divisa parallela, per non parlare di tutta la cialtroneria di rete con rimborso spesa a piè di lista. Per certi versi è come se lo fosse  e alle brutte potrebbe davvero costituire il nucleo di un’uscita dall’euro se dovesse diventare uno strumento di pagamento universale al di fuori del mero meccanismo fiscale.

D’altronde in nessuna parte dei trattati europei viene evocato il divieto di titoli come quelli di cui stiamo parlando e le interpretazioni speciose che arrivano dalla Bce, dalla Banca d’Italia e dai loro sicofanti sono giuridicamente ambige perché il Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (art. 128) e il Regolamento EC/974/98 (art. 2, 10 e 11) stabiliscono che le banconote e le monete metalliche in euro sono le uniche con corso legale nell’unione monetaria, mentre i minibot che comunque sarebbero espressi in euro avrebbero un valore solo in Italia e in ambiti limitati, dunque non violerebbero alcuna regola esattamente come accade per le monete celebrative con valori in euro stravaganti che vengono stampate a milioni. Inoltre corso legale significa solo che un creditore è costretto ad accettare il pagamento in quella divisa, non che debba o possa essere pagato esclusivamente con quella moneta: se lo desidera o lo trova conveniente può essere pagato con qualsiasi divisa o con qualsiasi valore alternativo. Togliere questa libertà al creditore farebbe cadere tutto l’impianto dell’economia capitalista. A parte queste considerazioni  è nella prassi di parecchi Paesi dell’Unione, compreso quello che fa la parte del leone, allestire una moneta sostanzialmente parallela: non è forse in qualche modo indebita creazione di denaro interno il fatto che  gli stratosferici debiti dei Länder tedeschi, equivalenti alla metà del debito pubblico italiano, non entrino nel bilancio federale, ovvero quello di cui si tiene conto nell’Unione eue considerazioni su debito – pil, oppure che la Francia crei euro sottobanco approfittando della gestione del franco Cfa delle sue ex colonie africane o che anch’essa espunga dal bilancio voci regionali che ne dovrebbero far parte? Ma tutto questo avviene sottobanco senza alcuna esplicita contestazione della delirante politica austeritaria visto che essa è opera degli stessi secondini della dottrina ordoliberista ai quali interessa continuare l’opera di rapina senza però pagare alcun dazio. Proprio perché i minibot italiani sono un segnale di ribellione la parte eurista del Parlamento farà in modo di impedire la loro nascita  effettiva dopo averla votata, semplicemente perché non aveva compreso di cosa si trattava, visto tra l’altro che l’intelligenza non è cosa necessaria e men che meno gradita ai poteri continentali: del resto già Tria e Conte hanno fatto sapere di essere dalla stessa parte di Draghi, riuscendo fin da subito a fare in modo che i minibot non possano essere usati nemmeno come strumento di pressione per resistere alla letterina di Bruxelles che di fatto chiede un nuovo grande massacro sociale .

Senza che ce ne accorgessimo siamo arrivati di fronte a uno snodo fondamentale della politica e della vita del Paese che ha poco a che vedere con miserabili appartenenze di comodo e che certo non si può affrontare con un  governo duale nel quale fra l’altro il premier e ministro dell’economia sono i principali rappresentanti del fronte avverso. Altro che rimpastino o rimpastino, qui al minimo ci vuole un rimpastone, anche perché se Salvini e Di Maio accettano le letterine della Ue e il cappio che esse rappresentano sono politicamente finiti qualunque mossa anguillesca possano inventarsi.


Furbetti di default

usuraiFino a qualche anno fa la parola default non esisteva nella lingua corrente ed è stata introdotta solo con la diffusione dei personal computer per indicare una risposta standard del sistema in mancanza di istruzioni precise da parte dell’operatore. E per analogia è passato ad indicare qualcosa di basico, quasi di scontato. Il vocabolo è passato all’inglese  da un costrutto francese, “defaut “, ovvero  mancanza di qualcosa, ma con una connotazione che sta più per bisogno di aggiunte che per un difetto intrinseco e non sta ad indicare di per sé nulla di negativo, anzi per la verità in qualche modo è vicina all’espressione italiana ” di fatto” che esprime una realtà, uno stato di cose in mancanza di interventi che si suppongono più o meno necessari. Tuttavia l’espressione default è presente da molti decenni nell’economia per indicare l’incapacità patrimoniale di un debitore di soddisfare le proprie obbligazioni che è appunto una presa d’atto, qualcosa che esiste “di fatto”.

Tutto questo esame di un lemma non è segno di follia domenicale, ma è invece un passaggio necessario per togliergli quell’aura spaventosa  che ha acquisito negli anni della crisi e che è tornata ad affacciarsi negli incubi degli italiani con l’ennesima e assurda letterina di Bruxelles per rientrare nei limiti bilancio. Anzi viene rilanciata via spread in maniera ancor più forte dopo l’idea di lanciare i minbot, ossia titoli di credito interno per ripagare i debiti della pubblica amministrazione, senza dover ricorrere all’emissione di titoli ordinari. Dall’analisi della parola apprendiamo per prima cosa che default non significa affatto bancarotta, ma semplicemente presa d’atto dell’impossibilità di pagare il debito e solitamente ciò si concreta con la messa la messa a punto di piani per il rientro parziale a seconda delle possibilità del debitore, cosa che probabilmente parecchi noi hanno sperimentato non fosse altro che aderendo alle varie rottamazioni o aggiustamento dei mutui. In qualche caso invece come in quello dei cravattari che devono dare un esempio anche perdendoci o come è accaduto per la Grecia, il default viene negato nella sua evidenza  in maniera da poter spremere il creditore come un limone anche se questo allontana ogni possibilità di ripagare per intero il debito. E in effetti con la Grecia si voleva dare un esempio.

Tuttavia quasi tutti i Paesi del mondo ad economia forte  sono tecnicamente in default secondo le assurde regole di Bruxelles che pretendono un debito non superiore al 60% del pil, una cifra puramente casuale, anzi tirata fuori proprio per per poter portare avanti un progetto politico reazionario:  rientrare in questi parametri,  anche se avesse un qualche senso,  sarebbe impossibile per il Giappone, per gli Usa, per la Francia e anche per la stessa Germania che è stata così furba da nascondere sotto il tappeto il proprio debito, semplicemente non mettendo nel bilancio federale parecchie voci del welfare e persino i debiti dei Länder che da soli superano abbondantemente i 600 miliardi. Lo si può fare perché in realtà le teorie austeritarie sul debito hanno assai poco senso, ciò che conta è il flusso commerciale e il livello di indebitamento complessivo, compreso quello dei privati, il livello di inflazione e via dicendo. Così l’italia che ha una delle spese pubbliche più basse del continente, una bilancia commerciale in attivo,  che negli anni ha avuto deficit di bilancio assai più modesti di molti altri Pesi Ue e che ha uno dei risparmi privati più alti al mondo , si trova a dover subire questo vero e proprio stalking da parte dei maniaci di Bruxelles e dell’ubriacone che prende la mancia da Berlino, oggi ancor più avvelenati per essere riusciti a domare quello che credevano il nemico principale, ovvero i Cinque Stelle e che invece si sono ritrovati col Salvini rampante, il quale per rimanere in vetta non può che alzare la posta. Diciamo che a Bruxelles non sono molto lucidi, né brillanti.

D’altra parte se dovessimo ripagare i quasi 2400 miliardi debito pubblico con un pil di circa 1800 miliardi, bisognerebbe sborsare cifre enormi per interi decenni, più o meno una cinquantina di miliardi per trent’anni. Si tratta di una cifra politicamente impossibile da raggranellare e che per giunta finirebbe per far diminuire il Pil creando una spirale senza fine, oppure significherebbe crescere ogni anno di almeno il 2,5% sull’anno precedente, il che è altrettanto chimerico, specie in un periodo in cui la stessa Germania declina. Quindi l’Italia, così come molti altri Paesi è tecnicamente in default da un bel po’ ed esattamente da quando ha adottato l’euro, rinunciando alla flessibilità monetaria che rendeva il debito sopportabile. Tuttavia lo spettro viene agitato senza riconoscere lo stato di fatto per due motivi: innanzitutto perché non conviene soprattutto ai creditori che dovrebbero accontentarsi delle briciole anche se  in questo caso essi sono al 70% italiani e in secondo luogo perché un presunto salvataggio da un default che è da sempre stato strutturale rispetto alla regola manicomiale del 60%, implicherebbe dover accettare un programma draconiano di riforme strutturali ovvero di macelleria sociale, di abolizione dei diritti, di disuguaglianza senza fine. Ed è proprio questo questo lo scopo finale.


Il Rubicone della Merkel

libertàCerte volte si rimane stupiti dalla reificazione quasi in tempo reale dei propri pensieri o ancor meglio dal tempismo con cui certi indizi si trasformano in prove. Appena pochi giorni fa avevo scritto un post – E adesso povero Paese? – nel quale mi chiedevo quale fine avrebbe fatto l’Italia,  europeista a oltranza, ma anche “amerikana” a tutti i costi in quello scisma di occidente che si va prefigurando, tra gli Usa  ossessivamente dediti al mantenimento di un potere unipolare e l’impero carolingio messo in piedi da Berlino che vorrebbe invece trarre profitto dalla multipolarità che si sta via via imponendo. Sta di fatto che tre giorni fa Angela Merkel ha passato il Rubicone sostenendo che l’Europa deve  affrontare “le sfide poste da Russia, Cina e Usa”, sottintendendo che gli Stati Uniti non sono più amici per definizione, mentre gli altri due non sono più nemici per partito preso: “Non c’è dubbio che l’Europa debba riposizionarsi in un mondo cambiato… Le vecchie certezze dell’ordine createsi nel dopoguerra non si applicano più.”

Ora non c’è dubbio che siamo in campagna elettorale e che una simile posizione può raccattare voti contro i populisti,  così come è certo che siamo nelle fasi finali decisioni americane sui dazi e che quindi la Merkel  possa aver premuto l’acceleratore delle dichiarazioni un po’ più del consueto. E’ anche vero che la Cancelliera ha ancora appena due anni di governo prima del sui ritiro, quindi si sente in qualche modo più libera, ma è altrettanto che vero che la presa di distanza dagli Usa e la rivendicazione di un ruolo geopolitico autonomo per il nostro continente è nelle cose stesse, nell’evoluzione della storia che ha ormai completamente  frantumato gli assetti del dopoguerra. Le posizioni assunte dalla Merkel sono perciò assolutamente razionali e per quanto mi riguarda ampiamente condivisibili, il problema è appunto che sia la cancelliera tedesca a indicare le linee di azione dell’Europa e a parlare per essa il che fa balzare agli occhi come la costruzione europea sia anch’essa andata alla deriva trasformandosi da patto di comune crescita tra soggetti con pari di dignità, in una sorta di potentato dove ciò che ordina Berlino diventa indiscutibile.

Fino ad ora  questo sistema ha retto perché in qualche modo ciò che era bene per il neo liberismo globale era bene anche per la Germania e viceversa, insomma la guerra di classe alla rovescia in Europa aveva trovato in Berlino la sua colonna portante mentre adesso cominciano a comparire ampie linee di frattura che mostrano come il globalismo faccia rima anche con colonialismo e imperialismo. In tutto questo la posizione dell’Italia è particolarmente delicata: il ceto politico che ha dominato gli anni novanta e i primi venti di questo secolo, non ha mai agito prendendo in considerazione l’ipotesi di una frattura tra due poli che sono stati sempre considerati come coincidenti a parte qualche baruffa marginale: dunque si è lasciata colonizzare geopoliticamente dagli Usa e si è completamente adattata ai diktat europei con una passività davvero impressionante. Ma non avendo più voce in capitolo in nulla,  prima o poi si troverà a dover scegliere tra una cattività europea umiliante e fonte di impoverimento materiale e intellettuale o farsi risucchiare nella disperata e perdente lotta dell’impero per rimanere il centro del mondo.

E’ del tutto evidente come la classe dirigente del Paese nata e allevata in questa situazione di doppia dipendenza, sia del tutto impreparata a vivere una situazione del fuori dagli schemi previsti, ma ancor peggio gli italiani in generale sono spaventati dalla rissa dei tutori che mette in forse la propria subalternità, mortificante sotto ogni punto di vista, ma moralmente comoda. A un certo punto si dovranno fare scelte in autonomia e questo non solo fa tremare le vene i polsi peggio del primo giorno di scuola, ma probabilmente è qualcosa di completamente fuori da un orizzonte colmo di atteggiamenti imitativi e di stronzate.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: