Annunci

Gli sguatteri alla guerra

kc767_hoseCome tutti sappiamo la Costituzione italiana ripudia la guerra “come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali” e nonostante questo un ceto politico, senza distinzione fra destra e sinistra, ha trascinato il Paese in almeno 7 guerre di aggressione negli ultimi 20 anni, tutte ingiustificate e preparate con pretesti, alcune lontanissime dagli interessi italiani e almeno due (Jugoslavia e Libia) del tutto contrarie agli stessi. I responsabili di questo stato di cose, compresi quelli che dopo la dissoluzione  dell’Unione sovietica, avrebbero dovuto lavorare per una uscita morbida da un’alleanza come la Nato che non aveva più senso, si sono invece strenuamente dati da fare per precipitare l’Italia in una condizione coloniale senza uscita. Sprechiamo soldi vitali per la tutela dei cittadini e per l’economia del Paese in avventure ambigue e del tutto inutili, al seguito non solo dei padroni americani, ma persino dei valvassini francesi, inviamo uomini e mezzi laddove non servono affatto, giusto per ribadire lo stato di servitù.

Agli americani non gliene può fregare di meno se mandiamo una delle nostre pochissime e malconce cisterne volanti, peraltro comprate a caro prezzo da loro, nei cieli mediorientali per rifornire i caccia che fanno la guerra alla Siria a suon di bugie sui gas e in appoggio ai tagliagole ingaggiati da Washington, che poi nei momenti liberi fanno qualche ammazzatina in Europa. Ma lo facciamo in qualità di faccendieri per fornire a Washington uno scenario di cartapesta che consenta di parlare di operazione internazionale. Ancor peggio tutto questo viene fatto per iniziativa di un governo scaduto e per giunta di fiducia di quel presidente Napolitano che nel 2010 conferì ad Assad  la Gran Croce  al merito della Repubblica, come “esempio di laicità e difensore della libertà”. Ma se Damasco val bene una messa per il salvataggio di questo impresentabile ceto dirigente che ha rovinato il Paese e lo ha scavato come un topo nel formaggio, ben altra cosa, ben altro tradimento nei confronti dei cittadini è abbandonarsi a questa logica anche per quanto riguarda l’ostilità prebellica con la Russia che p tutt’altro discorso: abbiamo permesso che molte basi americane di ogni tipo, vitali per la soggezione imperialistica  del Mediterraneo, comprese quelle a capacità atomica, occupassero lo Stivale dalla Sicilia al Friuli, il che in caso di conflitto con la Russia significherebbe la distruzione certa di ampie zone del Paese senza la più remota possibilità di difesa né in proprio, né da parte dell’alleato padrone che ahimè non è poi così forte come vorrebbe far credere e come l’informazione mainstream fa credere proprio per non allarmare l’opinione pubblica. Da notare che la sedicente sinistra, non appena si è cominciato a parlare di guerra  e invio di mezzi ha subito abbandonato l’ostilità verso Trump e si lasciata andare al giubilo nonostante il fatto che le storie sui gas a Douma  non soltanto non siano state provate e di fatto vengano asserite solo da ong e organizzazioni che fanno parte integrante del dispositivo occidentale di propaganda, le medesime peraltro e che già nel 2013 avevano tentato l’identica mossa, ma che addirittura abbiano provocato l’esplosione di un conflitto tra varie agenzie dell’Onu sulla consistenza di questa narrazione. Più precisamente tra l’Organizzazione mondiale della sanità che ha fatto propria la narrazione pur non avendo personale e dunque fonti dirette in loco  salvo poi far sparire le prese di posizione sul proprio sito e l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche che invece ha espresso la volontà di controllare da vicino la veridicità di queste affermazioni. Per non parlare della mancanza di riscontri sottolineata dall’ufficio locale del coordinatore delle Nazioni Unite in Siria, che tuttavia partecipa attivamente alle operazioni umanitarie nell’Est Ghouta.

Aggiungo che l’imposizione dell’inglese come lingua universale fa sì che vengano avidamente lettere le chiacchiere in questa lingua e trascurate completamente  le fonti locali o anche quelle russe: così le dichiarazioni ufficiali del comando russo – siriano vengono regolarmente trascurate e, per esempio, con la scusa della lingua non è stato riferito che il 3 marzo scorso è stato scoperto in uno dei tunnel sotterranei della città di Khazram, un laboratorio terrorista per la produzione di munizioni con sostanze velenose. Si tratta certamente di una fonte interessata, ma non lo nemmeno quelle considerate neutrali che in realtà vengono finanziate dai governi interessati a costruire verità.

Ho voluto fare questa panoramica per sottolineare  la tripla irresponsabilità di un governo in carica solo per gli affari correnti e bocciato dagli elettori che si permette di stracciare la Costituzione entrando in guerra, senza aver ricevuto alcuna offesa, sulla base di vicende ancora tutte da provare e che presumibilmente si riveleranno bufale asolute. A me questo esecutivo e l’espressione politica da cui prende le mosse fa venire il voltastomaco, una nausea senza fine.  Il suo posto ideale sarebbe accanto alle basi americane.

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

4 responses to “Gli sguatteri alla guerra

  • jorge

    non c’e alcuna prova dell’uso di armi chimiche da parte dell’esercito lealista siriano, ed è assurdo che questo le usi avendo già vinto rispetto ai nemici che avrebbe gasato secondo il governo americano

    emma bonino, onnipresente propagandista degli interessi americani, nonchè finanziata da george soros che si è iscritto al suo partito, ieri chiedeva l’intervento della corte penale internazionale con sede all’aja contro assad e quanti a questi vicini,

    Sono soldi e la forza militare dei massini paesi imperialisti a mantenere in piedi questo tribunale penale internazionale, per cui esso mai potrebbe perseguire ad esempio tony blayr che consapevolente menti circa le armi di distruzione di massa di saddam hussein,

    La corte penale dell’aja, di cui la bonino fu grande propagandiste all’epoca della sua formazione, è quindi uno strumento dei massimi paesi imperialisti, è il loro tentativo di legittimare la posizione di forza che hanno con un presunto istituto del diritto internazionale, ovvero il totalitarissmo pienamente dispiegato, ed ideologicamente lagnoso e lamentoso come solo certi commentatori di questo blog sanno essere

    ma a dare fastidio è anche la supponenza e l’arroganza con cui certi politici si arrogano il diritto di giudicare tutto e tutti, oggi assad per il presunto gas e la malcerta decina di morti correlati, dimenticando che le menzogne e le decisioni di busch e blair la conseguente guerra contro saddam hussein con la fase immediatamente successiva, provocarono un milione di morti in quell’area.

    Ovviamente la bonino si guarda bene dal chiedere la incriminazione di colin powell, che all’onu mostrò un contenitore che sarebbe dovuto essere la prova del potenziale di sterminio in mano al governi iracheno, cosa rivelatasi poi del tutto falsa. Lo stesso colin powell che diresse le operazioni militari in iraq che provocarono un milione di morti e le infami conseguenze politiche successive.

    Piace a 1 persona

  • dani2005dani

    GRANDIOSO,

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: