Annunci

Archivi tag: guerra

Tutto sta andando a Bilderberg

tumblr_m3j1ik0icJ1rt47g5o1_1280La riunione del Bilderberg si è chiusa nel più assoluto silenzio, con i partecipanti che hanno fatto di tutto, anche ricorrendo a trucchi grottesci  per evitare domande e risposte, persino quelle più semplici e ingenue, che palesemente non sanno dare o non possono dare essendo distruttive anche per opinioni pubbliche allevate come polli da consumo. Quelle a cui si può dar da bere – faccio un esempio italiano – che il pil è aumentato mentre tutti i consumi energetici sono diminuiti. Ma del resto c’era da immaginarselo che questa volta anche i narcisisti più interperanti non avrebbero spezzato la catema del silenzio  perché le cose sono arrivate a un punto di non ritorno, a un degrado che viene soltanto nascosto dalle statistiche ufficiali, dalle econometrie di comodo buone per gli allocchi. Per esempio gli Usa hanno avuto sulla carta la crescita più lunga della storia e allo stesso tempo anche la più debole pur senza fare la tara delle manipolazioni numeriche: 96 mesi alla fine dei quali si scopre che gli indici azionari sono 24 volte magiori degli utili reali, sancendo la definitiva trasformazione in casinò dei mercati, anche se a dire il vero nelle case da gioco gli squilibri sono inferiori.

Tuttavia se Wall Street, naviga in un mondo di pura fantasia tra mille bolle pronte a scoppiare, Main Street soffre e non poco perché gran parte degli utili reali così inferiori alle quotazioni è passato dal lavoro al capitale, ovvero dai poveri ai ricchi e questo ormai non può più essere nascosto con le acrobazie numeriche: nonostante i tassi al minimo si sta cominciando a vedere il tracollo del debito studenti, dei prestiti per le auto, di nuovo dei mutui casa che trascinano con sé anche quello della vendita al dettaglio: dal dicembre del 2015 c’è stata una riduzione complessiva di 1 milione e 400 mila posti nel settore, mentre la grande distribuzione fa registrare cali del 50% in termini reali (30% in valore nominale) rispetto al periodo pre crisi, (una caduta del 15% solo l’anno scorso) sebbene circa il 20% delle famiglie grazie alla polarizzazione del debito e alla disguglianza galoppante abbia potuto spendere un po’ più di prima. Insomma, la politica del debito facile necessaria a mantenete in piedi la fatiscente baracca, non può più artificialmente tenere alti i consumi:  il Financial Times annuncia che gli americani hanno oltre 1000 miliardi debito solo sulle carte di credito, le aziende 7,8 mila miliardi e che il debito complessivo pubblico e privato è arrivato al 350% del Pil.

In queste condizioni, basta un soffio per far crollare il castello di carte e far scoppiare la bolla di Wall Street con effetti a catena perché le stesse politiche replicate in tutto l’occidente e imposte alle colonie hanno prodotto un debito globale  che assomma a 225.000.000.000.000 miliardi di dollari (225 mila miliardi, ma scritto in numero si rende meglio l’idea dell’enormità). Perciò al Bilderberg si tace, perché sta diventando sempre più chiaro che questi debiti non potranno mai essere ripagati e che gli esiti futuri sono soltanto due: un nuovo schiavismo generalizzato e collegato a forme feudal aziendali senza stato, diritti e libertà oppure la fine ingloriosa e drammatica del neoliberismo politico che ha creato le oligarchie e combattutto la democrazia con l’ovvia caduta delle elites responsabili e della loro ideologia. Insomma una lunga stagione di lotte o di atonia della civiltà i cui esiti sono indecifrabili. Ma c’è una terza ipotesi, un’uscita di emergenza forse più semplice nel suo orrore che sembra attrarre i ceti di comando e che probabilmente si riverbera e promana dai think tank liberisti e globalisti, ovvero la guerra che permetterebbe di azzerare molte situazioni e di ricominciare il gioco da una posizione di forza o così pensano i magnati che non sanno pensare. Non si tratta di un piano o di un programma e nemmeno di un’intezione, ma semplicemente di una disponibilità e di una tentazione ad accettare il peggio per l’umanità nel tentativo di preservare il meglio per loro: da qui nasce l’incoscienza dal va o la spacca nel buttarsi in avventure che al di là di ogni precauzione possibile possono dar fuoco alle polveri, come dimostra tutto il vaniloquio sulla necessità di far rientrare la Russia nel nuovo ordine mondale.

Ma tutto questo non si può nemmeno accennare pubblicamente, il Bilderberg tace ancora più di prima non facendo trapelare nulla di cosa si sia detto, di come le elites si trovino da dover misurare i sentieri interrotti in cui si sta tramutando l’autostrada liberista.

Annunci

Madre Coraggio in discoteca

Anna Lombroso per il Simplicissimus

In questi tempi di eclissi dell’utopia in favore della realpolitik, dell’eroismo sopraffatto dalla doverosa cautela, comportamenti, atteggiamenti e sentimenti  normali assumono fattezze epiche.

È il caso della condizione di genitori in questi giorni rivendicata dalla corporazione dei procreatori che accampano l’esclusiva della preoccupazione per le generazioni a venire, il monopolio della necessità e della responsabilità di guardare lontano, come se un atto naturale consumato senza nessuna competenza e preparazione e poi lo svolgersi dei giorni potessero fossero capaci di suscitare da dentro lungimiranza, ragionevolezza, buonsenso, spirito di servizio e indole alla solidarietà e al pensare e all’agire in nome dell’interesse generale dei contemporanei e dei cittadini futuri. E dire che in molti si sono via via convinta che i rami secchi invece  liberi da condizionamenti personali, sviluppino una più elevata capacità di misurarsi col  domani di tutti e non solo della progenie.

Subito dopo i fatti di Manchester le televisioni hanno intervistato più di una coraggiosa madre che si vantava con orgoglio di aver sfidato la paura e il rischio, accompagnando  figlie adolescenti ad un concerto a Milano: non si può cedere all’intimidazione, dicevano, non vogliamo  certo che i nostri figli cambino le loro abitudini e  rinuncino alle  libertà, quindi siamo qui ad accompagnarli. C’è da auspicare che si resti solo sul terreno del ridicolo, che una, peraltro non remota e improbabile entrata in guerra nella sua prima fase più tradizionale non ci faccia assistere alla partenza di laureati alla Bocconi, di masterizzate alla Luiss, di manager dell’accoglienza o reduci da viaggi formativi in pizzerie londinesi, che vanno al fronte accompagnati da mamme e papà trepidanti , altro che “torna con lo scudo o sullo scudo”. C’è da augurarsi, ma è altamente improbabile, che tutte le prove di abnegazione e audacia dei genitori contemporanei si limitino ad andare  a prendere a scuola se piove, alla balera se sono le tre di notte, ai concerti della Antonia Grande.

Quelle mamme intrepide che hanno sfidano il pericolo e il timore per accompagnare le figlie in modo che non si privino di un concerto, peccato non averle viste scendere a manifestare perché la loro prole viene privata dell’istruzione pubblica, della assistenza medica, del dentista con l’irrinunciabile apparecchio per i denti, contro il Jobs act che nega loro un lavoro appagante e giustamente remunerato con relative  prospettive di crescite e di carriera, per un ambiente sano e una condizione abitativa dignitosa, per reclamare al tutela di un territorio oggi esposto a saccheggio e trasandato, o, nell’ipotesi, quanto mai realistica, che facciano già parte di riservisti che potrebbero essere chiamati alle armi in una di quelle spedizioni “umanitarie e esportatrici di democrazia, contro le guerre di conquista e razzia cui ci chiamano i detentori del nostro desiderabile stile di vita occidentale. Proprio quello  che hanno esportato colonizzando anche il nostro immaginario e i nostri sogni e le nostre aspettative, mostrandocelo come il migliore dei mondi possibili, mentre dietro all’iconografia di festosi consumi e domestico benessere si   nascondono nuove e vergognose miserie, quell’arrampicarsi funesto e instancabile da cavie in gabbietta per pagare mutui,  fatture e bollette, quel consumarsi di dissapori feroci vissuti in ambienti confinati perché se è difficile l’amore, lo è ancora di più non volersi più bene.

Mette  paura constatare quali strade percorra la paura molto solida e come e dove venga indirizzata verso obiettivi e con motivazioni che non lasciano dubbi sul fatto che se esistono davvero un complotto e  una macchinazione sono quelli organizzati per ottenebrare giudizio e ragione, sicché  la pietas è un esercizio intermittente e discrezionale  che fa piangere per i bambini di Manchester e non per quelli di Baghdad, Aleppo,  né  tantomeno per quelli naufragati, che, nel caso di fossero salvati, avrebbero invaso i nostri Rio Bo rubandoci pane e lavoro,  per aizzare diffidenza e rancore verso paurosi stupratori di differenti etnie, per nutrire il timore nei confronti di un terrorismo barbaro e bestiale, distogliendoci da quello in abiti occidentali, legale e autorizzato, mosso dal totalitarismo economico e finanziario, che comunque, anche quello, bombarda, uccide, affama e fa  suicidare proprio come kamikaze senza il paradiso delle urì.

Viene da pensare con una certa nostalgia ai pericoli e alle paure di generazioni passate: mica solo della guerra fredda, dell’atomica, delle invasioni marziane. Pure quelle continuamente rammentate, fare il bagno dopo pranzo al mare, le vipere in montagna, la bibita gelata che fa venire la congestione, le mosche e il tifo, la crema nel cannolo che fa venire la salmonella, le gran sudate dopo una corsa e la mortale aria di fessura, il sangue dal naso e innumerevoli tremendi contagi e contaminazioni.

È che, allora, madri apprensive a padri assenti intanto conquistavano, dopo la Costituzione che la Boschi voleva smantellare per combattere cancro e terrorismo, lo Statuto dei Lavoratori e l’articolo 18, la scuola dell’obbligo, l’assistenza sanitaria, il divorzio, il più amaro dei diritti, quello che toglieva l’interruzione di gravidanza dai territori del crimine e della clandestinità, il servizio civile, tutti quei beni comuni cui ci stanno facendo rinunciare in ossequio alle menzogne della post verità e  in nome della post libertà.

 


Morte nel pomeriggio

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Una strage degli innocenti,  come a Damasco, come ad Aleppo, come a Baghdad, come, senza bombe, nel canale di Sicilia, corpi di ragazzini dilaniati mentre si recano a un concerto di una di quelle star melense che passano come meteore con lagnose cantilene,  colonne sonore perfette per prefigurare un futuro di eterni bambini fragili e quindi ricattabili, intimoriti e dunque assoggettabili, ignoranti e dunque dubbiosi, precari e perciò insicuri.

Ormai stancamente si ripete la cerimonia  del lutto,  officiata da sacerdoti che ogni volta vengono colti a sorpresa dalla rivelazione che il mostro era noto alle polizie locali, che non era un inquietante barbaro appena arrivato ma un cittadino del paese vittima, che qualcuno si è permesso, sia pure ben conosciuto da servizi e intelligence, di arrogarsi l’incarico di compiere  ritorsioni assassine per vendicare altre stragi, saccheggi, sodalizi con tiranni sanguinari, imprese coloniali, dirigendo le armi contro chi gliele aveva vendute, facendo esplodere ordigni in sale da concerto, stazioni, treni, piazze piene di gente ricordandone altri di “fondamentalisti” neri e nostrani.

E, ancora di più, che la guerra dell’impero al terrorismo si riveli una rappresentazione segnata dall’insuccesso: un clamoroso fiasco per via di attori mediocri  e di un copione troppe volte ripetuto dal 2001, nel quale è sempre più arduo distinguere i buoni e i cattivi. E comunque inefficace se dal 2000 al 2016 i morti per opera del cosiddetto terrorismo islamico sono cresciuti di 9 volte.  E comunque poco credibile se  i paesi occidentali, gli Usa in testa,  il Regno Unito, la Francia, l’Italia stessa, sono fieramente i migliori partner commerciali, i migliori alleati militari e gli amici fraterni se non disinteressati, delle nazioni che sono i principali sponsor, finanziatori, ispiratori, suggeritori e ideologi del terrorismo, le monarchie che nuotano nel del Golfo Persico, l’Arabia Saudita, il Qatar, il Kuwait. Conoscenze queste che hanno perso la potenza epica del complottismo e l’efficacia narrativa del sospetto grazie al prezioso corredo di mail di Hillary Clinton, alle molte ammissioni in merito alla  cooperazione generosamente profusa a suon di armi  e di supporto finanziario e logistico clandestino all’Isis e ad altri gruppi sunniti radicali, mentre prosegue con protervia la guerra di distrazione contro l’Iraq, la Libia, la Siria. E soprattutto contro la democrazia in tutte le forme superstiti in cui cerchi di esprimersi e con varie tipologie di armi e strumenti di intimidazione, ricatto, terrore, come in Grecia, come nel teatro della Brexit, come in tanti paesi nei quali si disperdono lavoro, dignità, cultura, informazione, coesione, cancellati per legge e soffiati via dal vento del sospetto, della paura, della diffidenza, dell’incertezza che suggerisce di ridurre libertà, reprimere solidarietà, frenare la ragione per sbrigliare rifiuto, insensatezza, isolamento.

Così ci stiamo preparando a generare altre geografie dello scontento,  del malessere, che in  tempi non proprio recenti avevano lanciato segnali inequivocabili e inascoltati, quelle delle periferie marginali e emarginanti, quelle dei saccheggi e delle fiamme nelle banlieue,  narrate come inevitabili effetti secondari del progresso e non come implacabili condanne e inesorabile punizione per uno modello di sviluppo e stile di vita, capaci solo di incrementare tremende disuguaglianze

A ridosso della tragedia  si è già levato il coro dei benpensanti che invocano la conversioni dei buonisti in cattivi, la richiesta pressante di autocritica dei manifestanti di Milano, conseguenza non inattesa dell’escalation di chi fa finta che l’accoglienza possa, anzi debba, ridursi a un moto emotivo dell’anima, un delicato sentimento di pochi e discutibili volontari e non un’azione politica sociale e civile che non deve aspettarsi gratitudine così come non le richiedono politiche, misure  e leggi che devono  garantire il godimento di diritti per tutti, nessuno escluso, nessuno diverso, nessuno altro, nessuno inferiore, prerogative, consolidando così la tendenza a esercitare una giustizia ingiusta in quanto disuguale, esercitata su base etnica  e patrimoniale, premessa necessaria perché si declini anche in base alle affinità, all’appartenenza,  punendo differenze di pelle, pensiero, credo, premiando buona indole,  vocazione all’assimilazione e all’ubbidienza.

Per ora ci stanno dando la guazza, nutrendo la nostra convinzione di essere superiore e alieni dalla barbarie che viene da dentro, così non ci accorgiamo che lavorano per suscitarla, per farla crescere e legittimarla contro gli altri da noi, incompatibili con la nostra civiltà, la nostra tradizione, la nostra democrazia, proprio quella che  stanno smantellando  in modo da ridurci stranieri in patria, poveri, impauriti, ricattati e per essere autorizzati a punirci per la nostra ingratitudine, per l’irriconoscenza che dimostriamo per i loro fondi e derivati, per il loro Jobs Act, per il loro pareggio di bilancio, per i loro costosi giocattoli da guerra e per le loro guerre nelle quali da soldataglia siamo e saremo sempre di più ridotti a inevitabili effetti collaterali.

 

 

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: