Annunci

Archivi tag: Napolitano

F 35, fuoco a salve della Corte dei conti

F35tPurtroppo non esiste un girone dantesco dove dovrebbero scontare la pena eterna tutti quelli che ci hanno portato a sperperare una pazzesca quantità di denaro, peraltro ancora da determinare con precisione, ma certamente non inferiore ai 20 miliardi complessivi per l’acquisto degli inutili F35. Fra i traditori della patria senza dubbio perché hanno dissipato risorse preziose per il Paese in cambio di un “giocattolo” di guerra mediocre e inutile che non porta alcuna ricaduta tecnologica e appena un po’ di lavoro temporaneo solo per 1600 persone che saranno incaricate di costruire un’ala del caccia come succede alle colonie di serie c visto che gran parte della commessa iniziale è stata già da parecchi anni depistata verso la Turchia. Ma anche tra i barattieri per le tangenti che certamente saranno passate in abbondanza per poter far passare una scelta del tutto irrazionale e persino antieuropea. E anche tra gli ipocriti, i ladri, i ruffiani, i fraudolenti e i falsari per tutte le menzogne che sono state dette al fine di far passare questa follia dalla quale peraltro si sono giù ritirati molti Paesi e dalla quale si ritirerebbe volentieri anche il Pentagono dove l’omertà tipica del sistema militar industriale viene sempre più spesso incrinata da dichiarazioni distruttive sulla sostanza dell’F35.

La Corte dei conti ha finalmente sollevato il sudario su questa operazione demenziale rendendo finalmente ufficiale il fatto che il costo di questi arei è raddoppiato nel tempo, che il programma è in ritardo di 5 anni a causa degli innumerevoli difetti di questo mezzo e che infine le ricadute di lavoro con quali un ceto politico infame ha ricattato il Paese, sono risibili rispetto a ciò che era stato prospettato. Del resto anche la diminuzione del numero di caccia da acquistare da 131 a 90 ha causato uno psicodramma nel Pd e soprattutto in Napolitano. Il loro agente a Roma, in veste di lobbista della Lockheed  ha fatto di tutto per evitare che vi fosse un ripensamento su questa mattana, arrivando persino a convocare un fantomatico consiglio supremo di difesa per appoggiare la scelta degli F35.

Così ci sveneremo per acquisire il caccia più costoso della storia, che tuttavia e praticamente inutile anche  nel caso che i difetti vengano risolti e largamente inferiore agli aerei con i quali dovrebbe scontrarsi . Un ex alto responsabile del Pentagono ha detto che di fronte ai Sukhoi 35 ( peraltro è già in via di costruzione il modello di nuova generazione il Su T 50) l’unica chance per gli F 35 sarebbe fuggire o farsi difendere dai vecchi e buoni caccia tipo l’Eurofighter. Del resto in tutte le prove sul campo effettuate il Sukhoi 30 della precedente generazione ha sempre prevalso sull’ F35. Ma non si tratta solo di singole persone che infrangono il muro del silenzio:  lo stesso Pentagono ha stilato 3 anni fa un rapporto sul caccia certificando in via ufficiale ciò che già si sapeva dai resoconti  che si susseguono da anni senza che i vari governi italiani si siano sognati di bloccare l’acquisto:

  • Le prestazioni dell’aereo sono “immature” e dunque “inaccettabili” per le operazioni di combattimento. 
  • Il costo della manutenzione è tre volte superiore alle specifiche richieste.
  • I test sull’affidabilità raggiungono a mala pena il 37% dei risultati e il 30% per il modello da portaerei
  • L’aereo è troppo pesante e lento
  • Il software è pieno di errori
  • Il sistema virtuale di guida con relativo e costosissimo casco fa vedere immagini incerte e traballanti
  • Temporali e fulmini mettono in serio pericolo l’apparecchio
  • E’ stato condotto a termine solo il 54% dei test previsti e il 21% di essi ha rivelato la necessità di rimettere mano al progetto
  • Ci sono stati pochissimi progressi nel rimediare ai difetti dell’aereo
  • E’ necessario comparare sul campo l’F35 agli altri aerei in dotazione delle forze armate Usa per chiarire se questo apparecchio non rappresenti in realtà un grosso passo indietro.

Quest’ultima prova è stata fatta più volte conrisultati sempre favorevoli ai vecchi caccia. Ma qui è necessario chiarire una cosa che risulta evidente da quanto viene sostenuto, anche se non detto apertis verbis: non si tratta di qualche difetto che può essere corretto, ma proprio di un progetto sbagliato, messo a punto quando si pensava che le capacità stealth, ossia di relativa invisibilità ai radar, fosse la carta vincente del futuro e a questa caratteristica sono state sacrificate tutte le altre, ossia velocità, carico bellico, manovrabilità, autonomia di volo, affidabilità e facilità di manutenzione. Solo che nei vent’anni trascorsi dall’idea alla realizzazione i nuovi radar vedono gli F35 come in una televisore Hd  (il Canada si è ritirato proprio per questo) rendendo perciò completamente sbagliato il progetto. Ecco perché dire come fa la Corte dei conti che ormai si sono spesi 4 miliardi ed è dannoso ritirarsi, è un pericoloso e ambiguo non senso.

Per fortuna che la ministra Pinotti ha le idee chiare su tutto questo ed esprime il suo favore all’acquisto con la chiarezza cartesiana dei totali incompetenti, quella stessa per cui questo personaggio compra mediocri blindati a costi di gran lunga superiori ai migliori carri armati del mondo: «… di fatto i cacciabombardieri servono perché, a parte che se tu hai delle truppe, dove c’è necessità di avere una difesa aerea, però potrebbe succedere che qualcuno decide di sparare… un missile magari… e potrebbe decidere, ormai ci sono dei missili che possono arrivare a distanze estreme, potrebbero decidere di volere, con quello, distruggere o… ehm… ovviamente creare, oggi purtroppo le armi sono micidiali».

In altri tempi si sarebbe tirata la catena. Ora siamo noi incatenati ai corrotti e agli imbecilli.

Annunci

Il Sole tramonta sulla razza padrona

fate-presto-mattino-sole-Marchionne-258La crisi del Sole 24 ore non è soltanto il fallimento di un giornale, è il fallimento di un intero sistema e della politica che essa ha prodotto. Qui non si tratta solo delle cose che interessano la Consob e la magistratura, non sono principalmente in campo le manovre per accrescere il computo delle copie vendute on line (con contributo dello Stato, ça va sans dire) e quindi aumentare il prezzo della pubblicità, pratiche da cui non credo siano del tutto alieni molti altri quotidiani: qui è in gioco invece il crollo economico di un giornale economico, quello che diceva cosa era giusto e cosa era sbagliato, quello che indicava e sollecitava massacri sociali in favore di Confindustria, che suggeriva le soluzioni e le strade a una politica subalterna, che insomma era il supremo organo dell’ideologia liberista e come tale dettava la linea che veniva dall’Europa.

I 50 milioni di debiti dimostrano in corpore vili che quelle ricette  non sono per nulla magiche e che i metodi con i quali Confindustria, proprietaria del giornale, ha tentato di tamponarli e nasconderli rende perfettamente la misura del cinismo della classe dirigente italiana e dell’ex grande capitale. Insomma né verità, né eticità, ma solo impeccabili tecnicismi che in qualche modo tentavano di alludervi. La crisi  non risale certo alle manovre degli ultimi anni sulle copie digitali, naturalmente perpetrate in combutta con una società inglese specializzata in vuotaggini pneumatiche, nel tentativo principale di apparire più grande e autorevole soprattutto in campo politico, ma ha radici più profonde che riguardano le ambizioni, i provincialismi amorali, gli errori catastrofici della razza padrona. Radici che affondano già nel periodo di ascesa del craxismo, quando da bollettino di economia il Sole viene utilizzato dal padronato italiano per imporre la prima stagione delle svolte neoliberiste: separazione di Bankitalia, referendum sulla scala mobile, inizio del terrorismo sul debito peraltro  esploso proprio in seguito a questi nuovi assetti. Per la bisogna venne congedatonell’83 il direttore Deaglio (marito della Fornero) e chiamato Gianni Locatelli, un non tecnico di area cattolica tanto per cercare l’ennesimo ecumenismo italiano, il quale punta dritto ad allargare gli orizzonti del giornale con un inserto culturale di notevole successo e l’espansione della parte politica e discorsiva della testata.

Crescono le copie e il peso sull’onda dell’egemonia culturale rampante, cresce il fuoco di sbarramento contro lo “stato padrone” mentre il giornale si pone  alla testa della campagna eurista dimostrando come Confindustria non avesse proprio capito nulla e operasse in base ad interessi forti, voraci persino opachi, ma guardando al breve periodo, non avvedendosi per nulla, insieme ai suoi referenti politici, che la forza dell’industria italiana era proprio la lira e per certi versi anche la partecipazione statale. Passa il tempo, l’attenzione culturale si muta in trendismo deteriore, grazie all’amerikano Gianni Riotta,  il giornale diventa uno degli aedi dell’europeismo oligarchico, un cantore della precarietà, un coreuta della legge Biagi e, dopo la crisi inaspettata del 2008, cane da guardia dell’austerità e dei governi a conduzione berlinese. Proprio il Sole titolando a tutta pagina “Fate presto” spinge e dà l’imprimatur degli industriali al governo Monti nel 2011, terminando l’opera nel 2016 con un appoggio a tutto campo per il Si nel referendum costituzionale: sono anni in cui il direttore Napoletano e il presidente Napolitano hanno fatto squadra. E in fondo entrambi a loro modo hanno cercato di nascondere il fallimento chi con i numeri di vendita, chi dando i numeri.

Non c’è dubbio che tutto questo abbia alla fine portato a una crisi dei lettori e a una crescita esponenziale delle perdite che si è tentato di nascondere con dei trucchetti, gli stessi del resto usati dal potere con le sue statistiche addomesticate o presentate in modo improprio per nascondere il disastro.  Il Sole tramonta sulla classe dirigente italiana e sui suoi errori, sulle vulgate ideologiche che li hanno sostenuti e, speriamo, su un progetto di potere entrato in profonda crisi.


Gentiloni chi?

renzi-gentiloni-770894Lo chiamano amichevolmente “Er fotocopia” per la sua capacità di prendere gestualità e persino fattezze dei suoi mentori del momento, da Rutelli che se lo prese in Campidoglio a fargli addetto stampa a Renzi che lo ha messo agli Esteri per la sua fedeltà assoluta alla Nato. Ma proprio il suo essere così disperatamente anonimo e informe, così voce del padrone, così vacuo e noioso nell’eloquio ha permesso a Gentiloni di scamparla sempre, di essere un’ombra poco notata nella seconda fila, di inanellare errori su errori, dire una cosa e farne un’ altra, senza che gli si badasse molto: può anche parlare per un ora che un minuto dopo ci si chiede, Gentiloni chi?

A causa di questo non riscuote grande stima  al punto che Francesco Nicodemo oggi responsabile della comunicazione del Pd arrivò a dire prima delle elezioni per Roma: ” Se fossi romano e dovessi votare per Gentiloni a sindaco voterei per il M5s” . Però la stima conta poco nel mondo contemporaneo e in questi frangenti egli sale a Palazzo Chigi non in virtù del suo essere, ma del suo non essere: dal punto di vista del ceto politico è un uomo  prezioso perché sarà la sua fotocopia e in quanto tale  ha l’unico incarico di far durare il governo più a lungo possibile in maniera che i deputati attuali possano godere del vitalizio e soprattutto che in qualche modo si riesca a salvare il Pd e con esso la spina dorsale degli assetti di potere. E’ sulla poltrona per far melina mentre Bruxelles detterà la drammatica agenda di un Paese nel mirino, per fare da Lexotan, cosa in cui è talmente bravo che potrebbe essere inserito nella famacopea ufficiale. Se Renzi amava fare il burattino ribelle Gentiloni farà il pelouche animato. Certo sono sempre sorpreso da questo atteggiamento fideistico e grottesco nelle sorti progressive del liberismo inselvaggito e dal fatto che nessuno avverta gli scricchiolii sinistri che provengono da ogni dove: si spera in una sorta di miracolo, di ribaltamento che renda possibile una resurrezione degli attuali assetti politici, che basti rinviare il redde rationem in attesa di non si sa cosa, mentre tutti avvertono che il vero brutto deve ancora arrivare.

In questo senso la scelta di Gentiloni  “er fotocopia”  sembra andare oltre le necessità contingenti e rinviare a buona parte  della storia italiana del Novecento. Fu un avo del premier in pectore, il conte Vincenzo Ottorino, uomo di fiducia di Pio X, che siglò il patto omonimo destinato a imprimere un impronta indelebile e conservatrice nella storia del Paese: nel 1912 con l’introduzione del suffragio universale maschile si temeva una grande ascesa dei socialisti mentre una gran parte dell’elettorato cattolico più tradizionale era legato al non expedit ovvero al concetto papalino secondo cui i cattolici non dovevano partecipare alla vita politica del Regno d’Italia che aveva usurpato lo Stato vaticano. Ma tutto questo di fronte all’avanzata delle formazioni che rivendicavano il progresso sociale venne meno e su incarico del Pontefice, Vincenzo Gentiloni firmò un patto scritto con i liberali: questi avrebbero lasciato un certo numero di seggi sicuri a disposizione dei candidati papalini in cambio della mobilitazione dell’elettorato cattolico. Fu in un certo senso un colpo di mano perché ad onor del vero nel mondo cattolico prevaleva la posizione di Romolo Murri che invece voleva i cattolici in appoggio ai socialisti e anche  perché il patto prevedeva  che i futuri governi liberali si sarebbero impegnati tra l’altro, nell’obbligo di istruzione religiosa nelle scuole pubbliche, nel contrastare ogni idea di divorzio, nell’occhio di riguardo anche fiscale nei confronti di organizzazioni cattoliche.

Dopo questa prima gigantesca fotocopia dello status quo, i Gentiloni si sono specializzati fino all’evoluzione tecnologica rappresentata da Paolo che si è fotocopiato da solo più volte ripercorrendo tutte le tappe dei rampolli della ricca e afferente borghesia italiana: dalle effimere seduzioni giovanili per la sinistra extraparlamentare, alle gioie del poker esaltate dalla possibilità di dover lavorare, dall’avvicinamento al potere assieme a compagni di merende come Chicco Testa ed Ermete Realacci, grazie al bagno riparatore dell’ambientalismo fino a Rutelli, alla Margherita, al Parlamento e agli incarichi ministeriali. Insomma la storia di buona parte di quei rivoluzionari giovanili, divenuti reazionari veri. Sempre però dentro un cono d’ombra che gli ha permesso di non lasciare tracce, di essere dimenticato prima ancora di essere riconosciuto. Chi ricorda che è stato ministro delle Comunicazioni con Prodi e in questo ruolo salvò Rete 4 in combutta con Confalonieri? Chi ricorda che ha tentato di mettere il bavaglio al web cercando poi di giustificarsi sostenendo di non aver letto la legge cosiddetta ammazzablog e solo per questo l’aveva fatta passare? Chi ricorda quante fesserie ha detto alternativamente in un senso o nell’altro  sulla nostra partecipazione in Libia o sul riscatto pagato per la liberazione delle due cooperanti in Siria che egli ha negato mentre le liberate sostengono il contrario o le innumerevoli giravolte sul caso dei marò o su quello Regeni, per non dire dell’esaltazione delle stigmate di democrazia di Erdogan?

Insomma un dilettante di potere che viene da lontano e che  nelle prossime ore sarà turibolato dai media e dai nuovi fan di rete che spuntano come gli shiitake dopo la pioggia nei querceti per il suo presunto understatement che invece è solo il risultato di una personalità anonima che quando non ha direttive precise alle quali attenersi, quando non può immedesimarsi completamente con un padrone, si confonde, fa pasticci, diventa ondivago. Per fortuna non corriamo questo rischio perché nel caso attuale, sebbene non possa identificarsi con nessuno in particolare avrà le precise scalette fornite da Napolitano, Renzi, Commissione Europea, Nato, decise a grecizzare il Paese. Farò da palo di cui non ci si accorge e contro il quale si va a sbattere. E pazienza che sarà costretto a prendere solo le fattezze di se stesso, qualcosa che forse persino lui non riesce a ricordare: Gentiloni chi?


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: