Annunci

Reddito di cittadinanza: anche i ricchi ridono

basic-incomePiù volte negli anni scorsi, in tempi per così dire non sospetti (vedi qui ad esempio), ho espresso la mia contrarietà alle formule correnti di reddito di cittadinanza o reddito di base garantito, ma adesso che i Cinque stelle, principali portatori di questa idea hanno sfondato le barriere elettorali, un gran numero di persone prima silenti, è diventata critica e fa notare che tale proposta è anche quella dei grandi ricchi, che preferiscono buttare i soldi dall’elicottero piuttosto che alzare i salari, ripristinare i diritti e la dignità del lavoro. Fino ad ora il biasimo era espresso sulla base di presunte ragioni contabili che tenevano conto solo delle uscite, ma mai del ritorno sotto forma  di tasse dirette e indirette, di aumento dell’attività economica, di taglio di molti servizi ed esborsi assistenziali che alla fine ridurrebbero la spesa a una frazione di quella ipotizzata e che anzi teoricamente potrebbero anche produrre persino un attivo dopo qualche anno. Se si vogliono fare i conti della serva bisogna farli bene.

Solo adesso e in maniera tendenziosa esce fuori, oltre al solito fumus iper bottegaio e ottuso sull’assistenzialismo, anche l’argomento vero, quello mai prima citato, mostrando che se è una cosa che suggeriscono tipi come Elon Musk, Zuckerberg, Richard Branson o Stewart Butterfield o che magari è nelle intenzioni di governi ultra liberisti come quello finlandese, gatta ci cova. E infatti ci cova, ma fino a quando il progetto era un tema di opposizione era meglio non sottolineare troppo l’interesse verso queste forme di reddito completamente slegate dal lavoro, mentre ora ci viene spiegato dagli aedi di ogni massacro sociale che o non serve (che è una cazzata), che ci vuole ben altro (il rifugio dei cretini) o che è un lato oscuro della new economy (la nulladicente finta sinistra dei giornaloni debenettiani). Certo è impressionante come da un dibattito quasi nullo su un argomento così importante, si sia passati d’un botto  a una ossessiva mitragliata di  criticismo.

In realtà forme non di reddito di cittadinanza vero e proprio, ma di assistenza reddituale esistono in tutta Europa e in molte realtà – vedi la Germania dove esistono diverse forme di integrazione al reddito – sono servite principalmente all’aumento dei profitti dell’ 1%  della popolazione, consentendo la caduta dei salari e la loro precarizzazione grazie al sostengo della mano pubblica: i milioni di mini job creati in questi anni e sotto il minimo vitale lo dimostrano chiaramente. Il fatto è che il reddito di cittadinanza o di base crea due effetti sinergici uno di tipo culturale, l’altro pratico che sono la tomba della politica e della libertà: da un lato l’idea di reddito viene completamente separato dal lavoro e dalle sue dinamiche facendo scomparire la dialettica tra le parti, la rivendicazione e i suoi strumenti nonché il sistema dei diritti, dall’altro consente alle aziende di pagare salari molto al di sotto dei limiti vitali, tanto c’è comunque il paracadute del reddito minimo aprendo lo scenario a un baratro di regresso inimmaginabile.

Non è certo un caso che questa prospettiva sia nata nei primi circoli neoliberisti degli Usa, dopo la pubblicazione di “Capitalism and freedom” (1962) da parte di Milton Friedman, e ben si sposava con l’ondata di privatizzazioni radicali che venivano progettate e nel cui quadro il reddito elargito incondizionatamente fungeva da contraltare. Oggi la medesima proposta viene di nuovo messa in campo per evitare il crollo della domanda aggregata e nello stesso tempo favorire una drastica caduta delle retribuzioni per la gioia dei portafogli degli azionisti e del manager. Una qualche idea delle conseguenze lo possiamo avere se esaminiamo l’effetto delle privatizzazioni in Italia che ha permesso da un lato la perdita di una quantità enorme di posti di lavoro, la sostituzione di gran parte dei contratti a tempo indeterminato con rapporto di lavoro precari e la nascita di un piccolo ceto parassitario, adiacente alla razza padrona, che godendo delle strutture  a suo tempo pagate con le tasse dagli italiani e delle medesime forniture si è limitato a percepire il profitto di bollette, biglietti e quant’altro, lasciando decadere tutti i servizi non essendo in grado di sostenerli con il personale  mal pagato, raccogliticcio e dunque anche incompetente a 360 gradi che ingaggia. Il reddito di sostegno non farebbe che elevare al quadrato tutto questo aggiungendoci un consistente aumento delle tariffe.

Da un punto di vista razionale sarebbe molto più logico diminuire in maniera drastica gli orari di lavoro, migliorare l’assistenza nel tantissimi campi in cui è gravemente carente, far ripartire la scuola e l’assistenza sanitaria, creare nuove attività per coprire la maggiore disponibilità di tempo, ma tutto questo provocherebbe un calo dei profitti per i ricchi e una permanenza della dialettica del lavoro invece della servitù della gleba a cui si sta andando incontro e dunque viene visto dalle oligarchie come il fumo degli occhi che preferiscono di gran lunga la beneficenza.

Ah ma così non ci sarebbe competitività! Balle, la competitività si fa sul prodotto, sulla qualità, sull’innovazione il che implica una crescita globale del Paese, della sua scuola come della sua civiltà e solo molto marginalmente sui salari tanto che Forbes ha scoperto come le retribuzioni medie in Cina superino ormai quelle dei Paesi dell’Est europa e si avvicinino moltissimo a quelle delle situazioni precarie da noi:  il salario mediano nella regione di Shangai è di 1.103 dollari al mese, in quella di Pechino di 983 dollari e di 938 in quella di Shenzen, tre regioni che da sole hanno un numero di lavoratori manifatturieri superiore a quella dell’Europa occidentale. Dunque bisogna respingere sempre e comunque l’idea di reddito di cittadinanza o di base? No a patto però che esso non sia una semplice elargizione pro consumo o funzionale alla pace sociale, non sia insomma una riedizione del basso impero, ma si inserisca in una serie di regole: che venga speso interamente nel Paese di riferimento e per beni o servizi prodotti al suo interno, qualora sia possibile, in modo da consentire una compatibilità economica, che sia almeno il doppio del minimo vitale, che faccia da base per qualsiasi altro tipo di retribuzione da lavoro la quale dovrà essere in ogni caso almeno il 20% superiore al reddito di base. In questo modo favorirebbe un circolo virtuoso e non vizioso, la crescita di aziende competitive sul prodotto, sul sapere e non sullo sfruttamento, la scomparsa del terziarismo da rapina, consentirebbe alle persone di non dover sottostare a qualunque ricatto e umiliazione spingendole dunque davvero a migliorarsi in presenza di qualche prospettiva effettiva e dovrebbe essere accompagnata da un sostanziale ritorno al pubblico dei servizi universali. Ma viviamo in un mondo in cui tutto l’irrazionale è reale e tutto il reale è irrazionale: proprio per questo la concretezza diventa un’utopia.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

8 responses to “Reddito di cittadinanza: anche i ricchi ridono

  • Giordano

    Ci fosse uno dico uno che ha letto cosa prevede il reddito di cittadinanza proposto dal M5S! Uno! Viene fuori, emerge… il solito lessico vago tipico di chi trincia giudizi ignorando totalmente o in parte l’oggetto dell’analisi.

    Mi piace

  • Eugenio Bongiorno

    A meno che non si voglia intendere la nostra Costituzione scritta da dei neoliberisti, mi pare che nell’art.38, secondo comma, via sia traccia di un reddito di cittadinanza o di qualcosa di molto simile a secondo dell’aggettivo che più piace. Ma la sostanza rimane quella. Del resto come lo sono le pensioni sociali elargite a chi non ha mai lavorato, null’altro che un reddito garantito a vita.
    Ora che i neoliberisti in modo indipendente e per altre finalità già in passato convergessero ipotizzando un qualche reddito garantito per narcotizzare eventuali rivolte, lascia il tempo che trova.
    La chiave di lettura è che quando non si può agire direttamente, allora si tende a strumentalizzare le rivendicazioni altrui onde ottenerne vantaggi, se non addirittura cavalcandole quando ritenute funzionali.
    L’europeismo, la globalizzazione vendute come fratellanza dei popoli, sono un esempio per farci passare la libera circolazione dei capitali e le inevitabili delocalizzazioni mascherate da libera circolazione delle persone alias immigrazioni di massa senza senso. Il che si è tradotto in un ritorno al primitivismo, dove orde di umani (lavoratori oggi), si spostavano al seguito dei branchi di animali (oggi imprese) per tranne cibo (oggi salario).
    Allo esempio è la sinistra funzionale al neoliberismo, quando festeggio per la Legge Martelli a fine anni ’80 che liberalizzo l’immigrazione di massa, non capendo di essere funzionale agli stessi capitalisti che in quell’apertura indiscriminata intravedevano un surplus di manodopera che gioco forza nelle logiche di mercato domanda/offerta, avrebbe compresso salari e diritti.
    In sostanza buone premesse che nascondono fini inconfessabili, o approntate in malafede sin dall’origine, oppure fatte proprie quando funzionali addirittura supportando quelle del “nemico”.
    Ma bisogna guardare in prospettiva e sul lungo termine. E qui appare chiaro che il futuro offrirà sempre meno posti di lavoro e sempre più qualificati grazie alla robotica applicata alla produzione. Quindi i posti di lavoro saranno sempre meno seppur qualificati, e questo processo sarà tanto veloce tanto più la robotica sarà economicamente conveniente rispetto ad un salariato.
    Non solo, in un futuro anteriore, saranno poi gli stessi robot ad autocostruirsi realizzando il sogno dell’uomo di affrancarsi dal lavoro ossia dalla ricerca del cibo.
    Appare chiaro che a questo punto il problema non sarà più quando il reddito garantito possa essere funzionale agli interessi dei capitalisti, perché in una sistema dove le macchine produrranno le macchine e a loro volta tutto ciò che avremo bisogno, un sistema capitalistico ossia di produzione e vendita non avrà più alcun senso. Anzi, paradossalmente sarà un freno al futuro.
    Questo del reddito garantito è solo un passaggio transitorio sulla strada che ci porterà verso il futuro, che sembreranno sempre più logiche arcaiche man mano che entreremo nel futuro.
    Bisogna ragionare sopratutto a sinistra tenendo a mente l’affrancamento totale dal lavoro come punto di arrivo, abbandonando quella visione riduttiva assistenzialista.
    Certamente il reddito da solo potrebbe essere soggetto a facile strumentalizzazione come è stato esposto nell’articolo e che in linea di massima condivido, ma servirebbe allora solo una piccola accortezza: Fissare una paga oraria minima per legge per tutti. Tanto più alta sarà, tanto più aumenteranno i salari a catena.
    Ma purtroppo come abbiamo visto recentemente, i sindacati sopratutto a sinistra si oppongono, dimostrando quando ancora oggi siano funzionali al sistema sin quando al loro interno l’ortodossia arcaica prevarrà.

    Mi piace

  • Anonimo

    Si può vedere:

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: