Annunci

Archivi tag: gas

La camera a gas delle privatizzazioni

Gas burnerOggi mi dedico al gas, intendo quello vero, quello con cui cuciniamo e riscaldiamo la casa, non quello venefico degli sceneggiati angloamericani che servono ad alimentare il caos geopolitico. Si il semplice gas di casa che tuttavia è uno degli esempi da scolpire nella pietra dei metodi quasi criminali con i quali un ceto politico lungo ha gestito le privatizzazioni. Si potrebbe parlare di molti servizi, a partire dall’acqua, ma la distribuzione del gas è particolarmente significativa perché l’orgia del privato (magari collegato alla politica) è stata chiamata a fare soldi senza una ragione al mondo e comunque senza alcuna necessità di grandi investimenti che è stato il classico trompe l’oeil con cui queste svendite venivano giustificate: le fonti della materia prima rimanevano ovviamente le stesse e i prezzi quelli del mercato internazionale, la rete di distribuzione era abbastanza efficiente ed era stata completata quasi per intero nei decenni precedenti con i soldi pubblici: si trattava solo di ritirare i soldi della bolletta per farci profitto e semmai aumentarlo licenziando o precarizzando con il pretesto della competitività.

Del resto in questa Italia dove le narrazioni neo liberiste si coniugano a meraviglia con pratiche opache e border line dal punto di vista etico era questo il modus operandi: distribuire benefici da privatizzazione a gruppi intenzionati a sfruttare il momento in cambio di regalie nei confronti dei benefattori. E del resto anche una legislazione pletorica. confusa e contraddittoria e di fatto sempre favorevole ai “padroni” faceva la sua parte: probabilmente molti ricordano la sentenza della Cassazione del 2016 che stabiliva come il licenziamento possa avvenire non solo in seguito a difficoltà economiche, ma semplicemente per aumentare i profitti. Certo si tratta delle manifestazione giuridica di un istituto dai compiti ambigui e ormai così anacronistico che dovrebbe essere cassato,  ma anche nella pratica quotidiana emerge un ambiente talmente favorevole nel complesso alle aziende di servizio che esse si possono permettere qualsiasi abuso senza davvero pagare pegno.

Per la verità qualcosa i nuovi privati potevano farla: modernizzare e portare nel XXI° secolo si sistemi di controllo dei consumi in maniera da evitare il più possibile la pratica  delle bollette “stimate” che oltre a essere un danno per l’utente, oltre a costituire uno degli strumenti più dissuasivi verso ogni forma di risparmio energetico è stato anche accettato come pratica legittima dai tribunali, sancendo così un diritto delle aziende all’arretratezza. Anzi la filiera dei controlli ha subito un’involuzione spaventosa con molti soggetti improvvisati, non in grado di far fronte a questi compiti e di certo senza la minima intenzione di investire per migliorare qualcosa o affidando a terzi, ancora meno interessati la gestione del settore. Però anche i privati che avevano maturato molta esperienza nel campo, ma che avevano visto la privatizzazione esclusivamente come una mucca da mungere per i loro azionisti, hanno fatto a gara per assicurarsi il podio della malagestione: basta vedere i danni fatti da Gas Suez, oggi Engie, che ha suscitato un vespaio di class action con le sue bollette pazze e con la sua pretesa che esse venissero pagate mentre ancora oggi una pletora di società di recupero crediti sguazzano in quest’acqua. Certo la cosa è stata così grossa che sono arrivare sentenze di condanna per richieste illegittime o per pratiche commerciali scorrette. Del resto a Roma questa multinazionale si serviva di Italgaa e di Acea visto che essa non era nemmeno abilitata si conteggi.

Ma in tanto quante centinaia di milioni di sudati risparmi se ne sono andati in fumo, quante ore si sono perse per star dietro all’avidità di questi pescecani? E dire che basterebbe qualche semplice aggiustamento a costo zero per normalizzare la situazione e riportarla sui binari della correttezza: dare per esempio due anni di tempo per adeguarsi dopodiché i consumi stimati divengono illegittimi e le aziende che non sono in grado di farlo vengono escluse dal settore, in favore magari di aziende a partecipazione pubblica come appunto Italgas e Acea che già svolgono questo compito anche per conto terzi. Tornare a legiferare realmente in favore dei consumatori, ma in questo caso direi dei cittadini visto che si tratta di servizi universali e non solo per burla come purtroppo oggi accade: basterebbe per esempio prevedere corposi rimborsi per le vittime di errori e bollette pazze che spesso sono una strategia più che un errore. Mi fermo qui perché basta il minimo sindacale per cominciare a invertire una rotta e anche se l’obiettivo potrebbe apparire modesto colpirebbe come un pugno una razza padrona abituata a lucrare senza modernizzare,

Annunci

Elmetti bianchi: Washington chiude i rubinetti

60e7d6d32ca64d6a3a9c504319d5a1d7Lo sapete bene quanto io sia “complottista” e come da anni consideri molti degli eventi che l’informazione occidentale mastica sulla Siria come frutto di una vera e propria produzione cinematografica tra i cui i principali protagonisti sono i celeberrimi elmetti bianchi, sempre presenti con i loro bimbi truccati e salvati perché si sa con i bambini l’audience aumenta e ci si ferma meno a pensare. Certo non è stato facile prendere una posizione intollerabile per coloro che si aggrappa alle cronache ufficiali, tanto più che questi elmetti bianchi, ufficialmente volontari al servizio dei civili siriani inquadrati in un’ennesima ong, sono stati costantemente accompagnati da un’aura numinosa che li faceva in odore di Nobel per la pace oltre che protagonisti di un film celebrativo, in questo caso di un meta film si potrebbe dire, prodotto da Netflix. una delle più note ditte della propaganda a stelle strisce.

Ma alla fine per una volta il tempo è stato galantuomo e la Cbs per prima ha lanciato una notizia che praticamente tenuta segreta dall’informazione occidentale: Washington ha chiuso i finanziamenti diretti nei confronti degli elmetti bianchi, cosa del tutto incomprensibile se il loro ruolo fosse così importante e così umanitario come viene detto. Per di più la stessa Cbs ha fornito dei particolari interessanti su questi angeli che gli Usa avrebbero foraggiato con 32 milioni di dollari, praticamente un terzo di tutti gli introiti della ong di riferimento, con un meccanismo messo a punto al tempo di Obama e che passava dall’ Usaid a due società di contractors, prima Chemonics dal 2014 e in seguito MayDayRescue.  Quest’ultima società è a sua volta finanziata dai governi di Germania, Gran Bretagna, Olanda e Danimarca e ha fornito comparse volontarie per tutte le presunte violazioni russe e siriane. Del resto non è affatto un mistero che a capo dell’ angelica Ong  ci sia  James Le Mesurier, ex ufficiale dell’esercito di Sua Maestà e “consulente” (leggi agente sotto copertura) del ministero degli Esteri britannico, volato in Siria nel 2011 in concomitanza con le cosiddette primavere arabe e nell’imminenza di un’operazione tipo Libia messa a punto da Obama, ma poi saltata all’ultimo momento probabilmente per un deciso intervento diplomatico russo. Del resto anche il responsabile siriano dell’organizzazione, Zouheir Albounni è un impiegato dell’Usaid.

C’è di più perché gli elmetti bianchi hanno addirittura un curatore dell’immagine nella società inglese Purpose il cui responsabile europeo, Tim Dixon è anche il cofondatore di The Syria Campaign, finanziata sia dalla fondazione Rockfeller che dalla fondazione Asfari, creata dall’omonimo petroliere siro – anglo – americano che culla il sogno di diventare capo di una Siria coloniale e che per sostenere questo sogno ha persino  ha sganciato un milione di sterline al partito conservatore della May, nonostante pesi sul suo capo un’accusa di truffa. Solo dio sa come si faccia in questa condizioni a dire “siamo fieramente indipendenti e non accettiamo fondi da governi o da parti coinvolte nel conflitto siriano”, ma non credo che per questa gentaglia una sfacciata bugia in più faccia la differenza.

Molte di queste cose erano in gran parte già conosciute, ma con la chiusura ufficiale dei fondi diretti e l’interruzione della filiera di finanziamento, esse acquistano il  valore di un’ammissione di colpevolezza se non di una confessione. Cosa abbia portato a questa inversione di tendenza non è ben chiaro così come è impossibile dire se la cosa preluda a qualche cambiamento nella campagna siriana: può essere interpretata come una fase della battaglia fra Trump e lo stato profondo o come la decisione di prendere le distanze  di un’organizzazione ormai inaffidabile, colta con le mani nella marmellata per la sceneggiata di Douma, pretesto per il bombardamento dimostrativo e criminale di tre settimane fa, ma sulla quale si addensano sempre più nubi anche da altre parti, come per esempio i reportage da Aleppo dove pare che gli Elmetti bianchi funzionassero solo come struttura paramedica di supporto ai ribelli jihadisti e non abbiamo mai fatto nulla per la popolazione civile. O il fatto che il video sul presunto attacco con i gas del 7 aprile, sia stato diffuso prima che l’aviazione siriana colpisse le postazioni dei terroristi ovviamente moderati.

Insomma una volta scoperto il trucco meglio rimescolare le carte e nascondere quelle segnate, chiudere la serie tanto più che i territori dove gli Elmetti bianchi girano il film sono sempre più ristrette e tenere in piedi il teatrino potrebbe diventare pericoloso, squadernare verità inconfessabili: al limite possono essere finanziati in nero. Del resto il caso dei White helmets non è che un capitolo di una guerra mediatica e informativa che si basa in gran parte sull’ Idlib Media center che non è esiste ed è solo un canale su you tube, quello preferito di Macron che lì vi ha trovato le prove dell’attacco con i gas. Oppure  Ana Press agenzia fondata da citizen journalist vicina fino al 2016 a Erdogan,, che si vantava di distribuire ai media internazionali soltanto notizie verificate e neutre. Disgraziatamente questa agenzia è interamente finanziata dalla ong olandese Hivos che a sua volta si sostiene grazie ai fondi dei ministeri degli esteri olandese, britannico, statunitense, danese, tedesco e canadese oltre che con quelli della Ue e dell’Open Society Institute di Soros. dunque rappresenta in pieno il fronte anti Assad. Infine abbiamo il Syria Deeply con sede a New York che si autodefinisce “la piattaforma più importante del mondo riguardo al conflitto siriano e completamente indipendente dal punto di vista editoriale.” Un vero peccato che essa sia finanziata dalla medesima Hivos e dalla fondazione Asfari che come abbiamo visto è una colonna portante della The Syria Campaign.  Insomma un verminaio.


Estrattori di dollari

fireDi una cosa possiamo stare certi: che il tentativo degli Usa e dei compagni di strada di dare vita a una stagione di neocolonialismo attraverso il caos ha come obiettivo principale le diverse aree del petrolio e del gas il cui controllo strategico è la chiave del dominio globale. Si tratta di un fatto così evidente, fin dalle vicende irakene e iraniane che ormai non c’è nemmeno più bisogno di chiarire e di sottolineare come siano questi interessi reali confusi dentro un coacervo di esportazioni democratiche, guerre civili inscenate e moralismi immorali. Ma proprio l’evidenza e l’ovvietà di tutto questo rischiano di rendere generico e abusato l’argomento, dimenticando ciò che è cambiato dentro questa logica.

Da una decina d’anni, attraverso un processo piuttosto travagliato  il gas e petrolio ricavabili  da fracking hanno finito col riportare riportato gli Usa al vertice della produzione energetica planetaria, al punto che essi non sanno più cosa fare degli idrocarburi estratti ( per fortuna che ci sono le guerre) e sono costretti a ricattare l’Europa oltre che a sanzionare la Russia anche in vista della vendita di surplus che oggi rimangono inutilizzati o peggio ancora dispersi nell’atmosfera per tenere a un certo livello i prezzi. Dunque di per sé il controllo delle aree del petrolio non ha più la stessa valenza che poteva avere 15 anni fa. Certo la tecnica del fracking è più costosa rispetto alle tecnologie tradizionali, le caratteristiche peculiare dell’estrazione portano a buoni rendimenti il primo anno e a costi in ripida salita quando si tratta di raschiare il fondo del barile, la devastazione ambientale è spaventosa, il calcolo delle riserve rimane non solo incerto, ma molto sovrastimato, per cui non si sa bene cosa potrà accadere quando con l’esaurimento delle aree più ricche si dovrà cominciare a sfruttare quelle meno remunerative. Insomma la curva di produzione potrebbe scendere abbastanza rapidamente, ma l’abbondanza di energia e di spreco in nome di un consumismo ossessivo è assolutamente vitale per il sistema neo liberista della crescita infinita e per almeno un decennio gli Usa non avranno problemi da questo punto di vista, anche se disgraziatamente non li avranno nemmeno gli antagonisti diretti, non la Russia con le maggiori riserve mondiali e nemmeno la Cina che l’anno scorso si è buttata sul gas di scisto e ne ha prodotti 9 miliardi di metri cubi, praticamente niente per il suo sistema industriale, ma un quantitativo destinato a crescere rapidamente visto l’aumento produttivo è del 20% anno su anno.

Dunque l’ossessione per il controllo delle aree energetiche che vanno dal Medio Oriente al Nord Africa, dall’Iran alla Nigeria. dal Venezuela al golfo del Messico, sembrerebbe a prima vista frutto di paranoia, Ma non lo è affatto perché il controllo delle materie prime energetiche non è più importante di per sé quanto per il mantenimento del dollaro come moneta di scambio universale: se i vari Paesi cominciassero a vendere petrolio e gas valuta contro valuta, tutto il sistema economico americano crollerebbe come uno di quei pupazzi tenuti in piedi dalla pressione dell’aria. E un’intera, potente, tradizionale elite finirebbe con lo scomparire in breve tempo. Dunque il controllo e il ricatto sono vitali per far sì che petrolio e gas, assieme ad altre risorse minerarie vengano pagate in dollari perché il giorno in cui una miriade di Paesi non avessero più bisogno di avere ingente riserve in dollari per pagare la bolletta energetica il sistema americano e il suo cosiddetto stile di vita si frantumerebbero. E’ infatti questo meccanismo che dà valore a un dollaro che sarebbe carta straccia se gli stessi criteri che vengono applicati a tutti gli altri Paesi fossero adottati anche per gli Usa.

Diciamo perciò che mentre le pressioni e i ricatti insistono sulle medesime aree col solo aggiornamento dei pretesti di intervento e/o di ricatto, le ragioni sono passate dal controllo diretto delle materie prime a quello del loro mercato, diventando paradossalmente anche più importante proprio in un mondo dove crescono anche le energie rinnovabili e dove i consumi diretti ( parlo di carburanti, riscaldamento, trasporti, cucine a via dicendo non del consumo di energia contenuto nei prodotti della fabbrica del mondo asiatica) sono insidiati dalle cadute salariali e dalla precarietà. Che insomma avrebbe teoricamente meno fame di petrolio e gas. Oggi non dobbiamo più parlare di guerre del petrolio, ma guerre del dollaro.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: