Regionali, il monumento all’elettore ignoto

breakingprimarie-2E’ incredibile che a quattro giorni di distanza dalle elezioni regionali il Viminale non sia ancora in  grado di presentare il quadro completo dei risultati ed è ancora più grave e ridicolo che ciò avvenga in un Paese dove una riforma elettorale infame e di natura oligarchica è stata spacciata ai cittadini più sprovveduti come mezzo per sapere chi ha “vinto il giorno dopo”. Intanto, per fortuna sappiamo chi ha perso, i numeri che ci sono appaiono sempre più impietosi nei confronti del bullo rignanese e della sua corte dei miracoli, nonostante la straordinaria campagna mediatica in suo favore, la costante alterazione di dati e persino l’occhio di riguardo di una magistratura che ritarda i provvedimenti perché non influenzino le urne, come è accaduto per la seconda grande retata di Mafia Capitale.

Tuttavia la presenza di dati più completi rispetto a quelli che si avevano a botta calda, permette non solo di misurare il rapido sfaldamento del progetto renzista tra chi ha votato, ma di far risaltare il totale scollamento dell’elettorato  rispetto al sistema politico. Unendo infatti la percentuale delle astensioni al dato finalmente disponibile ( non ancora per tutte le regioni) delle schede bianche o nulle  il quadro diventa ancora più inquietante. Polisblog presenta già un primo conto di questo deterioramento della rappresentatività politica generale.

Facciamo qualche semplice conto focalizzando il discorso sul Pd renziano che è il grande sconfitto di questa tornata elettorale, ma sapendo che il discorso vale anche per gli altri. Dunque in Liguria il sedicente partito della nazione che ha tentato di tutto pur di sfangarla, persino arruolando il “sinistro” Bersani in aiuto della Paita, ha preso il 28, 1% dei voti validi , il 26,9% dei voti totali,  ma solo il 13, 6% del consenso degli elettori  la metà dei quali non è andata ai seggi e per il 2% ha messo nell’urna una scheda bianca. Tuttavia la percentuale scende all’ 11,6% se si considera l’insieme dei liguri, mentre godrà del 26,7% dei seggi in consiglio regionale. E questo solo perché è uscito sconfitto: i vincitori berlusco – salviniani  avendo preso il consenso di solo il 13% dei residenti nella regione, avrà il 36, 7% dei seggi.

La cosa è ancor più evidente in Puglia dove il Pd di Emiliano ha vinto prendendo il 46,1% dei voti validi, il 42,6% dei votanti, il 22% del corpo elettorale e infine il 19,2% dei pugliesi, ma ottenendo il 59% dei seggi  in consiglio regionale.

Ma la cosa diventa esplosiva in Umbria dove la percentuale di schede bianche ha raggiunto addirittura il 28,6% dei votanti, vale a dire quasi la stessa percentuale del Pd, un record storico mondiale, un monumeto all’elettore ignoto, per così dire che dimostra come si stia rapidamente arrivando a un punto di rottura. Ora proviamo ad estendere questo quadro al livello nazionale nel quale una percentuale del 40% dei voti validi dà diritto alla maggioranza assoluta dei seggi (340 su 630): si può governare il Paese con appena il 15% dei consensi e con forse solo metà di questi consapevolmente favorevoli al premier che scaturisce dal voto.

Non ci vuole molto per capire che siamo dentro un’emergenza democratica nella quale l’assenza di rappresentatività anche sul puro livello numerico e senza contare la subalternità del milieu politicante ai poteri economici, sta creando un grande vuoto politico potenzialmente esplosivo e annunciatore di esiti infausti per la tenuta del Paese se non verrà riempito al più presto. Non siamo in tempi normali e  le modalità, le prassi, le abitudini dei tempi normali funzionano poco: ci vuole un nuovo soggetto politico capace di navigare nelle grandi praterie della disillusione e della rabbia, trasformandole in una occasione di cambiamento reale. Un territorio che non può essere conquistato dalla sinistra radicale e dai suoi espedienti di fase che si risolvono nell’inconcludenza, specie ora che la grande speranza di Syriza rischia di fallire. Che di certo non potrà essere coperto dai tardivi e timidi esperimenti di secessione dal Pd renziano. Ma che nemmeno può essere espugnato davvero dal M5S a causa dei suoi limiti di struttura, di ideazione, ma soprattutto del suo tendenziale autismo della protesta che lo ha portato a perdere una straordinaria occasione per impedire la deriva del Paese. Bisognerebbe forse trovare una qualche formula di alleanza alla Podemos per evitare di finire in mano ai peggiori demagoghi e ai peggiori istinti.  Ma chissà, forse mancano gli uomini e il respiro, forse manca una generazione che risponde solo allo smartphone, forse quei peggiori istinti hanno già vinto.

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

3 responses to “Regionali, il monumento all’elettore ignoto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: