Esultazione, esultazione

Ho sempre invidiato gli ottusi, quelli che proprio non riescono ad andare al di là del pensiero prevalente sia nel mainstream della società che nei circoli o nei salotti ristretti in cui navigano, nella maggioranza, come negli ambienti antagonisti veri o presunti che siano, quelli che hanno sempre e comunque bisogno di “far parte” prima ancora che di sapere: la loro difficoltà a comprendere non è dovuta a scarsa intelligenza, ma a un fattore emotivo, esistenziale, all’orrore di essere soli che fa aggio su qualunque cosa e si insinua nella mente come un gatto di Schroedinger rendendo indecidibile l’evidenza, anche quando si apre la scatola e si spezza la funzione d’onda.  Così essi possono convincersi di qualsiasi assurdità , di prendere qualsiasi abbaglio, al limite di fingere l’adesione a una qualunque momentanea verità. E non ha importanza che si tratti di una finta pandemia nella quale l’assassino non è il virus, ma al contrario chi ha diffuso il panico per motivi del tutto estranei alla salute, facendo collassare servizi sanitari già depredati e negando una vera assistenza a milioni di persone che sfortunatamente hanno problei nem più seri di una sindrome influenzale, oppure che si voglia esprimere felicità per la vittoria di Biden come un qualsiasi scalzacane Pd 5, anche quando si pretenda di militare nella sinistra radicale o comunque in una posizione critica rispetto al sistema. Come per esempio è successo al sempre più umbratile Cremaschi .

E’ davvero strano compiacersi per l’elezione dalle modalità terzomondiste di un massacratore delle sinistre sudamericane, di un imperialista a tutto tondo, di un corrotto  e di uno svanito, quando tutta l’operazione Biden, pandemia e Blm compresi, ha fin dall’inizio puntato non solo ad eleggere un candidato, mai così puramente di facciata,. ma ad accreditare il  partito democratico come  fiduciario pressoché esclusivo dei poteri economici forti, un obiettivo per il quale è stata assassinata la sinistra di Sanders: come dimostra la vicepresidenza della Harris dopo l’abiura alle primarie democratiche di luglio. Tutto questo in una situazione che vede Trump come vincitore morale in primis perché e stato vittima di sondaggi costruiti ad arte e così fasulli da fare concorrenza alle “morti per Covid”: non avevano previsto che Donald avrebbe raccolto tra i 7 ei 10 milioni di voti in più a rispetto al 2016. L’idea trasmessa da tutta l’informazione di ogni livello era che quattro anni prima la “demagogia trumpiana” aveva ipnotizzato un elettorato ingenuo che ora era pentito e che certamente lo avrebbe abbandonato. E’ accaduto l’esatto contrario e anzi paradossalmente Trump ha riscosso più consensi tra i neri e i latini rispetto al 2016: i primi sono passati dal 13 al 17% e i secondi dal 32 al 35%. il fatto è che l’America è divisa in due e se Trump non è di certo un personaggio esaltante è tuttavia riuscito ad estendere un consenso personale di cui i repubblicani non possono più fare a meno, mentre l’altra parte contiene i rappresentanti dell’establishment appoggiati da quasi tutti i media e infarcito di lobbisti che considerano l’America delle classi popolari e della classe media come incomprensibile e scandalosa.  Per di più il voto a Trump è concentrato negli stati centrali vale a dire nelle aree che guardano più a migliorare la situazione locale, mentre quello a Biden viene dagli stati costieri, dunque quelli storicamente più  sensibili al dominio marittimo e dunque all’imperialismo e all’interventismo

Ci sono insomma tutti i sintomi di una divisione radicale dell’America che potrebbe essere esplosiva sia all’interno, sia all’esterno anche per la preoccupante mediocrità dell’elite americana, non più supportata dai vecchi europei intelligenti come  Brzezinski o Kissinger, capaci di avere una visione per quanto repellente: tutto è affidato a personaggi rimbambiti o umorali e ai desiderata di un complesso militare che è ormai stato nel semistato della governance dell’oligarchia. Del resto basta vedere come Putin ha giocato gli Usa e la Nato in Caucaso per rendersi conto in che mani siamo. Esultare è solo l’ennesima stupidaggine.

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: