Annunci

La vittoria del Peggio

nigerAnna Lombroso per il Simplicissimus

Lettura dei fondi di caffè, osservazione di uccelli che attraversano il grigio cielo invernale, accurata indagine sulla paiata e altre viscere,  sono diventate ormai procedure più attendibili di qualsiasi sondaggio e qualsiasi analisi  di misuratore della percezione e di opinionisti un tanto al metro.

Ma stavolta non servono i vecchi sistemi e nemmeno quelli nuovi: posiamo star sicuri che vincerà il peggio, quello trasversale, tanto che serpeggia e innerva tutto e tutti, si presta a qualsiasi maggioranza e alleanza lontano com’è dalla politica della vita e da noi. E che, ciononostante, avrà un consistente seguito elettorale in una tenzone più virtuale, immaginaria e sgangherata della piattaforma 5stelle: rappresentazione liturgica officiata in omaggio a una simulazione democratica. Perché quel peggio è la scelta più comoda, quella che permette l’abbandonarsi codardo alla corrente avvelenata, che legittima la reazione scomposta e irrazionale alla concorrenza sleale di gente che sta peggio di noi, talmente peggio da non essere autorizzata nemmeno a provare invidia o emulazione,   desiderando una quota perfino inferiore del nostro benessere.

E  che nemmeno finge più disapprovazione per il razzismo di chi sa diluire le ingiustizie ai nostri danni nella brodaglia velenosa dove si conferiscono le disuguaglianze e le iniquità globali, dandosi una parvenza morale e antropologica in qualità di custode di quei valori che ogni giorno calpesta e in nome d una superiorità fatta solo di sopraffazione miserabile, odio per chi è diversa: povero, barbone, nero, giallo. E cosa c’è di meglio di un accidioso vittimismo che attribuisce, a altri sotto di noi, la colpa di essere, “noi”, diventati irresponsabili, che consente a “noi” di rendere legalmente  schiavi altri per esercitare un potere irrisorio che ci faccia dimenticare la nostra stessa servitù? Che invita a convertire  la paura in aggressività consumata sui più deboli, come sempre  avvenuto da che mondo è mondo, quando si sceglie un nemico per autorizzare la guerra?

Non a caso i due temi legati indissolubilmente e che circolano come un gas mefitico in tutte le sedi deputate alla propaganda e all’intrattenimento politico sono sicurezza e immigrazione. Sicurezza promossa da desiderabile condizione a garanzia di armonia e coesione sociale, a diritto fondamentale e primario,  tanto da imporre l’abiura e richiedere la rinuncia volontaria a altri diritti. E l’immigrazione, l’oscura minaccia che domina l’epoca del risentimento e che fa sì che ragione e pensiero finiscano per ancorarsi dalla sfera delle emozioni e delle pulsioni irrazionali.

Sicché, tramontato il sogno demiurgico del progresso, che abbiamo cominciato a interpretare come un susseguirsi di benedizioni e maledizioni, le ultime forse in misura maggiora delle prime, il futuro appare per quello che è, denso di rischi e di perdita di beni e valori, con l’accelerata diminuzione di risorse la fragilità delle posizioni sociali. Ed anche con la sensazione frustrante di aver perso il controllo delle nostre vite, ridotte a pedine mosse avanti e indietro da giocatori sconosciuti,  remoti nella Las Vegas  globale e indifferenti ai nostri destini e ai nostri bisogni.

Il fatto è che sono proprio loro  che hanno originato, o meglio creato le nostre paure, perché chi ne è affetto sia disposto a qualsiasi remissione  per limitare timori e angosce, compresa la consegna totale di aspirazioni, inclinazioni, dignità e talenti.

Nel momento in cui un paese straccione e come tale trattato dai grandi, impegna risorse che dovrebbero avere ben altra destinazione per offrire servigi da lacchè a potentati vicini in spedizioni coloniali e belliche in terre prostrate e dilaniate, come il Niger,  chiunque non sia accecato dalla benda del terrore, compresi quello di un sedicente terrorismo, può capire   che si tratta di un’impresa che porterà altre morti altri lutti altri profughi altri fuggiaschi.

Da sempre azioni imperiali e scorrerie e campagne predatorie hanno prodotto fenomeni di immigrazione, ma che potevano essere controllati, limitati, incoraggiati, programmati. Non è così con questi esodi, queste migrazioni, questi flussi che sfondano e bypassano ogni porta e ogni contrafforte frettolosamente eretto e che producono negazione, respingimento, rifiuto.

Sono quei giocatori che faranno vincere il loro candidato – quel Fontana o i Fontana in giro per il mondo, perché puntano su qualcosa di insondabile e diffuso,  una intolleranza che nasce prima delle dottrine e delle pratiche della differenza, che  si formano dopo per spiegare emozioni ostili, negative e antagonistiche esaltate dalla perdita di status e beni. In modo da accentuare la divisione perversa : Noi contro Loro, quei Loro  che nella mappa delle nostre vite e delle nostre identità vivevano in geografie indicate  come hic sunt leones  e che le hanno abbandonate per collocarsi in maniera perturbante accanto a noi.

È per quello che fanno sì che noi con loro non scendiamo a patti, con ci convinciamo e  non ci convertiamo, perché l’inferiorità di loro è  deve restare tale, permanente  e irreparabile, come uno stigma  indelebile e una condanna senza riabilitazione per illuderci della nostra superiorità. E anche a condannali siamo stati noi, con guerre, ruberie, prevaricazioni e anche  se i più educati tra gli xenofobi, i più acculturati tra i razzisti ci invitano a ospitarli a casa nostra, nelle modeste dimostrazione di buona volontà e impegno solidale, quello che già dimostriamo pagando le tasse e i servizi, o ci raccomandano di riflettere sulla nostra carità pelosa che li costringe in lager e centri di accoglienza disumana, raccomandando la bontà  dell’aiuto in casa loro, in Niger forse? Perorando  la causa della nostra civiltà superiore, unica compatibile con quelle democrazie che i giocatori hanno deciso di cancellare per paura che torniamo a essere uomini migliori e  liberi, come non abbiamo mai saputo essere.

 

 

 

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

10 responses to “La vittoria del Peggio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: