Annunci

Un McDonald per Renzi e Napolitano

renzi-mcdonald-454x372I risultati del referendum costituiscono una vittoria strategica, perché non hanno solo messo fine al tentativo di manipolare e svuotare la Costituzione, ma hanno anche segnalato i limiti dell’egemonia culturale liberista, quella importata da Craxi, trasmessa via etere da Berlusconi e arrivata al capolinea nella sua versione più corrotta e ambigua con Renzi. Ieri attribuivo proprio al palesarsi di questo limite, in Italia come altrove, l’incredibile livore divisivo messo in mostra dagli sconfitti ( vedi qui) i quali intuiscono di non aver perso soltanto una battaglia, ma di doversi accollare i rischi di una lunga guerra per far trionfare l’oligarchia, invece della passeggiata che si aspettavano. Oggi finalmente possiamo vedere con chiarezza il ribaltarsi della celebre teoria dei Golden Arches, ovvero dei due archi di Mc Donald’s con cui Thomas Friedman popolarizzò una delle illusioni liberiste: ovvero il fatto che due Paesi nei quali vi siano i McDonald non combatteranno poiché ognuno ha ottenuto il suo ristorante, ovvero i suoi beni di consumo.

Detto così sembra una stravagante stronzata americana e ci si potrebbe chiedere come mai – al netto della mitologia Usa – possa essere stata non solo creduta, ma messa al centro di raffinate discussioni. In realtà dietro i mediocri panini grondanti di grassi misteriosi si agita l’idea del capitalismo globalizzatore, la stessa che in definitiva ha sorretto tutte le teorie fondanti dell’unificazione europea, compreso il manifesto di Ventotene. Naturalmente non è accaduto e mai ci sono state tante guerre e stragi sotto come sotto la pax liberista, né mai la democrazia è stata più agonizzante, ma d’altronde l’illusione della pace è un vecchio inganno e fu sfruttata in maniera completamente documentata da Augusto per distruggere i resti della Repubblica romana e trasformarsi in divino dictator . Oggi potremmo tranquillamente dire che nessun Paese con un McDonald può rimanere a lungo una democrazia. Naturalmente non voglio dire che la presenza di una panineria è la causa del declino democratico, né che un hamburger porta direttamente alla dittatura, ma che sotto l’assalto del capitale transnazionale, simboleggiato da McDonald che è stato un pioniere di ciò che va sotto il nome di globalizzazione, la democrazia come sistema vivente appassisce e muore. Certo esistono partiti e parlamenti, continua ad esistere il rito delle elezioni , ma il potere vero è quello dei centri finanziari con la loro enorme capacità di ricatto, i lobbisti, l’Fmi, la Bce, le  multinazionali, i decisori non elettivi come la Commissione Europea, tutti soggetti che di trattato in trattato hanno estromesso  i cittadini dalle decisioni. E questa realtà si è incarnata al suo massimo livello, dunque al suo peggiore livello, in sedicenti trattati commerciali come il Ceta, il Nafta, il congelato Ttip o il trattato Trans pacifico grazie ai quali viene concesso alle multinazionali il potere di interdire le leggi nazionali in materia di ambiente, lavoro, salute diritti e di chiedere risarcimenti attraverso tribunali off shore formati da lobbisti in caso le politiche locali non soddisfacessero i loro interessi.

Ora dalle analisi del voto pare che la vittoria di Trump sia in gran parte dovuta alla promessa (che probabilmente verrà tradita) di smantellare simili trattati. Non perché Trump sia così attento alla democrazia, ma perché in concreto essi stimolano le delocalizzazioni e dunque la disoccupazione in patria creando uno stato di tensione che rischia alla lunga di far saltare la cupola dei ricchi.  Ma l’economista di Harvard, Dani Rodrick, avverte oggi, sulla scorta del più celebre giurista americano, Louis Brandeis  e su quella dell’inventore della legge anti trust, Patman che  democrazia e sovranità sono incompatibili con l’ iper golablizzazione. O per dirla in altro modo con Roosevelt: ” la libertà di una democrazia non è al sicuro se il popolo tollera la crescita del potere privato fino al un punto in cui diventa più forte dello stato democratico stesso”. Ho scelto appositamente pensieri e pareri nati nello stesso Paese dove è incubato il neo liberismo, venduto poi in tutto l’occidente e altrove sotto forma di frasi fatte e miti senza sostanza veicolati da panini. Per quarant’anni è stato fatto uno sforzo gigantesco perché si credesse il contrario, che Stato, sovranità, diritti, tutele. politica, non fossero che catene per la crescita economica, che bisognava lasciar fare al privato, ai soldi, ai clan dei potenti e dei ricchi che sanno ciò che fanno. E tutti i discorsi in un modo o nell’altro cadevano  dentro questi mantra, queste crune dell’ago. Ancora adesso, nonostante la realtà abbia fatto giustizia di tali sciocchezze, si fa fatica a uscire da questo universo concentrazionario.

Bisogna salvare la democrazia dalla dittatura di finanza e multinazionali e il messaggio partito dall’Italia con la difesa della Costituzione e dunque del libero ordinamento, è forse il più chiaro di tutti quelli venuti dal mondo occidentale. Questo è il vero nuovo, altro che bulletti da quattro soldi e fini giuristi di fantasia : da McDonald ci vadano Renzi e Napolitano.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

2 responses to “Un McDonald per Renzi e Napolitano

  • diderot39

    A chi vedesse come sono trattate le povere bestie che finiscono nei panini dei MacDonald (noto anche come MacPoison e MacDeath) farebbe gia’ schifo nominare il nome della catena – fondata sull’idea che avvelenarsi a MacDonald e’ il solo modo di nutrirsi ecnomicamente. A parte il fatto che chi scrive e’ vegetariano, le moltissime ‘food-carts’ sorte dal nulla in molte citta’, offrono cibo migliore e altrettanto economico.
    Chi volesse scoprire qualcosa di piu’ a proposito di MacDonald puo’ leggere il post “French Fries and Strange Flesh” http://wp.me/p2e0kb-1OJ
    Che poi MacDonald sia assurto a simbolo del neo-liberismo e’ meritata nemesi semantica.

    Mi piace

  • learco

    Un video articolo interessante: “Come ti ribalto il referendum” sulle contromosse della tecnocrazia di Bruxelles:

    http://www.byoblu.com/post/video-dal-web/claudio-messora-radioradio-okkio-alla-troika

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: