Annunci

Archivi tag: referendum costituzionale

La lingua batte dove la democrazia duole

demauro_2E se ne è andato anche Tullio De Mauro, il più illustre linguista italiano e soprattutto l’indagatore di quell’analfabetismo funzionale che sembra vedere l’Italia ai primi posti del mondo, sebbene il fenomeno sia piuttosto diffuso in occidente. Dico subito che non ci credo molto a queste quantificazioni: da troppo tempo studiosi e ricercatori europei si trovano aggiogati a forme di “ricerchismo” di marca anglosassone, tutti misurati su parametri Usa, privi di considerazione per i diversi contesti culturali, per la differenza di complessità nell’uso quotidiano e/o formale delle diverse lingue, per il diverso grado di standardizzazione espressiva e documentale, intendendosi quest’ultima la formulazione di documenti burocratici e legali, per  la stessa struttura sociale e di relazione. Non è una sorpresa che gli indici più bassi di analfabetismo funzionale, secondo questi criteri, la si riscontri nell’ambito anglosassone dove gli usi linguistici sono estremamente omologati e spesso rudimentali, anche se frazionati in gerghi di area, di età o di classe. Purtroppo per mezzo secolo siamo vissuti dentro una falsa e rozza interpretazione imperiale delle teorie linguistiche di Chomsky sull’innatismo della lingua, per cui essendo la “grammatica profonda” la stessa era considerato indifferente usare questa o quella lingua, mentre invece ogni idioma trascina con sé valori e visioni del mondo (vedi nota). E in effetti basterebbe analizzare il profluvio di inglesisimi che accogliamo per accorgerci che essi sono funzionali o al nascondimento della realtà o ad eludere la stessa o a provocare una traslazione di valori.

Anni fa quando fui casualmente coinvolto nella stesura di una sceneggiatura di uno dei primi film che si occupavano della rete e dei rapporti di rete i miei interlocutori sulle sponde del Pacifico ritenevano che scrivessi in ottimo inglese, nonostante che io abbia una conoscenza poco più che embrionale di questa lingua. Quindi figuratevi. Di contro sono un totale analfabeta funzionale se si tratta di compilare una dichiarazione dei redditi, di scrivere una domanda o una liberatoria, di comprendere perfettamente un contratto nelle sue sfumature legali o le modalità di pagamento di una multa, a causa del fatto che la burocrazia e la giurisprudenza nel contesto italiano, parlano e non a caso una lingua a se stante. Ma a parte questo il problema è reale: l’analfabetismo funzionale, ovvero la capacità di leggere, scrivere e far di conto, ma in maniera poco più che primitiva per il primo stadio e in maniera incerta per l’ultimo, sta diventando un problema esplosivo in tutti i sensi perché nel contesto della cosiddetta società della comunicazione, nell’oceano agitato delle parole ciò che viene afferrato e memorizzato dai più sono sole le frasi fatte e i concetti che vengono ripetuti più di frequente come accade sempre si si ha qualche difficoltà.

Se come scriveva De Mauro il 70% degli italiani è in qualche misura  un analfabeta funzionale e il 30% circa in modo grave, è chiaro che l’esposizione questo flusso, in presenza di filtri a maglie molto larghe, tratterrà solo i contenuti più grossolani, rendendo molto facile  il lavoro dei mestieranti del pensiero unico. E questo naturalmente, in varia misura, molto al di là dei numeri e di chi li dà, è vero dovunque: l’aumento esponenziale degli stimoli per poter essere controllato dovrebbe prevedere anche quello dell’istruzione per dotare tutti di un vaglio più fine, mentre invece proprio la scuola è sotto attacco per trasformarla da diritto in facoltà di chi se la può permettere. Solo la realtà concreta delle proprie condizioni riesce a infrangere le barriere e a superare questo gap a mettere in crisi la narrazione favolistica ed elementare, permettendo di collegare cause ed effetti che vengono sempre e attentamente tenuti sotto traccia. Proprio questo a ha permesso di sconfiggere alterazioni costituzionali che volevano fare dell’Italia anche de Iure una Repubblica fondata sull’ignoranza, come sosteneva De Mauro, e sulla diseguaglianza come è sempre più evidente.

Nota Che vi siano delle aree cerebrali e dei moduli specifici per il linguaggio non vuole dire affatto che tutte le lingue siano uguali: anche il rinencefalo, la parte più antica e arcaica del cervello, ha la stessa funzione per quanto riguarda l’olfatto, ma ciò non toglie che le singole persone e le diverse culture abbiano una diversa percezione e catalogazione e degli odori e di ciò che ad essi è legato.

Annunci

Un McDonald per Renzi e Napolitano

renzi-mcdonald-454x372I risultati del referendum costituiscono una vittoria strategica, perché non hanno solo messo fine al tentativo di manipolare e svuotare la Costituzione, ma hanno anche segnalato i limiti dell’egemonia culturale liberista, quella importata da Craxi, trasmessa via etere da Berlusconi e arrivata al capolinea nella sua versione più corrotta e ambigua con Renzi. Ieri attribuivo proprio al palesarsi di questo limite, in Italia come altrove, l’incredibile livore divisivo messo in mostra dagli sconfitti ( vedi qui) i quali intuiscono di non aver perso soltanto una battaglia, ma di doversi accollare i rischi di una lunga guerra per far trionfare l’oligarchia, invece della passeggiata che si aspettavano. Oggi finalmente possiamo vedere con chiarezza il ribaltarsi della celebre teoria dei Golden Arches, ovvero dei due archi di Mc Donald’s con cui Thomas Friedman popolarizzò una delle illusioni liberiste: ovvero il fatto che due Paesi nei quali vi siano i McDonald non combatteranno poiché ognuno ha ottenuto il suo ristorante, ovvero i suoi beni di consumo.

Detto così sembra una stravagante stronzata americana e ci si potrebbe chiedere come mai – al netto della mitologia Usa – possa essere stata non solo creduta, ma messa al centro di raffinate discussioni. In realtà dietro i mediocri panini grondanti di grassi misteriosi si agita l’idea del capitalismo globalizzatore, la stessa che in definitiva ha sorretto tutte le teorie fondanti dell’unificazione europea, compreso il manifesto di Ventotene. Naturalmente non è accaduto e mai ci sono state tante guerre e stragi sotto come sotto la pax liberista, né mai la democrazia è stata più agonizzante, ma d’altronde l’illusione della pace è un vecchio inganno e fu sfruttata in maniera completamente documentata da Augusto per distruggere i resti della Repubblica romana e trasformarsi in divino dictator . Oggi potremmo tranquillamente dire che nessun Paese con un McDonald può rimanere a lungo una democrazia. Naturalmente non voglio dire che la presenza di una panineria è la causa del declino democratico, né che un hamburger porta direttamente alla dittatura, ma che sotto l’assalto del capitale transnazionale, simboleggiato da McDonald che è stato un pioniere di ciò che va sotto il nome di globalizzazione, la democrazia come sistema vivente appassisce e muore. Certo esistono partiti e parlamenti, continua ad esistere il rito delle elezioni , ma il potere vero è quello dei centri finanziari con la loro enorme capacità di ricatto, i lobbisti, l’Fmi, la Bce, le  multinazionali, i decisori non elettivi come la Commissione Europea, tutti soggetti che di trattato in trattato hanno estromesso  i cittadini dalle decisioni. E questa realtà si è incarnata al suo massimo livello, dunque al suo peggiore livello, in sedicenti trattati commerciali come il Ceta, il Nafta, il congelato Ttip o il trattato Trans pacifico grazie ai quali viene concesso alle multinazionali il potere di interdire le leggi nazionali in materia di ambiente, lavoro, salute diritti e di chiedere risarcimenti attraverso tribunali off shore formati da lobbisti in caso le politiche locali non soddisfacessero i loro interessi.

Ora dalle analisi del voto pare che la vittoria di Trump sia in gran parte dovuta alla promessa (che probabilmente verrà tradita) di smantellare simili trattati. Non perché Trump sia così attento alla democrazia, ma perché in concreto essi stimolano le delocalizzazioni e dunque la disoccupazione in patria creando uno stato di tensione che rischia alla lunga di far saltare la cupola dei ricchi.  Ma l’economista di Harvard, Dani Rodrick, avverte oggi, sulla scorta del più celebre giurista americano, Louis Brandeis  e su quella dell’inventore della legge anti trust, Patman che  democrazia e sovranità sono incompatibili con l’ iper golablizzazione. O per dirla in altro modo con Roosevelt: ” la libertà di una democrazia non è al sicuro se il popolo tollera la crescita del potere privato fino al un punto in cui diventa più forte dello stato democratico stesso”. Ho scelto appositamente pensieri e pareri nati nello stesso Paese dove è incubato il neo liberismo, venduto poi in tutto l’occidente e altrove sotto forma di frasi fatte e miti senza sostanza veicolati da panini. Per quarant’anni è stato fatto uno sforzo gigantesco perché si credesse il contrario, che Stato, sovranità, diritti, tutele. politica, non fossero che catene per la crescita economica, che bisognava lasciar fare al privato, ai soldi, ai clan dei potenti e dei ricchi che sanno ciò che fanno. E tutti i discorsi in un modo o nell’altro cadevano  dentro questi mantra, queste crune dell’ago. Ancora adesso, nonostante la realtà abbia fatto giustizia di tali sciocchezze, si fa fatica a uscire da questo universo concentrazionario.

Bisogna salvare la democrazia dalla dittatura di finanza e multinazionali e il messaggio partito dall’Italia con la difesa della Costituzione e dunque del libero ordinamento, è forse il più chiaro di tutti quelli venuti dal mondo occidentale. Questo è il vero nuovo, altro che bulletti da quattro soldi e fini giuristi di fantasia : da McDonald ci vadano Renzi e Napolitano.


La rabbia degli sconfitti rivela la loro miseria

27779724215_314bccafae_mSe riuscite a mantenere il sangue freddo e se non avete una mitragliatrice in casa, circostanza che potrebbe far nascere la tentazione di usarla, può essere divertente e istruttivo immergersi nella rabbia senza fine e immancabilmente segnata dalle stigmate della volgarità intellettuale degli sconfitti del Si, siano essi politici, commentatori di giro, clientes, ideologi un tanto al chilo, genuflessi per vocazione, cambiamentisti al soldo o semplicemente ottusi, arancioni apolidi riempiti di biglietti verdi, confindustriali, banchieri o oligarchi di Bruxelles e Berlino. Brucia che gli italiani abbiano osato difendere la Costituzione e l’idea di società che essa implica, che soprattutto i giovani abbiano rifiutato le manipolazioni e gli illusionismi di cui sono vittime, che il gigantesco sistema mediatico mobilitato per l’occasione abbia fallito, che le minacce finanziarie evocate da mesi non abbiano fatto presa e che nemmeno le estorsioni di voto praticate da molte aziende abbiano avuto successo.

Se si può capire il livore cieco di certi piddini messi di fronte al fallimento di un progetto e al pericolo che sparisca o si riduca la mangiatoia, non si sa da dove nasca quello di commentatori, giornali, televenditori di news tutti furibondi per il fatto che gli elettori non abbiano seguito i loro consigli, gli stessi del resto che danno ormai da un decennio mentre tutto crolla. La rabbia svela tutti i loro retro pensieri. Devono pur campare, certo, ma ormai sembrano diventati kagemusha dei ricchi e dei loro pensatoi dove si sprigionano gli effluvi di un classismo rovesciato spregevole e anacronistico insieme. Il fatto è che il voto italiano è per molti versi un segnale di crisi  per le oligarchie globaliste e liberiste molto più chiaro del Brexit o dell’elezione di Trump, sia sul piano pragmatico che su quello della narrazione. Di certo le elites anglosassoni avrebbero preferito altri risultati, ma sono pienamente in grado di gestire una Gran Bretagna fuori dall’Ue ( del resto era già piuttosto appartata prima) o di indirizzare Trump e poi comunque il voto della fascia più giovane dell’elettorato si è dimostrata la più sensibile e conformista rispetto agli illusionismi e alle parole d’ordine, alla sottrazione di democrazia nascosta sotto il bon ton di formule rituali e l’edonismo da pub.

In Italia invece è stato l’esatto contrario: i giovani si sono posti a difesa della vecchia Costituzione, odiata dai poteri liberisti come ultimo ostacolo al loro nuovo medioevo, avvertendo l’inganno e la retorica di un cambiamento che è solo un gioco di prestigio parolaio, così come le sciocchezze sullo scontro generazionale. Le fumisterie idiote sono state respinte e chi ha votato per il cosiddetto “nuovo” sono stati i pensionati, facendo sprofondare nel suo luogo naturale il grottesco renziano. Ma con questa rivendicazione in favore della democrazia e dei diritti ad essa connessi hanno anche mandato in crisi la costellazione di potere che in Italia ha curato gli interessi del capitale globale, spesso di casa persino al Quirinale e contemporaneamente hanno messo un bastone fra le ruote della governance europea e dei suoi meccanismi: con la crisi bancaria, sintomo di una malattia giunta all’ultimo stadio grazie ai medici di Bruxelles, diventa chiaro che il Paese o sceglie la strada della sottomissione greca con il degrado civile e conseguenze esplosive o sarà costretto a sottrarsi all’abbraccio mortale dell’euro e dell’Europa per salvare ciò che rimane dell’industria e della propria economia.

Tutto questo non era implicato nell’uscita della Gran Bretagna, sia perché non ha la moneta unica, sia perché era fuori da molti trattati capestro che non aveva voluto firmare: la demonizzazione dell’uscita derivava più che altro da una questione simbolica, ma con l’Italia – benché la posta appaia più marginale – è diverso perché pone un macigno sulla bilancia dell’europeismo finanziario, mercatista e mercantilistico, ovvero il ritorno ai diritti e alla centralità del lavoro: diventa la cruna dell’ago attraverso il quale si deciderà o un profondo cambiamento dell’unione continentale in maniera che si configuri come area di sviluppo comune e non di sfruttamento, impoverimento, degrado, oppure la sua dissoluzione. Quindi è chiaro come i fautori dello status quo non trovino pace, che abbiano il dente avvelenato e il cervello disancorato, che quanto prima cominceranno a remare contro: tanto peggio per noi, tanto meglio per loro. Non se l’aspettavano e non si aspettavano nemmeno che il loro pupillo gli mettesse in guai del genere, tutto teso a consolidare ciecamente il proprio potere personale e di clan. A questo punto dobbiamo fare tesoro dell’esperienza greca e iberica: cominciato il guado o si va avanti o si finisce peggio di prima, per di più bagnati e infreddoliti. Dopo avere evitato che la Costituzione venisse aggredita e in definitiva ridotta a carta straccia, bisogna cominciare a realizzarla.


Lectura dantis del potere: Ricordati di me che son il Pisapia

210857219-b1bf9abe-4717-44e6-bcf8-91e0e58bb1c0In anni che sembrano ormai lontani, quando il sindaco di Firenze, battezzato da Blair e da J.P. Morgan si arrampicava verso Roma, spendeva e spandeva in cene, viaggi, in assurdi tentativi di rintracciare la Battaglia di Anghiari oltre che nello scasso speculativo della città e del contado, dissi nella incredulità di alcuni amici piddini che Renzi avrebbe distrutto il partito. E infatti ora è accaduto. Tanto accaduto che il partitone di Repubblica cerca di prevenire possibili uscite ostili a sinistra dal partito, rispolverando il crossdresser politico Pisapia, con infatuazione renziana incorporata,  come possibile leader di un sedicente Campo progressista che faccia tornare al voto “istituzionale” quel terzo abbondante di elettori dem passati al No, per poi allearsi grottescamente al Pd di Renzi che anche nel momento della sconfitta rivendica il Job act, la buona scuola, le spese militari, le trivelle, il massacro delle pensioni. Insomma una sorta di Sel 2 che ripercorra sotto forma di farsa la storia già triste della dissoluzione della sinistra in Italia.

Non viene lasciato nulla di intentato pur di evitare che il potere possa passare in mani non fidate, non disponibili a qualunque massacro sociale, svendita del Paese, umiliazione del lavoro, rifiuto di un bellicismo servile nei confronti della Nato o che pensi di mettere bocca nelle decisioni di Bruxelles sulle vicende italiane. Già in questi giorni viviamo il dramma di Mattarella che aveva firmato un contratto da comparsa e che ora si trova a recitare la parte principale, tirato per la giacchetta da Napolitano e dai potentati della Ue  in via diretta. Del resto si tratta di operazioni elitarie che sembrano facili in un contesto di politica azzerata dove i parlamentari sono semplici pedine il cui unico pensiero è mantenere il posto sulla scacchiera, i partiti delle scatole vuote disposte a a consegnarsi al primo leader che passa, mentre qualsiasi verità può venire assemblata a piacere: peccato che il referendum abbia sancito un profondo distacco, un abisso tra Paese reale e ceto dirigente nonostante  uno tsunami mediatico di appoggio al Sì, milioni di soldi pubblici spesi illegalmente dalla propaganda renziana e a quanto sembra anche frequenti tentativi di ricatto aziendale sul voto: questi giochetti hanno palesato i loro limiti, prima che la loro infamia, anzi sono in totale contrapposizione col risultato del referendum e lo spirito dal quale è nata la vittoria senza appello del No. Che è anche e finalmente la confutazione del meno peggio, di quello naturalmente fabbricato ad arte dai media e che si rivela infallibilmente essere il peggio in assoluto.

Quindi, sebbene si stia lavorando giorno e notte, non sarà facile trovare il bandolo, l’ennesimo personaggio di palazzo per sostituire Renzi e neanche salvare il Pd srl, con le manovrine alla Pisapia o chi per lui per imbastire l’ennesima falsa sinistra. Intanto perché siamo già entrati in una fase nuova e in gran parte inesplorata e poi perché nei prossimi mesi tutti i nodi lasciati intatti da Renzi e dal suo premierato su twitter verranno al pettine a cominciare dalla questione bancaria che per essere affrontata ha bisogno di una ventina di miliardi che non ci sono e in presenza di una legge di stabilità che già contiene sforamenti su cui Bruxelles mugugna e chiede conto. L’unica strada è chiedere un prestito al Mes, l’istituto di strozzinaggio  politico il quale per intervenire chiederà garanzie all’altezza della sua sinistra fama e consistenti in un programma di tagli alla greca o forse ancora peggiori, controllati dalla troika. Probabilmente Renzi pensa che standosene nascosto dentro la segreteria del Pd, mentre il suo successore che si narra potrebbe essere Grasso, sodale di Mattarella  subisce tutti i contraccolpi,  spera di scampare agli effetti nefandi del proprio stesso governo e magari tornare alla ribalta come salvatore della patria, anche questa volta contando frottole, ma sempre nella parte di utile burattino dell’ordo liberismo. Chissà magari fondando un proprio partito se il Pd risulyerà irrecuperabile.

Ma prima bisogna passare per le elezioni ed evitare anche grazie ad operazioni Pisapia che l’area piddina perda troppo, diventi insicuro come ufficio di collocamento parlamentare e dia origine a qualche fuoriuscita reale non costruita e controllata dai padroni del vapore. Poi verrà calerà la mannaia, anche se a Bruxelles fremono per il ritardo con cui si deve procedere al massacro finale, questi italiani mai puntuali, nemmeno quando devono essere scannati. L’unico modo per sfuggire a questa sorte è sottrarre potere proprio agli ambienti di soccorso finanziario che hanno permesso il degrado dell’economia e della democrazia e che si appoggiano non solo sul raggiro degli 0 virgola qualcosa, sui numeri manipolati, sulla proprietà dei mezzi di comunicazione, ma anche sulla straordinaria ambiguità e falsità delle innumerevoli forme di centro sinistra che fanno sa specchietto per le allodole. Abbiamo salvato la Costituzione e ad essa dobbiamo riferirci per dire No  a queste operazioni di bottega, a questi prodotti adulterati che tendono a renderla marginale ea relegarla in fondo al cassetto. Ma bisogna dire di No adesso, prima che le logiche messe in moto si scatenino e portino ad esiti drammatici, costruire un’alternativa vera. lasciando marcire quella falsa.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: