Strage per un errore umano: sì, da 25 anni

scontro_treni_001-1000x600Volendo estremizzare la strage ferroviaria in Puglia è colpa dell’euro e dell’ideologia liberista che ne ha accompagnato l’ideazione, un gigantesco errore che combinato con i vizi italici del capitalismo di relazione e del sistema politco – affaristico ha creato una miscela esplosiva. Lo so che qualcuno sobbalzerà sulla sedia però se c’è davvero un errore umano, esso va fatto risalire ai “macchinisti”   e ai padroni del vapore che dagli anni ’90 hanno creato il contesto, il substraro nel quale è maturata questa tragedia. Dal ’92 ad oggi per rientare nei paramentri della moneta unica, anche solo formalmente, si è dato il via a una lunga stagione di privatizzazioni, svendite, concessioni a favore di “amici” che è la radice del declino del Paese. Al grido di privato è bello ed efficiente, prima del riga del pater noster liberista  si è favorita una dimissione opaca e parassitaria che ha aumentato il numero dei percettori di profitto senza per questo portare a un’adeguata modernizzazione delle strutture, a una maggiore efficienza, a una crescita di investimenti. Anzi portando a un loro deterioramento.

Lo vediamo noi stessi sottoposti a una ridda di imprese per la vendita di lettricità e gas che si basano sempre sulle  sulle medesime reti di distribuzione e approvvigionamento le quali si limitano a spartirsi il bottino con politiche tariffarie da cartello e border line che tuttavia la legge in qualche modo autorizza e protegge. E la stessa cosa avviene per l’acqua e i trasporti, visto che nessuno vuole o è in grado di controllare il rispetto dei patti, la congruità delle tariffe e degli investimenti reali, così che padroni e padroncini sono di fatto liberi di fare ciò che vogliono salvo ricorrere all’aiuto dei soldi pubblici quando occorre. L’era delle privatizzazioni è stata inaugurata da Giuliano Amato nel ’92, subito dopo Maaastricht, con le grandi dismissioni bancarie e assicurative del Credito Italiano, Comit, Ina studiate e realizzate con la consulenza di banche speculative come Merril Lynch e Goldman Sachs. Nello stesso anno quest’ultima fu beneficiata da Mario Draghi che svendette l’immenso patrimonio immobiliare dell’Iri per un quarto del suo valore e poi proseguì Prodi con lo scorproro e la distruzione dell’Iri per finire con le disastrose operazioni con Alitalia. Gli schemi non sono mai stati limpidi, ma l’accecamento verso i dogni e tic liberisti era tale che Ciampi si vantò come di una medaglia al valore il fatto di aver lasciato nel 1997 Telecom a un gruppo di azionisti capitani dagli Agnelli con appena  lo 0,65% del capitale, pur di tenere legata all’Italia la famiglia torinese, che stava per cedere Fiat a Gm. Sappiamo com’è andata a finire, ma certo invece di entrtare nella gestione della più grande industria italiana che era sopravvissuta grazie a enormi quantità di soldi pubblici, si regalava a man bassa. Il risultato complessivo è che si sono incassati  127 miliardi di euro, ma dal quel 1992 il debito pubblico è più che triplicato, l’industria è stata svenduta, si sono persi fino al 2008, quindi periodo precrisi globale  oltre un milione di posti di lavoro nell’industria, le tariffe sono tra le più alte d’Europa, il livello dei servizi tra i più bassi e ancora oggi solo il 50% degli italiani è in grado di accedere alla banda larga. Per non parlare dell’effetto trascinamento che tutto ciò ha avuto sul sistema sanitario e su quello pensionistico.

Un incidente per quanto tragico rimane tale, ma non c’è dubbio che il contesto in cui esso è maturato è proprio questo quadro fallimentare di concessioni  dove alla fideistica fiducia nel privato e/o nella gestione privatistica dei servizi universali ed essenziali, corrisponde carenza di investimenti e dunque assenza di ricoversione e ammodernamento, mancanza di controlli, aumma aumma da tutte le parti. E oltre a questo anche riduzione selvaggia di personale pure in assenza di soluzioni tecnologiche alternative , come ad esempio il doppio macchinista. Ma si sa, questo è necessario ad alimentare il santo graal della competitività, guai se la tratta Corato – Andria fosse meno remunerativa di quella Tokio – Osaka che com’è noto viene utilizzata dagli stessi passeggeri.  O più realisticamente per aumentare i profitti e farli girare fra i paradisi fiscali caraibici , pacifici e sammarinesi  come capita al maggiore azionista della ferrovia della strage, il conte Pasquini e all’azionista di minoranza, ovvero la moglie legata a parentele con gli Agnelli: quindi il risparmio su qualche sensore in grado di fermare automaticamente i treni, qualcosa di non più complesso di ciò che viene montato persino sulle utilitarie , è assolutamente ammissibile, lecito, logico. Diciamo giusto.  Tanto che una torma di commedevoli imbecilli dediti alla politica o al commento, richiamati davanti alla telecamere per fare le prefiche e impedire che dal dramma maturi qualche consapevolezza. Ora si attaccano a presunti fondi europei inutilizzati e non si accorgono gli sciagurati che invocano soldi pubblici per sopperire alle magagne del privato verso il quale però non si stancano di turibolare. Mi danno la nausea.

Tanto più che si spendono cifre enormi per operazioni a dir poco grottesche come  sovradimensionare una linea ferroviaria, la Torino- Lione la cui tratta attuale è ampiamente sotto utilizzata mentre il piano delle Fs (leggi governo) per le ferrovie regionali, totalmente abbandonate da un quarto di secolo come i pendolari sanno benissimo, prevede ammesso e niente affatto concesso che mai si realizzi, investimenti  di 4, 5 miliardi da Firenze in su e 60 milioni per tutto il resto del Paese. Si, certo che si tratta di errore umano, un errore che dura da 25 anni.

Advertisements

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

9 responses to “Strage per un errore umano: sì, da 25 anni

  • Manunzio

    In Francia il Job Act transalpino ha visto (tutt’ora?) gente per strada. E da noi? Ci si trastulla con i post ferrotranviari sino alla prossima e Facebook: Mi piace o Non mi piace. E chiamate questo un popolo? Sii…

    Ps. Solo un Goberno (errore non è) fascista permette ai VV.FF del caso di trasmettere immagini del luogo dell’accaduto. Questa è MILITARIZZAZIONE da Stato di Polizia. E gli italioti? Di cosa parliamo più. Popolo bue corre alle armi di Manzoni memoria.

    Mi piace

  • Angelo Kinder

    Per la strage di Viareggio 2009 quasi tutti finiti in prescrizione e i pezzi che contano prosciolti. Anche in questo caso l’inchiesta finirà in un ‘plof’, con i familiari delle vittime ad aspettare i risarcimenti per anni. L’ineffabile Ministro per le Infrastrutture ad interim ha riferito alla Camera che in pratica se ne lava le mani, dopo aver disinvestito sul presuntivo per il TAV perché s’era capito che non era aria. Il Premier abusivo che aspetta il sommario dei titoli del TG1 delle 20 per sfilare in pompa magna a far la prèfica (con un bulbo di cipolla di Tropea appena sbucciato sotto le ghiandole lacrimali, come gli attorucoli ambulanti che deturpavano le opere di Racine nel XVII Sec., per darsi un’aria compunta e commossa da ipocrita che recita il falso e da falso che non sa recitare l’ipocrisia). Dimostrando, il nostro Tartuffe da Curva Fiesole, di non conoscere neppure le astine, non dico della decenza politica, ma persino umana, quando si precipita in elicottero, orario titoli TG1, su una tragedia ferroviaria di quella portata, e nel modo di essersi fatalmente (si fa per dire) consumata. L’effetto Marchese Del Grillo/G.G. Belli è stato devastante.

    Mi piace

  • Anonimo

    “per le ferrovie regionali, totalmente abbandonate da un quarto di secolo come i pendolari sanno benissimo, prevede ammesso e niente affatto concesso che mai si realizzi, investimenti di 4, 5 miliardi da Firenze in su e 60 milioni per tutto il resto del Paese. Si, certo che si tratta di errore umano, un errore che dura da 25 anni.”

    La tratta ferroviaria Venezia-Trento ( DUE CAPOLUOGHI DI REGIONE, del nord!) è costituita da un solo binario …

    chi ha costruito quella tratta ferroviaria su un SINGOLO BINARIO ??

    GLI AUSTRIACI QUANDO GOVERNAVANO NEL TRIVENETO.

    per dire degli investimenti nelle ferrovie regionali del nord est d’itaGlia !

    A per aggiungere il danno alla beffa quella ferrovia nel tratto da Venezia a Bassano ( tratto ad alta frequentazione di pendolari!!), se non erro, viene pure chiamato in modo altisonante ( con relativo altisonante dispendio di soldi pubblici …) metropolitana di superficie ( cioè quel singolo binario , ancora attuale, in origine, 200 anni fa ca, costruito dagli austriaci!) … assomigliando peraltro a quelle tratte su binario singolo che attraversavano il far west ca. 200 anni fa o quelle che attraversavano zone desertiche con la frequenza quasi forzata ( visto il binario singolo…ed ilo deserto circostante , bassa frequentazione-utenza insomma) di un treno al giorno .

    Mi piace

  • marilù

    “O più realisticamente per aumentare i profitti e farli girare fra i paradisi fiscali caraibici , pacifici e sammarinesi come capita al maggiore azionista della ferrovia della strage, il conte Pasquini e all’azionista di minoranza, ovvero la moglie legata a parentele con gli Agnelli: quindi il risparmio su qualche sensore in grado di fermare automaticamente i treni, qualcosa di non più complesso di ciò che viene montato persino sulle utilitarie , è assolutamente ammissibile, lecito, logico. Diciamo giusto.”

    Tristemente vero, soprattutto. Grazie per l’ottimo lavoro di investigazione e informazione.

    Mi piace

  • carlomoriggi

    ..contrordine: Christo non si era “trattenuto” a Eboli, ma era stato indotto a proseguire verso il d’Iseo.

    Mi piace

    • Manunzio

      Errore umano o umanoide? Al Parlamento europeo, pensa te, ma a trazione nazista della Germania/Eu stanno per dare status “umano” ai robots: che dire? La prossima diremo che le macchine finalmente, ecco, uccidono!

      Mi piace

  • Manunzio

    Lasciamo perdere: ma chi come quando e perché ha dato ordine “telefonico” a che due treni, in marcia contraria si scontrassero inevitabilmente, quando è arcinoto e su binario unico: prima arriva in stazione uno attende che l’altro gli sia prossimo e poi ripartono ognuno per la sua!

    Ps. Dopo gli ulivi pugliesi (economia) eradicati per ordine della nazista Geramania/Bruxelles/Eu causa “batterio” (sfuggito laboratorio?) e conseguente importazione nord Africa di olive da olivo (senza dazio vidimato Commissione) uno cosa pensa? A fattori “umani” o umanoidi per chi intende?

    Mi piace

    • marilù

      Si potrebbe pensare anche alla fretta di smistare un gran numero di passeggeri, in una stagione ad elevata densità turistica.
      Però anche certe forme di concorrenza a dir poco spietata, tra finti partner europei, sibilano all’orecchio sospetti che, in effetti, è difficile congedare con noncuranza.

      Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: