Annunci

Archivi tag: Draghi

Il momento dei pagliacci

26922936All’inizio di settembre la AB Bernstein una delle più grandi società di gestione patrimoniale del mondo ha stimato che il debito reale degli Usa, ossia quello che comprende i debiti federali, statali , locali, finanziari e quelli di diritto ovvero comprendente gli stanziamenti futuri per il welfare pubblico, sia di 400 trilioni di dollari,  qualcosa come 20 volte e passa il pil annuale del Paese. Naturalmente questa analisi viene prodotta per suggerire di tagliare gli aiuti sociali e sanitari, ma viene da ridere pensando che noi siamo inchiodati e crocefissi per il fatto di avere un debito pubblico che sfora solo del 30% il pil annuale, che altri Paesi di ciò che si chiama Ue, come ad esempio la Germania sono nella stessa condizione, ma la nascondono mettendo sotto il tappeto i debiti dei Länder e di consistenti parti del welfare e che infine se si facesse la somma algebrica dei debiti pubblici e privati con la quantità di risparmio  l’Italia sarebbe uno dei Paesi più virtuosi del continente e del mondo. Per questo facciamo gola.

Eppure come degli allocchi e gli arlecchini non solo subiamo per paura , ma abbiamo un ceto politico talmente subalterno che non vede l’ora di mettersi al servizio chiedendo perdono se per qualche momento ha osato mettere in dubbio i sacri testi dell’economia berlinese, visto che questo conviene egualmente- quantomeno meno in questa fase – sia alle elite globaliste che ai padroncini locali. Così non appena andati a Canossa per qualche piccolo e innocuo mugugno sullo stato delle cose, adesso ci attende la punizione: Jens Weidmann (che la Lagarde ha in grande stima) si scaglia contro l’ultima tentativo  di Draghi in uscita dalla Bce, di cercare rimedio alla stagnazione accentuando  l’acquisto dei titoli di stato e aumentando i tassi negativi dei depositi presso la banca centrale: “la decisione di acquistare ancora più titoli di Stato renderà sempre più difficile per la Bce uscire da questa politica. E più a lungo dura, più aumentano gli effetti collaterali e i rischi per la stabilità finanziaria”. Bisogna avere proprio la faccia come il culo visto che proprio la politica di Draghi con i tassi zero e il quantitative easing hanno permesso a Berlino e ad Amsterdam di finanziare a costo zero il proprio debito pubblico.

Ma c’è una ragione dietro questo atteggiamento: se infatti le politiche di Draghi davano qualche vantaggio agli stati non erano favorevoli alle banche private i cui depositi presso la Bce non rendevano nulla o addirittura rappresentavano una piccola perdita: la cosa non era affatto gradita agli istituti tedeschi e olandesi, dove si nasconde il debito pubblico occulto e dove ci sono istituti come Deutsche e Commerz Bank gravate da enormi quantità di titoli tossici. Dunque ora si tratta di aiutare questi colossi pieni di carta straccia, rivoltando la politica di Draghi e cercando di sfruttare il risparmio degli altri Paesi e in particolare quello dell’Italia per metterci delle pezze. E non basta: si vogliono aiutare anche direttamente le aziende tedesche in forte affanno comprando direttamente le loro azioni: così si prendono due piccioni con una fava, succhiando soldi da una parte e colpendo i bilanci pubblici dall’altra, tenendo così Paesi come il nostro sotto il tallone dell’austerità e dei diktat. Siamo sempre dentro l’ottuso tentativo di risolvere i problemi dell’economia attraverso i meri strumenti monetari, che non è solo un’ingenuità, bendì l’approdo logico delle contraddizioni del neo liberismo perché è inutile offrire stimoli alle aziende se non si stimola la domanda che è poi il punto centrale del keynesismo. Ma le nuove e più punitive prospettive evidenziano come meglio non si potrebbe che dietro l’Unione si nasconde un conflitto tra realtà economiche molto lontane tra loro e unite a forza, dove si sono sviluppati processi egemonici che stanno dividendo in maniera violenta e irreparabile il continente.

Sono curioso di vedere come verrà presentato questo nuovo corso, ancora più umiliante per l’Italia e per i suoi cittadini: prima si facevano acrobazie verbali sotto il tendone del circo, ora è il momento dei pagliacci.

Annunci

Il Masaniello di Draghi

5cc214662400003300e4fd73Ho fatto un sogno: che in futuro ci sia un governo Salvini, Berlusconi, Renzi e Zingaretti che finalmente la faccia finita con i troppi equivoci che si sono accumulati negli anni, con l’ipocrisia di un centro che è destra purissima e di una sinistra piccolo borghese che pretende di essere tale solo perché sventola qualche feticcio mediatico. Che il sipario si alzi e mostri l’intera compagnia teatrale dove i buoni e i cattivi della commedia si  tengono per mano in un inchino ai poteri economici e alle loro ideologie. Sì, che almeno le cose siano chiare, se non possono essere giuste e favoriscano una rinascita politica al di fuori dall’ammucchiata dei poteri forti e dei suoi camerieri, ma anche al di fuori dalle illusioni e dalle confusioni. Qualche settimana fa pensavo che Salvini non avrebbe fatto cadere il governo adesso, che avrebbe aspettato il tempo giusto per arrivare ad elezioni in primavera in modo da mandare avanti il governo per gli affari correnti e rimanere ministro dell’ interno, ma soprattutto godere il più a lungo possibile della copertura dei Cinque Stelle a cui attribuire ogni colpa e andare avanti con la sua stravagante strategia di governo e di opposizione: dover fare da solo in queste condizioni appoggiandosi alla mummia vivente e a Renzi, visto che in Parlamento detiene una vistosa minoranza, non gli sarebbe convenuto più di tanto. Ma evidentemente mi sbagliavo: nella mia ingenuità non avevo fatto conto che i miliardi della Tav e il pericolo che venisse tolta la concessione ad Autostrade era troppo per poter attendere, che i clientes , il corpo elettorale ed economico più importante in questo Paese, sanguinavano e facevano salire il loro grido di dolore, volevano a tutti i costi che il male del buon senso fosse estirpato.

Ma c’è un altro elemento importante che si è manifestato quasi in contemporanea con l’apertura della crisi ed è che i due provvedimenti voluti dai Cinque stelle e avversati da Salvini, ovvero reddito di cittadinanza e decreto dignità, hanno avuto un rapido e benefico effetto macro economico come si evince persino dall’ultimo bollettino della Bce: andando avanti così non solo i pentastellati avrebbero potuto recuperare terreno, ma si sarebbe potuta anche insinuare l’idea che i grandi esperti di economia, le santerie bocconiane, le Vanna Marchi del neoliberismo e il leghismo bottegaio che fa da eco dialettale a queste sibille, dicano solo cavolate a favore di una visione padronale della società. Così si è deciso di dare l’avvio alla crisi anzitempo.

Naturalmente a fare il tifo per questa soluzione non ci sono non solo loro: a sanguinare copiosamente c’è anche il sacro cuore immacolato dell’Europa, nemico giurato dei cosiddetti populisti e amico sottobanco di Salvini,  un cuore nero che più va in crisi e recessione, più deve stringere i lacci della cattività monetaria e ordoliberista  nel tentativo di salvare una barca che sta affondando, con falle che si aprono persino nella tolda di comando di Berlino e le batoste a prese dall’industria tedesca (vedi qui ). In autunno tutto questo complesso di modernismo reazionario, questa colonna infame avrà il suo faro, anzi il suo untore capo in Mario Draghi che a settembre dovrà lasciare la Bce ed è ormai da anni in odore di Palazzo Chigi, specialmente dopo il crollo renziano. Proprio per questo pensavo che l’estate sarebbe passata tranquilla e la crisi sarebbe esplosa con le foglie morte, ma non avevo tenuto conto che l’operazione di trapianto d’organo presenta qualche difficoltà, a parte la resistenza dei Cinque stelle: per avere Re Mario saldamente sul trono si deve passare attraverso una via crucis di sussurri e grida, di paure, di spread in alta quota, di incertezza, insomma una dose per uso pubblico di sindrome da ultima spiaggia in modo che alla fine, come è stato con Monti, si accolga Draghi come il salvatore. Così questi signori si sono presi tutto il tempo necessario per organizzare lo spettacolo, sfruttando la vacuità di Salvini che non è altro se non un ingranaggio rumoroso del sistema da cambiare al primo tagliando.

L’operazione avrà le stesse fondamentali movenze del 2011: poco dopo la discesa dal grattacielo di Francoforte, Mattarella, che ha già espresso questa intenzione, nominerà Draghi senatore a vita, ma prima insisterà per una sorta di governo ponte – Conte, con poteri limitati che eviti qualche sbandata in grado di nuocere ai clientes e ai grassatori del Paese, che tenda sulla corda il popolo con l’incertezza delle vicende finanziarie, che dopo aver castrato i Cinque stelle, riporti Salvini alla sua dimensione di ascaro, mentre nel frattempo si lavora a stendere il tappeto rosso per super Mario. In fondo le elezioni, benché ormai un rito ambiguo, come certe processioni nelle quali la statua del santo è portato a spalla dalle peggio persone, possono essere sempre una sorpresa:  potrebbe anche darsi che il movimento Cinque stelle non precipiti nei voti, come ci si attende, che nasca qualche altro soggetto politico in grado di complicare la situazione, che avvenga qualcosa di non previsto. Così la regia non può permettersi di trascurare alcun particolare nel suo palinsesto politico.

Se la crisi arriverà al suo culmine, ai Cinque stelle viene offerta l’occasione di rifondarsi e di ripartire con una struttura più solida e partecipata: è un treno che non passa due volte. Cercare di suturare la crisi con altri cedimenti sarebbe davvero la fine.


Delitto senza castigo

l43-mario-draghi-romano-141216202238_bigL’elenco delle prime 500 aziende mondiali redatto da Fortune, è stato l’albero di Natale del neoliberismo, quello con in cima la stella cometa del pensiero unico e sotto i rami i pacchi regalo delle promesse e della ricchezza che la massa sterminata dei piccoli fiammerai dell’occidente guardava con stupore e ammirazione come la vetrina del bengodi. Ma adesso la musica è cambiata: nell’elenco del 2019 la Cina ha superato gli Usa come numero di grandi aziende: 129 a 121, rendendo palese anche ai livelli più sensibili al brillocchi americani,  l’ascesa dell’ex  celeste impero a prima potenza economica mondiale. Ma non è tanto questo che interessa, visto che il sorpasso era ormai cosa annunciata e scontata, quanto il fatto che la stragrande maggioranza delle aziende cinesi finite nell’elenco, sono aziende statali e che il numero di queste è cresciuto nel tempo, rispetto a quelle private invece di diminuire come scritto nei libri profetici apocrifi conservati come il santo Graal nelle menti di Bruxelles, sul cui territorio l’impresa statale è di fatto proibita o al massimo tollerata se si tratta di un residuo storico.

Questo ci dice che il sistema misto funziona eccome. Funziona talmente bene che anche le imprese di molti altri Paesi non occidentali contenute nell’elenco sono in massima parte a partecipazione statale, partendo dal quasi 70 per cento di Indonesia e Malesia per finire all’oltre 80 per cento di Russia ed Emirati Arabi. Ma ci dice anche quale follia sia stata quella di svendere la grande struttura dell’Iri, che aveva guidato tutta la rinascita del Paese nel dopoguerra e che ancora negli anni ’80 comprendeva aziende come l’Alfa Romeo, comparti come la siderurgia e la cantieristica, Stet e Finmeccanica, tutti colossi che se la battevano alla pari dei concorrenti e che sono all’origine di tutta la tecnologia che il Paese è riuscito a sviluppare. I colpevoli principali sono due: Romano  Prodi e tutto l’arco politico di riferimento ovvero il demo craxismo, oggi ancora in auge nel Pd, e Mario Draghi suo braccio operativo, quello che svendette il patrimonio immobiliare dell’Eni per quattro soldi. Una colpa doppia perché non solo distrusse tutto questo immenso apparato economico che occupava direttamente più di 600 mila lavoratori, andando dietro alle fumisterie e all’illusionismo neo liberista, ma lo fece pure in maniera frettolosa e superficiale per raggranellare i soldi necessari ad entrare nell’euro. Senza dubbio un  pessimo affare in cui milioni di italiani hanno perso tutto e il banco formato da qualche migliaia di speculatori senza scrupoli, hanno invece rastrellato ricchezza in maniera straordinariamente facile.  Non parlo nemmeno di Berlusconi e dei suoi masnadieri il cui accordo ideologico con il neo liberismo era tutt’uno coi loro volgari interessi di bottega.

Ma questi due esecutori di incubi scambiati per sogni sono stati aiutati nel compiere sino alla fine il loro disastro dalle risibili parole d’ordine a cui hanno abboccato gli italiani, il rifiuto dello stato, delle regole, della stessa etica, la speranza che si sarebbero aperti nuovi orizzonti, piccolo è bello e tutte cazzate di questo tipo. In fondo era mezzo secolo che volevano fare gli americani e adesso si sentivano vicini a questa mistica identificazione, proprio come valletti che tifano per il padrone senza nemmeno percepire lo stipendio. E adesso che molti di loro si ritrovano in mutande, con  la sola consolazione di potersi inventarsi improbabili occupazioni e titoli in inglese che stiano al posto di precario, disoccupato, in attesa di lavoro: tutti “dottò” come negli anni ’60 con la piccola differenza che allora si trattava di accrescere artatamente il curriculum scolastico adeguandolo al reddito, oggi di mascherare in qualche modo la caduta del reddito. Ed ecco che come l’ultima goccia amara adesso si scopre che le economia miste vanno più forte e che l’Iri è stato a suo tempo ispirazione e modello per questo tipo di assetto che si sta rivelando vincente. Eppure vedrete che uno dei responsabili principali, il dottor Draghi finirà per governare, anche se solo le macerie che ha contribuito a creare.


Donne-killer

combo Ursula von der Leyen  - Christine Lagarde Anna Lombroso per il Simplicissimus

A leggere certi titoli: Due donne alla guida dell’Europa, vengono in mente le freddure di una volta: perchè Golda Meir non porta la mini? perchè si vedrebbero gli attributi, o le battute del Cavaliere sulle donne in carriera escluse le igieniste dentali, baffute, bruttone in sostanza non scopabili. perchè certi entusiasmi e certi sessismi sono proprio le facce speculari del pregiudizio più estemporaneo e ignorante.

Eh si, da una parte quelli sulle donne bbone ma oche, quelle desiderabili in cucina, a letto e in salotti: che la piasa, la tasa e la staga in casa, dall’altra la soddisfazione perchè le braghe calate in Europa davanti al duetto carolingio Merkel e Macron, vengono compensate dal civettuolo frullar di gonnelline  di Christine Lagarde e della signora Von Der Leyen, Come dire che dobbiamo essere contenti di essercela presa in saccoccia, così ci sarà qualcosa, prima che la vendicatrice delle donne al Fmi, dopo la caduta dello sporcaccione che stava dando una svolta alla politica di repressione economica e finanziaria dell’organizzazione, ce le svuoti del tutto nel suo nuovo incarico.

Ci risiamo, basta una concessione alle vergognose quote rosa, che subito dobbiamo ingoiarci tutti i rospi e pure i principi della ferocia, monetaria e non solo, degli oligarchi, i cui esponenti più risoluti e cinicamente spavaldi sono appunto donne:  Merkel che ci impartisce lezioni di aiuto umanitario dopo aver pagato la lauta mancia al tiranno perchè si tenesse i siriani e rispedisse i migranti in Grecia – o in Italia –  preferibilmente sedati e ammanettati, e che sacrifica Timmermans, che ha il difetto di essere socialista sia pure all’acqua di rose come si usa adesso, lasciando al suo abatino francese l’incarico di candidare le due erinni. E appunto le due nominate con giubilo.

Di Von Der Leyen conosciamo la fermezza di acciaio inossidabile e il suo pugno di ferro senza guanto di velluto quando ebbe la mansione di “trattare” col nemico, la Grecia in crisi, ruolo assolto con scrupolo teutonico nel culto dell’Austerità che ha sostituito quello della Famiglia, officiato da ministra impegnata sulla politica di asili nido per le native in modo che possano lavorare per la grandezza della Germania, e rimpolpato quello della Patria nelle vesti – prima nella storia – di titolare del Ministero della Difesa da dove invia truppe e droni in Ucraina nel quadro dell’impegno Nato nell’area.

Di Christine Lagarde sappiamo appunto che è stata scelta dopo la detronizzazione del, lasciatemelo dire, mai abbastanza rimpianto Strauss Khan per impuri commerci carnali probabilmente presenti come vizio congenito nella sua indole ma abbondantemente architettati e orchestrati per far fuori a un tempo un autorevole candidato all’Eliseo e un direttore generale in carica, intento a rivedere le ricette perverse del Fondo.

Sospettiamo quindi che ci farà rimpiangere anche Draghi che al suo confronto sembrerà un mite agnellino, visto che è stata nominata esplicitamente per dare nuovo vigore all’austerità mossa contro i paesi straccioni del Sud, con qualche concessione alla Spagna, la indegna sepoltura della Grecia e la messa definitiva in castigo dell’Italia che ha ceduto su tutto accontentandosi del grigio Sassoli, che parrà l’effigie in cartone di Mattarella all’Europarlamento, contando peraltro meno di zero, e dimostrando che la resa del governo in carica è ormai compiuta.

Per carità perfino in lei abbiamo riscontrato gentili tratti femminei: non quando postulava la bontà della morte stabilita per legge economica e comminata come pena necessaria a tutti gli ultra sessantenni che gravano sui bilanci pubblici con la loro superflua e onerosa sopravvivenza in vita, Ma invece quando ha confessato la sua abitudine di mantenere ben tonici i suoi glutei che pare segnino il successo del suo matrimonio, esercitandoli anche durante le riunioni del Fmi.

Come non gioire dunque di questa nota delicata e leggiadra di muliebre civetteria che porterà una brezza gentile in quelle sale tristi e austere, soffiando il venticello affabile e innovatore delle qualità di genere che in ogni contesto sanno integrare caratteri di umanità. sensibilità, inclinazione alla cura e alla solidarietà.

Ecco così saranno tutti contenti i cacciatori di icone rosa che identificano la rivoluzione son qualsiasi forma di contestazione all’autoritarismo patriarcale compiuto da soggetti di sesso femminile per caso. Ancora di più le obbedienti all’ordine secondo il mercato che concede la libertà di esprimere il proprio talento e di arrivare in alto a chi ne accetta entusiasticamente regole e comportamenti. E di più ancora quelle che si offendono se le chiamo progressiste neo-liberiste e le annovero tra le professioniste del femminismo, che si sono convinte che il riscatto della metà del cielo all’inferno significhi la sostituzione meccanica di donne al posto di uomini nei posti di comando, o, peggio mi sento, la parità salariale sì, ma in occupazioni precarie, avvilenti, mortificanti che non prevedono tutele e garanzie, in modo che le differenze restino sempre le stesse in aggiunta di quelle “naturali”, ricchi in alto poveri in basso.

E tra i maschi anche loro neoliberisti progressisti si registrerà il compiacimento perchè ai danni dell’eclissi dell’economia produttiva in favore della egemonia finanziaria, allo smantellamento dello stato sociale, alla cancellazione di conquiste, valori e  prerogative del lavoro, adesso possono aggiungere la beffa morale che etichetta come arretrati, misoneisti, retrogradi e ignoranti quelli che non si accontentano dei minimi sindacali elargiti al posto dei diritti e il cui accesso è limitato a ceti privilegiati, grazie alla selezione di dinastia, rendita o fidelizzazione.

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: