Annunci

Attenti al Renzi dentro di voi

Anna Lombroso per il Simplicissimus

C’è una nuova categoria di pensatori, molto pragmatici e  fattuali. Sono quelli che disprezzano Renzi essendo  renziani dentro, proprio come quelli che dileggiavano il berlusconi puttaniere, le cene eleganti, la corte di poeti nani e ballerine, ma sopportavano il golpista, il razzista, l’omofobo,  perché erano posseduti dal suo pensiero, albergava un cavaliere in loro, tollerante di ideologia licenziosa, non di costumi ma di leggi, in modo da poterne approfittare giù per li rami, allegramente profeta di tempi migliori nei quali avrebbe avuto il sopravvento la libera iniziativa, il festoso consumismo, la spettacolarizzazione della politica, del mercato, della sopraffazione, dello sfruttamento convertiti in talk show, in reality, in vite e mondi paralleli, dove è augurabile e possibile dismettere responsabilità, affidarsi a gente pratica che ci pensa e risolve  sicché politica e amministrazione della cosa pubblica sino attività invisibili, svolte da altri mentre loro possono dedicarsi alla sfera personale, compresa la critica sul web e l’opposizione via twitter.

Adesso è proprio lo stesso. A volte i renziani contro Renzi sono quelli che si presentano cogitabondi alle convention “diversamente Leopolde” della infruttuosa minoranza Pd, a volte invece sono presenzialisti agli appuntamenti di sempre nuove aggregazioni della nostalgia di sinistra, cui partecipano contando su malattie infantili del comunismo e post comunismo che permettano loro di sentirsi a posto mentre assistono dal davanzale della realtà all’ennesimo fallimento. Sono per lo più quelli che rimbrottano blogger infelici e sconosciuti, esigendo che alla critica annettano in tempo reale “soluzioni”, quelle sulle quali rigorosamente si rifiutano di esercitarsi personalmente in attesa di sollevare obiezioni, di replicare, di confutare in modo da ribadire la loro entusiastica appartenenza alla cosiddetta clasa discutidora, quella plebe di brontoloni che con i grugniti di disappunto coprono il grido dei pochi che lottano.

Ah di questi tempi poi hanno gioco facile: obiettivo dei loro strali puntuti sono “quelli del referendum”, colpevoli di illudersi che una vittoria possa dare una spallata al governo. Perché il caposaldo della loro impalcatura ideologica è che è inutile muoversi dentro al quadro istituzionale, che “tanto bisogna cambiare modello di sviluppo”, che comunque si tratta di una liturgia che verte su un tema marginale e malamente posto (ne ho già parlato qui: https://ilsimplicissimus2.wordpress.com/2016/04/03/oro-nero-voci-bianche/ e non mi ripeto). In aperta contraddizione con la loro politica del “fare”, dell’adoperarsi, che imporrebbe di provarci per ragioni ideali oltre che per le ragioni della salvaguardia dell’ambiente e del buonsenso. Perché è evidente a chiunque non voglia non sapere, non vedere, non schierarsi che questa scadenza negli intenti del renzismo ha preso il posto del referendum di ottobre, in qualità di plebiscito che confermi la leadership del premier che grazie all’astensione dimostrerebbe di avere sempre ragione con il più paradossale dei consensi. E in qualità di segnale definitivo sulla cancellazione  di partecipazione e democrazia se il segretario del principale partito nonché presidente del consiglio sia pure nominato, invita a prendersi gioco dell’istituto, unico rimasto, che sancisce la possibilità per un popolo espropriato di esprimersi. In modo da riconfermare la volontà autoritaria, accentratrice, golpista, quella che oggi non si vuole ravvisare proprio come ai tempi del senonoraquando, dei quesiti al presidente, della pubblicazione di intercettazioni pruriginose e di lettere di malmaritate svegliatesi sotto minaccia di taglio agli alimenti.

Golpe si, e il più “sporco” perché interviene su leggi e fa pressione sulla giustizia, in modo che rifiuti velenosi diventino familiari residui da tenere sul terrazzino a Potenza o da distribuire religiosamente sulle coltivazioni di lampascioni, in modo che il lavoro diventi fantasiosa sottomissione alla vittoria del precariato e del volontariato, in modo che la guerra diventi l’inesorabile sbocco della diplomazia e il contesto per coronare sogni di gloria delle imprese del made in Italy, in modo che venga stabilito una volta per tutte il primato della rendita, del profitto, dell’interesse privato sull’ambiente, il territorio, la salute, i diritti, il bene comune, che diventino cedibili, alienabili, pronti a essere annessi al patrimonio globale promosso dal Ttip. E che sempre per legge dobbiamo professare  e praticare la rinuncia, la resa, l’arretramento e l’abdicazione dell’opposizione, sicché i referendari sono retrocessi a patetici visionari, la gente di Bagnoli a altrettanto accorati e arcaici avanzi novecenteschi, come d’altra parte successe con il referendum di Pomigliano, quando  i lavoratori vennero lasciati soli e impotenti a sopportare il tallone del padrone.

Per carità, lo so bene che bisogna cambiare il modello di sviluppo, come dicevamo quando non avevamo perso tutte le speranze. Per carità sono la prima a sostenere che non è vero che l’ottimo sia nemico del bene, al contrario dovremmo sempre aspirare al meglio possibile e impossibile. E è questo che manca, il desiderio di combattere contro i fanatici della realtà per tornare alla volontà realizzabile dell’utopia.

 

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

I Commenti sono disabilitati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: