Archivi tag: Referendum

I “conticini” che non tornano

zekAnna Lombroso per il Simplicissimus

Di una cosa possiamo essere certi, nessun dirigente scolastico ha pensato di introdurre nel programma di scuola a distanza, l’home schooling come la chiamano quelli dello smart working e del lockdown, una qualche lezione di educazione civica.

E’ probabile sia rimandata ad una auspicata Giornata della Memoria della Democrazia, da anni progressivamente svuotata, grazie a leggi elettorali che hanno retrocesso il voto a conferma notarile, alla cessione di sovranità votata sottobanco dal Parlamento, a norme ad personam e alla personalizzazione della politica, alla progressiva demolizione di quei corpi intermedi che dovevano tutelare la partecipazione e anche la rappresentanza di bisogni e diritti, a un’accelerazione nel rafforzamento degli esecutivi che poteva essere ancora più incontrastabile se avesse vinto l’inesauribile bonapartino,  affetto da personalità distruttiva, da misure di ordine pubblico che confermano disuguaglianze fatali a norma di legge, a una informazione assoggettata ai poteri padronali per via di editori impuri o meglio di azionariati purissimi.

Non poteva essere altrimenti anche se di educazione civica ce ne sarebbe più bisogno, quando si è materializzato un nobile concorso di decisori e pensatori volto a persuadere questo popolino di bambinacci riottosi e scriteriati che sussistono motivi superiori, per ratificare una temporanea sospensione al dettato costituzionale, per ricorrere diffusamente ad atti di indirizzo e normative d‘urgenza, per incaricare soggetti e autorità svincolate dal controllo parlamentare, per rafforzare il potere sanzionatorio e repressivo delle forze dell’ordine.

Tutto questo alimentato da un humus retorico all’insegna dell’amore, quello patrio, quello per la salute diventata bene supremo, ma anche tra simili, che suggerisce denuncia e delazione ai danni di chi non ne dimostra altrettanto, riscoperto insieme alla virtù dell’obbedienza, in modo da istillare la convinzione che la coesione sociale e la solidarietà ai tempi del coronavirus si manifesti con un consenso cieco e deferente e con la totale accettazione dei comandi e delle decisioni delle autorità tecniche e politiche.

Così qualsiasi voce fuori dal coro rappresenta l’insana e inopportuna rottura di un tacito patto per la salvezza, qualsiasi obiezione e dubbio alla luce di omissioni, falle, errori, deve essere giudiziosamente rinviato al “dopo”, perché così si combini la progressiva criminalizzazione dei trasgressori (runner, anziani spericolati e sfrontati, disertori di guanti, mascherine  e autocertificazioni), con la demonizzazione di personalità invise per non essersi allineate  alla “verità” ufficiale vigente, in modo da scaricare sulla collettività  il peso della risposta all’emergenza.

Grazie alla generalizzata indulgenza riservata alla cerchia che ha assunto il controllo, adesso che è cominciata la Fase 2, è iniziata, nel solco della tradizione di scurdammuce o passato,  la rimozione. Un processo che riguarda l’opacità dell’Oms, i ritardi e i silenzi iniziali, seguiti dalla drammatizzazione apocalittica successiva, la tolleranza nei confronti dei crimini regionali, le direttive  contraddittorie dei consulenti scientifici affetti da esibizionismo compulsivo, gli ostacoli frapposti alla diagnostica e all’applicazione di terapie sottovalutate e osteggiate,  oltre che la sopravvalutazione dei dispositivi di sicurezza, guanti e mascherine, diventati territorio di scorrerie malaffaristiche, le diatribe sui tamponi e sugli accertamenti sierologici, materie sulle  quali è opportuno anzi doveroso stendere una coltre di pudico silenzio, pena essere immediatamente arruolati a forza tra i salviniani o i meloniani.

Ma non basta, grazie all’analisi ponderata e assennata degli intellettuali chiamati a raccolta con lo slogan “Basta con gli agguati” su una pagina del Manifesto, che aspira a scalzare il fatto Quotidiano dalla funzione di house organ del governo tramite il Pd, chi critica Conte e l’esecutivo viene immediatamente affiliato a una cerchia oscura   “espressione degli interessi e delle aspirazioni di coloro che vogliono sostituire questo governo e la maggioranza che faticosamente lo sostiene, per monopolizzare le cospicue risorse che saranno destinate alla ripresa”.

Intendendo dunque quelle categorie  dedite alla speculazione e al profitto, con in testa Confindustria, cui, si vede, non è bastato stabilire e imporre al governo quali cittadini dovevano rischiare il contagio in qualità di “attività essenziali”, decidere come e quando adottare misure di sicurezza a tutela dei lavoratori, purchè temporanee comunque,  in modo da poter tornare alla normalità dei morti sulle impalcature o gli altoforni, chiedere e obbligare alla repressione degli scioperi di inizio marzo, esigendo il silenziatore sulle manifestazioni che pretendevano il rispetto delle elementari norme di profilassi.

O indicare come prioritario il riavvio dei cantieri delle grandi opere, nel quadro della Ricostruzione post bellica, in modo da aggiungere quel contributo  ineguagliabile di speculazione e corruzione ai brand e ai comparti della “salute”, compreso quello del controllo sociale tramite app.

L’azione per squalificare chi osa criticare il governo, perfino quando è mossa da soggetti che rivendicano una superiorità culturale e morale, dimostra quanto bisogno ci fosse e ci sia di un bel ripasso dei fondamenti e delle basi della democrazia, perché l’accusa rivolta è sempre la stessa,  ritorta contro, cito,  “non si prende davvero la responsabilità di dire cosa farebbe al suo posto, come andrebbe ponderata una libertà con l’altra, una sicurezza con l’altra, e quale strategia debba essere messa in campo per correggere le lamentate debolezze dell’esecutivo”.

E difatti, siccome non c’è uomo di governo che almeno una volta non abbia la tentazione di difendersi dal dissenso, proprio come i tranvieri di una volta, trincerandosi dietro al cartello: non disturbate il manovratore, ecco che Conte rispondendo piccato a un giornalista che criticava l’operato del commissario Arcuri in merito alle mascherine: “se lei pensa di poter fare meglio, ne terremo conto alla prossima emergenza“.   E poche settimane addietro, nella sua prima visita a Bergamo, sempre lui a una cronista che gli chiedeva conto delle eventuali responsabilità del governo sui ritardi nella istituzione della zona rossa nella Bergamasca: “Se avrà ruoli di governo, ha risposto,  scriverà lei i decreti“.

Aiutato dalla vasta schiera di fan, a forza di sentir dire che questo è il miglior governo che potesse capitarci in un simile accadimento, ci crede anche lui,  a forza di sentir dire che nessuno vorrebbe stare sulla sua scomoda poltrona durante questo drammatico incidente della storia, ci crede anche lui.

Così non bastano le leggi marziali, la militarizzazione di vaste aree del territorio nazionale, l’induzione di una psicosi che dovrebbe far dimenticare, con l’imposizione di una disciplina emergenziale, la vera origine della “catastrofe”, demolizione del sistema sanitario, cancellazione del welfare: occorre anche ricondurre ogni forma di opposizione o all’insurrezionalismo (c’è stato anche questo), o al disfattismo, o alla copertura di miserabili interessi lobbistici, o all’adesione al complottismo rovinologico.

D’altra parte tocca perfino a me, a chi scrive per un blog, a chi commenta sui siti online rispondere oltre che del delitto di lesa maestà di quello ancora più infame di non proporre una composizione di governo alternativo, di non offrire “soluzioni altre”, di non mettersi nei panni scomodi di chi sta in alto, come se,  perfino i ragazzini di prima media sono tenuti a saperlo, il nostro assetto istituzionale, non affidasse al Parlamento eletto il potere legislativo e al governo quello esecutivo.

Come se negli anni, dalla promulgazione della Costituzione in poi non fosse stato avviato in forma bipartisan un processo volto a circoscrivere la possibilità per i cittadini di esercitare controllo sul processo decisione.

Come se la stampa ormai accorpata nell’Unico Grande Giornale degli italiani non fosse impegnata a offrire una verità suggerita dal suo padronato.

Come se salvo rare auree eccezioni, non sia stato sempre scoraggiato il ricorso a referendum, ultimo fronte rimasto al popolo per impugnare leggi anguste o ingiuste, se i pronunciamenti non siano stati traditi, compreso il No a quello costituzionale, aggirato, ancora di più proprio in questo nostro tempo, dal ricorso a fiducia e Dpcm, se il loro impiego è oggetto di dissuasione preventiva, come nel caso di alcune normative vergognose, Legge Bossi-Fini, decreti di ordine pubblico.

Eppure i modi per contare ci sarebbero, a cominciare dalla disobbedienza, lecita e giusta anche vedere il successo dei santini con il sindaco Luciano incollati su ogni profilo social, a cominciare dalla possibilità di revocare la delega concessa a rappresentanti indegni, come sarebbe lecito e legittimo fare con le regioni che si sono macchiate dei delitti di strage, a cominciare dalla obbligatorietà, per chi oggi difende da militante sottomesso e rispettoso l’azione del movimenti o dei partiti di maggioranza, di riprendersi la cambiale in bianco concessa sfiduciando le scelte compiute.

Altrimenti è troppo tardi: lo ricordano quelli che sono già senza lavoro, quelli delle partite Iva condannati a passare dal domicilio coatto alla domiciliazione sotto i ponti, quelli che hanno come unica forma di sostegno un ulteriore indebitamento del quale è impossibile il rimborso, quelli che ritengono di essere al sicuro, dipendenti pubblici, lavoratori garantiti, che presto non avranno il salario contrattuale, le donne che hanno creduto di conciliare con il part time bisogno di un reddito con il lavoro di cura sostitutivo dello stato sociale e che ora soffrono la concorrenza dei nuovi forzati dello smart working, quelli delle varie economie sommerse dell’accoglienza turistica, dei B&B allestiti nella casetta dei nonni, delle gelaterie in franchising, dei lavoretti alla spina che parevano provvisori e adesso sono diventati la frontiera più appetibile per generazioni di disoccupati e sottoccupati.

È talmente tardi che si capisce perché il Rilancio, la Fase 2, salvo qualcuno criminalizzato per aver voluto provare l’ebbrezza della libertà ritrovata in fila all’Ikea o dell’apericena ai Navigli, avrebbero accertato la ragionevolezza del popolo, passato dalla paura del contagio da virus a quello del contagio da miseria.

 


Il Supplizio di Venezia

il ponte della libertà visto dall'altoAnna Lombroso per il Simplicissimus

Ho sempre pensato che le pulsioni alla scissione fossero sintomi di gravi malattie non solo infantili della politica, tanto che l’unica secessione che mi aveva appassionato era quella viennese. Ma avevo cambiato idea in vista del referendum che doveva tenersi a Venezia l’1 dicembre per la separazione dell’enclave storica dalla terraferma.

A persuadermi non era soltanto l’offerta informativa della stampa ufficiale che a posteriori titola entusiasticamente: ennesimo flop, come se la scarsa affluenza costituisse un segnale di maturità democratica,  suffragata dalle sollecitazioni del sindaco in carica che mandava avanti i suoi scherani di giunta perché a lui veniva da ridere come nelle barzellette, nemmeno i nomi eccellenti dello schieramento per il No, compreso  gli ex sindaci Cacciari che ha generosamente definito il pronunciamento “una puttanata da poveretti” proprio come aveva fatto in occasione del referendum costituzionale, quando aveva scrupolosamente e coerentemente votato Si, invitando da ora a occuparsi attivamente della città alla cui mercificazione ha ampiamente contribuito, e Costa convertitosi da primo cittadino in patron non disinteressato dei corsari delle crociere e della opere in fieri per perpetuare il loro sconcio. E compreso il governatore Zaia in campo per ben altra secessione più gradita a una ampio spettro di fan leghisti e riformisti.

Sarebbe bastato quello, appunto, ma invece a convincermi è stata l’immagine di un supplizio in voga in tempi altrettanto barbari, quando un condannato veniva abbracciato a un morto, in modo che la sua corruzione infettasse l’altro. E infatti la morte decretata per la Venezia insulare impone analogo destino alla Venezia di terraferma, quella nata dagli imbonimenti che hanno strappato la terra alla laguna per far crescere un impero sul fango (si dice che Marghera derivi dal veneziano “mar ghe jera”, letteralmente “mare c’era”) nel 1917 con l’istituzione della società del  Porto industriale di Venezia,  per la costruzione del porto e del quartiere residenziale,  nel quadro di quella unione  “artificiale” sancita da Mussolini tra la città d’arte da valorizzare con il consumo turistico/culturale grazie ai grandi alberghi della Ciga, alla Biennale e ai Festival e quella industriale e commerciale, con lo sviluppo del porto industriale, del Petrolchimco, del Canale dei petroli, che si aggiungeva ai primi insediamenti produttivi: il Punto Franco, il Cotonificio, i Tabacchi, il Mulino Stucky, le Conterie.

In un caso e nell’altro a beneficiare dei profitti della distopia era la cerchia economico-finanziaria fascista così come oggi a godere dei proventi della  Venezia che deve piacere alla gente che piace sono le cordate del Consorzio abilitate ad avere nuovo illimitato accesso alla greppia del Mose che “si deve finire a tutti i costi”, oltre che alla mangiatoia delle vie d’acqua che garantiscano che le Grandi Navi “passino a tutti i costi”, saranno i compratori del patrimonio pubblico sulle orme dei Benetton introdotti proprio da Cacciati in qualità di spregiudicati conquistadores, e pure le multinazionali dell’accoglienza tra le quali spicca la  Coima sgr, società di gestione patrimoniale di fondi di investimento immobiliare per conto di investitori istituzionali italiani e internazionali Qatar compreso, gestore  del fondo “Lido di Venezia II che si è annesso  il portafoglio alberghiero composto dall’Hotel Excelsior, dall’Hotel Des Bains, da Palazzo Marconi, dalle concessioni sulle spiagge e dai beni ancillari (non meglio definiti) dei due alberghi.

Ed è per quello, in nome di quella coincidenza di interesse di pochi a spese di molti, che quella divisione non si aveva da fare. In modo che i quattrini che è doveroso mobilitare per il patrimonio dell’umanità vadano a finanziare la prosecuzione di un’opera che si è accreditata per essere la madre di tutte le corruzioni e del malaffare, a contribuire a soddisfare gli appetiti di immobiliaristi e costruttori impegnati a realizzare il progetto visionario e fallocratico della città verticale per «favorire azioni di recupero, rigenerazione e densificazione dei tessuti urbani»,  per fare della terraferma e fare di Mestre il «cuore amministrativo e culturale dell’ area metropolitana e del Nordest, «dove inserire un abitare sostenibile, terziario e terziario avanzato, giovani start-up e innovazione», facendo rientrare nello sviluppo in altezza anche il Quadrante di Tessera, in qualità di area “per il divertimento e i nuovi impianti sportivi”.

Si tratta del ricorso ormai consueto all’eufemismo per definire la rinuncia a qualsiasi identità urbana, a qualsiasi vocazione e a qualsiasi destino civico della città di terraferma, ridotta a immenso dormitorio per residenti e visitatori, condannata a hub infrastrutturale, alberghiero, burocratico al servizio del museo a cielo aperto, che anche in virtù del Mose ha breve vita in stato di emersione, ma si è arricchito di nuovo appeal a vedere le frotte di turisti attratti dall’acqua alta, come trailer della spettacolare immersione della nuova Atlantide. E non trascuriamo come questo orizzonti di sviluppo andranno a beneficio delle mafie, prima di tutte quella dei rifiuti che ha scelto il Veneto come nuova frontiera, resa più appetibile in previsione del piano di bonifica di Porto Marghera.

Insomma l’asse di interessi si è spostato, è profittevole lasciare la città lagunare al declino perché la sua agonia mantiene la città di terraferma, ammesso che per ambedue sia ancora lecito l’uso del termine città, se dovrebbe definire secondo la Treccani un “centro abitato di notevole estensione, con edifici disposti più o meno regolarmente, in modo da formare vie di comoda transitabilità, selciate o lastricate o asfaltate, fornite di servizî pubblici e di quanto altro sia necessario per offrire condizioni favorevoli alla vita sociale”. Mentre quello che è stato un prodigio urbanistico assiste all’espulsione dei suoi abitanti, alla rimozione della sua memoria e del suo futuro, alla conversione in parco tematico, forse acquatico come a Acqualandia, condannata a una inarrestabile morte insieme a un nucleo cui era stata imposta una vocazione artificiale e un destino altrettanto sintetico, come due prodotti contraffatti messi sul mercato in confezione sotto vuoto con il marchio dell’Unesco.

 

 

 

 

 

 


Tutti pazzi per Giavazzi

parr giavaAnna Lombroso per il Simplicissimus

Rivolgo un caldo invito a tutti i quarantenni non di prestigio (quelli famosi vengono ancora annoverati tra gli enfant prodige), ai cinquantenni,  ai sessantenni e oltre, quelli  già in odor di cancellazione dalla faccia della terra ad opera di Fmi e Bei. Se per caso vi capitasse di imbattervi in tal Sofia, sedicenne, allora, come nelle vecchie barzellette sessiste, prendetela a salutari ceffoni: voi non sapete perchè ma lei si.

Incarna infatti tutta l’ideologia della severità intransigente e  punitiva di diritti, democrazia, garanzie e talenti, che criminalizza quelli di ieri che si sono dati alla pazza gioia con una vita dissipata, tra agi sibaritici e benessere immeritato, con costumi dissoluti e aspirazioni tanto corrotte da sacrificare l’oggi e il domani a spese delle  generazioni a venire.

In realtà è improbabile che incontriate Sofia, che potrebbe tranquillamente chiamarsi Greta – e allora la sfiorereste tra i flutti durante la vostra ingiustificata vacanza in yatch a vela, perchè è con tutta probabilità creatura immaginaria,  frutto della fantasia non troppo fertile di Francesco Giavazzi che sul Corriere di ieri ne tratteggia il profilo, come dolente allegoria della disperazione giovanile  che abbiamo indotto e per la quale dovremmo essere espropriati a scopo punitivo dei diritti, a cominciare da quello di cittadinanza per eccellenza, il voto.

Quindi se già vi prudono le mani potreste molto meglio riservare le sberle, purtroppo solo virtuali, a questo esponente della categoria di quelli che la vita la guardano passare dal davanzale e dallo stesso parapetto,  pontificano chiamandosi fuori da responsabilità personali e collettive. Perchè  qualche colpa deve avercela di sicuro anche lui, anche solo a guardare il suo curriculum di beato tecnocrate con pretesa di innocenza: ingegnere con studi al Politecnico e poi dottorato al Mit, professore a Ca’ Foscari e alla Bocconi, dirigente al Ministero del Tesoro, membro del Cda di Assicurazioni e del Banco di Napoli, collaboratore della autorevole testata pluripremiato per il suo impegno giornalistico, e, come ciliegina sulla torta,  partecipante di pregio al Tavolo dei Volonterosi, promosso da Daniele Capezzone, nientepopodimeno.

Ma soprattutto nelle sue referenze di feroce servitore dell’ideologia della severità, dell’intimidazione e del ricatto come sistema di governo, spicca il delicato incarico attribuitogli nel 2012 da Mario Monti premier, quello  di prestigioso consulente per la spending review della spesa pubblica, in modo che insieme ad altre eccellenti mani di forbice si addossasse l’onere, sia pur lacrimevole come era costume allora,  di tagliare   garanzie, assistenza, cure, pensioni, qualità e efficienza nell’erogazione di servizi pubblici in modo da favorirne la trasformazione festosa in occhiute e arbitrarie erogazioni a pagamento.

E forse la sua Sofia non sa che dobbiamo a lui, che vanta nel suo pantheon i guru del pensiero liberista, primo tra tutti Friedman, insieme a Pannella e Bonino (tanto per ricordare a chi potreste aver dato una inopportuna preferenza), il sostegno tecnico- scientifico all’abolizione dell’articolo 18,   colpevole di aver ridotto la produttività della nostra economia e di aver promosso e consolidato l’istinto parassitario degli anziani ancora protetti da inappropriate e sconvenienti forme di protezione e tutela,  lesive delle pari opportunità dei giovani.

Vi confesserò che da sempre diffido di chi si vuol conquistare a tutti i costi il consenso dei ragazzi, ricordando quei vampiri di sangue fresco che non hanno saputo godersi le gioie della giovinezza  e così indossano il chiodo e gli stivaletti texano e vanno in moto  sfidando a un tempo l’umidità, il freddo e il ridicolo.

Ma tutto sommato li preferisco rispetto a uno che per compiacere il target degli adolescenti invece della mancetta diseducativa propone che si abbassi l’età del voto permettendo ai sedicenni di partecipare al processo decisionale che tanto li riguarda.

E infatti scrive immaginando di rivolgersi a Sofia:  “Non sappiamo se e quando si andrà a nuove elezioni. Ma quando si voterà, dei 60 milioni circa di cittadini italiani, quasi 10 milioni non potranno farlo perché troppo giovani. Eppure con le elezioni un Paese disegna il proprio futuro, quello in cui vivranno proprio quei 10 milioni di cittadini che oggi non votano”, ricordando, bontà sua di settantenne non proprio marginale,  che ” una quota elevata della nostra spesa pubblica (circa un quarto del totale) è spesa sociale e di questa beneficiano soprattutto gli anziani, che infatti nelle elezioni contano più dei giovani, come i partiti ben sanno”,  e che, vergogna !!, quella quota  approfitterà come sanguisughe “della legge cosiddetta Quota 100, che da quest’anno consente ai sessantenni di anticipare la pensione. Un provvedimento che aumenta il nostro «debito pensionistico», la differenza cioè fra le pensioni che lo Stato si è impegnato a pagare in futuro e i contributi che lo Stato incasserà da chi lavora”.

Sospetto che quando era al Mit di Boston il Giavazzi abbia fatto sega proprio il giorno nel quale hanno spiegato che le pensioni non le tira fuori lo Stato attingendo anche alle sue tasche di accademico, che non sono rendite parassitarie ma sono salari differiti dei lavoratori per goderne finita l’età lavorativa e che operai, artigiani, dipendenti pubblici e privati hanno pagato le tasse che dovrebbero garantire loro assistenza e servizi.

Ma deve aver anche saltato le lezioni di educazione civica se non si è accorto che via via   grazie alla sua ideologia di riferimento, la partecipazione democratica è stata ridotta e non per via generazionale, che l’esclusione dalle scelte è officiata da riti elettorali che non danno spazio al parere dei cittadini, che l’accesso alle informazioni a ai processi è limitato perfino in materia di opere che insistono sui loro territori, che vengono disattesi anche gli esiti referendari, a conferma che il voto deve essere ridotto a atto notarile a suffragio di decisioni prese in alto.

E chissà come la mette con la sua cricca che è solita chiedere a gran voce una riforma delle procedure elettorali in modo da favorire una benefica selezione sulla base di criteri basati su censo, cultura, appartenenza, fedeltà e fidelizzazione non si sa come dimostrabile se non con l’abbonamento ai giornaloni, la visione reiterata di Porta a Porta, la frequenza alla Luiss e alla Bocconi, l’atto di fede all’Europa con tanto di figli all’Erasmus e fan di Greta, molto citata in qualità di idolo giovanile.

Speravamo che il nuovo secolo avesse spazzato  via l’ipocrisia verminosa del libro Cuore,  speriamo che Sofia sia solo l’ invenzione di un paterno nostalgico del piccolo Enrico, spero che Giavazzi non abbia dei nipotini che vengono su con brioche, privilegi ereditati e carriere accademiche assicurate,  altrimenti non ci resta che riporre fiducia in qualche Franti che li seppellisca tutti con una risata.

 


Cosmicomiche, i parlamentari dimezzati

visc1 Anna Lombroso per il Simplicissimus

La proposta di riduzione dei parlamentari prima della fine della legislatura è stata messa sul piatto dal M5S, accolta con un certo entusiasmo da Matteo Renzi e infine fatta  propria anche da Salvini, che ha prospettato un suo percorso   secondo il quale sarebbe possibile approvare «per direttissima» la riduzione di deputati e senatori (che porterebbe il numero dei primi a 400, dagli attuali 630, e quello dei secondi a 200, dagli attuali 315, per un risparmio di circa 50 milioni l’anno), sciogliere le Camere, votare con la vecchia legge (dunque continuando a eleggere 945 tra deputati e senatori) e confezionare  definitivamente la riforma nella prossima legislatura.

Un simile e così ampio consenso non può che insospettire: fin troppo facile e perfino banale dire che si tratta di una concessione che chi sente sfuggirgli di mano il “suo” popolo offre in risposta al malessere e alla sfiducia. Un’elemosina che incide sul volume visibile della rappresentanza, non sul suo “peso”  né tantomeno sulla sua qualità.

In presenza di quella che viene ormai chiamata postdemocrazia e nella quale ideali, principi e regole sembrano meritare solo un rispetto formale, pare inevitabile che l’unica forma unanime di partecipazione consista nella sfiducia, nella diffidenza e nel sospetto riservato al “personale” politico, all’attività di rappresentanza e di governo, alle istituzioni, sentimenti e emozioni normalizzati, autorizzati e infine legittimati per via normativa sotto forma di azioni “punitive” di un ceto che ha perso autorevolezza e prestigio.

Su questo sembrano concordare i movimenti che hanno assunto una cifra “impolitica” come fosse un progresso virtuoso di avvicinamento al popolo, cui viene riconosciuto il diritto non più di conquistare il potere, nemmeno di controllarlo ma semmai di ridurlo, mantenendo per sè la prerogativa largamente ininfluente di stigmatizzarlo, penalizzarlo non tanto nella cabina elettorale dove si officia una stanza liturgia, bensì su Internet, dove si conquista il privilegio di minare la reputazione.

Ma sono d’accordo anche i partiti tradizionali, che hanno già approfittato dell’equivoco, a suo tempo con interventi sulla Costituzione che hanno favorito l’impoverimento delle competenze statali per attribuirle a un decentramento solo formale, con i tentativi di marca golpista  di rafforzamento dell’esecutivo per via referendaria, con lo svuotamento dei pronunciamenti plebiscitari e la resa incondizionata a lobby e potentati, come nel caso dell’acqua pubblica, E con la cancellazione delle provincie, allegoria perfetta della manomissione della democrazia,  quando invece di eliminare gli “enti inutili” si sono eliminati gli elettori diventati più che superflui, molesti, quando la semplificazione è diventata complicazione con l’aumento degli organismi intermedi,  la richiesta pressante di fondi per garantire i servizi essenziali su strade e scuole, la potenza malsana data alle pretese di autonomia delle regioni più ricche, e il ridicolo del rito di elezioni, quelle delle Città metropolitane, cui sono chiamati a votare per le supercittà i  sindaci e u consiglieri comunali dei comuni  che insistono nell’area metropolitana.

L’esperienza ci insegna che i tagli, siano quelli doverosi dell’austerità, che quelli  promossi per il nostro bene, per salvaguardare le nostre tasche di cittadini, non hanno mai buon fine: nel caso delle province (che  gestiscono ancora oltre 5100 scuole e l’80% della rete viaria nazionale, ma non hanno più dipendenti né risorse) sono stati sforbiciati energicamente i servizi per numero e qualità, i dipendenti sono stati distribuiti dissennatamente nelle Regioni, nei Ministeri e nei tribunali con il paradosso di barellieri messi a fare i cancellieri (l’informazione viene dall’Upi),  soprattutto non è mai stato calcolato il “risparmio” che secondo il promotore che ha dato il nome alla riforma doveva ammontare a 2 miliardi, poi ragionevolmente ridotti a 32 milioni, rimozione che come si sa riguarda tutto il gioco di scommesse cui siamo chiamati  a contribuire nella bisca dello “sviluppo”.

Sarebbe meglio guardarsi dalle brioche offerte alle plebi malmostose, al posto della crema ci mettono il veleno.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: