Annunci

Archivi tag: Ttip

L’europa che va a Nafta

p9-samuelson-a-20171031-870x698Qualche giorno fa, con sorpresa di tutti e soprattutto dei suoi omologhi europei, nonché dei grandi ricchi, il presidente americano ha accennato alla possibilità di rivedere il trattato Nafta che riunisce Usa, Canada e Messico in una sorta di mercato comune abbastanza simile a quello europeo degli anno ’70 e ’80 e identico nella sostanza al Ttip che si è cercato di imporre da questa parte dell’Atlantico. O meglio ha accennato all’inserimento di una clausola che dovrebbe prevedere la ridiscussione di questi trattati ogni certo numeri di anni e l’eventuale uscita di uno o più Paesi dall’accordo. Ovviamente la posizione della Casa Bianca è in relazione alle politiche dell’America first, teso a recuperare in una ottica di neo egoismo liberista di cui ho parlato ieri (qui) i supposti vantaggi concessi agli altri due Paesi, tuttavia ha toccato un tema fondamentale perché è una caratteristica tipica delle istituzioni democratiche prevedere una variabilità degli assetti e delle politiche: le elezioni a scadenza prefissata e la durata temporalmente ridotta di qualsiasi carica, l’assenza se non marginale e puramente onorifica di cariche a vita, ne sono la pietra angolare. Gli unici elementi da considerare entro certi limiti immutabili, ossia le costituzioni, sono proprio quelle che inquadrano istituzionalmente e regolano la variabilità.

Magari non volendo Trump ha scoperto un vaso di Pandora perché è evidente il contrasto fra i trattati internazionali che non prevedono uscita di sorta come fossero scolpiti nell’eternità e la natura stessa della democrazia. Ora il Nafta, così come i trattati dell’Europa, sono stati sottoscritti nel ’94 soltanto dai governi dei Paesi che ne fanno parte e che hanno cercato in tutti i modi di tenere lontane le loro popolazioni da ogni decisione o dubbio al riguardo. Tuttavia per un momento facciamo finta che l’adesione al Nafta sia stata invece presa con una grande partecipazione, magari attraverso appositi referendum: cosa autorizza a pensare che solo per questo il trattato debba avere un carattere di eternità e intoccabilità? Le situazioni cambiano rapidamente, gli effetti imprevisti di certi accordi potrebbero non essere stati compresi e altri negativi (il Nafta ne ha a decine compreso quello di regalare alle multinazionali una facoltà legislativa di fatto) non essere stati calcolati, il contesto in cui sono stati siglati potrebbe mutare radicalmente dopo un po’ di anni, le conseguenze inizialmente utili e approvate potrebbero divenire successivamente sfavorevoli o potrebbe cambiare completamente la cornice politica dentro la quale l’accordo stesso è stato concepito. Dunque l’eventualità che la volontà popolare muti non può certamente essere esclusa dal quadro complessivo. E’ la stessa ragione per la quale andiamo alle elezioni ogni cinque anni e non una volta per sempre.

Dunque qual è il motivo per il quale i trattati internazionali, soprattutto quelli di natura economica,  dovrebbero essere intoccabili e vincolanti per l’eternità? Una ragione esiste, ma non è di natura politica, anzi si propone come l’esatto contrario della democrazia e il massimo dell’ oligarchia possibile: si sostiene infatti che l’immutabilità dei vincoli, anche  quando essi si rivelino soffocanti e indesiderati, quando diventano  anacronistici e controproducenti o quando sottraggono rappresentanza ai cittadini,  fornisce comunque certezza per le imprese. Siccome la cosa  vale comunque anche le normali elezioni (che infatti nel contesto neo liberista sono a mala pena sopportate come velo rituale) c’è da pensare che il profitto dell’impresa sia l’unica cosa sul quale debbano essere fondate le istituzioni. Ecco perché qualunque trattato fra paesi di democrazia formale dovrebbe avere clausole di revisione, magari a scadenze prefissate e comunque strumenti di fuoriuscita concordata, proprio perché l’immutabilità dei vincoli è la confutazione del sistema decisionale democratico. Il fatto che in questo campo l’unico difensore della sovranità popolare, anche se in modo indiretto e forse nemmeno del tutto consapevole sia Trump,  la  dice lunga sullo stato preagonico della democrazia nel XXI° secolo.

Ora immaginiamo per un attimo che i trattati europei prevedessero una ricontrattazione a scadenza per esempio di dieci anni e una possibilità di uscita unilaterale, ma concordata qualora le condizioni iniziali di adesione dovessero cambiare: non saremmo nelle condizioni in cui siamo semplicemente perché i diktat avrebbero vita molto breve e quelli che vogliono comandare sarebbero costretti a mediare o per lo meno a non esagerare, senza dire che molte decisioni sarebbero molto più ponderate e rispettose degli altri. L’ Europa sarebbe forse più complicata, ma probabilmente unita e  certamente molto più democratica di quanto non lo sia oggi, governata com’è dalle lobby che hanno l’aspirazione a essere immutabili.

Annunci

Inquinamento mancato, multinazionali chiedono i danni

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Ci sono paradossi fenomenali che dovrebbero far capire anche ai più renitenti in quale realtà parallela e distopica ci hanno fatto precipitare.

Il giorno 13 Aprile 2013  più di 40 mila abruzzesi sono scesi in piazza a Pescara per contestare il progetto petrolifero Ombrina Mare   che prevedeva la trivellazione di sei pozzi di petrolio, l’installazione di una piattaforma a sei chilometri da riva e di una nave desolforante di tipo FPSO a nove chilometri dalle spiagge.  Il giacimento, scoperto una ventina d’anni prima, era stato rilevato prima dalla compagnia inglese Medoil e poi dalla Rockhopper, che ha segnato la sua “proprietà”  (stimata intorno a  40 milioni di barili di petrolio e 184 milioni di m3 de gas) con una piccola piattaforma allegramente colorata  a protezione, non solo simbolica, della testa di pozzo  a circa 6 chilometri dalla costa.

Le proteste della cittadinanza, con la quale si erano schierati sindacati, parroci, associazioni ambientali ma pure quelle degli albergatori,  erano state vane: il progetto di sfruttamento a fronte del  pagamento di royalty allo Stato e alla Regione Abruzzo in misura pari alle quantità estratte, aveva ricevuto il parere favorevole, a firma congiunta dei Ministri dell’Ambiente e dei Beni Culturali –  e scusate se è poco, della Commissione di Valutazione di impatto ambientale, che l’aveva approvato a condizione che venissero introdotti modesti aggiustamenti compensativi.  Accogliendo così le accorate osservazioni del vertice dell’azienda benevolmente ospitate sul Corriere della Sera   che rivendicavano le ricadute positive dell’intervento per la nostra irriconoscente comunità. E dire che a smentirli bastava farsi due conticini della serva, purché meno sottomessa dell’autorevole testata: l’Italia consuma circa 1.5 milioni di barili al giorno e il petrolio estratto da Ombrina nell’arco di 24 anni e se venisse interamente commercializzato da noi, basterebbe a soddisfare  fra le 2 e le 4 settimane di fabbisogno nazionale.

Così dopo tante traversie la benigna e generosa multinazionale nel dicembre 2015 si accingeva a mettere mano alle perforazioni, anche se non era stata resa nota l’ottemperanza delle circa 500 prescrizioni della Commissione Via basate, si disse, sulla attenta presa d’atto di centinaia di osservazioni pervenute da associazioni e comuni cittadini e in barba al risultato non decisivo magari, ma potente del referendum che aveva sancito un sentiment No Triv.

Invece, colpo di scena, lo stesso governo del quale fanno parte i due ministri Galletti e Franceschini, proprio nello stesso mese, fermava in via definitiva i progetti petroliferi nelle acque territoriali e quindi entro le 12 miglia, pari a 22,2 km. dalla costa e a fine gennaio il Ministero dello Sviluppo economico respinge la richiesta di concessione.

Beh, direte voi, per una volta hanno vinto i buoni .. o almeno il buonsenso che sorprendentemente ha albergato anche nella compagine governativa, persuasa della necessità di qualche gesto distensivo in grado di scongiurare il rischio dello sgradito referendum alle porte e dell’opportunità di rispettare sia pure occasionalmente una legge, in questo caso quella che  proibisce dal gennaio 2016 tutte le nuove attività di esplorazione e produzione a meno delle 12 miglia marine.

C’è poco invece da cantar vittoria. Rockhopper non ci sta a subire l’affronto e il Times informa che la multinazionale ha deciso di denunciare l’Italia  davanti a un tribunale di arbitrato internazionale perché le vengano riconosciuti “rilevanti danni economici” valutati sulla base dei profitti  persi e non sugli investimenti già effettuati.

Non occorreva il TTIP per confermare lo strapotere delle multinazionali, per consolidare  la loro occupazione finanziaria, imprenditoriale e perfino giudiziaria. E non se la prendono solo con i paesi straccioni, più soggetti a intimidazioni e umiliazioni, come la Grecia o noi, se il gigante svedese dell’energia Vattenfall reclama più di 3,7 miliardi di euro dalla Germania a parziale risarcimento della decisione di uscire dal nucleare.

Il fatto è che  l’avidità della cupola imperiale è incontenibile, muovono gli stessi studi legali che hanno l’incarico di dettare leggi a stati e parlamenti satelliti, per impugnarle quando la loro applicazione getta un granellini nell’ingranaggio del profitto e dell’accumulazione, che non può fermarsi per le risibili ragioni della sopravvivenza del pianeta. C’è bisogno di atti dimostrativi, di ricatti, di soperchierie e di minacce  per far sapere perfino alla terra e al mare chi comanda.

 


Speculazione all’ultimo Stadio

  Anna Lombroso per il Simplicissimus

La notizia che il sindaco di un centro terremotato ha appreso dalla stampa che le casette di legno annunciate dal commissario emerito e dal governo diversamente Renzi, saranno “erogate” ai senzatetto nel prossimo autunno o forse addirittura nella primavera 2018 magari in felice coincidenza con le elezioni, ha avuto poca eco. Ritenuta secondaria rispetto alle rivelazioni di un assessore, molto apprezzato per competenza e per battaglie  generose contro speculazioni  e dissipazione del territorio, ma imprudentemente quanto inaspettatamente arreso alle leggi del Gossip in stile Dagospia, alle recriminazioni  di una sindaca più offesa dall’accusa di sciacquetta che perde la testa per er mejo gatto del Colosseo, che per quella di essersi concessa alle brame molto meno innocenti di palazzinari, signori del cemento e del calcio; allo sfrontato riscatto dopo lo schiaffo olimpico di chi ha come mission, purtroppo  possible,   combinare affarismo, sacco del suolo, alienazione del bene comune, con regalie a imprenditori targati Usa, secondo la ricetta Ttip de noantri.

Non c’è da stupirsi, giornali, talkshow, commentatori hanno pari affezione per le beghe cui dare dignità politica, per le contrapposizione che permettono di schierarsi subito col più potente, che per la magnificenza megalomane a spese nostre che dovrebbe restituire autorevolezza, prestigio, fiducia all’Italia tramite Grandi Eventi, Grandi Opere, Grandi Esposizioni, Grandi Giochi piuttosto che ridando le case ai terremotati, i quattrini ai risparmiatori, la scuola ai ragazzi, le cure ai malati.

Lo so, sono ovvietà, tanto che quando qualcuno dice che sarebbe meglio investire in tutela del territorio piuttosto che in Ponti, in sviluppo del trasporto su ferro in modo che i pendolari non siano beffati e derisi piuttosto che in alta velocità perfino sotto il selciato di Firenze, in  salvaguardia del patrimonio artistico e archeologico se è vero che la cultura, il paesaggio e la bellezza sono il nostro “petrolio”, in accoglienza e lavoro piuttosto che in F35, viene automaticamente tacciato di essere un’anima bella visionaria e arcaica, o peggio, colpa inqualificabile, un agit prop del più squallido e demagogico populismo.

Tant’è esserlo davvero populisti  e rispondere a chi osserva che i grandi eventi sportivi rappresentano l’occasione per realizzare opere e infrastrutture necessarie alla collettività, di andarsi a vedere i resti di archeologia agonistica, come la Città dello sport a Tor Vergata, con due relitti che dovevano essere finiti per i Mondiali di nuoto del 2009, i monumenti in rovina prima di essere terminati, a imperitura memoria di boria, corruzione, malaffare e consumo di suolo e risorse, esito imprescindibile di quei fasti effimeri, ma non per chi ha saputo approfittarne a spese nostre. O a chi ne esalta le ricadute occupazionali, che ha poco a che fare con il lavoro quel precariato che sconfina nel volontariato, saggiato in occasione dell’Expo. Così come quello sotto forma di caporalato con la benedizione delle cordate, cooperative comprese, dei cantieri delle grandi opere. Che non c’è stata Olimpiade o mondiale negli ultimi anni che non sia stato un clamoroso flop, tanto che paesi meno indebitati e corrotti del nostro fuggono queste “opportunità” come la peste.

Tant’è esserlo davvero demagogici per rispondere a chi si aspetta il dovuto attraverso un abbonamento in tribuna d’onore, che lo stadio della Roma non si deve fare perfino per motivi etici, perché le sue fondamenta sono bugiarde. È stato illegittimo attribuire a quell’opera la qualità di intervento di pubblica utilità come è stato fatto dalla Giunta Marino e come rivendica l’allora assessore Caudo, permettendo ai privati di decidere la collocazione di un servizio urbano importante anche se non prioritario, concedendo l’area gratuitamente e senza esigere un concorso internazionale di progettazione, aggirando corrette procedure di impatto ambientale e distruggendo per sempre la speranza di poter trasformare la valle del Tevere, ancora in gran parte intatta, in un parco fluviale.

Tant’è esserlo davvero rigoristi: si tratta dell’ennesimo caso di “urbanistica contrattata”  che riduce la politica di sviluppo di una città all’accoglimento supino di proposte imprenditoriali e ripropone il solito schema scellerato “cubature in cambio di opere che le casse pubbliche non possono affrontare”, una pratica che ha messo in mano all’iniziativa di privati e assoggettate  alla legge del profitto, scelte che avrebbero dovuto essere guidate da una regia mirata esclusivamente all’interesse pubblico. L’area di Tor di Valle nel Piano Regolatore è stata qualificata come R4, come zona cioè ad alto rischio idraulico:  si può trasformare solo dopo avere realizzato le opere idrauliche fondamentali a cominciare dalla messa in sicurezza  del Fosso di Vallerano, e non prima.   Lo stadio  metterebbe a rischio l’incolumità pubblica, in contrasto con l’art 41 della Costituzione “l’iniziativa privata è libera ma non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza , alla libertà e alla dignità umana”.

E tant’è, per una volta, essere anche realisti e domandarci cosa va al presidente della Roma  James Pallotta   e alla società Eurnova di proprietà dell’imprenditore Luca Parnasi  e cosa viene a noi dalla realizzazione su circa 90 ettari, che il piano regolatore destina a verde sportivo attrezzato (con un’edificabilità di circa 350 mila metri cubi) di due complessi immobiliari: quello destinato allo stadio (fino a 60 mila posti), impianti sportivi, spazi pubblici e attrezzature per il tempo libero; e quello formato da tre grattacieli alti fino a più di 200 metri e altri edifici destinati ad attività direzionali, ricettive e commerciali (non residenze, che la legge non permette). Il tutto pari a circa un milione di metri cubi, dei quali  quelli destinati allo stadio e ad attività connesse ammontano a circa il 20 per cento, il resto corrisponde agli interventi – privi di rapporto funzionale con lo stadio, un nuovo centro direzionale, cioè,  che costituisce la merce di scambio a compensazione del costo delle opere infrastrutturali necessarie per la fruibilità dell’impianto  che è comunque un intervento privato.  E cosa va all’allenatore Spalletti o al divo Totti che cinguetta: vogliamo il nostro Colosseo moderno e cosa viene ai tifosi di uno sport che in Italia ha perso costantemente spettatori con  una media di presenze  alle partite fra le più basse d’Europa, quando basterebbe attuare la legge sugli stadi e risanare i due già esistenti, impegnando i privati ad investire sui collegamenti su ferro  e sui parcheggi al servizio degli impianti.

È che davvero per essere realisti bisogna chiedere l’impossibile:  sottrarsi agli imperativi del profitto, pensare in bello anziché in grande.

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: