Annunci

La fiera delle illusioni

lanno-che-verràPensavo e l’ho scritto a Capodanno che il 2016 sarebbe stato un anno cruciale, quello in cui le logiche aberranti che hanno preso il dominio del mondo avrebbero cominciato a produrre i loro frutti velenosi. Ma non pensavo che già la prima settimana mi avrebbe reso buon profeta: lo scontro fra Arabia Saudita e l’Iran, il crollo delle borse asiatiche, il crescere della voglia di scontro di civiltà che si evince dalle reazioni ai fatti di Colonia a cui si attribuisce una valenza del tutto strumentale e che comunque rappresentano per numero un fenomeno di gran lunga inferiore a quanto normalmente avviene in Germania durante l’Oktoberfest o il periodo di carnevale.

I veleni cominciano tutti a venire al pettine, da quelli economico ideologici che non sono più in grado di spiegare quanto avviene, a quelli seminati attraverso la geopolitica del caos, a quelli della democrazia e al crollo dell’illusione che il mercato possa essere un regolatore universale. E’ un concerto di gufi come direbbe l’inarrivabile pensatore di Rignano che vent’anni fa sarebbe rimasto nella sua dimensione di maneggione di provincia, prima che il fango venisse smosso per far posto a un generalizzato progetto oligarchico. Il mondo sembra essersi rivoltato: una risorsa limitata e sempre più scarsa come il petrolio invece di aumentare di prezzo come da manuale delle giovani marmotte diminuisce, le azioni sopravvalutate grazie ai giochi resi possibili dai quantative easing stanno come d’autunno sugli alberi le foglie, il calo della domanda aggregata in occidente frena le fabbriche del mondo asiatiche, mentre le vicende geopolitiche e le guerre attraversano una fase che sembra una commedia di Feydeau con tutti o quasi i protagonisti impegnati in una doppia, tripla, ma sempre contraddittoria e ipocrita alleanza.

Le elites occidentali  avvertono che il territorio è ostile, che alla lunga la narrazione globalista e mercatista, nutrita da una deviante e grottesca antropologia televisiva, è destinata a sfaldarsi e quindi seriamente cominciano a pensare alla guerra come sola speranza di uscire da un groviglio di contraddizioni inestricabili. Dopotutto lo scontro con la Russia in Ucraina ha visto come principale organizzatore dietro le quinte George Soros, lo speculatore miliardario che non investe solo in Borsa, ma che affianca o trascina la politica imperiale.

Ho volutamente tenuto il conto: dal dieci dicembre nella mia posta ho avuto circa sessanta  volte la notizia che una mia presunta e inesistente richiesta di prestito era stata accettata per un totale attorno ai tre milioni, mentre mi venivano offerte non so più quante auto senza anticipo e un immensa gamma di altri oggetti e gadget. In fondo basta rimanersene a casa per sperimentare la natura un po’ truffaldina, un po’ ossessiva e un po’ disperata di un’economia che vorrebbe funzionare e crescere abbassando i salari, tagliando i servizi e creando sacche sempre maggiori di povertà, creare profitto tagliando i presupposti dello stesso. Per avvertire in corpore mail l’insensatezza che fa da terreno ai più lucidi e strumentali progetti di potere.

Ho la sensazione che ne vedremo della brutte in questo 2016 nonostante la campagna di ottimismo e fiducia che ci sovrasta. Ma al punto in cui siamo forse il brutto è meglio del bello illusorio

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

3 responses to “La fiera delle illusioni

  • voltaire1964

    “…reazioni ai fatti di Colonia a cui si attribuisce una valenza del tutto strumentale e che comunque rappresentano per numero un fenomeno di gran lunga inferiore a quanto normalmente avviene in Germania durante l’Oktoberfest o il periodo di carnevale.”
    L’affermazione è sorprendente, a meno che l’autore (o autrice) sia stato colpito da un attacco di buonismo, o peggio.
    Amici italiani (cosa confermata peraltro dalla stampa di regime, che su questi argomenti, e’ ossequiente alle politiche di governo vatican-neo-democristiane) mi dicono che ormai e’ difficile e sconsigliabile non solo abitare in case un po’ isolate, ma perfino in case (o villette come chiamate in Italia), limitrofe ma indipendenti. Basta leggere le cronache dei giornali per farsi un’idea della delinquenza violenta di origine migratoria.
    Problema mai accennato, ne’ mai discusso, è che i migranti provengono da paesi che fisicamente non possono sostenere il pauroso aumento demografico. In molti paesi africani la fertilità media delle donne e’ di 8 parti per ciascuna. Ho visto il video di un’intervista con due soldati dell’ISIS, presi prigionieri dai Curdi. Uno apparteneva a una famiglia di 17 fratelli, l’altro di 12.
    Un amico che lavora in Senegal mi dice che il 99% dei giovani tra i 18 e i 35 anni, conta di immigrare in Europa – gia’ solo dal Senegal si parla di milioni.
    Equiparare l’episodio di Colonia a un fenomeno isolato e “strumentalizzato” è, al minimo, ignoranza dei fatti. Il diluvio umano in Europa è di proporzioni bibliche, peraltro previsto, anzi programmato dal “piano Kalergi”, fondatore dell’ Europa Unita.
    Breve ricerca in rete produrrà una buona quantità di video di violenze relative al fenomeno. Ne cito uno a caso, https://www.youtube.com/watch?v=L3yQTxGGgig
    Accettare il fenomeno come inevitabile è accettare il suicidio culturale dell’Europa, – come del resto è auspicato, nero-su-bianco, dal piano Kalergi.
    E’ peraltro opinione condivisa da molti, che rifiutarsi di affrontare, anzi di nemmeno discutere, il mostruoso problema demografico (100 milioni di umani aggiunti ogni anno al gia’ affamato, disidratato, disastrato e inquinato pianeta), è atteggiamento criminale.

    Liked by 1 persona

  • La fiera delle illusioni | NUOVA RESISTENZA antifa'

    […] Sorgente: La fiera delle illusioni […]

    Mi piace

  • apoforeti

    L’ha ribloggato su apoforetie ha commentato:
    Le elites occidentali avvertono che il territorio è ostile, che alla lunga la narrazione globalista e mercatista, nutrita da una deviante e grottesca antropologia televisiva, è destinata a sfaldarsi e quindi seriamente cominciano a pensare alla guerra come sola speranza di uscire da un groviglio di contraddizioni inestricabili. Dopotutto lo scontro con la Russia in Ucraina ha visto come principale organizzatore dietro le quinte George Soros, lo speculatore miliardario che non investe solo in Borsa, ma che affianca o trascina la politica imperiale.

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: