Annunci

Lavoro: luccica l’oro falso delle statistiche

lavoro schiavitù umaniCome sapete, anzi non avete potuto fare a meno di sapere, visto il grande battage natalizio, il pacco infiocchettato sotto l’albero e dentro la calza della Befana, ci sono segni di recupero dell’occupazione. Bene è la ripresa, è l’effetto taumaturgico del job act, dimenticate gli affanni e le preoccupazioni, stappate la bottiglia di prosecco. E sarebbe senz’altro giusto se i numeri dell’Istat si riferissero davvero al lavoro come noi lo intendiamo e non semplicemente a qualcosa di classificabile nella zona grigia fra la precarietà e l’attività sporadica se non occasionale. Con l’introduzione della misurazione continua, imposto sostanzialmente dalle amministrazioni Usa, si intende per occupato chi nella settimana precedente rispetto a quella dell’indagine a campione sulla massa dei non scoraggiati ovvero iscritti alle liste e agenzie di collocamento, ha svolto almeno un’ora di lavoro retribuita in denaro o natura (qualsiasi cosa s’intenda con questo) o anche non retribuita se svolta nell’attività di famiglia.

Insomma non si misura il lavoro vero, ma solo il job che appunto in inglese vuol dire genericamente attività che sia continuativa o episodica. E men che meno naturalmente si misurano le retribuzioni o il livello complessivo degli impieghi che possono drammaticamente calare dando  luogo a un vero dramma sociale, mentre in alto si lanciano peana al ritorno dell’occupazione.

Anzi proprio il ricatto occupazionale e la precarietà ottengono un effetto statistico che premia i poteri che sottraggono e avviliscono il lavoro perché spinge le persone a svolgere più attività contemporaneamente: così si ingrassano i numeri delle rilevazioni e si gonfiamo i petti tracotanti dei giustizieri di diritti e di futuro.  Tutto questo desolante panorama viene offerto con chiarezza dalle statistiche Usa ringalluzzite dal numero di nuovi “job” a dicembre: 292 000 contro i 200 mila attesi. E ‘ in parte un effetto climatico dovuto a un autunno inverno tiepido in cui è stato possibile continuare a pieno ritmo le attività edilizie (nel quale i contratti sono a giornata o settimanali), ma al di là di questo dato puramente congiunturale si può facilmente vedere come  ci sia qualcosa che non va visto che la retribuzione oraria media è calata durante il mese dello 0,1%. E’ qualcosa di completamente illogico se non fosse che la qualità dei nuovi posti stabili o occasionali che siano, è in calo. Addirittura quasi 37 mila posti sono per baristi, camerieri, personale di cucina (preso evidentemente in vista delle feste) che negli Usa raggiungono lo straordinario numero di 11 milioni e 300 mila e sono a salario notevolmente più basso che in Europa. Per di più dei 73 mila contratti nell’ambito dei servizi e delle professioni  la metà sono di carattere temporaneo. Ma soprattutto a dicembre è aumentato di 324 mila unità il numero di quelli che per campare che devono fare più lavori (un salario medio, ancorché a tempo pieno si avvicina ormai pericolosamente alla soglia di povertà). E’ a questo che si deve sostanzialmente l’aumento di numeri dell’occupazione a fronte di un numero immenso di persone povere o quasi  che navigano in una realtà nella quale alle cifre encomiastiche si contrappone una diminuzione del 3% nel commercio all’ingrosso e dell’ 1% nelle vendite. E del resto proprio i numeri macroeconomici, se letti correttamente, sono razionalmente in linea con tutto questo: 800 mila jobs nell’ultimo trimestre  a fronte di appena lo 0,8% di crescita del pil.

Purtroppo queste statistiche sul lavoro, anche quando non siano in qualche modo manipolate, cosa assai semplice nelle analisi a campione finiscono per essere un inganno e si rivelano del tutto funzionali all’ideologia liberista: si potrebbe dire il potere costruisce le proprie categorie conoscitive e i propri criteri di misura per formare una realtà a sua immagine e somiglianza, per darsi ragione quando ha torto marcio. Almeno dal punto di vista della civiltà.

 

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Lavoro: luccica l’oro falso delle statistiche

  • Anonimo

    “Anzi proprio il ricatto occupazionale e la precarietà ottengono un effetto statistico che premia i poteri che sottraggono e avviliscono il lavoro perché spinge le persone a svolgere più attività contemporaneamente: così si ingrassano i numeri delle rilevazioni e si gonfiamo i petti tracotanti dei giustizieri di diritti e di futuro”

    Esatto…

    “si potrebbe dire il potere costruisce le proprie categorie conoscitive e i propri criteri di misura per formare una realtà a sua immagine e somiglianza, per darsi ragione quando ha torto marcio.”

    eh… 😦 :d

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: