Annunci

Archivi tag: istruzione

A lezione di ignoranza

mioAnna Lombroso per il Simplicissimus

Bisogna fare attenzione a non lamentarsi troppo che un nostro bene comune è trattato come una Cenerentola, trascurato come un corpo estraneo nell’agenda politica  e sociale. Di solito è il primo passo per farne una emergenza da trattare come tale adottando misure eccezionali, incaricando autorità supreme, applicando regole    per poi affidarlo alle cure di gente pratica delle leggi del mercato e della concorrenza.

Così è lecito pensare che lasciare all’incuria un patrimonio altro non sia che un sistema per cederlo a poco prezzo, come sta succedendo proprio con il più prezioso che dovrebbe stare sopra agli altri, l’istruzione affidata alla scuola pubblica.  Tempi di studio ridotti, edifici fatiscenti, insegnati vecchi, o precari, o demotivati o tutte questo cose insieme non sono casualità, non sono incidenti accaduti oggi e prodotti dalla crisi, bensì gli ingredienti della ricetta per avvelenare e far morire la scuola pubblica e fare spazio a quella privata che realizzi la distopia neoliberista di una “formazione” manageriale, commerciale e competitiva per preparare al mondo del lavoro.

Non a caso, come succede con i convertiti che si rivelano più entusiasti esecutori della dottrina appena rivelatasi dei suoi tradizionali sacerdoti,  la riforma che ha dato il via al processo non è tanto quella firmata Moratti o quella della Gelmini che si sono dimostrate ferventi interpreti del progetto messo a punto da Berlinguer, il vero faro nel percorso di aziendalizzazione della scuola e dell’Università, esemplarmente riassunta dalle tre I della Buona Scuola di Renzi &Giannini & Fedeli: Impresa & Inglese & Internet.

E per consegnarla a chi se ne intende e a prezzi stracciati hanno convertito la crisi in emergenza grazie a tagli di risorse (alla Gelmini si deve quello diventato proverbiale di 8 miliardi), alla progressiva demoralizzazione del personale, all’imposizione di un format di sapere utilitaristico, all’esaltazione del merito promosso dall’appartenenza a ceti privilegiati e alla rassegnazione e accettazione delle disuguaglianze, sancite dalla opportunità per chi ha di pagare di tasca propria gli optional più favorevoli per l’affermazione della propria dinastia. Non è andata meglio con il passato governo che nel ridurre perfino con la propaganda l’utilità del titolo di studio, del sapere e della conoscenza, ha voluto accentuare l’aspetto familistico e caritatevole della scuola primaria e secondaria, come di una istituzione che dà asilo ai giovani  e ne protegge l’innocente ignoranza.

Altro che “organo costituzionale” come ebbe a definirla Calamandrei e altro che sede per il riscatto, per la liberazione e l’affrancamento come sognavano quelli persusasi della sua potenza  nell’incidere sulle predestinazioni sociali, illusi che la scuola, frutto di un sistema     divisivo potesse non riprodurre al suo interno le disuguaglianze, le differenze e le sopraffazioni. La speranza più realistica affidava alla conoscenza questa funzione di consapevolezza, di critica e di redenzione, ma si sa che la speranza realistica è sostituita interamente dalla realpolitik che vuole infilare la cultura tra due fette di pane in modo che sia produttivistica, che “si possa mangiare”, più ancora che “dia da mangiare”.

E cosa c’è di meglio che imbandire la tavola dell’istruzione per rispondere all’avidità dei privati in modo che possano giovarsene secondo fame e gusto? E non si tratta solo del governo della scuola, dei finanziamenti per le scuole parificate, ma di affermare una ideologia che vuole  che i suoi luoghi diventino  i laboratori e le fabbriche della  “cultura d’impresa”, fondata sui valori del mercato e della sua rivendicazione  di forgiare le nostre vite coi principi dell’interesse personale, dell’ambizione, dell’egoismo e della competizione.

Come avevamo ampiamente previsto ci pensa l’asse Pd-Lega: «Se ha senso che sia la regione a definire gli assetti sulla scuola e il numero studenti, allora è giusto che sia il presidente della regione a stabilire se una classe deve avere 15 o 25 studenti sulla base delle caratteristiche territoriali, la demografia, su cosa accade nelle valli». La frase che non lascia dubbi, l’ha pronunciata qualche giorno fa il ministro degli affari regionali Francesco Boccia al termine dell’incontro con il governatore della regione Lombardia Attilio Fontana, che ha così riaperto la porta alla “regionalizzazione” della scuola, uno dei fondamenti dell’autonomia dei ricchi che prevede la cessione delle competenze organizzative, didattiche e di gestione anche delle remunerazioni dei docenti dallo Stato alla Lombardia e al Veneto e che era stata ostacolata  nel governo precedente dal movimento 5 Stelle.

Non  a  caso che sulla scia delle più prime tre,  Emilia, Lombardia e Veneto, anche Marche e Umbria avanzano pretese di autonomia differenziata proprio sulle materie dell’istruzione e della formazione tecnica e professionale, oltre che dell’università ampliando le competenze trasmesse alla  possibilità di intervenire sul curriculum degli studenti e sull’alternanza Scuola-Lavoro, per promuovere quella “sinergia tra istruzione ed impresa, caposaldo irrinunciabile per fare della scuola il luogo dell’addestramento delle giovani generazioni alle competenze richieste dalle aziende del territorio”, come chiedono l’Europa, la Confindustria, i padroni e i progressisti al loro servizio a tempo pieno con più solerzia dei conservatori.

In attesa dei test e degli Invalsi anche all’asilo e alla primina preliminari alla scuola dell’ignoranza, ci vuol poco infatti a capire che questo  disegno replica su scala nazionale quello delle due velocità dell’Europa, il Settentrione evoluto, progressivo, competitivo, che ha i numeri per stare alla pari con il pingue e biondo  Nord, e il Meridione parassitario, indolente indegno di crescere e migliorarsi e che non merita di accedere all’istruzione e a lavori dignitosi. Il primo con un Pil più elevato (e pure un’adeguata evasione) messo in condizione  di disfarsi degli ostacoli frapporti da regole unitarie: contratti collettivi di lavoro, valore legale del titolo di studio, ad esempio, e di impiegare in forma indipendente e arbitraria  parte rilevante del gettito fiscale. Il secondo condannato a corrispondere agli stereotipi di geografie predestinate all’accoglienza di stranieri in forma di profughi, cottimisti soggetti al caporalato, braccianti che non hanno la fortuna o l’abilità di diventare ministri,  o turisti, espropriate di speranze e consegnate alla malavita, che peraltro da tempo ha pensato di occupare profittevolmente altri siti più adatti alle sue pretese e dove trova alleati che dividono le sue stesse consuetudini al ricatto, all’intimidazione e alla sopraffazione.

 

 

Annunci

Elisir di Giovinezza

college

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Fidel Castro a 33 anni diventa il lidèr maximo di Cuba, Trockij, classe 1879, è già presidente del soviet di Pietrogrado,  durante le rivoluzioni del 1905 e 1917. Mazzini, del 1805, viene arrestato e detenuto nella Fortezza del Priamar nel 1830. Cavour, nato nel 1810 fu ministro del Regno di Sardegna dal 1850  al 1852, e poi presidente del Consiglio dei ministri dal 1852. Schopenhauer (anno di nascita 1788)  pubblica nel 1818 Il mondo come volontà e rappresentazione. Aggiungo come modesta postilla personale che mio papà perseguitato come antifascista e ebreo, entrò nelle file della Resistenza a 27 anni, dove assunse un ruolo di comando per via dell’età non proprio giovanile, e a 29 fu tra i fondatori del Mup insieme a Pertini (anno di nascita 1896, medaglia d’argento al valor militare 1917, primo arresto nel 1925).

Non sto dando i numeri, osservo che deve essere successo qualcosa nella percezione del tempo delle nostre esistenze se Renzi presidente del consiglio a 39 anni fu salutato come un enfant prodige, se Macron  quarantenne  all’Eliseo pare Mozart, se l’unica discolpa per  le dissennatezze dei ministri, del recente passato e attuali, consiste nella giovanile intemperanza.

Perché se è vero che per certi geni precoci valgono la vocazione e il talento, per i frutti dello studio, dell’applicazione e dell’impegno della ragione,  pare ormai che si debba aspettare che le giovani leve abbiano i capelli bianchi e il barbone di Marx (che a 25 anni scrive Critica della filosofia hegeliana del diritto pubblico e propone la prima definizione del comunismo come  «la vera risoluzione dell’antagonismo fra esistenza ed essenza, tra oggettivazione e autoaffermazione, tra libertà e necessità, tra l’individuo e la specie»).

Proviamo a fare qualche ipotesi.  Sarà forse che la durata protratta della vita, uno dei successi della faccia buona del progresso, procrastina lo sviluppo, la maturazione e il compimento del pensiero e del sapere.  Sarà che siamo distratti e probabilmente alienati dall’eccesso di suggestioni cui siamo sottoposti. Sarà che la Bocconi, la Luiss e i master a Londra si sono rivelate fucine meno produttive e terreni di coltura meno fertili di quanto la nostra contemporaneità e la complessità che la caratterizza richiederebbero.  Sarà che il genio cresce meglio negli stenti e che il benessere goduto e poi perduto ha viziato e in seguito frustrato la nostra bella gioventù, anche se a ben guardare i talenti di cui sopra sono rampolli delle classi agiate e acculturate. Sarà che adulti accidiosi e stanchi hanno dato le dimissioni senza preparare la staffetta se non per lettori volonterosi del Manuale delle Giovani marmotte. E non sarà che avevano ragione le ministre del governo tecnico – sia pure tutte possedute da un insensato e illimitato amor materno – che il nostro è un Paese che i ragazzi li tiene nella bambagia, bamboccioni e choosy, che si dovrebbe metterli alla prova in vista del loro futuro di sfruttati, come vorrebbe Poletti (salvo la loro prole) con un sano e fattivo avvicendamento scuola lavoro, con le viarie tipologie di lavoro minorile, dalla raccolta della frutta come tirocinio estivo al volontariato nell’expo, appena svezzati da qualche Erasmus?

In un continuo rimpallarsi di responsabilità e colpe, tra società e famiglie, tv e altre cattive maestre di nome e di fatto, informazione e rete, scuola pubblica e istruzione privata, professori demotivati e genitori che li menano se solo osano assolvere il loro incarico pedagogico, docenti repressivi e fan di ritorno di Don Milani che cercano di accattivarsi le simpatie di manigoldi in erba, meritevoli di indulgenza collettiva per le colpe del sistema che li ha fatti nascere e crescere disuguali,  si perde di vista che tutto pare concorra  a persuaderci che anche senza lavoro, senza futuro, senza tetto sulla testa, senza garanzie e senza diritti, e anche se non costituisce più il target di punto dei consumi, la giovinezza sia l’età dell’oro della nostra esistenza. Che  ci rende intoccabili come divinità, anche nella veste di marionette di moda, o nelle fattezze di icone negative per fashion victim.

E che è quindi consigliabile protrarla il più possibile questa epoca della nostra vita, nella quale è lecita la paghetta, si è perdonati per il cattivo rendimento, non si è tenuti a rendere conto di ritardi e mancanze se non a tolleranti capostipiti, grazie alla quale si assurge a ruoli di leadership e a reputazione di guida se si viene estemporaneamente ma non sorprendentemente ricevuti dall’imperatore con tutti gli onori, invece di gridare che è nudo. Così è tutto un concorrere a allungarla questa età felice, grazie a svariati parcheggi, a innumerevoli prove generali in attesa della prima, a indecenti e costose aree di sosta pagate da nonni e genitori che sperano di distrarre le creature anche di una trentina d’anni da una prospettiva di futuro convertita da aspettativa in minaccia, colpevolizzati per aver voluto e avuto troppo e che si pentono per non aver seguito i comandi non scritti delle dinastie, Buddenbrook compresi, che si erano assunti l’onere di trasmettere un patrimonio accresciuto rispetto a quello ricevuto.

Qualcuno, cui non basta un’organizzazione del lavoro che sta creando eserciti di forza lavoro precaria, ricattata, impreparata anche se superspecializzata, da spostare di qua e di là come il padrone vuole, pensa che a mettere ordine ci vorrebbe una bella guerra, che tra l’altro rimetterebbe in modo l’economia in vista della relativa e fruttuosa ricostruzione.

Non vuol sapere o non vuol dirci che la guerra è già dichiarata:  pochi che possiedono tutto contro sfruttati che non possiedono e non possiederanno mai nulla, che ci sono prima file che cadono già sotto le fucilate, come nelle battaglie dei secoli scorsi, o nei barconi, o nei lager del deserto in attesa di una fuga proibita, o nelle fabbriche che producono per noi “valorizzando” le loro risorse, o nelle miniere o nelle foreste abbattute per il nostro parquet. Grazie a quel qualcuno ci lamentiamo che giovani, ancora più giovani dei nostri figli, vogliano venire in Europa a cercar salvezza o addirittura, che scandalo!, fortuna, che siano così numerosi e dunque minacciosi, nei gommoni, nei centri di accoglienza, colpevoli già all’origine di non restarsene a casa loro dove potremmo aiutarli tenendoli come schiavi, facendo raccogliere cotone o succhiare petrolio o scavare smerarli o crepare di fame.

Mentre piangiamo calde lacrime per i nostri virgulti costretti in business class a andare a cercare la dovuta implementazione dei loro talenti e delle loro vocazioni, compiacendoci se si pagano l’abbonamento a Tim con qualche lavoretto in pizzeria rubato a pachistani e cingalesi, spesso plurilaureati di facile accontentatura ma colpevoli di carnagioni troppo eloquenti, rimuovendo con noi stessi l’eventualità non remota che non sia un’occupazione a tempo, che rientri in quei lavoro alla spina che saranno obbligati a assolvere, se gli va bene, fino a 50 anni (età nella quale Tolstoij  aveva scritto Guerra e Pace e Anna Karenina), e che sia pure con idiomi e colori più integrabili, ormai siamo anche noi retrocessi a terzo mondo tollerato solo proporzionalmente alla nostra volontà di sottomissione.

D’altra parte come potrebbero essere maturi, coscienti, consapevoli i nuovi nati di un popolo che è stato oggetto di un processo di infantilizzazione, per punirlo come un ragazzino capriccioso che ha vissuto al di sopra delle possibilità garantite dalla paghetta, per il quale conta di più la scuola della vita esibita nelle referenze su Facebook, dell’istruzione pubblica penalizzata e svalutata, che ha assecondato la sua conversione da cittadino a consumatore, ignaro che avrebbe perso anche questo status, che si è fatto convincere che diplomi e lauree siano necessari solo per sfigati che devono presentare un foglio di carta invece di esibire capacità e vocazioni in talent show o  organizzazioni para- partitiche, che si persuade facilmente che prima o poi arrivi qualche supereroe  a salvarlo e portarlo in un mondo migliore, o meglio in un’Isola che non c’è, dove non è obbligatorio crescere.

 

 


Il partito dei malminoristi

scegliere-il-male-minore Anna Lombroso per il Simplicissimus

Pare strano che in un paese di funamboli politici e  acrobati morali, l’equilibrio sia bollato come vizio che sconfina nell’ipocrisia e nella vigliaccheria. Meglio, molto meglio fidelizzarsi, abbracciare la fede di una delle curve sud, contribuire alla radicalizzazione, salvo poi fare orgogliosa abiura in nome  di quella virtuosa e largamente riconosciuta attitudine dell’intelligenza pratica che consiste nel mutare opinione, convinzione  e casacca, contando sull’oblio se non di Google, dei molti simili e affini.

Senza andare troppo indietro (ma ci sarà stata una fazione pro Caino e una pro Abele), era doveroso scegliere: o stare con Dio, Patria e Famiglia o coi comunisti mangiabambini, o stare con la trattativa o con le Br, o stare con la trattativa o con la mafia, o stare con Mani Pulite o con i tangentari. E poi o stare con il progresso o con gli arcaici operai, o stare con il posto di lavoro, comprensivo dei Riva e del cancro,  o con la qualità della vita e dell’ambiente, perché è necessario scendere ad assennati compromessi che comportano qualche rinuncia, alla giustizia, allo stato di diritto, all’interesse generale  che è operoso e sensato sacrificare sull’altare del benessere, della crescita, della civilizzazione, sia pure fortemente disuguale.

Così adesso è impossibile sottrarsi all’arruolamento forzato nelle militante dell’ieri e in quelle dell’oggi, ogni esternazione anche a una cena tra amici, deve essere corredata preliminarmente da una dichiarazione con tanto di referenze nella quale si ufficializzi la nausea per il truculento ministro dell’Interno, succeduto a illuminati tutori della legalità nell’uguaglianza, la derisione per il dilettantismo del vicepresidente, succeduto a  politici navigati quanto intrisi di rispetto delle istituzioni, la deplorazione per l’impreparazione scolastica di incaricati del dicastero dell’istruzione, succeduti a cultori del sapere plurilaureati e lungimiranti nella difesa della scuola pubblica, o della belligerante titolare della Difesa, succeduta a quel fior di pacifista  che ha diretto in prima linea le operazioni per la trasformazione dell’Italia in poligono e piazza d’armi svendendoci definitivamente alla Nato.

L’intento esplicito o sommesso è quello di scegliere senza ombra di dubbio il meno peggio, perché il peggio attuale si sarebbe verificato come un tragico incidente della storia, che ci coglie innocenti e impreparati, che ci colpisce come il fulmine a ciel sereno.

Ci hanno già provato con la crisi a spiegarci che non era una pestilenza arrivata dagli Usa, proprio come a Weimar,  che non era un contagio prodotto nei laboratori del casinò mondiale, che gli untori erano  gli stolti assatanati di miserabile guadagno in borsa e di farsi un tetto dentro alla bolla immobiliare gonfiata per imbrogliarli, e non la cupola finanziaria, per dire poi che le sofferenze bancarie non erano da attribuire al lungo e avido attivismo criminale di dirigenze e manager, ma alla smaniosa cupidigia di dissoluti risparmiatori, tutti fenomeni verificatisi d’improvviso, mentre eravamo affaccendati a tirare la carretta al di sopra delle nostre possibilità. E avendo delegato a gente pratica e con uso di mondo la gestione della cosa pubblica, che adesso sorprendentemente e chissà come è accaduto, è finita nella mani sbagliate e macchiate dell’onta infame di altrettanto sorprendenti razzismi, xenofobie e fascismi mai affiorati prima dagli abissi segreti e reconditi del pensare comune, e che appunto rappresentano il Peggio del Peggio, ben oltre passare gerarchie del Male, Renzi, Monti, Gentiloni, Letta,  e soprattutto Berlusconi che sta assumendo i tratti di Pericle e della sua età felice per la democrazia.

Insomma diciamo la verità, chi non si sente più affine, o peggio, chi non preferirebbe essere nei panni dei calabraghe di ieri, con le loro manovre cercate e scrupolosamente scritte sotto dettatura dai padroni carolingi benedicenti, piuttosto che stare coi calabraghe di oggi tirati fuori da dietro la lavagna per esibire l’attestato di fedeltà agli ordini impartiti, colpevoli di non essere conseguenti e rispettosi delle promesse fatte, come, so di esagerare, eh, uno che avesse proclamato di lasciare la politica dopo una sconfitta elettorale, o di cancellare l’organo di rappresentanza nel quale si fa prontamente nominare per non dare effetto ai giuramenti di prima. Chi, tra gli attivisti del mi piace, in mancanza del mi dispiace, non sentirebbe più appartenenza al mondo dorato della Luiss, a quello degli apparatjik del riformismo/progressismo autorizzato a tutte le latitudini che si è fatto felicemente incorporare nel neoliberismo, accogliendone valori e ideali asociali, piuttosto che al volgare e plebeo contesto populista degli straccioni arroganti e ignoranti, o accondiscendere a voti di fiducia officiati da autorevoli sacerdoti e sacerdotesse accreditate  piuttosto delle repliche celebrate da giovinastri o sciure, del tutto omologhi per la totale irriverenza nei confronti del ruolo delle rappresentanze e del confronto politico?

E chi non vorrebbe salvarsi da eventuali responsabilità individuali e collettive, scegliendo un liberatorio oblio e dunque una solida collocazione nel presente, per dimenticare errori condivisi o tollerati, correità e  vantaggi inappropriati, preferendo la modernità e i doni del mercato alle privazioni  e al passatismo della democrazia,  l’utopia della tecnologia sia pure ammansita dalle nuove retoriche comportamentali al le licenze delle quali si può approfittare alle regole che è obbligatorio rispettare. Quindi via il passato, meglio l’ipertrofia del presente che permette di autoassolversi, di accontentarsi del mugugno  – invidiando ma solo sul web le insurrezioni e le disobbedienze altrui che non si imitano per ragionevole cautela, e soprattutto di disimpegnarsi sul futuro che tanto è già consegnato ai padroni delle due fazioni, ai burattinai dei fantocci di ieri e di oggi e a quelli di domani che hanno persuaso i pupazzi   a prestarsi in nome di leggi divine che sovrintendono le azioni e i destini degli uomini, immutabili e incontrastabili come il fiscal compact, gli F35, la precarietà, l’ordine mediante repressione e  limitazione delle libertà, la fatica come unico diritto insieme al consumo, il culto fanatico dell’avidità e dell’accumulazione come movente  imprescindibile di ogni azione.

Per salvare l’impero è necessario sacrificarsi sull’altare del male minore. Che per carità non ci venga in mente di pensare “altro” da questo, di prendere coscienza che non ci riconosciamo né negli uni, né negli altri e che quindi dobbiamo riprendere in mano le nostre esistenze e le nostre aspirazioni, come cercano di fare quei pochi che rappresentano le sacche di resistenza superstiti nelle geografie poco raccontate del nostro Paese, No Tav, No Triv, No Stadio, No Mose, No Terzo Valico, No Muos, no alle svendite di quel che è nostro, in Sardegna, in Puglia, a Venezia, in stranieri e stranieri in patria che non meritano l’ospitata su Rai3, la Sette, Mediaset nei teatrini della scontentezza. Perché la loro collera non piace a nessuna delle curve e tantomeno alle squadre che si disputano il campionato giocando col nostro mondo come fosse un pallone da prendere a calci.


8 marzo, meno di metà

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Per quanto mi riguarda l’altra metà del cielo possono tranquillamente tenersela per farci volare caccia e bombardieri, droni e missili, astronavi e shuttle.

Una volta pensavo di accontentarmi della terra, ma è evidente che non abbiamo ottenuto nemmeno quella.

Come non l’hanno conquistata tutti gli sfruttati, gli offesi, gli emarginati, i sommersi, i miserabili, gli arrabbiati, i visionari, i sognatori: dismesso o frustrato l’obiettivo della liberazione, le donne colpite due volte da rinunce, abiure, intimidazioni, repressioni, obblighi morali e comportamentali imposti da culture patriarcali al servizio del profitto, declinazione pubblica e privata del capitalismo, sono entrare ormai nella fase della pre-emancipazione.

Si, tornate indietro, perché quelle conquiste che parevano ormai consolidate sono compromesse alla pari e ancora di più che per gli uomini, da una recessione economica e sociale, da uno stato di coatta e virtuale necessità che impongono l’abdicazione volontaria di diritti, compreso quello di sognare, desiderare, aspirare,  quelli primari a cominciare dal lavoro, dalle sicurezze di posto e salario, dall’esprimere talenti e vocazioni. E perfino dei più dolorosi, retrocessi a turpi reati grazie alla comprensione per equilibrismi infami di coscienze sporche.

Non è paradossale se perfino il dovere e diritto di voto, quel traguardo raggiunto davvero col sangue delle partigiane, con la fatica  nei campi e nelle fabbriche, con gli stenti e la rinuncia in nome dei maschi di casa, ormai per noi, come per gli uomini,  è stato ridotto a pratica notarile per la conferma di scelte confezionate in luoghi nei quali la presenza delle donne, gregarie, incistate nei traffici opachi del potere, icone per la propaganda, entusiasticamente corree, dovrebbero far vergognare ogni giorno chi ha coltivato pregiudizi favorevoli sullo speciale contributo di quote rosa, sulle loro qualità e indoli di genere.

Non riesco proprio a compiacermi per fermenti e movimenti che si battono contro la violenza, se nutrono la parvenza di verità secondo la quale femminicidi, stupri, busse e crudeltà in casa e fuori sarebbero la reazione alla nostra nuova libertà, il risarcimento sanguinoso di chi non tollera l’autodeterminazione, la minaccia che si concretizza quelle che possono e vogliono decidere da sé e di sé.

Fosse vero, lo guarderemmo in faccia il nemico. Fosse vero potremmo  scendere in campo per la guerra dei sessi.

Mentre la guerra nella quale le donne sono nelle prime file, quelle che cadono subito ai primi spari di fucile, è quella di un impero che ha capi, generali e soldataglia, ma agisce con armamenti i più diversi, con misure e strategie che riducono la gente a merce e oggetti non solo sessuali, che inibiscono istruzione e cultura nel timore che favoriscano pensiero e anelito di indipendenza, che riducono garanzie e prerogative per manovrare legioni di schiavi da spostare dove è più redditizio, che tagliano assistenza affidata alla cura individuale delle donne, che hanno talmente deprezzato la vita da legittimare chi la compra, criminalizzando chi è costretto a venderla, da autorizzare chi la toglie a disperati, marginali, corpi nudi e senza documenti, da persuadere che qualcuno ne meriti il possesso, sia padre, marito, compagno, figlio, per una volta assimilato al ceto padronale, come vuole una cultura che ha fatto delle confessioni, tutte ugualmente oscurantiste, la giustificazione etica per catene, oppressione, limitazione di volontà e libertà.

Mi piacerebbe nutrire più speranze in un movimento che si proclama come globale, che dovrebbe motivare e coinvolgere donne sempre più isolate, sempre più condannate in casa dove viene loro concesso qualche part time parcellizzato, precario, non sindacalizzato, sempre più esposte a una mobilità incrementata da intimidazioni e ricatti, da forme di caporalato alle quali, è notizia di questi giorni, partecipano attivamente altre donne, sempre più costrette perfino alla cessione di speranze, vocazioni, aspettative come e più dei loro compagni.

Può bastare  il reddito di autodeterminazione, che assomiglia a quello di cittadinanza, accorgimenti  che nel migliore di casi possono addomesticare un sistema iniquo e ferino, quello che ha fatto della precarietà e dei suoi gioielli, vaucher, contratti a termine, contratti capestro, contratti unilaterali la sua ragion d’essere e la garanzia di sopravvivenza di chi ha ai danni di chi ha sempre meno? Non dovremo cominciare a pensare e costruire la libertà nostra e di tutti: migranti e donne migranti? Disoccupate e disoccupati? Precarie e precari? Abbattendo quei muri che hanno alzato così alti che quel cielo che dovrebbe essere di tutti non si vede più?

 

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: