Annunci

Archivi categoria: Lavoro

El portava i scarp del tennis

Fila Foot Locker Anna Lombroso per il Simplicissimus

Vuoi vedere che rimpiangeremo quell’Arcadia consumistica, con la gente in fila per l’iPhone di ultima generazione o il mocassino del ciabattino mediceo,  in qualità di status symbol irrinunciabile per classi incatenate al desiderio di un’esistenza che non possono permettersi, tanto che certi bisogni che contribuivano all’autorealizzazione prendevano il sopravvento su quelli primari, libertà e dignità comprese?

C’è da temerlo, a guardare una notizia di questi giorni. A Milano, tutti in coda da Footlocker in corso Buenos Aires per le scarpe da tennis a edizione limitata Videp, in fila dalle tre di notte, per aggiudicarsi   le Yezzy boost 350 V2 black in edizione limitata a 220 euro al paio.

Si, 220 euro, per delle scarpe da tennis, ma nel negozio, perché il prezzo si moltiplicava a pochi metri di distanza, dove il dehors di un bar ancora chiuso era diventato un suk o meglio un’asta, e il desiderato prodotto era oggetto di contrattazione e negoziazioni serrate, tra chi si era  sobbarcato la fatica del risveglio antelucano e rilanciava e gli indolenti postulanti pronti a pagare fino a 400 euro.

Chissà che soddisfazione per i genitori dei dinamici giovinetti che già mostrano una precoce imprenditorialità e un così lodevole spirito di iniziativa. E chissà che rassicurate saranno le loro mamme apprensive, che hanno scucito i 220 euro: meglio che stiano svegli a far la fila per le scarpe e per poi rivenderle, invece di picchettare la Tav, occupare le scuole, farsi le canne. Chissà che orgoglio e che sollievo i nonni che potrebbero un domani sottrarsi al doveroso contributo per i loro studi e i loro fondi pensione, se gli imberbi maneggioni esprimono così l’ambizione di dominio e conquista delle fonti della loro soddisfazione, quella volontà di potenza  secondo Nietzsche, invece di stare sul divano con la playstation a aspettare l’accesso al reddito di cittadinanza.

E chissà che ammirazione riservano il sindaco di Gabicce e il suo mai dimenticato segretario a una generazione che mette a frutto le lezioni della Leopolda e le applica sotto forma di ingenua e primitiva speculazione appena un po’ più sofisticata del baratto, certo più ingegnosa della svendita dei libri ancora da usare e degli album di francobolli ereditati al nonno, fino a qualche tempo fa deplorate come cattive abitudini da condannare con severità. Per non dire dell’apprezzamento dei signori in paletot di cammello a corso Vittorio Emanuele, quelli che quando passa un altro genere di corteo anche se in fila ordinata urlano andè a lavura’.

Non si capisce se, come e quando andranno a lavurà’ i pusher di scarpe da tennis: è probabile che col loro istinto manageriale si aggiungano a un’altra fila, quella dei lavori che in America sono stati chiamati alla spina come la birra e la coca light, quelli che fai per un po’, raccatti qualche soldo, poi cambi, nella illusione che così stai esprimendo e tutelando la tua libertà, con l’abbaglio di non avere padroni sopra di te, perché sei tu che decidi di fare 10 o 50 o 100 consegne di pizza a domicilio, proprio come un cottimista. E con la allucinazione indotta di avere fatto progressi passando dalla catena di montaggio o dal passare carte al ministero  alla desiderabile economia dei lavoretti, utilizzati per il solo tempo strettamente necessario a fornire il servizio al di fuori di un qualsiasi rapporto di lavoro stabile. Perlopiù “governati” da piattaforme come Amazon Mechanical Turk (MTurk)  un servizio internet di crowdsourcing,   che permette ai programmatori di coordinare l’uso di intelligenze umane per eseguire compiti che i computer, a oggi, non sono ancora in grado di fare, impiegando  una forza lavoro  ventiquattro ore al giorno e sette giorni su sette. Dando l’impressione, falsa, che non essere inseriti in una relazione stabile, insieme alla possibilità di guadagnare soldi al pc  nel tempo libero e quando si vuole come fosse un gioco, sia un vantaggio e regali autonomia e quattrini facili, per giunta in nero.

E se per qualcuno di tratta di lavori aggiuntivi per arrivare a fine mese, pagarsi le vacanze, per altri si sta trasformando nell’unica fonte di reddito che per far raggiungere un livello remunerativo appena soddisfacente, costringe a delle corvè, crea una concorrenza spietata   perché il Turco vuole sempre nuove idee e sempre maggiore impegno come è naturale in quello che si delinea ormai come un taylorismo digitale, spesso accora più alienante, perché si svolge in casa, in solitudine e senza che si creino relazioni tra sfruttati in competizione, che non si organizzano e non si difendono.

I più fortunati, i più protetti all’origine, che possono contare su famiglie e amicizie utili potranno accedere a quelle occupazioni magistralmente censite in un libro di David Graeber, che in italiano ha conservato il titolo originale forse per un pudore della casa editrice, una di quelle che credono che il fascismo sia solo negli scaffali di qualche concorrente dichiaratamente nero: Bull Shit Jobs, quelle professioni  nelle quali il lavoro anziché finalizzato alla produzione, è fine a sé stesso, che danno da vivere – infelici – a quelli che le svolgono e costituiscono il fondamento del capitalismo globale; consulenti per le risorse umane, coordinatori di azioni di comunicazione, ricercatori del settore delle Pr, strateghi finanziari, legali interni alle aziende, gestori della conformità normativa (sic), perfezionatori di dati.

Non occorreva Nostradamus e nemmeno Keynes per profetizzare che gran parte dei lavori produttivi, sarebbero stati in gran parte sostituiti dall’automazione e che si sarebbero moltiplicate le libere professioni, le mansioni dirigenziali, quelle d’ufficio, di vendita e di servizio, quelle amministrative e di assistenza tecnica e scientifica.

E non è certo un caso che invece di dare l’opportunità di lavorare meno e tutti, dedicandosi a vocazioni, talenti, affetti, progetti creativi e hobby, il capitalismo ci obblighi per la sua sopravvivenza alla fatica, meglio se frustrante, come cavie che si arrampicano sulle scalette delle loro gabbie per contrastare l’allarmante eventualità che abbiamo tempo e sufficiente denaro per essere felici, liberi, appagati, peggio che mai, intenti a concentrarsi sullo studio e sulla conoscenza, senza sentirci moralmente deplorati da fantasmi protestanti, cattolici, giansenisti, puritani, metodisti,  pure socialisti  e comunisti che si sono prodigati per celebrare il lavoro motore di riscatto, anche quando è servile. Perfino adesso che lo status sociale non è più la capacità di “fare le cose”, ma la possibilità di comprarle (IPhone o scarpe da tennis) tanto che se una volta i produttori  di ricchezza erano i lavoratori, oggi si chiamano così gli Elkann.

Così mentre si attribuiva nuovo valore al lavoro, perché non c’è, perché è mobile, perché è insoddisfacente, perché è poco remunerato o troppo immeritatamente superpagato, perché è un terreno di guerra dove vengono fatti muovere eserciti gli uni contro gli altri, sempre meno se ne riservava alla studio, alla conoscenza, alla  scuola,  dove pare si debbano solo “assaggiare i saperi”, muoversi in “un’orizzontalità estesa a competenze, suggestioni provenienti dal mondo concreto della produzione e della preparazione tecnico- pratici”, “valorizzare il concreto farsi delle competenze”, in attesa che la fatica venga sostituita da robot non sempre più obbedienti degli umani, come non fosse evidente che saranno sempre gli stessi pochi a godersi i profitti  dell’automatizzazione, mentre i tanti pagheranno tutti i prezzi compresi quelli della devastazione ambientale.

Una volta ci pareva che per cambiare le cose dovessimo metterci dalla parte del torto, mai come adesso bisognerebbe riprendersi la ragione, altrimenti dove andranno quei ragazzini con le loro scarpe da tennis, come finiremo?

Annunci

Sinistra organica e umida

arcimb Anna Lombroso per il Simplicissimus

C’è un aspetto particolarmente miserabile e desolante che colpisce nella grottesca vicenda dei “sacchetti”.

Ed è lo sprezzo altezzoso con il quale hanno trattato la protesta, forse arruffona e ingenua, anche soggetti abitualmente critici nei confronti di soprusi e balzelli governativi, una spocchia maturata grazie a  acquisti equi e solidali, a baratti con deliziati procacciatori di uova da covate armoniose, salamini derivanti da maiali liberi e festosi, oli da olive brucanti e gioviali,  alla frequentazione di  folcloristici mercatini a km zero, a sedani ridenti e carote giocose che escono da reticelle e borse intrecciate nelle geografie scelte per vacanze intelligenti. Nulla a che fare con i brutali e maleducati forzati dei supermercati, con le loro spese irresponsabili e infantilmente viziate,  con l’autodafè  dei carrelli cigolanti, stracolmi di sughi pronti e pizze surgelate.

Non c’è da stupirsi di certi schizzinosi e della loro acquiescenza smorfiosa a  una retorica ambientalista, interpretata magistralmente da una dirigenza verde che con  la raccolta degli shopper in spiaggia si redime  del consenso accordate a indecorosi sacchi del territorio, condoni,  “sblocca italia”, Valutazioni di impatto ambientale piegate alle ragioni egemoniche dei privati, della loro accettazione come incontrastabili della Terra dei Fuochi, dell’Ilva e pure dei conflitti di interesse, dazio da pagare per stare nel progresso con la speranza che la “manina” distribuisce qualche beneficio grazie alla generosità di imprenditori innovativi.  O  della sprezzante rivendicazione di superiorità e consapevolezza,  rispetto a plebei tumulti egoistici e fermenti micragnosi che si agitano intorno a 20 infimi  20 centesimi, dei fedeli a un’Europa anche quella irrinunciabile.

Ma nemmeno tanto sotto c’è il timore di venire assimilati ai beceri populismi, agli odiati 5stelle, ai forconi, agli assalti ai forni, a quel malcontento legittimo, ma così maleducato, interpretato da nuovi straccioni che in passato hanno avuto troppo e che viene su dalla pancia, in specie se è vuota, incontenibile come un borborigmo e volgare e ignorante e perciò molesta e riprovevole da chi pensa ancora a una innegabile superiorità di movimenti tradizionali, di organizzazioni strutturate ancorché  liquide, quelle stesse che vivono grazie alla ostensione pubblica e reiterata della impossibilità di un’alternativa e che hanno platealmente eseguito la rinuncia e il tradimento di qualsiasi ideologia che non sia la sudditanza al pensiero nei liberista. Convinti che lo status quo brutto disonorevole e condiviso per vigliaccheria, sia meglio di un ignoto forse promettente seppure sconosciuto e imprevedibile. Persuasi che sia rispettabile e decoroso ripiegare su quello che viene continuamente accreditato come il meno peggio,  quella feroce “concretezza” della realpolitik, quegli imperativi implacabili della necessità e opportunità e quindi  la improrogabile cancellazione anche dall’orizzonte immaginario di una alternativa a quello che abbiamo intorno e ci viene imposto come fatale.

Sono loro che guardano, affacciati alla loro finestrina angusta, lo svolgersi degli eventi, la dissoluzione di esperienze, quella del Brancaccio definita icasticamente un’Isola dei Famosi, il riaffacciarsi delle solte mutrie, i colpi di coda di mostri riluttanti a recedere e si sa che alla fine cercheranno riparo sotto l’ombrello del partito unico, con tanti spicchi colorati che nascondo un cielo cui non sanno guardare. Aspettiamoci i soliti caldi inviti dunque a non disperdere voti che  favorirebbe una destra –  fantasmatica e indefinibile rispetto alla loro così evidente? Aspettiamoci la disincantata bonarietà con cui condannano al limbo delle anime belle programmi e aggregazioni volonterose.

Chi oggi pensa che il meglio non sia nemico del bene. Che non ci si deve arrendere al meno peggio, sarà opportuno che sia meno schizzinoso, per timore di non piacere a intellettuali e commentatori che hanno bisogno del  Viagra movimentista per rimanere giovani. Non basta redigere un quadro generoso dei cosa vogliamo, un inventario degli ideali e delle aspirazioni, quello che hanno disegnato con giovanile e entusiasta potenza i tanti che in 140 assemblee stanno facendo circolare i propositi di Potere al Popolo: 15 punti  o meglio obiettivi fondativi  dalla “rottura” dell’Unione Europea dei trattati all’uscita dalla Nato, dalle nazionalizzazioni/ripubblicizzazione di banche e aziende strategiche, all’amnistia per i reati connessi alle lotte sociali e sindacali, che dovrebbero  consolidare legami e strategie comuni con lavoratori in lotta: da quelli di Almaviva, di Sky, di Atac,    ai metalmeccanici delle acciaierie di Terni, agli autoconvocati della scuola, e tanti altri ancora,con i precari, i disoccupati, gli occupanti, gli sfruttati, i licenziati… e più in generale con chi subisce la crisi voluta e generata da chi ha e vuole sempre di più.

Potere al Popolo fa irruzione in una campagna elettorale nella quale i contendenti ancora una volta ricorrono al manuale Cencelli o alla sua conversione online, non può essere questo nemmeno il primo traguardo intermedio e nemmeno il banco di prova, perché si sarebbe destinati a una mesta ritirata in un contesto avvelenato e truccato, nella totale eclissi dell’informazione, nel ridicolo cui viene condannata qualsiasi iniziativa di rottura degli equilibri mai abbastanza precari dell’establishment.

Guardare a oggi e a domani ben oltre la scadenza notarile del 4 marzo, senza pregiudizi e senza chiudere la porta in faccia a nessuno per intercettare consenso e promuovere un coagulo di pensiero e forza, è necessario per verificare la fondatezza di quel progetto di sindacalizzazione territoriale che non basta da sola ma che è preliminare a un nuovo modo di fare politica, quella combinazione di buone ‘pratiche’ che prefigurano modalità altre di relazioni produttive, della tutela e del godimento dei beni comuni e del patrimonio naturale che vedono la loro avanguardia in resistenze lontane da noi eppure così vicine, quelle irriducibili dei popoli indigeni, dei contadini, delle popolazioni impoverite e di quanti non hanno smesso di usare il proprio cervello e il proprio coraggio, seppure oscurati dai media, quelle di chi non cede bendandosi gli occhi e tappandosi le orecchie, con un attendismo fatale e prescritto,  alla minaccia dell’affermazione definitiva e catastrofica della superpotenza delle imprese transnazionali, dei conglomerati industriali-finanziari.

Qualcuno ha detto che ormai la sinistra rappresenta o i mendicanti, invisibili, o l’alta borghesia, appartata nelle sue enclave, avendo segnato ormai la sua separazione dal popolo. e dai suoi bisogni, dalle sue paure, dai suoi desideri, Eppure sarebbe ancora possibile tornare a parlare di bene e di male, di giustizia e solidarietà, di accoglienza e redistribuzione. di amicizia e interesse comune, di ideali e di idee, quelle che di solito non trovano mai posto sui manifesti elettorali.

 

 


Opera di massima sicurezza

scala 2Anna Lombroso per il Simplicissimus

Ma  li avete visti coi loro pomposi abiti di scena, tutti imbellettati come mascheroni, incoraggiati ad esibire diamanti e zibellini dalla messa in sicurezza del teatro convertito in fortezza blindata contro lo sciagurato antagonismo che osava minacciare la vice ministra entrata alla chetichella, ben contenti di ascoltare un’opera soporifera che aveva il merito ai loro occhi di mettere in luce i danni delle rivoluzioni che oscurano la ragione e pure la poesia?

Parevano  usciti dall’album di famiglia della maggioranza silenziosa, spaventata ma arrogante, con le  nuove Luisa Ferida, i commendatori e le loro sciure, qualche festosa creativa in cerca dei 5 minuti di notorietà, banchieri marginali, una Milano da bere retrocessa al vermuttino in galleria con in testa il sindaco molto indagato e ciononostante irriducibile nella narrazione  di quella  credenza talmente ben propagandata da essere entrata a buon diritto nell’album  della nostra autobiografia nazionale: il mito cioè della capitale morale alla quale si dovrebbero affidare le redini del paese per restituirgli autorevolezza e credibilità internazionale, fama e prestigio nel mondo dell’economia, e perfino della cultura, dopo il conclamato fallimento politico e civile di Roma, segnata da una gestione occasionale e scalcinata, e che, ad onta di antiche  nomee – Capitale corrotta, nazione infetta – viene diffusamente presentato come fenomeno patologico nuovo, originale e inguaribile.

Una leggenda difficile da smentire, altro che fake news, malgrado si sia saputo il perché dell’esito dell’estrazione a sorte dell’Ema, ospite d’onore presto sostituito nell’immaginario dell’establishment dalla Goldman Sachs,  benché si sprechino notizie che raccontano come l’hinterland sia infiltrato capillarmente da varie tipologie mafiose, malgrado la questura abbia impresso un giro di vite per contrastare l’occupazione militare del racket nei bar e ritrovi del gran Milan.

Perché se è vero che, come disse una volta un capitano dei carabinieri, tutto quello che non è Calabria, Calabria è destinato a diventare, ci sono analisi dell’antimafia che confermano la profezia sull’esposizione di istituti di credito a ingressi di colletti bianchi della ‘ndrangheta, sulle acquisizioni da parte di clan mafiosi di aziende sofferenti da trasformare in comodi prestanome, sulla potenza del racket che impone la sue rete di gorilla e buttafuori, vigilantes anche nelle vesti di incendiari, che taglieggia negozi fino a che i proprietari e esercenti si arrendono e li cedono a qualche organizzazione malavitosa spesso al servizio di imprese multinazionali e firme insospettabili, e che rivelano perfino  primati guadagnati nel mercato dei permessi falsi per immigrati. A conferma che si tratta di un territorio e di un tessuto sociale che non possiede i necessari eppur conclamati anticorpi, anzi…

Per quello colpisce la fiducia attribuita all’apparizione di Pisapia nella grotta dei madonnari in cerca di un leader di elevata statura morale, alla guida di una sinistra garbata ed educata ma capace di imprimere una svolta sia pure gentile e addomesticata.
Mentre le sue prestazioni dopo le promesse di rottura col passato all’atto della candidatura a sindaco, non avrebbero  dovuto persuadere nessuno  a cominciare dalle sue responsabilità nell’esecuzione minuziziosa dell’Expo in veste notarile, da addetto alla  concretizzazione e conformità del grande evento con il dettato della grande sponsor Moratti, per non dire della definitiva trasformazioni di Milano nella capitale della deregulation urbanistica, grazie all’attenzione riservata alle pretese dei veri dominatori della città: finanzieri, corporazioni commerciali, imprenditori e impresari edili, tanto che a detta di urbanisti ed architetti non ancora arresi al dominio proprietario, se  c’è oggi una città esemplare della licenza edificatoria come una volta Roma, è Milano.

Favorita anche dalla consegna megalomane dei luoghi alla progettualità di star straniere, estranee alla storia e ai contesti urbani, quelle che, senza un piano particolareggiato,  hanno  “integrato” i tre (uno è in ritardo) insensati grattacieli di una City Life (la prima «Nuova Milano») sull’area dell’ex-Fiera, attorniati  da impressionanti cataste di falansteri che qualcuno ha paragonato  alle mostruose navi da crociera che ogni giorno attraversano pericolosamente il corpo di Venezia, replicando così il paesaggio di Dubai, di Doha, del Quatar, perfettamente congruo peraltro, visto che è il fondo sovrano del Qatar il proprietario unico di quella parte di Milano.

Sono  di quella risma i nuovi padroni di casa – così  si sono auto definiti in occasione della fastosa inaugurazione. E non stupisce se si considera che gli abitanti se ne vanno dal centro, per gli stessi motivi per i quali vengono espulsi i veneziani, che lo sviluppo occupazionale riguarda è vero il comune centrale, ma che, dopo che l’industria manifatturiera ha abbandonato il capoluogo almeno a partire dagli anni ‘70, per motivi di ristrutturazione, di riconversione ma soprattutto di delocalizzazione, è  sempre più rivolto ai servizi finanziari, di comunicazione e della moda e non essendo in grado di incrementare  in modo significativo un terziario qualificato che non sia quello puramente commerciale.

Una Milano senza milanesi, una città senza cittadini, è così che la vogliono quelli che ieri sera erano asserragliati nella loro cittadella del privilegio, mezze figure che trovano il loro Andrea Chenier in Fabio Volo, il loro Stendhal in Severgnini, la loro Brera nelle vetrine delle grandi firme di Montenapoleone. Ma sotto sotto hanno una gran paura che prima o poi arrivi Robespierre.


Siamo uomini o caporali?

arance_675Anna Lombroso per il Simplicissimus

Nei giorni scorsi  sono state arrestate sei persone nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di fatica di Paola  Clemente, 49 anni, bracciate nei campi intorno ad Andria con una paga di 2 euro all’ora. La sua giornata cominciava  alle 2 di notte, quando andava a prendere l’autobus per arrivare alle 5.30 a San Giorgio Jonico (ne avevamo scritto qui: https://ilsimplicissimus2.com/2015/08/05/a-sud-di-nessun-nord/).   A casa, dove la rivedevano non prima delle 3 del pomeriggio, in alcuni casi anche alle 6, portava  27 euro al giorno.

Nel provvedimento cautelare che ha portato al fermo di tre dipendenti di un’agenzia di lavoro interinale di Noicattaro, il titolare della ditta addetta al trasporto delle braccianti agricole e una donna che aveva il compito di controllare le lavoratrici sui campi, tutti residenti nel Barese e nel Tarantino, si può leggere il racconto di un’altra bracciate  che conferma   la natura criminale dello   sfruttamento a cui sono sottoposti  i lavoratori anche da parte delle agenzie interinali: “Una volta sul pullman, nel momento in cui venivano distribuite le buste paga, ha detto la testimone, alle nostre lagnanze perché i conti non tornavano, ci hanno risposto che non dovevamo lamentarci. Così nessuna ha più parlato, anche perché si ha paura di perdere il lavoro, anche io adesso ho paura di perdere il lavoro e di essere chiamata infame”.  Infame perché il ricatto e l’intimidazione svelati potrebbe farlo perdere anche a altri finiti nella  rete assassina degli stessi gangster.

Meglio di niente si dirà. Un po’ conforta che, sia pure nel timore di una prevedibile “indulgenza” tramite prescrizione,  siano stati assicurati alla giustizia i più appariscenti addetti al caporalato, quelli che sfruttano a pari titolo italiani e quelli che pare vengano qui a portargli via  la stessa fatica bestiale,  per una volta uguali nella disuguaglianza iniqua che è ormai la cifra del nostro sviluppo. Un po’ consola anche se finisce per redimere un governo e una politica che si sono occupato del caporalato più appariscente e cruento, quello arcaico perseguito con molte cautele e molti distingua grazia a un provvedimento tardivo e riduttivo che  “punisce con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore reclutato, chiunque recluta manodopera per destinarla al lavoro presso terzi in condizioni di sfruttamento, approfittando dello stato di bisogno dei lavoratori, e chi utilizza, assume o impiega manodopera, anche mediante l’attività di intermediazione di caporali, sottoponendo i lavoratori a condizioni di sfruttamento ed approfittando del loro stato di bisogno”.

Mentre continuano ad essere legali e dunque impunite  altre forme di caporalato, quella  miriade di “modelli” contrattuali, tutti imperniati su discrezionalità, arbitrarietà, elusione delle regole, ricatti e capestri, vaucher, tagliole, lettere in bianco e così via che animano il mercato del lavoro in una società che non lo promuove, non lo produce, non lo rispetta, non lo tutela, non lo vuole. Dove è preferibile la servitù,  con la sua mortificante instabilità, con lo stato di perenne incertezza, con una mobilità umiliante e spaesante che investe luogo e  status, determinando un  senso di isolamento e solitudine che condanna i lavoratori non sindacalizzati, persuadendoli  che la loro esistenza dipende da altri, che la libertà ha perso senso se non si hanno più diritti, diventati, nel migliore dei casi, elargizioni benevole.

E non sono mica meno cruenti questi altri profili  di “esaurimento” del lavoro e dei lavoratori, che assume forme patologiche fisiche e mentali fino ad arrivare al suicidio. Ma che trasforma in malattia la vergogna di subire, il senso di inadeguatezza, l’umiliazione di non veder riconosciuti talenti e esperienza, la mortificazione di prestarsi a un volontariato di chi non ha a beneficio di chi ha già troppo., l’onta di essere condannati allo status di addetti “accessori”, senza altro diritto che quello di accedere a “buoni”, quei vaucher che col loro successo infame hanno decretato la fine legale e giuridica di ogni speranza di garanzia e tutela,  se il 75% dei nuovi rapporti di lavoro sono precari, se l’occupazione secondo il jobs act è stata ridotta a un assistenzialismo statale alle imprese in un’economia senza domanda, grazie alla diffusione  dilagante di mansioni vincoli temporanei, provvisori e soggetti a minacce e coercizioni dentro e fuori il perimetro del lavoro subordinato e al  trasferimento di ingenti risorse pubbliche alle aziende.

Non è meno sanguinoso e crudele il processo di censura e autoregolamentazione imposto  ai cittadini e che deve convincere a chi vuole entrare nel mercato delle necessità di rinunciare a dignità, aspirazioni, aspettative, fino all’abiura di quella identità sociale data dall’appartenenza a comunità che si riconoscono a vicenda, che comunicano e esprimono speranze, bisogni e rivendicazioni.

Secondo un’aberrante mutazione che dovrebbe farci dimenticare la coscienza di classe e l’auspicio che non sia per sempre e inesorabilmente  quella che, pur stando dalla parte giusta, è dunque e per questo condannata alla sconfitta. Non arrenderci lo dobbiamo a Paola, a milioni di sfruttati, a noi stessi.

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: