Anna Lombroso per il Simplicissimus

Non vorrei  che occupati a approfittare dell’opportunità  offerta dalla rete di emettere una condanna giudiziaria, purtroppo solo virtuale, vi foste dimenticati di quella morale nel caso ricordaste la toccante immaginetta della ministra dell’Istruzione, candidata sindaco di Milano, Letizia Moratti Brichetto Arnaboldi  che un 25 aprile 2006 in piena campagna elettorale spinge spudoratamente la sedia a rotelle dell’anziano padre, in qualità di testimonial del suo antifascismo, “dinastico” come il talento per le assicurazioni e le intermediazioni.

 Ma della persona giusta al posto giusto, in questo caso quello di Assessora alle Politiche sociali della Regione Lombardia, ben altro potremmo dire oltre all’inanellarsi di accuse e pendenze, nonostante che  solo per quello si dovrebbe ricorrere a quella misura non eccezionale:  commissariare il Pirellone,  come si è fatto in passato con una determinazione attribuibile più che all’ardimento degli Esecutivi di allora al fatto che si trattava di enti che non possedevano l’autorevolezza politica e morale della operosa Lombardia e del suo capoluogo.

Eh si, non occorreva assistere al simpatico siparietto del leccaculo di tutti regimi, anche lui perenne e infestante come l’intervistata, per sapere che cosa aspetta la regione più colpita dal Covid, per effetto di anni di demolizione del sistema sanitario, dei guasti ambientali, di una urbanizzazione selvaggia compiuta per appagare gli appetiti di una cupola bancaria e imprenditoriale della quale la Moratti, da pochi mesi in temporaneo riposo dopo le dimissioni da presidente di UbiBanca,  è la plastica incarnazione, la figura allegorica ritratta sul frontone del tempio dei mercanti che impartiscono i comandi per quello che poi la politica scrive sotto dettatura.

E il delicato quadretto che ho richiamato alla memoria è davvero simbolico della sfrontatezza irriguardosa di certi personaggi durevoli.

Rivela il segreto della loro condizione di intoccabili e intangibili, con le mani in tutte le paste e in tutti i vasi di marmellata, invidiati e imitati per aver combinato una impudente spregiudicatezza con le benemerenze frugali e morigerate degli “anonimi lombardi” che crollano quando i cuori di mamma e i portafogli di papà devono ammorbidirsi per figli un po’ discoli. Come successe per il suo candidato assessore all’atto dell’elezione a sindaco, quel Maurizio Lupi già incaricato dell’urbanistica dal 1997 al 2001, con Albertini, poi deputato Pdl,  proponente di una legge che per miracolo non venne approvata e che sanciva  le amministrazioni pubbliche e la proprietà fondiaria devono avere  le stesse prerogative nel governare il territorio, infine poi titolare dei Trasporti coinvolto in uno scandalo per incarichi opachi. E anche lui afflitto da un junior ingombrante almeno quanto il proprietario della Bat-casa, il loft abusivo dello scapestrato rampollo della Letizia. 

Anche Lupi era un esponente di spicco di Comunione e Liberazione, un’appartenenza che distingue da subito la solida ragazzona, avviata dal babbo alla carriera di broker quando le altre festeggiavano il debutto in società al Circolo, in combinazione con quel piglio dinamico e spiccio di rito ambrosiano, interpretato magistralmente dalla Franca Valeri nel “Vedovo”.

E deve essere davvero una miscela vincente insieme a un arrivismo sfrenato e a una bulimica avidità in grado di garantire successo e incarichi politicamente e socialmente prestigiosi a soggetti  eternamente indagati e troppo spesso prosciolti, che restano là e si rinnovano indeformabili e  inviolabili.

Basta pensare a lei come  all’iniziatrice del sacco di Milano, anche se poi la sua opera sarà completata da due sindaci che hanno preso sul serio la missione di esecutori del suo disegno, ispirato alla trasformazione della pianificazione del territorio in una pratica negoziale per la cessione ai privati di territorio e beni comuni, la cancellazione dell’urbanistica dal panorama legislativo.

Si deve a lei il programma di scaricare  sulla città, grazie a un Pgt poi ritoccato addirittura in peggio dal successore, 18 milioni di metri cubi di nuove costruzioni  che dovevano essere  realizzate entro il 2030, un volume di quasi 160 nuovi Pirelloni che, uno sopra l’altro, formerebbero una torre di 20 chilometri, un frontline irto di grattacieli – secondo i suoi visionari amministratori dovevano essere almeno 50 nella Dèfense meneghina della Zona Nord, per far compagnia alle cinque torri di proprietà del gruppo Ligresti, destinate al terziario e già allora ridotte a inquietante archeologia a fronte della statistica che denunciava almeno un milioni di uffici sfitti. 

E sempre lei è la fanatica profetessa della “valorizzazione” grazie all’operazione  che ha come teatro l’ex Fiera/Citylife, il Porta Nuova District degli ex scali ferroviari FS/Sistemi Urbani, l’ex Piazza d’Armi, le ex caserme, le cui quantità edificatorie permesse dal Comune  sono state e sono “consensualmente contrattate” in base ad accordi con le proprietà fondiarie e gli investitori:   Intesa San Paolo, Generali, Hines-Catella, Fondo Sovrano del Qatar.

Nemmeno i fallimenti dei suoi sodali, le voragini in bilancio delle banche amiche aveva potuto dissuaderla perché intanto si mettevano le basi per il Grande Evento del secolo, l’Expo, con la sua Grande Corruzione malgrado la nomina di un Commissario che casualmente in seguito diventerà primo cittadino malgrado il flop e oggi ricandidato, malgrado il controllo dell’Autorità anticorruzione costretta a prendere atto del capolavoro di illegalità realizzato grazie alla conversione di un intervento  definito “di interesse generale” in “benedetta emergenza” da fronteggiare stravolgendo le regole e le procedure d’appalto, nominando autorità speciali, producendo varianti, comprando a caro prezzo terreni che ancora oggi sono ridotti a mesta discarica delle vestigia del Bal Excelsior della nutrizione.

Era quella la Città Ideale, l’Utopia di Letizia, laboratorio a un tempo della concezione di cittadinanza di Comunione e Liberazione e del New Public Management meneghino degli indagati dopo ManiPulite  che non si fecero mancare qualche imputazione di intreccio con la ‘ndrangheta.  

D’altra parte questa commistione tra marketing del bene comune   e il  bigottismo da inveterata baciapile aveva lasciato un’impronta indelebile con la sua riforma dell’istruzione , quella della Scuola delle Tre I – Impresa, Inglese, Internet,  ostaggio del pensiero quantitativa e dell’ideologia  del saper fare, dell’aziendalizzazione dell’istruzione fino alla fornitura gratuita di manodopera alle aziende con l’Alternanza scuola-lavoro, con le premesse per la creazione della figura del Dirigente Scolastico  e la premialità per docenti coinvolti in attività di tipo organizzativo o in base ad un “merito” valutabile attraverso test per infiltrare nel sistema didattico gli imperativi e  i criteri del mercato: debiti, crediti, successo formativo, performance, obiettivo, risultato, servizio all’utenza, open day. Anche grazie a una pedagogia selettiva rivolta a studenti-clienti.

E mentre al tempo stesso lanciava l’ipotesi di cancellare l’odiato evoluzionismo e Darwin dai programmi scolastici, preferendogli la narrazione mitico-simbolica della “creazione” con tanto di serpenti, mele, diavolacci e quella troietta di Eva .

E sempre lei in veste, come ama definirsi, di “civil servant”, si prodiga da presidente del servizio pubblico per dare concretezza al progetto di RaiSet, definendo la Rai doverosamente “complementare a Fininvest”, immaginando una felice ristrutturazione secondo i criteri dell’impresa privata per esaltare competitività e promuovere concorrenza interna, per incrementare i budget pubblicitari, ipotizzando la svendita del patrimonio immobiliare e la messa sul mercato con vari “scivoli” delle risorse umane, promettendo agli italiani un’ azienda “miliardaria” instancabile produttrice di intrattenimento, leggero come la scuola,  più che di molesta informazione.   

Insomma anche senza l’enunciazione dei suoi programmi, sappiamo cosa possiamo aspettarci da lei che non avrà nemmeno bisogno del fertile humus   dell’autonomia differenziata  per consegnare definitivamente i rottami della sanità pubblica a privati efficienti e officianti il rito della caritatevole assistenza a caro prezzo: obiettori di coscienza, preti, monache, aziende, “comunità” e ong opache e fondazioni sospette, come ormai è uso globale da quando tutto quello che riguarda l’interesse collettivo a cominciare da salute, ricerca, scuola è delegato alle major confessionali del Mercato.

Non c’era da credere a Cacciari quando disse che bisognava eleggere rappresentanti ricchi che così non erano costretti a  rubare, se nessun ente preposto cercherà l’antidoto per la malattia che affligge il privilegio, l’avidità.