E Grecia sia

Anna Lombroso per il Simplicissimus

È vero, è proprio un esercizio da Pulcinella cercare elementi di soddisfazione vendicativa nella  defenestrazione di Azzolina, nel disarcionamento di Arcuri, nella rimozione di Speranza, mai come oggi omen nomen. È un po’ come la gratificazione del condannato che, durante l’avvicendamento dei boia,  può scegliersi  se è meglio l’iniezione letale o la sedia elettrica,

Oggi nei giornali e nella rete ferve quel lavorio che ricorda il dinamismo delle larve su un cadaverone, una foga dietrologica che fino a ieri era stata considerata un vizio da complottisti.

Così c’è chi si interroga su chi muovesse i fili della marionetta  sbruffona, chi si bea del successo della sua personalità distruttiva che a costo di rimetterci le penne avrebbe prodotto un bel po’ di macerie. C’è chi pensa che l’azzimato tenentino sia stato fatto fuori dai generali per una certa indole alla disobbedienza addirittura alla diserzione, a torto a vedere come il suo progetto superi addirittura le condizioni per la pace secondo quelli che vincono sempre, in tema di diritti, aiuti alle imprese, quelle grandi e strutturate, è ovvio, privatizzazioni, riduzione delle garanzie costituzionali e occupazionali.

Giornaloni ripescano gli auspici in corso come moneta corrente da qualche anno, perché l’abbia vinta l’algida determinazione dell’anatomopatologo che finalmente riporta un po’ di efficienza asettica nella sala d’anatomia, in modo regni finalmente un po’ di ordine alla greca dopo tutto il marasma degli inconcludenti dilettanti.

A cominciare dal cognome, che evoca detergenti energici per la pulizia a fondo, water compreso, e dalla fama conquistata sul campo, anzi sulla tolda del Britannia   quando i boss  della cosca bancario-finanziaria italiana, il governatore Ciampi, il ministro del bilancio Andreatta, lui, allora direttore generale del Tesoro, insieme ai vertici dell’Eni, dell’IRI, delle banche pubbliche e delle varie aziende Stato e partecipate, si diedero convegno  al largo di Civitavecchia sul panfilo della regina Elisabetta, con la cupola internazionale, per stringere, proprio un 2 giugno, del 1992, un patto infame volto a liquidare l’azienda Italia, attraverso la privatizzazione e la svendita a prezzi da outlet, del tesoro industriale, consortile e creditizio del Paese.

Poco dopo la firma di Maastricht e in una non sorprendente coincidenza con l’apparente repulisti di Tangentopoli, di preparava così il dominio della vera antipolitica, quella dei potentati del vero establishment, tecnici, manager, economisti passati dalla Bocconi all’università della strada tramite poltrone ministeriali, la riduzione dell’Italia a provincia remota e riottosa da commissariare sarebbe avvenuta grazie alla progressiva espropriazione, alla forzata rinuncia della sovranità, alla  cessione dei poteri e delle facoltà dello Stato ristrette all’unico ruolo di esattore dei poveracci e ong dei ricchi.  

Non è poi molto diverso il sentiment “popolare” che affiora dalla palude dei social, ormai contagiato da una domanda di repressione di comportamenti trasgressivi, da un bisogno di un ordine sociale che si avvalga del distanziamento  e della forza sanzionatrice  per allontanare presenze, e esigenze, moleste e parassitarie.

Ben presto quelli che oggi si dedicano alla celebrazione del martirio di Conte, proprio come in passato, confideranno, ma qualcuno ha già cominciato, a inorgoglirsi per il credito di un nuovo governo in grazia di Dio, dell’Ue, della Goldman & Sachs (Draghi  ne fu Vice Chairman e Managing Director per le strategie europee e in qualità di membro del suo Comitato esecutivo  appioppò prima all’Italia e poi alla  Grecia un bel po’ di derivati tossici), della Nato e del Vaticano.

Qualcuno già rammenta le alate parole al meeting dei Comunione e Liberazione dell’agosto scorso quando il Grande Liquidatore usò tutta la sua faccia tosta, che – notazione fisiognomica – sembra sempre calzata di naylon come quella dei rapinatori,  per denunciare come  l’ingiustizia da sociale di sia convertita  in ingiustizia generazionale, raccogliendo il plauso dei Propaganda Fide, dei volonterosi giovinetti e di tutti i commentatori e opinionisti pronti a giurare sulla sua “redenzione” keynesiana, confermata da quel tanto di esercizio dell’autocritica che serve a dare credito alle più sgangherate abiure:  “l’inadeguatezza di certi assetti era da tempo evidente, e questo lo deve riconoscere chi ai tempi, io per primo, li ha fortemente sostenuti”.

Il fatto è che ci sono due livelli di disperazione nel Paese, quella più profonda di chi non ha parole e meno che mai ascolto, così abissale e vergognosa del suo stato che non ha tempo né modo né voglia di immaginare che da un cambio di governo derivi qualcosa di buono, che vive la sua condizione di vittima condannata alla rassegnazione, che se si muove può farsi male con le sue stesse catene.

E poi c’è l’altra, anche quella immobile perché appartiene a quelli che pensano che con la loro inazione si proteggono, salvando il tetto e le pareti della tana che sono riusciti a conservarsi, che si augurano con l’assoggettamento, di tutelare i miserabili privilegi che sono certi di essersi meritati. Si tratta di una disperazione gretta, che fa della mediocrità e del conformismo le vere virtù della cittadinanza, che deplora chi pensa e vuole immaginare “altro” da tutto questo e si rafforza con l’anatema, la censura e l’autocensura, abituata a non voler sapere, vedere, sentire, che vive il disincanto democratico come la doverosa e ragionevole abiura da qualsiasi forma di resistenza allo sfruttamento e di opposizione alla sopraffazione.  

E siccome pare non ci sia via virtuosa al potere, e nemmeno alla salute, preferisce un noto conosciuto e già provato a un ignoto che potrebbe sorprendere, rimettendo la delega in mano di gente scafata e pratica.

E d’altra parte non è più tempo di democrazia, nemmeno digitale, le elezioni nuocciono alla salute, chi le continua a pretendere è a un tempo velleitario e negazionista, il Parlamento è stato giustamente esautorato in favore di organismi “privati” costituiti da manager e esperti di marketing.  

E Draghi lo è, con i suoi affini e famigli ( si parla di Cartabia per la Giustizia – anche quella divina, di Fabio Panetta, membro italiano dell’esecutivo Bce, che potrebbe andare a guidare il Mef, di  Carlo Cottarelli, il premuroso  e dalla Capua alla Salute), tutti da annoverare nelle cerchie dei competenti e dei quali  sono già state messe alla prova le capacità, tanto da non riservare sorprese.

Difatti basterà fotocopiare la famosa lettera a firme congiunte Draghi-Trichet che intimava agli italiani le obbligatorie misure improrogabili per ripristinare la fiducia degli investitori: “ revisione strutturale della pubblica amministrazione”, “privatizzazioni su larga scala” , di servizi, Welfare, istruzione,  “piena liberalizzazione dei servizi pubblici locali”;   “riduzione del costo dei dipendenti pubblici, se necessario attraverso la contrazione dei salari”; “riforma del sistema di contrattazione collettiva nazionale e  criteri più rigorosi per le pensioni di anzianità” e “riforme costituzionali che inaspriscano le regole fiscali”.

Difatti basta pensare a lui come gran suggeritore  del “fiscal compact“  quella revisione inferocita del  patto di stabilità, cui le politiche di bilancio nazionali devono uniformarsi   per risultare credibili. Difatti basta guardare al suo ruolo nella guerra condotta contro la Grecia, quando la Bce tagliò i flussi di liquidità d’emergenza alle banche greche come vendetta per aver osato indire un referendum contro i diktat europei.

Il trailer dell’horror che ci aspetta è andato in onda, almeno non avremo sorprese.

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

8 responses to “E Grecia sia

  • Anonimo

    “E poi c’è l’altra, anche quella immobile perché appartiene a quelli che pensano che con la loro inazione si proteggono, salvando il tetto e le pareti della tana che sono riusciti a conservarsi, che si augurano con l’assoggettamento, di tutelare i miserabili privilegi che sono certi di essersi meritati. Si tratta di una disperazione gretta, che fa della mediocrità e del conformismo le vere virtù della cittadinanza, che deplora chi pensa e vuole immaginare “altro” da tutto questo e si rafforza con l’anatema, la censura e l’autocensura, abituata a non voler sapere, vedere, sentire, che vive il disincanto democratico come la doverosa e ragionevole abiura da qualsiasi forma di resistenza allo sfruttamento e di opposizione alla sopraffazione.”

    Ci sono generazioni attualmente in fase di fine lavoro, che in sostanza sono state egoiste, ciarlatane e millantatrici della propria nobiltà spirituale, che pensa che ogni beneficio pubblico e sociale gli debba cadere in testa per diritto divino o per nobili origini.

    È quella generazione ( o generazioni…) che attualmente hanno dai 50 ai 75 anni circa che nel migliore dei casi hanno fatto un po’ di caos alle manifestazioni sinistrate ed oggi, con un passato da connazionali ben poco produttivi in ambito di utilità sociale pretendono di percepire pensioni come se l’italia fosse, economicamente, quella di 20 -30 anni fa, quelli che non essendo abituati a guardare oltre la punta del proprio supponente ma nobile naso, pensano che il problema sia Sempre qualcun altro…
    Quella generazione che alcuni grafici macro economici indicano come quella che ha consumato più di quello nche ha prodotto ( ed in un contesto di rigido controllo di bilancio come quello attuale, nel qual ci ha infilato la classe dominate e votante di quella generazione, ciò è oggettivamente indicativo di privilegio Sostanziale (!) o molto simile, ma quella generazione, che con la sua beata avidità, saccenteria e supponenza è in conflitto con le generazioni più giovani e deboli, Non se ne accorge… “la banalità dell’avido e supponente male”)

    parafrasando Nanni Moretti si può dire: “con gente del genere Non vinceremo alcuna rivoluzione” ( alla faccia dei delirii, a pancia piena e pseudo rivoluzionari di taluni appartenenti alla suddetta generazione…).

    "Mi piace"

    • Anne La Rouge Lombroso

      tra le neo scienze farlocche possiamo anche annoverare quella antropologia d’accatto che spiega tutto in termini di rottura di patti generazionali, per nascondere che semmai si tratta solo di una delle declinazioni della lotta di classe, ormai condotta alla rovescia. E che si riempie la bocca di tutta la paccottiglia che viene rovesciata nella salette di comunione & liberazione, della Leopolda, dei Think Tank di Letta e così via: avete vissuto al di sopra delle possibilità, avete goduto come cicale e adesso pesate come parassiti sulle nuove generazioni. Quelle cioè cui da nonni e genitori pagate il mutuo, dopo aver pagato i master e i corsi parcheggio, i fondi assicurativi e pensionistici. Quelle che si dedicano a fare i manager dell’accoglienza affittando le stanze a casa di nonna o la masseria di famiglia. Quelle che hanno certezze labili pagate però col sangue di chi è stato a forza inserito nei sistemi speculativi delle privatizzazioni, che è abbastanza vecchio per togliersi di torno con il Covid, ma ancora così giovane da non poter aspirare alla pensione. non so quanti anni abbia l’anonimo cui sto rispondendo e che ha usato le stesse parole non a caso impiegate da Draghi a Rimini, ma mi sembra di quelli che dopo i 50 anni non vogliono diventare anziani e si tingono i capelli color melanzana, si comprano la moto, infilano il chiodo e si coprono di mesto ridicolo

      "Mi piace"

  • Anonimo

    “riforme costituzionali che inaspriscano le regole fiscali”.

    pareggio di bilancio in Costituzione approvato dopo cotanto “”saggio consiGlio”” …

    "Mi piace"

  • Anonimo

    “E Draghi lo è, con i suoi affini e famigli ( si parla di Cartabia per la Giustizia – anche quella divina, di Fabio Panetta, membro italiano dell’esecutivo Bce, che potrebbe andare a guidare il Mef, di Carlo Cottarelli, il premuroso e dalla Capua alla Salute), tutti da annoverare nelle cerchie dei competenti e dei quali sono già state messe alla prova le capacità, tanto da non riservare sorprese.”

    Tutti che, in vita, hanno già ricevuto una benedizione ameriKana, coincidenza…

    "Mi piace"

  • Anonimo

    “l’inadeguatezza di certi assetti era da tempo evidente, e questo lo deve riconoscere chi ai tempi, io per primo, li ha fortemente sostenuti”.

    Ci stanno mandando un macellaio per fare la delicata operazione chirurgica che servirà a salvare l’Italia ?

    "Mi piace"

  • Anonimo

    “Non è poi molto diverso il sentiment “popolare” che affiora dalla palude dei social, ormai contagiato da una domanda di repressione di comportamenti trasgressivi, da un bisogno di un ordine sociale che si avvalga del distanziamento e della forza sanzionatrice per allontanare presenze, e esigenze, moleste e parassitarie.”

    Premesse ideali per un fascismo forte con i deboli e debole con i forti ?

    "Mi piace"

  • andrea z.

    Draghi è stato certamente uno dei massimi responsabili del crollo dell’economia italiana nei primi anni ’90, ma parliamo di un’epoca diversa, con le multinazionali scatenate dopo il crollo del comunismo e pronte ad appropriarsi con qualsiasi mezzo del patrimonio pubblico, non solo italiano, ma europeo.
    Negli stessi anni i responsabili della gestione dell’industria della Germania Est sono stati eliminati fisicamente per non aver privatizzato con la massima celerità.
    Draghi aveva capito lo spirito dei tempi e si era adeguato, pensando forse che quello che non avesse fatto lui sarebbe stato portato a termine da qualche altro personaggio con meno scrupoli.
    Ma ora è possibile che la situazione sia cambiata.
    L’Italia, con un debito pubblico del 160%, rischia l’implosione definitiva e la sua classe dirigente, presa dalla disperazione, potrebbe cercare di avvicinarsi alla Cina, prossima allo scontro con gli Stati Uniti per l’egemonia mondiale.
    Il nostro crollo, inoltre, chiuderebbe l’esperienza della moneta unica europea e sarebbe un disastro per la Germania, la Francia e anche per gli USA che considerano la UE il braccio politico della NATO, entrambe a loro completa disposizione.
    E’ quindi possibile che Draghi sia stato realmente incaricato dai poteri forti occidentali di salvare quel poco che resta dell’economia e delle istituzioni italiane e non di affossare definitivamente il nostro Paese.
    Almeno questa è la speranza.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: