Credere, obbedire, impoverirsi

EWnDOBUWkAI9oNG-246x300Esiste un effetto valanga non solo nel mondo fisico, ma anche in quello psicologico: si comincia da poco, dall’accettare qualche piccola forzatura, una qualche innocua bugia in nome di un bene maggiore e passo dopo passo si arriva ad accettare qualsiasi cosa e a chiudere gli occhi su tutto perché non si può più tornare indietro.  E’ per tale motivo che in questi giorni si sentono persino lodi a Rutte e alle sue desolanti esternazioni che sfiorano il razzismo,  si è persino felici dei “sussidi” europei che arriveranno a buoi scappati, ma che sono solo in parte i soldi che diamo a Bruxelles per il bilancio, una partita di giro dalla quale al massimo potremo guadagnare qualche punto percentuale e per il resto prestiti del Recovery found condizionati alle riforme, proprio quello che si voleva evitare. Davvero una grande vittoria per i ciechi o per i masochisti ai quali interessa solamente la battaglia con Salvini a prescindere. Eppure anche di fronte alla palese assenza di una minima traccia di solidarietà europea e di una qualunque unione che non sia sotto il segno del dominio, si è costretti a proseguire sulla strada del suicidio. Che persone saremmo se dopo aver inneggiato per vent’anni all’Europa adesso cambiassimo idea? Che cosa saremmo se avendo lodato Conte per le inutili segregazioni, adesso fossimo costretti ad ammettere la sua magistrale sconfitta in Europa? No, che persone siete da raccontarvi a tutti i costi bugie, a cercare persino di non capire pur di non dovervi arrendere alla realtà invece di far finta e ammettere le enormi crepe sul fallimento del progetto europeo che ci sta letteralmente crollando addosso. Ma l’effetto valanga è troppo forte, una volta innescato non può essere fermato se non da una forza corrispondente.

Eppure tra un po’ smetteranno di rotolare amabilmente fra le stupidaggini di rito che si raccontano proprio in quell’area più garantita alla quale è stato più facile chiudere gli occhi: in Germania già si progetta la futura crisi del debito e ci sono proposte ufficiali per abbattere la spesa pubblica che comprendono, tra le altre amenità, la cancellazione dello status di dipendente pubblico degli insegnanti con un effetti di riduzione dello stipendio intorno al  30% e naturalmente, come effetto secondario, la completa privatizzazione dell’istruzione, dalle elementari all’università. Questo andrà a toccare anche i diritti acquisiti perché anche le pensioni dei prof saranno decurtate in maniera drastica se questo progetto passa. Ma si tratta chiaramente di una proposta che va a toccare tutto l’impiego pubblico e para pubblico: la pandemia come innesco di questa trasformazione sociale al peggio è stata efficace, quindi, mi raccomando di credere con tutte le vostre forze che non ci sia stata nessuna esagerazione, che questi signori ci hanno salvato la vita, invece di riconoscere che hanno ammazzato un bel po’ di gente inscenando il panico.  Una bugia in più a questo punto che male può fare? Andrà tutto bene.

E noi che dobbiamo essere competitivi con la Germania, poiché questo è lo spirito dell’Europa oligarchica e neoliberista, cosa dovremmo fare per stare al passo della nuova austerità che arriva dopo un breve sogno ad occhi parti di miliardi a palate? Magari dimezzare gli stipendi con la scusa della didattica  a distanza, una trappola in cui gli insegnanti sono già caduti mani e piedi? O privatizzare gli ospedali che hanno già dato pessima prova di sé escludendo dalle cure un buon terzo della popolazione non in gradi pagare o dimezzare l’impiego pubblico in tutte le sue articolazioni oltre a tagliare stipendi e pensioni? Certamente qualcosa del genere è nell’aria e Draghi sarà chiamato proprio a fare questo, ennesimo salvatore della Patria destinato a umiliarla.  In quel momento voglio prendermi la soddisfazione di vedere le facce degli attuali neo estimatori italiani di Rutte. si perché alla fine le bugie, soprattutto quelle che si raccontano a se stessi, si devono pagare.  E a carissimo prezzo.

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

6 responses to “Credere, obbedire, impoverirsi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: