Annunci

Alesina e Gavazzi, la coppia che scoppia sull’euro

imageLa confusione regna sovrana. Anzi per la verità più che di disordine mentale si potrebbe parlare di disaggregazione del pensiero unico messo di fronte alle sue antinomie e ai suoi fallimenti, evidenti, ma tetragonamente negati. Ricordate la coppia diabolica Alesina – Giavazzi che dalle pagine del Corriere della sera è stata per anni aedo e mentore sia delle ricette neo liberiste che dell’austerità e ovviamente dell’euro, compari e guardie del corpo del montismo, spacciando come teoria economica quella che in realtà è una scelta politica in favore della disuguaglianza? Quelli insomma che a partire dalla crisi che ha fatto saltare le illusioni, sono stati anche potenti motori del clima di paura sullo spread e dunque sul ricatto finanziario, nonché Cassandre a chachet dei disastri che avrebbe provocato un abbandono della moneta unica.

Ora però sembrano aver cambiato idea o meglio si preparano a farlo perché in un articolo dedicato alle nefandezze del nuovo governo, in particolare alle intenzioni  di modificare la legge Fornero sulle pensioni e di studiare forme di reddito di cittadinanza, essi sembrano aprire una sorta di via d’uscita dalle loro stesse convinzioni. Infatti essi insistono sul disastro totale che comporterebbe l’adozione di eventuali provvedimenti in tema di spesa pubblica perché esso spaventerebbe i detentori esteri di titoli italiani, sia di stato che privati, portando ad una sorta di Armageddon di vendite e dunque anche di perdita di valore. Tuttavia essi si auto smentiscono quando, dopo aver socchiuso le porte di questo inferno,  sostengono che dopotutto una via d’uscita è possibile: “C’è un modo per sottrarsi al giudizio degli investitori internazionali: ricomprarci i titoli che in passato abbiamo loro venduto. In teoria è possibile. L’Italia ha una posizione finanziaria netta rispetto al resto del mondo sostanzialmente in pareggio, cioè abbiamo tanti debiti quanti sono i crediti che vantiamo. Vendendo le attività estere che possediamo potremmo in teoria ricomprarci tutti i titoli italiani detenuti da investitori esteri. Bisognerebbe nazionalizzare le banche ed espropriare i cittadini obbligandoli a vendere, ad esempio, titoli svizzeri per sostituirli con Btp. Vorrebbe anche dire uscire dal mercato unico europeo e probabilmente dall’euro. Tutto è possibile. Ma se non si ha il coraggio di farlo, allora bisogna fare i conti con gli investitori internazionali“.

Dopo anni e anni di profezie catastrofiche il cambiamento di registro è evidente: non si tratta più di necessità draconiane, di infallibili leggi economiche, di volontà inscalfibile del Leviatano mercatista, ma solo di volontà politica e dunque anche di coraggio. La coppia a suo tempo autrice di un pamphlet intitolato “Il liberismo è di sinistra”, frutto del confusionismo contemporaneo ( si potrebbe anche dire che la sinistra è liberista) nonché  del tentativo di vendere ideologie politiche e sociali acconciate da considerazioni economiche cogenti, adesso sta svicolando all’inglese, senza dare troppo nell’occhio, dalle barricate reazionarie dell’establishment nazionale. Lo fa in maniera discreta al tempo stesso tracotante, lanciando una sorta di guanto di sfida e scommettendo che gli italiani non avranno il coraggio di trovare autonomia e sovranità sotto l’infuriare della narrazione neo liberistae neo catastrofica, talmente pervasiva da scaturire persino da riviste come Le Scienze che con il pretesto di raccontare gli esperimenti di reddito di cittadinanza in Finlandia e Kenya, non ha perso occasione di lanciare più di un ombra sulla fattibilità di queste esperienze.

A prima vista potrebbe sembrare strano questo comportamento dei due, ma esso invece è perfettamente razionale, visto che la moneta unica è oggettivamente fallimentare, così come l’animus delle istituzioni europee determinato da essa a partire dai primissimi anni ’90 e dunque la sua dissoluzione potrebbe avvenire da qualunque parte, anche senza una defezione dell’Italia dai diktat europei, è di vitale importanza salvaguardare per la razza padrona nostrana un’uscita a destra dall’euro, evitando che si facciano riforme che sia pure in maniera timida tentino di recuperare un minimo di logica distributiva del reddito. Infatti il significato di fondo del pezzo è che si possono fare cose prima dichiarate impossibili, ma a detrimento dei ricchi e dunque si presentano sempre come negative. E’ ormai impossibile non prendere questa strada perché quando persino un economista di sistema come Hans Werner Sinn cita Ralf Dahrendorf e le sue profetiche parole “l’unione monetaria è un grave errore, un obiettivo donchisciottesco, imprudente e fuorviante, che non unirà, ma spezzerà l’Europa’“, significa che ormai stiamo arrivando alle svolte decisive.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Alesina e Gavazzi, la coppia che scoppia sull’euro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: