Annunci

Fiat de profundis

017151Nel momento in cui scrivo non si sa se Sergio Marchionne sia vivo o morto e nemmeno se il tumore che lo ha colpito sia ai polmoni o alla prostata: tutto è stato condotto con il famoso metodo Agnelli, peraltro sposato in pieno dall’uomo con il maglioncino, fatto di segreti, silenzi e bugie, così che nessuno sapeva della malattia e persino di fronte al ricovero si è parlato di un intervento alla spalla e di “situazione impensabile”.  Un sistema che in Italia ha funzionato per decenni grazie al potere della famiglia e a un’ informazione che si è sempre ben guardata dal cercare verità oltre i comunicati ufficiali, bevendosi le più assurde tesi e colma di perenne benevolenza rispetto ai prodotti e alle strategie del gruppo: ma in questo modo tutto il sistema – Italia come lo chiamerebbe  Montezemolo è stato escluso da qualsiasi intervento sulla successione che è stata decisa oltre atlantico.

Ovviamente in una terra cinica, ipocrita e cattolicheggiante, dove la morte riscatta qualsiasi vita, adesso c’è un processo di santificazione dell’uomo che ha scippato la Fiat al Paese su mandato della famiglia Agnelli e ha di fatto costituito la roccaforte  sulla quale i governi hanno proceduto allo scasso dei diritti del lavoro. Sembra quasi che occorra celare il suo ruolo da vivo, come se questo non fosse il peggio di quanto può accadere a un uomo e persino in Potere al popolo col suo grande avvenire dietro le spalle si recita qualche orazione e si dice che Marchionne dopotutto era laureato, mica come quegli ignoranti che stanno al governo: un bel tacer non fu mai scritto. Semmai sarebbero altre le ragioni oltre a quelle della normale humanitas, per rammaricarsi della malattia e della drammatica uscita del capo in testa della Fca: il fatto che lui fosse  l’ultimo aggancio operativo all’Italia e che da oggi tutto passa definitivamente oltre atlantico con conseguenze inquietanti sia sull’occupazione che sul mantenimento di tecnologie strategiche. La Fiat si è svenata per dare alla Chrysler la possibilità di sopravvivere e di rilanciare le sue jeep dotate di motori e trasmissioni decenti, unica ragione per cui sono oggi ben attestate sul mercato europeo quando prima erano roba da aficionados a stelle e strisce. Ma per far questo, in una situazione di indebitamento dovuto alla fusione, la produzione italiana è stata sacrificata è oggi è in pratica basata esclusivamente sulla scocca della 500 variamente interpretata, con la Lancia ormai moribonda e un’Alfa Romeo che sparacchia modelli frutto di innesti e collage che non riescono a sfondare. Così oggi è proprio Fiat o comunque i marchi italiani ad essere l’anello debole di una catena già debole di suo e solo nei primi cinque mesi di quest’anno c’è stata una flessione complessiva del 7% con la Panda al -9%, il crollo della 500 che fa registrare un calo del 43% mentre la Tipo costruita in Turchia dopo un tiepido interesse iniziale fa segnare un baratro del – 44%. Del resto senza modelli nuovi specie in un momento di passaggio tecnologico così evidente si fa poca strada e tenendo conto del fatto che molte produzioni sono ormai delocalizzate il futuro per l’industria italiana dell’auto è nero. Non che nel resto del mondo la Fca faccia poi faville, anzi diciamo che il matrimonio con la Chrysler che è una eccezionale portasfortuna (basta chiedere a Peugeot e Mercedes) , è stato un totale fallimento sul quale hanno banchettato gli Agnelli che si sono sottratti agli investimenti: il grande gruppo favoleggiato da Marchionne è ormai al 9 posto nel mondo, vale a dire all’ultimo se si escludono dal conto i costruttori di auto di lusso o di nicchia come Mercedes e Bmw. E anche in Usa e in Sud america la marca vivacchia. Ricordo per gli immemori che nel 2007, un anno prima del matrimonio con Chrysler, il gruppo Fiat aveva realizzato un fatturato di 59 miliardi con un risultato operativo di 3,2 miliardi e un utile netto di 2,7 miliardi di euro, aveva 185 mila dipendenti di cui 78 mila in Italia e si contendeva il quinto posto mondiale fra i costruttori, anche grazie all’uscita di nuovi modelli in tutti i settori. Anche qui purtroppo un”informazione irretita e di parte presenta una narrazione del tutto contraria alla realtà con un gruppo Fiat ormai di fatto defunto che trova nella Chrysler e on Marchionne il grande salvatore: tutto per compiacere la voglia americana degli Agnelli, ma ormai soprattutto per non contraddire la vulgata neoliberista che attribuisce poteri miracolosi ai licenziamenti e all’umiliazione del lavoro.  Del resto basta leggere gli ottusi epitaffi dei giornali per rendersene conto.

Non ci vuole comunque la sfera di cristallo per preconizzare che quel poco che resta in Italia sia di costruzione che di progettazione  verrà trasferito altrove dal sostituto di Marchionne, Mike Manley privo di connessioni col nostro Paese e che di fatto rimarranno solo i marchi prestigiosi, ma completamente svuotati di contenuti: è ora perciò che il governo cominci a pensare concretamente a un modo per fermare questa emorragia ed entrare nella gestione di un gruppo che praticamente dal dopoguerra in poi è stato di fatto semi pubblico, viste le enormi dazioni di denaro che sono andate agli Agnelli e che qualcuno ha calcolato in oltre 100 miliardi di euro al valore attuale, tenendo conto anche delle infrastrutture costruite per aiutare Fiat e del favore di cui il gruppo ha goduto nei lavori pubblici. Senza pensare nemmeno al  danno emergente dovuto al divieto imposto dall’azienda alla politica di permettere insediamenti industriali di altri costruttori in Italia. Altrimenti ci si deve preparare ad affrontare nei prossimi 5 anni un’altra drammatica crisi occupazionale, ma soprattutto l’estromissione del Paese da un altro settore industriale strategico e che non si potrà più recuperare. Quale potrebbe essere il marchingegno con cui ottenere questo obiettivo non so dirlo, di certo occorrerà fare leva anche sul  livello diplomatico, ma per carità basta con le chiacchiere.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

4 responses to “Fiat de profundis

  • Angelo

    Vorrei intanto sapere chi sei e dove eri prima della estromissione dai vertici di Sergio Marchionne. Mi farebbe inoltre piacere che i dati da te sparati alla cazzo avessero una fonte certa e nel caso evidenziarla. Anche per te vale il detto tutti bulicci col culo degli altri.

    Mi piace

  • annaecamilla

    Bravo, bravo, bravo! Hai fatto benissimo a scrivere queste verità perchè l’italiano deve capire in che discarica è stato messo lui e l’Italia. Come ci siamo arrivati a questo punto? ma sicuramente lo so, ma fa male…

    Mi piace

  • Anonimo

    Argomento vasto. Lo sviluppo industriale italiano, negli anni del primo e secondo dopoguerra, in un quadro di originale economia mista, è progredito di pari passo con quello della Fiat. Nei decenni seguenti la crisi produttiva e finanziaria della Fiat ha coinciso con quella politica e sociale italiana: un cammino parallelo nel bene e nel male. A tale riguardo le vicende di estinti colossi quali Fiat Grandi Motori, Fiat Avio, BPD, Gilardini, Fiat Ferroviaria, Fiat Macchine Movimento Terra, Fiat Allis, non ultima Fiat Auto, sono esemplarmente intrecciate con la ristrutturazione (liquidazione) dell’IRI. Insomma le grandi aziende a capitale privato e pubblico hanno avuto vita attiva e prospettiva brillante finché queste hanno rappresentato uno strumento di politica strategica nazionale. L’esaurirsi in Italia di tali finalità, in un esclusivo panorama di meri profitti, nella competizione globale non solo economica, ha reso problematiche la sopravvivenza di quelle importanti attività produttive. La produzione strategica pubblica è stata privatizzata e ceduta; quella privata, superstite, ha trovato senza ostacoli altri lidi (ed altri aiuti di altri stati), quando li ha trovati. La Fiat ha guardato, come al solito nella sua storia, alla sponda statunitense. Ma anche attualmente quello che rimane di Finmeccanica, Alitalia, CDP, Leonardo, Telecom, deve fare i conti con gli interessi di alcuni vicini fin troppo voraci. E la sponda d’Oltre Atlantico, per tanti motivi, rimane sempre allettante e rassicurante. In estrema sintesi: non mi sembra che la famiglia Agnelli abbia scippato la Fiat all’Italia più di quanto i nostri governanti, da Prodi e Amato in poi, non abbiano fraudolentemente sottratto al Paese la prima Azienda industriale pubblica d’Occidente, svendendola ai nostri diretti concorrenti internazionali. Questo non assolve la famiglia piemontese dalle sue responsabilità, ma chiama in causa, in concorso di colpa, una intera generazione politica.

    Mi piace

  • dani2005dani

    Tempestivo e ottimo, come sempre il Simplicissimus. Aggiungerei il problema dell’indotto su terra italiana che ha sempre lavorato all’ombra della FIAT e che SOLO su quello si basava, non avendo altre commesse. Questo stato è da tenere presente perché essendo la FIAT stata sempre una impresa parastatale ha dato luogo a certezze e a pochissima ricerca e infrastruttura.
    Le autostrade italiane, da sempre tra le più belle d’Europa, avrebbero potuto essere costruite a tre corsie fin dall’inizio. Ma no, le auto utilitarie della FIAT sarebbero state escluse prima dal mercato con strade più veloci. In Italia abbiamo fatto costruire le autostrade sul modello scassone FIAT. E pensare che le grandi innovazioni del motore a scoppio le ha fatte proprio la FIAT, tipo il common rail, con la Magneti Marelli.

    I cittadini italiani purtroppo sono ancora sudditi. Di case reali noi in modello repubblicano avevamo quei ladroni di Agnelli.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: