Annunci

Archivi tag: lavoro

E gli schiavi si fecero un selfie

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Succede con   sospetta regolarità che torni di moda il volumetto scritto intorno ai vent’anni da uno dei più celebrati enfant prodige del disincanto, quel Discorso sulla servitù volontaria di Etienne de La Boétie, che dopo aver ispirato rispettabili menti del passato, qualcuna così entusiasta da plagiarlo,  oggi si addice a accidiosi eterni disillusi, a qualche Moccia della filosofia un tanto al metro, intenti a convertirne gli interrogativi e più ancora le certezze in pensierini degni di avvolgere i biscottini del ristorante cinese.

Certo, non sorprende che risulti gradito e consolatorio in questi tempi di indolente abiura della critica, convincersi che “la prima ragione per cui gli uomini servono di buon animo è perché nascono servi e sono allevati come tali”, o “che servire sia un’indole che alberga nell’animo degli uomini”, o anche che “ben lungi dall’essere una coercizione la soggezione sia connaturata negli individui e premi così il loro desiderio di appartenenza e riconoscimento”.

Nè stupisce che abbia successo (sei edizioni italiane dal 2006 al 2016) tra superciliosi divini mondani,  schizzinosi  e scettici blu con il guanto penzolone, la conferma, che viene dal passato, di quanto  sia vano combattere contro un istinti naturale che alligna nelle massa, come possa appagare la pretesa di innocenza di chi pensa di non far parte del popolo bue quindi servo, chiamandosene fuori vuoi per nascita, censo,   buone relazioni o diritti proprietari che si tramandano per successione o incondizionata adesione assicurando carriere accademiche, posti ben remunerati e soprattutto la voluttuosa e remota superiorità che permette di guardare il dibattersi della moltitudine che tira su le piramidi per il faraone, dal davanzale di casa o sporgendosi dalla portantina.

E’ che è proprio una tentazione irresistibile quella di appartarsi a causa del destino che vede perdenti ragione e logica rispetto a istinti belluini, a impulsi primordiali e incontrollabili destinati ad avere la meglio, persuadendo dell’inanità della resistenza, sicchè anche per quelli che rivendicano appartenenza a élite illuminate e pur accampando algida distanza da un regime volgare, ignorante e grossolano, è inevitabile rassegnarsi alla realpolitik, allo scetticismo, a un pragmatismo che prevede l’abiura dalla ricerca di altro da tutto questo agitarsi in nome di avidità, profitto, possesso, accumulazione e dispotismo, se tanto il destino è quello di essere rinchiusi in gabbia, si sia usignoli dell’imperatore o cavie che si arrampicano disparatamete su e giù per dondoli e scalette.

E a volte capita anche a me di provare un imbarazzato senso di fastidio per certi nuovi schiavi volontari.

Succede quando si vede qualche ragazzo inorgoglirsi quando dichiara con fierezza di fare i “pilota di droni” ultima frontiera domestica e miserabile della stessa guerra che viene mossa sganciando bombe con clic su inermi popolazioni lontane miglia e miglia, che poi l’obiettivo è lo stesso, astrarre ogni azione anche la più efferata, per farla rientrare in una narrazione in cui tutti sono esonerato dalle responsabilità e dalle scelte. O quando compaiono nel corso delle liturgie gastronomiche autorevoli detentrici di blog culinari, oppure quando la compulsiva ostensione di piatti di tagliatelle risottate o di modeste prede ittiche su Instagram autorizza il fotoamatore a proclamarsi professionista dell’immagine.

E che dire di affittacamere improvvisati che si accreditano come manager dell’accoglienza, di quelli che hanno venduto su E bay il servizio buono della zia e si propongono per incarichi di web marketing. Tutti ugualmente corrotti, tutti comprati prima ancora che ricattati di modo che fare i volontari all’Expo sembri un’esperienza di formazione, da persuadersi che i vaucher siano una generosa elargizione aggiuntiva a un  gratificante tirocinio, da spendersi gli ultimi fondamentali sani di famiglia per foraggiare l’empia associazione per delinquere che organizza master acchiappacitrulli. Tutti o quasi convinti che la servitù se volontaria non sia tale, che costituisca non un ingiusto sacrificio a perdere ma addirittura un investimento e che chi non ne approfitta sia uno sfigato che non sa meritarsi l’opportunità riservatagli. Come è successo con l’Expo, quel test delle occasioni formidabili prodotte dal Jobs Act, grazie al quale si è accreditata l’oscena menzogna che il volontariato sia il viatico o meglio ancora il passaggio propedeutico al “posto” e al salario, che si merita ancor meglio se accompagnato dal presenzialismo in rete, dal narcisismo combinato dei ragazzi sfruttati e di Sala e degli illustri visitatori, con in testa l’allora irriducibile monarca poco avvezzo al lavoro,  immortalati nell’immancabile selfie.

Ogni tanto dovremmo riguardarcela quella foto ricordo, per suscitare in noi una qualche sopita ribellione al pensiero che soggezione e sottomissione  siano una incontrovertibile e inesorabile condanna genetica, per ricordarci che  i servi seppur molesti e vergognosi  come un  inconfessato peccato collettivo, non sono loro i colpevoli, soggetti semmai solo a una sorta di implacabile sindrome di Stoccolma che determina insondabili complicità tra vittime e carnefici. Che i responsabili – sistema, sempre lo stesso mutante ma riconoscibile, la sua religione garantita e officiata dai suoi sacerdoti e dalle sue gerarchie di servi anche loro, grazie al sistema di caporalato diffuso,  sia pure privilegiati e esonerati dal bisogno se non dall’umiliazione – sono da sempre in guerra contro di noi e contro quanto dentro di noi reclama libertà. E quello si che è un istinto naturale.

 

Annunci

Una donna per nemico

Scultura di Paola Grizi

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Nemmeno il Sole 24 Ore, recentemente ricredutosi sulla benevolenza di padronato e governo per via di burrascose  vicende interne,  ha avuto il coraggio di esultare per i dati resi noti dall’istat sul  tasso di occupazione delle donne (15-64 anni) che a giugno ha raggiunto il 48,8%, il valore  più alto dall’avvio delle serie storiche (dal 1977).

Tuttavia, sottolinea il quotidiano che di rosa vede oramai solo la sua carta, per integrare a pieno le donne italiane nel mercato del lavoro c’è ancora molta strada da fare: in base ai dati Eurostat, l’Italia è agli ultimi posti nel confronto europeo (solo la Grecia fa peggio). E addirittura ammette che l’incremento è largamente attribuibile alle “opportunità” offerte dai contratti a termine, da quelli stagionali ( i dari sono di giugno) insomma ai benefici introdotti dal precariato selvaggio e perfino dal caporalato, mentre invece gongolano Gentiloni e Poletti per la conferma della bontà del Jobs Act che ha riavviato la crescita.

C’è poco da stupirsi che a cogliere le occasioni d’oro della mobilità, dei contratti anomali, del sottobanco, del part time senza orari e senza stanza di Virginia Woolf siano le donne.  E non solo perché a pesare sul dato dell’occupazione femminile italiana – lo dice sempre l’Istat –  c’è anche la difficoltà nel conciliare il lavoro con la famiglia: nel 2016 – in base agli ultimi dati degli ispettorati del lavoro – 30mila donne hanno dato le dimissioni dal posto di lavoro in occasione della maternità, ricordando che in Italia ci sono 22,5 posti in asilo nido ogni 100 bambini tra 0 e 3 anni, ben al di sotto dei 33 posti indicati come obiettivo strategico dalla Unione europea.

Ma anche perché la crisi e l’ideologia che l’ha creata e ne cura la manutenzione ha favorito anche in questo caso la cancellazione di conquiste reali e morali, il rispristino di capisaldi – patriarcali e misoneisti,  in modo che l’espulsione delle lavoratrici dal mercato assuma il desiderabile significato di un prezioso ritorno a rimosse leggi di natura, di un auspicato recupero della tradizione e della cultura della superiore civiltà occidentale minacciata dal meticciato anche nelle sue radici cristiane, tutti tanto caldeggiati dal partito unico della nazione da fargli istituire dipartimenti in difesa della mamma e della razza che la procreatrice oggi riottosa  è tenuta a salvaguardare e perpetuare, da ridurre i diritti legati alla maternità cosciente e consapevole se la legge 194 è largamente inapplicata a causa dell’obiezione di coscienza, se la rete dei consultori è sempre più sottodimensionata.

E d’altra parte chi più delle donne è “destinato” a assoggettarsi a forme di lavoro che sconfinano nel volontariato, che implicano l’abiura di talenti e aspirazioni, che contemplano sacrifici e rinunce a ambizioni e desideri dettati dalla consapevolezza delle proprie qualità e dei propri meriti, come per secoli e secoli hanno fatto dentro le mura di casa, persuase che la loro fosse a un tempo un destino biologico e una missione nella quale si fondevano sentimento e dovere: ha avuto successo lo stravolgimento di ogni valore del lavoro tanto che cancellate le conquiste e i diritti frutto di lotte, l’unico diritto rimasto è quello alla fatica e l’unica conquista l’accesso a un’occupazione sia pure precaria, instabile e incerta, grazie a stage, tirocini, esperienze di praticantato, straordinari non pagati, volontariati e le innumerevoli forme di gratuità e in virtù della cessione di prerogative, sicurezze, visione del futuro.

E se il lavoro non retribuito o sottopagato è stato funzionale all’accumulazione capitalistica e allo sfruttamento coloniale non è azzardato dire che la guerra di classe alla rovescia di chi ha contro chi ha sempre di meno, sta vincendo tutte le sue battaglie instaurando antiche e nuove forme di schiavitù, fatta di massima provvisorietà, salari più bassi, alto grado di disciplinamento a causa  di ricatti e intimidazione. E se gli uomini si vedono imporre sempre più spesso condizioni e contratti un tempo appannaggio quasi esclusivo di donne, giovani e immigrati, questi, donne, immigrati, donne, scivolano sempre più giù nelle voragini profonde e soggette a discrezionalità, arbitrarietà, esposti a paura, solitudine, sopraffazione, alla mercé di quelle menzogne che hanno la potenza di condizionare comportamenti e atteggiamenti, compromettendo dignità e volontà, se il salario ha assunto la forma di una ricompensa che premia soggezione a ubbidienza, se il prestarsi gratuitamente è imposto come necessaria gavetta, se la richiesta di riconoscimenti e meriti è intesa come incauta velleità e sfrontata pretesa e se una pretesa necessità obbliga a dismettere il rispetto di sé, le proprie aspettative.

Se non è troppo tardi, è ora di sostituire la docilità con la collera, e ridare all’amore il giusto valore a cominciare da quello che dobbiamo a noi stessi e alla nostra libertà-

 

 

 

 

 


Il lavoro di Matrix

Spesso ci si chiede come siano possibili certe deformazioni della realtà, come quelle che si stanno attuando per il Venezuela o per la Siria o per l’Ucraina o in generale per le considerazioni sul terrorismo: persino un cretino funzionale capirebbe che si tratta di manipolazioni, che qualcuno sta mettendo le mani nel suo capitale emotivo, nelle sue reazioni pavloviane e persino nella sua noncuranza, accuratamente coltivata dal pensiero unico, per trarne un vantaggio. E’ un gioco assolutamente facile perché si bara sull’evidenza, si lucra sul non detto e si trasforma persino la matematica in un’opinione.

Prendiamo le statistiche sul lavoro che sono un inarrivabile esempio di ipocrisia scientifica e numerica e che presentano le stesse stigmate in tutto il mondo occidentale essendo state dettate da Washington all’Europa. Prendiamo l’ultimo dato diffuso in Usa che riguarda giugno e che mostra una disoccupazione appena al 4,4% per cento a smentire l’esperienza concreta di milioni americani col suo ottimismo. Ora non soltanto il calcolo risente in radice di una svalutazione del lavoro come attività continuativa e capace di fornire un reddito sufficiente, ma bara anche sui particolari, fornisce dati che  riguardano solo una parte della disoccupazione, quella che riguarda la misura U-3, mentre il Bureau of Labor Statistics produce 6 diverse valutazioni ognuna delle quali si somma all’altra, ma di cui diffonde attraverso i media solo quella intermedia e dunque parziale. Ora guardate questa tabella che penso spieghi chiaramente come stanno le cose:

tabella

Se a questo punto prendiamo la misura U-6 che è quella complessiva che comprende anche gli scoraggiati, ci si accorge il tasso di disoccupazione è più che doppio rispetto a quello emanato dai centri finanziari e gridato ai quattro venti dagli organi di informazione. Eppure non si tratta di dati segreti o inattingibili dall’uomo della strada al quale basterebbe un clic per informarsi: sono infatti chiaramente spiegati sul sito stesso del Bureau of Labor, insieme a tutti gli altri dati che evidenziano come in ogni caso i nuovi posti di lavoro siano in stragrande maggioranza precari e di basso livello, quelli che riguardano l’assistenza familiare, o le attività nei bar e nei ristoranti o ben che vada nelle posizioni di secondo e terzo piano nella sanità ambulatoriale. La produzione reale di beni riguarda solo cifre assolutamente marginali e molto inferiori all’uno per cento. Del resto con una precarizzazione selvaggia, una disoccupazione che sfiora le due cifre sarebbe impossibile spiegare la ripresa, la crescita del Pil e occorrerebbe confessare che l’economia americana si basa esclusivamente sul debito, ovvero su una scommessa di risorse future e comunque sempre più ipotetiche che è possibile solo se il dollaro mantiene la sua posizione dominante.  Forse per i cittadini non sarebbe troppo arduo comprendere perché le elites di comando siano disposte alla guerra nucleare pur di conservare questa rendita di posizione.

Eppure la governance è fiduciosa che il cittadino non andrà a guardare, che si fiderà sulla base di antichi concessioni di fiducia dell’informazione ufficiale, che sarà preso da una forma di atarassia conoscitiva o depistato da interpretazioni fasulle.  Insomma che non ha altro dio che la tendenza e la controtendenza, ma immagina di vivere nel mondo di 70 anni fa anche se ha sotto gli occhi una realtà tutta diversa: figli che rimangono a casa alla soglia dei trent’anni, che sono gravati da debiti di studio che nella massima parte dei casi non riusciranno a pagare e salari che si abbassano a vista d’occhio. Naturalmente tutto questo avviene in ogni parte dell’occidente anche se il Matrix del neo liberismo fa di tutto per rendere il più possibile inefficace l’esperienza personale.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: