Annunci

In Casellati per l’archiviazione

e7e92e_2018_03_24T101142Z_1869489585_RC16013046A0_RTRMADP_3_ITALY_POLITICS_PARLIAMENT_kLsH_U111095972116nWG_1024x576_LaStampa_it_HomeIm_799x400Non accade spesso, ma qualche volta capita che talvolta le cose siano semplici, le distinzioni facili E così nel Parlamento abbiamo un neo presidente della Camera, Roberto Fico, espressione degli orrendi populisti, secondo la pubblicistica corrente, che ha fatto un discorso intelligente ed efficace, mentre una neo presidente del Senato, Elisabetta Casellati. rappresentante del vecchio milieu politico che è apparsa come una di quelle auto incidentate tenute assieme dallo stucco da vendere al primo pollo che passa. Forse il centro destra non poteva scegliere un rappresentazione migliore di sé elevando alla seconda carica della Repubblica una cariatide stiratissima che è nota per solo due cose: la prima aver detto che Berlusconi non è imputabile o condannabile perché votato dagli italiani dimostrando così una cultura giuridica di tale livello da meritare un’espulsione per indegnità dalle Casalinghe di Voghera, ma che le è valso un posto al Csm e per aver  assunto la figlia Ludovica come capo della segreteria del  ministero della sanità non appena nominata, da assoluta incompetente, ma con grande gioia dell’industria farmaceutica, quale vice ministro in quel dicastero. Un fatto  stigmatizzato da Gian Antonio Stella in un articolo sul Corriere che riporto alla fine del post.

Tutto in lei parla di muffa:  dall’antica laurea per ragazza altolocata in diritto canonico a un pervicace istinto antidemocratico che si esprime in una visione di casta della società nella quale alcuni sono intoccabili e possono permettersi ciò che a tutti gli altri è impossibile. In un certo senso – paradosso da non sottovalutare per orientarsi nella sociologia del ceto politico – sono le medesime stigmate della Boldrini, solo in proiezione speculare:  ciò che per l’attuale nuova presidenta è motivo di ottusa e beata arroganza, per la precedente era un istinto da tenere difficoltosamente a bada, sebbene espresso in termini più contemporanei e compassionevoli. Proprio questa anamorfica politica restituisce il senso del cambiamento che si è materializzato, probabilmente ahimè troppo tardi, con le elezioni ovvero una contestazione generale della vecchia casta ormai incapace di alcunché, persino di trovare un presidente del Senato che non faccia parte della premiata ditta ricchi,corrotti e cialtroni, intesa a riproporre al Paese una storia già passata, già morta e memorabili solo per la sua vacuità.

Non conosco per nulla Figo e quindi non saprei esprimere un giudizio, ma la differenza di livello fra le parole del cinque stelle  e quello della Casellati vien dal mare, è abissale e non a caso Napolitano, che ama i piani bassi per non dire gli scantinati della politica politicante ha applaudito solo lei. La sostanza del discorso d’insediamento della dama, è il compiacimento per il fatto che per la prima volta una donna presieda Palazzo Madama: il che è ancora più grave perché la prima volta meritava di meglio, non la prima che passa. Infatti proprio la presenza ai vertici di una iper berlusconiana senza scrupoli, ma anche senza lode, eletta anche con i voti pentastellati non è affatto il sintomo di una resurrezione del Cavaliere,  anzi è la prova manifesta della fine ingloriosa della sua epoca, il biscottino dato in cambio del suo regno, la sua riduzione ad attore di secondo piano, di maggiordomo  Il problema è semmai che questo vale anche un po’ per tutto l’arco politico bocciato dagli elettori e a Berlusconi che ormai conta poco o nulla è stata affidata la parte dello specchietto per le allodole, di anfitrione per accogliere i fuggiaschi del Pd e dintorni che di certo non potrebbero confluire con Salvini o appoggiarlo direttamente nel caso di un governo Lega – renzusconi o di un periglioso tentativo M5s – Pd , le uniche due ipotesi concrete di governo politico, ammesso che non si debba ricorrere ad un esecutivo tecnico che prepari nuove elezioni e nel frattempo   esaudisca i dikat europei entro il 30 aprile.

 

«Governerò come un buon padre di famiglia», promise Berlusconi. Elisabetta Casellati, pasionaria azzurra, annuì commossa. Anche lei, giurò a se stessa, avrebbe governato come una buona madre di famiglia. Così, appena nominata sottosegretario, ha assunto come capo della segreteria al ministero della Salute sua figlia Ludovica.

«Grazie, mamma!». «Te lo meriti, amore». I soliti maliziosi, si sa, diranno che non si tratta di una coincidenza. E sputeranno fiele dubitando che la selezione sia stata aspra, che siano stati vagliati migliaia di curriculum, che siano stati consultati i migliori cacciatori di teste o chiamati a colloquio centinaia di giovani… E rinfacceranno a Silvio Berlusconi di avere giurato che lui avrebbe «chiuso coi metodi della vecchia politica» e «sradicato il clientelismo» e risanato lo Stato facendola finita con le spintarelle e le assunzioni facili. E magari arriveranno a tracciare un paragone con il caso di Umberto Bossi, che dopo aver detto che «la natura clientelare dello Stato dopo 150 anni» sarebbe andata in soffitta in nome dell’«assoluta trasparenza contro ogni forma di corruzione e clientelismo», ha visto due deputati leghisti europei assumere a Bruxelles come assistenti accreditati (12.750 euro al mese) suo fratello Franco e suo figlio Riccardo. Ma la bella Ludovica, nella veste di Capo della Segreteria del Sottosegretario di Stato (niente smentite:vedere sito del Ministero) assicura anche a nome della genitrice che non è così.

E spiega, in una deliziosa intervista al Corriere del Veneto, di avere tutte le carte in regola: «Ci ho messo dieci anni perché non mi chiamassero “figlia di” e adesso non vorrei passare per quella aiutata da mammina». Di più: «Può giudicarmi solo chi mi conosce sul lavoro e sa bene qual è la mia professionalità, guadagnata sul campo, dimostrata in ogni incarico che ho avuto». Certo, a incrociare nelle banche dati il suo nome con le voci «salute» o «sanità» o parole simili, si recuperano risultati così scoraggianti (zero carbonella) da far immaginare che sappia della materia quanto sa del Tamarino di Edipo o del delfino di fiume del Punjab. Né si conosce molto delle tappe della carriera manageriale che, sempre nella cocciuta ostinazione di dimostrare che lei è del tutto estranea a ogni raccomandazione della madre parlamentare berlusconiana, ha percorso nella berlusconiana Publitalia, la concessionaria di pubblicità del gruppo Mediaset.
Ludovica Casellati, la figlia (Gobbi)
Dire che sia del tutto sconosciuta, tuttavia, sarebbe ingiusto. Gli appassionati di vita mondana e i frequentatori dei siti di «gossip» veneti, infatti, la conoscono benissimo. Primo: perché passa per una delle più puntuali ospiti di tutte le feste, i cocktail, i galà e rinfreschi che vengono organizzati nei locali pubblici e nelle dimore private dall’Adige al Tagliamento. Secondo: perché da queste sue frequentazioni trae da qualche tempo una rubrica sul Gazzettino dal titolo «Think Pink». Dove c’è grande spazio per la salute e le attività più salutari. Come le battute di caccia in botte in laguna organizzate da ricchi imprenditori col «servidor de valle». O le vacanze all’isola d’Elba di «Gabriella Baggini Morato, meglio nota come Baby dinamicissima imprenditrice padovana» con tutta la famiglia, il marito Orio, la figlia, il gatto Tolomeo e i cani Sofia, Riccardo ed Elton. Per non dire della «incoronazione di Miss Mojito», dei trionfi del «dj Kenny Carpenter consacrato al successo nel gotha della dance newyorkese», delle «serate gastronomiche a tema dedicate al baccalà». Il meglio tuttavia, dicono gli intenditori, è stata la pubblicazione qualche settimana fa di un reportage sulle feste del bel mondo a Cortina: «La palma del divertimento è andata sicuramente al goliardico e pimpante gruppo dei vip padovani ultracinquantenni, che hanno riservato per l’occasione malga Staolin: i Vittadello, gli Stimamiglio, i Brugnolo, i Cristiani, i Facco, gli Agostosi, i Rinaldi, la neo sottosegretaria alla Sanità Elisabetta Casellati Alberti con il marito…».

E chi c’era tra le firme che avevano collaborato al pezzo? Lei, la tenera Ludovica. Conflitto d’interessi amorosi? Ma per carità, lo saprà ben la mamma, cos’è un conflitto. Avvocato, docente universitario, parlamentare di Forza Italia dal 1994, donna combattiva sempre pronta alla pugna e premiata via via con una serie di incarichi istituzionali fino alla presidenza della Commissione Sanità (con soddisfazione di Farmindustria, l’associazione delle imprese farmaceutiche, generosa di versamenti registrati nei suoi confronti) e poi alla vicepresidenza del gruppo azzurro al Senato, la Casellati non ha perso occasione, negli anni, per tirar fuori grinta e fantasia. E un giorno prometteva «entro due settimane» una specie di «angelo custode» per i tiratardi con l’inserimento in ogni discoteca di «una figura istituzionale» (un vigile urbano?) in servizio dalle ore 22 in avanti, un altro sentenziava che «la Rai non è stata mai così pluralista» come in questi anni azzurri, un’altra sbeffeggiava Romano Prodi per la chioma nero-seppia bollandolo come un Pinocchio «pronto a negare l’evidenza anche quando qualcuno avanza sospetti sulla sua capigliatura».

Il massimo, però, l’ha sempre dato sul conflitto d’interessi. E una volta invitava la sinistra a non aver fretta perché la Casa delle Libertà aveva cose più urgenti, un’altra tuonava che «la Cdl ha dimostrato che il conflitto d’interessi può essere risolto», un’altra ancora si compiaceva: «Noi governiamo solo nell’interesse dei cittadini». Va da sé che i suoi avversari, adesso, l’aspettano al varco. Con tre domande. La prima: dopo la nomina a sottosegretario ha chiuso l’attività legale che l’ha vista impegnata fino all’ultimo, per esempio nella difesa di Stefano Bettarini contro Simona Ventura? La seconda: come mai non risulta ancora essersi dimessa dalla carica di amministratore delegato della società finanziaria Esa srl, carica vietata dalla legge sul conflitto d’interessi? La terza: è vero che la giovane Ludovica ha avuto al ministero un contratto da 60 mila euro l’anno, cioè quasi il doppio di quanto guadagna un funzionario ministeriale del 9° livello con quindici anni di anzianità?

Gian Antonio Stella

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

27 responses to “In Casellati per l’archiviazione

  • Anonimo

    Cosa direbbero i fantomatici internazionalisti proletari, che Jorge ammira, itaGliani, che hanno da prepararsi la pasta al sugo ?

    http://contropiano.org/news/internazionale-news/2018/03/25/la-polizia-tedesca-arresta-il-presidente-catalano-puigdemont-0102225

    e:

    IERI IN FRANCIA

    su

    SollevazionePuntoBlogspot

    Mi piace

    • jorge

      le consiglio vivamente di curarsi, non fa altro sovrapporre i suoi sragionamenti ai ragionamenti altrui,

      Mi piace

      • Anonimo

        l’internazionalismo proletario prossimo venturo (?) è la cura di tutti i mali.

        Mi piace

      • Anonimo

        e se non sarà la venuta dell’ internazionalismo proletario a risolvere tutti i mali, lo sarà la venuta di un moderno messia, l’importante è crederci,
        con la stessa costanza di coloro che credono alle profezie di Nostrdamus.

        Mi piace

  • Anonimo

    Qual’era il motto deiu temerari 5S ?

    Onestà, onestà ?

    Beh… gli si potrebbe rispondere: chi ben comincia è già a metà dell’opera.

    Mi piace

    • Anonimo

      non è che sull’altare della (s)governabilità pur che sia ( che, del tutto casualmente, spesso, fa rima con : ma quanta bella poltroneria…), si possa sacrificare ogni tipo di onestà ?

      Mi piace

  • Anonimo

    Note forme di solidarietà , che non somigliano molto all’internazionalismo proletario, ma che sono comunque più efficace del predetto internazionalismo utopico; PIÙ CONCRETAMENTE QUI SI TRATTA DI INTERNAZIONALISMO INTRA UE:

    http://contropiano.org/news/internazionale-news/2018/03/25/la-polizia-tedesca-arresta-il-presidente-catalano-puigdemont-0102225

    Mi piace

  • Anonimo

    Ah… “””””i bei tempi””””” dell’esportazione di democrazia…

    Mi piace

  • Anonimo

    Insomma, ste classi subalterne farebbero meglio a lascia stare l’ennesima impresa di matrice ESTEROFILA inspirate stavolta ( dopo la volta della tanto propagandata Europa dei popoli, che si è concretizzata nella UE anti populista, OLIGARCHICA, NELLA SOSTANZA…) dal mitico internazionalismo proletario.

    Detto volgarmente:

    socialismo e buoi dei paesi tuoi; per parafrasare una massima di saggezza popolare.

    Mi piace

  • giovanni

    “Napolitano, che ama i piani bassi per non dire gli scantinati della politica politicante ha applaudito solo lei.”
    Napolitano come ogni ex presidente è senatore a vita e in quanto tale può coprirsi di ridicolo applaudendo solo la presidente del suo ramo del parlamento

    Mi piace

  • jorge

    voglio anche chiarire, che anche il marxismo second’internazionalista, su cui si basava anche il pci e la socialdemocrazia tedesca ad es di Brandt, faceva parte del “soggetto automatico”, era il tentativo della classe operaia chiusa nei limiti sindacali ed incapace di mettersi sul piano politico, di gestire l’accumulazione capitalistica meglio dei capitalisti (una tecnica per farlo funzionare meglio, tecnica in senso heideggeriano)

    Analoga cosa per il keynesismo, infrantosi sulla scelta di pianificare infine l’economia, data la stagflazione conseguente al deficit spending, una scelta di classe ,che il keynesismo, tecniva in senso heideggeriano, assolutamente non poteva far venire fuori

    Fuori dal “soggetto automatico”, era ed è invece il marxismo che rifiuta il “valore”, come sostrato dello scambio economico, ma anche come medium capace di collegare le menti individuali in una unica mente sociale, o collettiva, appunto il soggetto automatico ( descritto mirabilimente da hegel con l’espressione “un io che è noi,un noi che è io, siamo pervenuti al concetto dell’autocoscienza etc..)

    Hegel descrive l la gabbia d’acciaio, di cui parlava in altro contesto Max Weber, oggi tale gabbia si rompe per la crisi definitiva del capitalismo, ed erompono i “soggetti animali”, capaci però di usare i frammenti della modernità collassata (la gabbia) per costruire fantasie atomizzate e primitive, l’abisso della barbarie, cui spesso mi sono riferito, è appunto questo ( ecco la spiegazione ai tanti discorsi assurdi eppure con pretesa di verità he oggi abbondano)

    se gli investimenti propedeutici alla produzione , non possono essere ripagati nella durata del ciclo (la concorrenza impone ben prima nuovi investimenti), allora il profitto è insufficiente alla riproduzione del sistema ed esso collassa,. puoi fare piu impianti, ma allora piu profitti per ripagarli, il risultato non cambia. Il capitalismo ha raggiunto la sua barra interna, i dati sono negli istituti di statistica di tutti i governi mondiali

    Mi piace

    • jorge

      ma lei è fuori di testa, io contesto questa cosa del plusvalore e lei la attribuisce a me, sia pure come risarcimento agli immigrati. io ho dimostrato che su questo terreno ogni calcolo e assurdo, è lei a fate calcoli di questo tipo io li escludo in un senso ed in un altro. lo dico nel suo interesse, si curi.. non voglio disarticolare la sua fragile mente continuando ad interlocuire con Lei

      Mi piace

      • Anonimo

        Le fragili argomentazioni ( anche quella dogmaticamente ineluttabile…), a riguardo dell’immigrazione derivano dalla Sua fragile mente.

        Mi piace

      • Anonimo

        Dovrebbe poi smetterla di dare giudizi moralistici sugli altri buttandola su pseudo filosofia, a tratti dogmatica.

        Si, si Jorge prima o poi per merito esclusivo di femministe ed immigrati, raggiungeremo IL SOL DELL’AVVENIRE,sconfiggendo il temibile drago della caduta tendenziale del profitto; le sembra abbastanza UNIVOCO E DOGMATICO questo (s)ragionamento ?

        Mi piace

      • jorge

        mi sembra una stronzata, infatti è un suo ragionamento, non è un mio ragionamento

        Mi piace

    • Anonimo

      itaGlia tanto per cominciare aldilà di innovazione di processo e di prodotto ( non solo di prodotto, anche di processo… in ciò i giapponesi avrebbero qualcosa da insegnarci)…. potrebbe innovare la sua politica estera evitando di prendere specifici e diretti, quanto auto lesionisti ordini dagli USA, per fare dannose guerre commerciali con la Russia.
      Piuttosto di uscire da mercati esteri, tentare di restarci e espandersi, o addirittura cercarne di nuovi.

      Certo che per fare un favore agli USA, rinunciamo agli scambi commerciali con la Russia, e magari a seguito di bombardamenti dei nostri “”””””””””””alleati”””””””””””””””””””, mandiamo in malora dei buoni accordi commerciali con la Libia, qualche problema di espansione dell’economia si può verificare.

      Senza sovranità monetaria , la politica economica italiana, è poi storpia e non riuscirà a raggiungere un prezzo ottimale dei propri prodotti venduti all’estero, non riuscirà a contrastare la disoccupazione, con altro modo che non sia quello della deflazione del costo di lavoro, tramite precarietà dello stesso…

      l’italia ,nella sue difficoltà economiche, NON si scontra solamente con il mitico declino del saggio di profitto (!!)… che anche li il margine di profitto, è determinato dai costi complessivi di produzione di tutto il sistema….se il sistema italia, deve supportare gli extra costi accennati, i profitto sarà minore, e gli imprenditori, vedendo difficoltà di sbocco delle proprie merci, si RIFARANNO SUL COSTO DEL LAVORO, l’unica variabile sulla quale riusciranno ad agire “direttamente”, riducendo i salari, o licenziando.

      Mi piace

    • Anonimo

      Il malfunzionamento dell’economia , spessissimo , NON è mai correlato AD UN UNICA INELUTTABILE QUANTO DOGMATICA VARIABILE, CHE DETERMINA UNIVOCAMENTE IL PROBLEMA ECONOMICO NEL SUO INSIEME.

      La difficoltà della soluzione dei problemi economici, sta proprio nel raggiungere un equilibrio ottimale, fra le tante variabili in gioco, in un dato sistema economico.

      Mi piace

    • Anonimo

      Chi ha una fora menti imperniata su ineluttabilità degli eventi, anche quelli più complessi, legati ad una sola dogmatica causa, solitamente ha più di di qualche fragilità personale.

      Mi piace

    • Anonimo

      Il modo di (s)ragionare ineluttabilmente dogmatico ed univoco, è spesso fragile e perciò anche pericoloso.

      Questo lo può aver ben capito Galileo, ma pure gli ebrei al tempo di Hitler.

      Mi piace

    • Anonimo

      Non ci sarà alcun colpo di bacchetta magica che farà sparire il cattivo capitalismo per portarci in un sistema socialista, comodamente bello fatto e finito.

      Perciò per arrivare ad un sistema socialista si dovrà procedere per gradi, con politiche che siano simili a quelle socialiste, pur in un economia capitalista: il keynesismo o simile, in italia.

      Oltre a trovare fonti di energia convenienti ( vedi Non impelagarsi in guerre di vario tipo con paesi che ci forniscono carburanti vari, per ordine di Francia , Inghilterra o USA…), si potrebbe incrementare l’efficienza dei vari pannelli solari,promuoverne la vendita… lanciare un industria italiana di moderni pannelli solari.
      Se i costo dell’energia è basso il margine per salari e profitti può essere aumentato, a parità di prezzo, ma lo stesso minor costo dell’energia può risultare vantaggioso per il conusmatore.

      Mi piace

    • Anonimo

      il governo dell’economia, SI CHIAMA POLITICA ECONOMICA, PROPRIPO PERCHE È UNA QUESTIONE DI SCELTE SULL’ OTIMIZZAZIONE DELL’EQUILIBRIO FRA PARECCHI VARIABILI ECONOMICHE.

      NON ESISTE UN SOLO PROBLEMA-VARIABILE ECONOMICA UNIVOCAMENTE E DOGAMATICAMENTE DETERMINATE IL FUNZIONAMENTO DELL’INTERO SISTEMA ECONOMICO, QUANDO L’APPROCCIO E QUELLO DEL BENE COLLETTIVO…

      Si pensi che il Venezuela ha varato una sua cripto valuta per vendere il petrolio….IN ITALIA ESISTE QUALCOSA DI SIMILE ANCHE SOLO PER VENDERE I PRODOTTI ITALIANI ?

      Come vede la soluzione ( o almeno i tentativo di soluzione…) dei problemi economici NON è solo una,univocamente valevole per tutti.

      Mi piace

    • Anonimo

      L’innovazione di processo, può riguardare anche la fonte di acquisizione dell’energia per il processo produttivo… uno potrebbe comprare gas a buon prezzo in Russia o in LIbia, Algeria, piuttosto che farsi imporre l’acquisto di costosi petrolio e gas dagli USA o anche UE-NATO.

      Mi piace

  • Anonimo

    ” proprio la presenza ai vertici di una iper berlusconiana senza scrupoli”

    Si dovrebbe ricordare che in caso di “vacanza” , il presidente del senato può assumere le funzioni di presidente della Repubblica.. per dire.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: