Annunci

Federalismo del mio Stivale (in attesa del peggio)

damiens_tortureNei giorni scorsi non mi sono occupato per niente dei referendum in Lombardia e Veneto, riedizione in fotocopia del vecchio federalismo finito in ruberie, illusione egoistica diffusa a piene mani da un ceto di maneggioni ridotti a giocare col fuoco pur di rimanere in sella, nonostante gestioni opache e poco significative, magari con la speranza di spostarsi a Roma.  Ma oggi ad urne chiuse vale la pena parlarne non tanto a seguito dei risultati che evidenziano un flop in Lombardia e un’ affermazione in Veneto, ma non per le ragioni semplicistiche che esse esprimono sul piano contabile, quanto per  i nodi che loro malgrado mettono allo scoperto e che sono radicalamente differenti rispetto a vicende come quella catalana: soprattutto l’attualità antropologica e sociale di stampo neo liberista che si sottrae alla solidarietà all’interno di un Paese e che viene  rafforzata e sdoganata dallo svilimento delle realtà nazionali, delle piccole patrie e degli stati in vista della magna Europa, propalata dalle elites globaliste e persino dai loro sorprendenti chierichetti di una sinistra beghina che confonde l’internazionalismo d’antan con il globalismo neo liberista. Dall’altro però presenta un carattere diametralmente opposto, ovvero una sorta di patetico gioco di nicchia di classi dirigenti di fronte al delinearsi dello tsunami che va accumulando energia e le cui onde cominciano a scorgesi sulla linea d’orizzonte mentre avanzano da oltre atlantico.

Come forse qualcuno avrà letto Bridgewater Associates, il più grande fondo d’investimento del mondo ha deciso di scommettere contro il “sistema Italia”, mettendo in campo 300 milioni di dollari in una puntata contro i valori azionari dell’Eni e un altro miliardo e passa per scommettere sul crollo del sistema bancario – assicurativo del Paese rappresentato da Generali, Unicredit, Enel, Intesa San Paolo. Secondo alcuni le puntate fatte da Bridgewater in questa delirante e delinquenziale bisca a cielo aperto che è il capitalismo contemporaneo, puntano a una posta ancora più grossa dell’Italia, ovvero alla Ue stessa per scoprirne il bluff: una volta esauritosi il filone di quantitative easing della Bce uno dei Paesi più grandi dell’Unione, ovvero noi, governati da una manica di cialtroni burattinati e disonesti, si troverà a non poter tenere più il passo e ad aver bisogno di enormi prestiti per pagare gli interessi sui debiti a prezzi di mercato, senza il supporto degli acquisti massicci della Banca centrale. Dunque non si potrà fare altro che andare a piatire dal Mes (Meccanismo europeo di stabilità, mai nome è stato così ipocrita) svendendo non solo qualsiasi sovranità residua, ma anche ogni autonomia di gestione legislativa e amministrativa.

La situazione è potenzialmente drammatica perché la Germania, anche se volesse (e di certo non vuole), non potrebbe comunque salvare la situazione perché si troverebbe a dover sostenere il peso principale dei 254 miliardi di fatture non pagate sul piano settennale Ue,  ad avere il problema di Deutsche Bank che possiede buona parte dei 90 mila miliardi di derivati titolati in euro e la cui rilocalizzazione da Londra al continente potrebbe comportare un consistente aumento di interessi e a dover fare i conti con una situazione nella quale l’economia americana rischia la deflazione e un’altra crisi subprime, visto che la cosiddetta ripresa è stata simulata con un nuovo straordinario indebitamento privato che comincia ad arrivare al pettine. Dunque dovrà in qualche modo sconfessare il senso stesso dell’Europa e usare i trattati come randello esattamente come in Grecia, anzi con maggiore violenza perché in questo caso ne va della sua stessa sopravvivenza finanziaria, vista la dimensione degli eventi.

Ma badate in questo caso per buona pace dei nostri europeisti, l’ obiettivo principale non sarà l’acquisizione degli asset pubblici e bancari del Paese che sono quasi tutti in perdita – le sole banche hanno sofferenze per oltre 350 miliardi di euro – ma dei beni privati che sono ancora rilevanti e che dovranno ripianare quelle perdite, come del resto già fatto intendere da Schauble. Dopodiché, una volta innestato il sistema di risucchio, al parlamentino itinerante fra Bruxelles e Strasburgo comparirà la proposta di una revisione dei trattati che prevede “l’eventuale uscita dall’Euro di un Paese membro dell’Eurozona”. Non me lo sto inventando: è quanto ha dichiarato Christian Lindner che quasi certamente sarà il prossimo ministro delle finanze di Berlino. Insomma asset e beni, industrie e conti correnti saranno presi in euro e una volta spolpato l’osso, si potrà concedere l’uscita dalla moneta unica per fare dello Stivale depredato un’area di lavoro a basso costo.

E’ in quel momento, peraltro è sempre più vicino, che voglio vedere le facce di Maroni e Zaia, espressione alternativa di un Italia mediocre e meschina che non si rende nemmeno conto delle acque in cui naviga. E’ allora che voglio vedere le facce di Renzi e di Padoan, di Mattarella, di Gentiloni, di Salvini, Berlusconi e di tutta la servitù di famiglia.  Ma anche dei troppi italiani che vivono di bufale e di televisione.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

8 responses to “Federalismo del mio Stivale (in attesa del peggio)

  • dani2005dani

    La devastazione antropologica di pasoliniana memoria sta obnubilando troppe persone e per troppo tempo. Ma madama la Realtà sveglierà tutti. Anche i dormienti e gli obnubilati.

    Zaia e Maroni hanno probabilmente cercato di azzoppare le poche idee chiare di Salvini, ora nazionalista (non del tutto ma in maggioranza con se stesso) ma soprattutto sovranità, in funzione anti euro. Le idee in questo senso di Salvini non sono nemmeno sue, ma di un bravo economista, Claudio Borghi.

    In rete molti hanno dichiatato NON voteranno più LEGA ovvero Salvini.

    Chi ha votato i due “governatori” con l’idea di una maggiore autonomia o pensando alla secessione (il 22/10/1866 il Veneto votò l’annessione all’Italia, data coincidente) non conosce l’articolo della Costituzione citato, se pensa di potersi “tenere” le tasse o di divenire a Statuto Speciale.

    Ma Zaia e Maroni dovevano eseguire un compito neoliberista: affossare Salvini/Borghi.
    Un po’ ci son riusciti.

    Dopodiché si può dire che in una eventuale UE alla Carlomagno, Veneto e Lombardia saranno dei negozietti piccoletti di prodotti locali nel grande ipermercato tedesco.

    Concludo con un pensiero per gli economisti, sia per chi vede il ritorno alla lira come salvezza e sia per chi vede l’euro come salvezza.
    http://aspoitalia.blogspot.it/2008

    La torta non vista degli economisti.
    Una torta che si chiama Realtà fisica e leggi della termodinamica.

    Mi piace

  • jorge

    Il simplicissimus:

    Come forse qualcuno avrà letto Bridgewater Associates, il più grande fondo d’investimento del mondo ha deciso di scommettere contro il “sistema Italia”, mettendo in campo 300 milioni di dollari in una puntata contro i valori azionari dell’Eni e un altro miliardo e passa per scommettere sul crollo del sistema bancario – assicurativo del Paese rappresentato da Generali, Unicredit, Enel, Intesa San Paolo.

    E’ più o meno la stessa cosa che la speculazione contro la lire che nei primi anni 90 costrinse Amato ad una manovra di 90.000 miliardi di lire e ad un prelievo forzoso dai conti bancari di tutti gli italiani

    Per riequilibrare la vendita o l’acquisto speculativo di lire, ad es comprare se gli speculatori svendono per indebolirla, serve comprare lire sui mercati mondiali, e lo si può fare solo con valute pregiate da pagare caramente, se stampi lire per comprare lire od altro, alla lunga peggiori la situazione

    Allora serve ridurre il circolante con le tasse, o con stangate varie procurarsi valuta pregiata presso paesi amici, che comunque chiedono pedaggi monetari e commerciali (squali)

    La classe politica italiana credette che aderendo all’euro, moneta forte, si sarebbe messa al riparo da speculazioni, ma in tutta evidenza non è così, tra lira ed euro e come scegliere tra brace e padella

    Mi piace

  • redattorecapo

    L’ha ribloggato su bondenocome ha commentato:
    Ma badate in questo caso per buona pace dei nostri europeisti, l’ obiettivo principale non sarà l’acquisizione degli asset pubblici e bancari del Paese che sono quasi tutti in perdita – le sole banche hanno sofferenze per oltre 350 miliardi di euro – ma dei beni privati che sono ancora rilevanti e che dovranno ripianare quelle perdite, come del resto già fatto intendere da Schauble. Dopodiché, una volta innestato il sistema di risucchio, al parlamentino itinerante fra Bruxelles e Strasburgo comparirà la proposta di una revisione dei trattati che prevede “l’eventuale uscita dall’Euro di un Paese membro dell’Eurozona”. Non me lo sto inventando: è quanto ha dichiarato Christian Lindner che quasi certamente sarà il prossimo ministro delle finanze di Berlino. Insomma asset e beni, industrie e conti correnti saranno presi in euro e una volta spolpato l’osso, si potrà concedere l’uscita dalla moneta unica per fare dello Stivale depredato un’area di lavoro a basso costo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: