Archivi tag: Bce

Le illusioni muoiono a Karlsruhe

ECoVYlrUIAAHjXILa miseria europea o meglio il gioco di società nel quale ci siamo dilettati negli ultimi tre decenni perdendo la posta e affossando il Paese è ormai agli sgoccioli: la Corte Costituzionale tedesca pronunciandosi sul quantitative easing della Bce ha sostenuto che l’azione della Banca centrale non ha obbedito al principio di proporzionalità cui era legata, in sostanzia avrebbe acquistato più azioni di Paesi in difficoltà di quanto avrebbe dovuto, finendo così per finanziare di fatto il debito e agendo al di fuori del proprio mandato. Entro tre mesi la Bce e la Lagarde dovrà dire come intende comportarsi in futuro per evitare il ritiro totale della Bundesbank dagli interventi della Banca centrale. La Corte che sorveglia l’unica Costituzione europea che ha ancora un qualche diritto di esistenza ha perfettamente ragione nelle sue osservazioni, anche se le sue perplessità arrivano proprio quando ci sarebbe necessità di uno sforzo finanziario enorme: ma ciò che viene imputato alla Bce è, nella sostanza, di aver in qualche modo surrogato una dimensione politica e comunitaria  che invece l’Europa dell’euro non ha e non deve avere, essendo di fatto un puro meccanismo di mercato come attestano i trattati. Adesso proprio nel momento peggiore il banco dice ai giocatori che è momento di chiudere con le aperture di credito sottobanco. E’ un vero scherzo del destino, uno sberleffo, che questa sentenza sia arrivata proprio da Karlsruhe, sede della Corte costituzionale e città più volte premiata come simbolo dell’integrazione europea.

Per ‘Italia è come se trent’anni di politica, a cominciare dall’adesione all’euro possono presi e buttati dove sappiamo con tutto il carico di bugie, illusioni, errori, miraggi  in nome dei quali  abbiamo svenduto gran parte della nostra industria, della nostra sovranità e – a causa della moneta unica – anche della nostra competitività. Quest’ultima rinuncia è ancora più paradossale perché la Corte costituzionale tedesca con le sue bacchettate alla Bce non fa altro che sottolineare come l’Unione nata con Maastricht nel lontano ’92 abbia una struttura che non ha nulla a che vedere con  quella favola un po’ inquietante degli Stati uniti d’Europa che scimmiotta in maniera assurda e deprimente  le esperienze dell’estremo occidente, ma è invece proprio basata sulla competizione fra stati ed economie che ha avuto come effetto primario anche la soppressione delle lotte sociali per i diritti del lavoro. Avendo vissuto quella stagione so che tutta l’area progressista ha sperato che l’Europa dell’euro avrebbe potuto sottrarci all’abbraccio dell’arcigno padrone delle bombe, ma invece abbiamo finito per non liberarci della dipendenza atlantica e ne abbiamo sviluppato in aggiunta una continentale, come se l’unica possibilità di vita per il Paese fosse quella di essere sotto tutela. Del resto proprio l’anno di Maastricht ci fu la crisi della Lira e della Sterlina, con la necessità di abbandonare temporaneamente il serpentone monetario europeo mostrandoci in anteprima a che cosa saremmo andati incontro senza la possibilità di gestione monetaria. Forse inconsapevolmente un intero ceto politico ha preferito farsi governare da fuori piuttosto che prendersi le proprie responsabilità.

Ora però non si può far finta che le cose non stiano così, e continuare a raccontarsi  che esiste la possibilità di un’altra Europa: chi continua farlo soffre di paralisi intellettuale, di cecità volontaria perché semmai fosse possibile un nuovo e diverso progetto continentale esso non potrebbe che nascere sulle macerie di quello attuale. E tuttavia è troppo tardi per svegliarsi: la sciagurata azione del governicchio di nani e ballerini, con accompagnamento di virologi tromboni raccoltisi attorno a Conte per affrontare la cosiddetta emergenza Covid ci ha buttati all’inferno, in pratica in un default greco, ma molto peggiore dell’originale che potremmo evitare solo con un’uscita dall’euro. Ed è impensabile che un governo che ha dimostrato di essere capace di tutto, anche di sopprimere la Costituzione, ma che è anche buono a nulla, possa mettere in campo qualsiasi azione efficace e razionale in questo senso. Sa solo ingannare i cittadini con miliardi di fantasia e morti di peste che non esistono, perché ormai l’emergenza è la sola ragione per cui continua ad esistere. Però gli italiani sono decenni che portano la mascherina: è solo che l’hanno abbassata dagli occhi alla bocca.


I figli della troika

“Trionfo-della-morte”-di-Pieter-Bruegel.-152530-1569.Nella confusione totale una cosa è assolutamente chiara: la battaglia per evitare la diffusione del virus è stata completamente persa dovunque, tranne che in Cina e ora la parola passa alla capacità dei presidi sanitari di affrontare quei casi di infezione accertata che richiedono assistenza ospedaliera. Benché la percentuale di questi ultimi si aggiri sul 5% degli infettati accertati i quali non sono solo che una piccola parte di quelli effettivi diciamo che una percentuale tra lo 0,5% o lo 0,2% della popolazione potrebbe aver bisogno di ricovero o di assistenza domiciliare intensiva. Si tratta di cifre non lontane da quelle di una influenza severa, tipo asiatica, ma la differenza è solo  in parte di carattere medico visto che si tratta di un virus nuovo non ancora coperto dalla vaccinazione che è praticamente d’obbligo per le persone con patologie a rischio, ma soprattutto d’ordine psicologico per cui ciò che viene tranquillamente trascurato e accettato in caso di influenza, oggi diventa invece questione di vita o di morte e i sistemi sanitari pubblici gravati da decenni di tagli sconsiderati o quelli privatistici che già escludono una vasta parte di ceti popolari dall’assistenza, potrebbero crollare sotto il peso. L’emergenza è dunque eminentemente un fatto sociale e politico che riguarda le ideologie  e gli assetti di sistema oltre che la cultura profonda di una società ed è questo che ci pone sempre di più di fronte a un bivio tra una possibile disgregazione del neoliberismo e una sua possibile vittoria dentro nuovi secoli bui dove le libertà e i diritti saranno banditi.

Quindi il disperato tentativo del governo italiano di impedire il diffondersi dell’epidemia  sta clamorosamente fallendo, nonostante la militarizzazione del territorio e le misure contraddittorie prese talvolta a casaccio per raggiungere l’obiettivo, compresa la discesa in campo dei prefetti di ferro: non poteva essere diversamente anche perché non si tratta affatto di una battaglia in nome della salute e della dignità delle persone, ma volta  a nascondere il disastro del sistema sanitario e ancor più per non dover affrontare in pieno la questione finanziaria e con quella i nodi  fondamentali dei trattati europei e della moneta unica. I costi dell’epidemia sono giganteschi e si saldano a un vistoso rallentamento già in atto dell’economia mondiale per cui occorrono cifre enormi da investire all’interno del Paese per affrontare la situazione, non meno di 200 o forse 300 miliardi. La Germania già afflitta da un vistoso calo produttivo ha infranto in pochi giorni tutti le cosiddette regole europee che per tre  decenni sono stati il faro nella nebbia delle nostra classe dirigente e portato il nostro Paese al naufragio sulla scogliera: non solo farà stampare da una banca di proprietà pubblica 550 miliardi di euro, ma ha anche annunciato di voler far tornare sul proprio territorio produzioni delocalizzate fondando aziende di stato. Un contrordine totale rispetto al paradigma economico imposto a tutti i Paesi e non si venga a blaterare che i tedeschi possono farlo perché sono stati virtuosi, basta davvero  con queste fesserie della teoria del debito: la Germania può farlo perché di fatto la moneta unica è un marco travestito, ovvero una moneta sovrana di cui noi, come altri disgraziati dell’Europa mediterranea non possiamo godere. E’ evidente che in queste condizioni accettare passivamente tutto questo continuando imperterriti a recitare lo scialbo breviario euro liberista che altri hanno di fatto cancellato, continuare a fare i figli della serva ,come si diceva una volta,  quando l’uguaglianza era un’offesa Dio, sarebbe come regalare lo Stivale a Berlino.

Dobbiamo reagire prima che la troika ci spogli come comunità nazionale, ma anche come singoli di ciò che rimane e visto che la Bce non può e comunque non vuole aiutarci direttamente perché il denaro regalato alle banche private a tassi negativi non arriverà mai ai cittadini e all’economia reale, per prima cosa invece di invitare la gente a cantare alle finestre, bisognerebbe trasformare la Cassa depositi e prestiti in banca pubblica nazionale, in grado di prendere i soldi della Bce e prestarli a tassi bassissimi o nulli a tutti i soggetti che ne hanno bisogno: questo è tecnicamente facile, ma non lo si fa perché presenta enormi rischi di perdite, quelli stessi per cui le banche private non prestano, e dunque rinvia al problema della sovranità monetaria che ancora viene visto come un tabù. E non solo, bisognerebbe anche ricostruire una struttura come l’Iri che abbiamo svenduto per un piatto di lenticchie, ipnotizzati dal liberismo che poi si è tradotto in paradossali regole europee. Tra qualche settimana ci diranno che ce l’hanno fatta a contenere l’epidemia, anche perché alla maggior parte delle persone non viene fatto alcun tampone, anzi i servizi di emergenza nemmeno rispondono e quando lo fanno consigliano di rimanere a casa, punto e basta. Il virus insomma rimarrà in circolo, ma intanto avremo fatto un buco di  centinaia miliardi di Pil per aver imposto misure generali senza capo né coda, terrorizzati dal debito, qualunque cosa ne dica l’informazione di regime.


Sanità distrutta, Paese infetto, Europa morta

37_Lezione_di_anatomia_del_dottor_TulpIn un sistema entrato in fase di instabilità  basta una variabile minima per spezzare definitivamente l’equilibrio e creare il caos. Cosi il Covid 19 uno dei patogeni che ogni tanto, ogni 15 o vent’anni, o magari più spesso con la globalizzazione, si diffondono sul pianeta, sta facendo da catalizzatore al crollo di un sistema, non perché sia particolarmente grave, ma perché mancano ormai le strutture sanitarie, morali e finanziarie per affrontarlo: lo certifica persino l’Istituto superiore di Sanità che in un comunicato dice che le persone morte di coronavirus sono soltanto 2, le altre sono morte di altre patologie, certo aggravate dal virus, ma sostanzialmente vittime di una sempre minor tutela sanitaria e oserei dire sociale. Per non dire che queste persone sono ormai viste come una sorta di ostacolo alla competitività del Paese e un pericolo per i suoi conti, perversi attori della guerra generazionale, sono state per così dire mercificate e poste psicologicamente  nel magazzino delle derrate scadute e dunque non meritevoli di eccessive attenzioni a meno che non abbiano santi in paradiso. Di qui il vero e proprio terrore per quell’accolita di cialtroni di nome governo che un’epidemia diffusa possa portare al collasso palese  di un sistema sanitario ornai largamente inferiore a quelli dei vicini europei, semi privatizzato, saccheggiato dai ladri di sistema, umiliato  da vent’anni da qualunque esecutivo e da qualsiasi forma di finzione politica. Tutto questo in nome di un’ideologia della disuguaglianza e dei suoi strumenti, ovvero i trattati europei e l’ euro che mai come in questo momento sono entrati in una crisi irreversibile.

Ora l’Istituto superiore di Sanità comincia a fare chiarezza dentro numeri che non stanno insieme, vedi Troppi conti non tornano  e dentro una psicosi del tutto indotta dai ceti dirigenti i quali hanno sostanzialmente messo il Paese in quarantena, danneggiandone l’economia in maniera gravissima, solo perché non esistono le strutture sanitarie minime per affrontare un’ondata influenzale un po’ più severa del normale e senza più  l’argine della prevenzione, come,  tanto per fare un esempio fra molti possibili, rendere gratuita la vaccinazione anti pneumococco dopo i 65 anni, cosa che eviterebbe gran parte delle complicazioni polmonari che si instaurano a seguito delle sindromi influenzali di origine naturale o meno, perché oggi anche questo è da mettere in conto.

Ad ogni modo lo choc non riguarda solo noi, ma tutto il contesto in cui si volge la grama vita del Paese Già il fatto di non aver avuto alcuna solidarietà concreta da parte della Ue avrebbe dovuto allertare anche  coloro che soffrono di inestirpabile cecità differenziale, ma adesso il fatto è palese: la Lagarde, forse senza nemmeno accorgersi della portata delle sue parole, ha distrutto l’euro negando la possibilità che la Bce possa difendere la stabilità dei conti dei Paesi deboli, i quali lo sono proprio per essere stati costretti ad operare con una moneta che non soltanto non possono gestire in proprio, ma che non corrisponde alla logica delle proprie economie. Contemporaneamente la Germania , già colpita da una crisi industriale di inquietanti proporzioni e già intenzionata a varare grandi piani di spesa pubblica alla faccia dei Paesi periferici costretti per due decenni ad assurde restrizioni,  ha preso come pretesto il coronavirus per comunicare l’intenzione di stampare attraverso una banca pubblica 550 miliardi euro da investire nella propria economia, per rivitalizzare il mercato interno adesso che quello estero comincia a scricchiolare e per riportare in patria le attività scappate via negli anni, a cominciare dalla chimica farmaceutica. Insomma siamo al completo ribaltamento di tutte le tesi dell’europeismo neoliberista che sono state così letali per noi e che sono state il faro di un ceto politico totalmente asservito al potere economico e alle sue ideologie: Berlino insomma si comporta come se fosse diventata sovranista e, attraverso la Lagarde,  persino antieuro, scavalcando i mentecatti nostrani che ancora vagano dietro le avvizzite bandiere dell’altro europeismo di marca destra e sinistra.

Tutto questo si stava preparando già da tempo, era assolutamente visibile, ma la nuova epidemia influenzale ha procurato quel minimo di choc necessario a far rompere gli ormeggi, a mettere in crisi l’euro come moneta comune così accanitamente difeso da Draghi, ma che adesso non avrà più copertura e ha messo in luce gli assetti egemonici che hanno attraversato il continente: se oggi la Germania può permettersi di spendere cifre colossali è grazie a una moneta che l’ha avvantaggiata a danno degli altri Paesi   caduti nella trappola. Peggio per loro, peggio per noi che siamo alle prese con una grottesca lotta non tanto con un virus, quanto con i disastri combinati in nome di qualcosa che si sta sfasciando. Disastri che il governo e il ceto dirigente si vergognano di mostrare alla popolazione, tanto più che essi si apprestano a stringere ancora di più il cappio attorno alla Stivale con il nuovo Mes in un contesto nel quale lo stesso meccanismo non ha più un senso politico, ma solo di rapina finanziaria, peraltro inevitabile dopo il fermo del Paese per settimane. Il bello è che quando si dichiarerà a torto o ragione di aver fermato il covid 19, anzi un altro coronavirus diverso da quello cinese e probabilmente già diffusissimo nella popolazione, gli italiani sospireranno di sollievo, senza sapere che il brutto deve ancora cominciare. Godetevi le vacanze forzate, prima di diventare dei forzati.


Draghi di cartapesta

cor Anna Lombroso per il Simplicissimus

L’Europa e l’Italia, rappresentate ai massimi livelli a Francoforte, hanno concluso ieri con una cerimonia solenne gli otto anni di presidenza di Mario Draghi alla Bce.

È stata l’occasione per riconoscimenti unanimi:  «Draghi ha salvato l’euro restando sempre dentro le regole»   hanno ricordato l’ex presidente Ue Romano Prodi,  la Cancelliera Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron. Non è mancata l’autorevole presenza del  Capo dello Stato Sergio Mattarella giunto insieme al ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. E figuriamoci se il giorno dopo gli esiti delle elezioni in Umbria che costituiscono il trailer del disfacimento della coaliziozne sgangherata che guida- si fa per dire il governo in nome e per conto delle cancellerie – sarebbe mancata la comparsata pastorale del Presidente alla pubblica celebrazione, con l’intento non solo simbolico di aggiungere alla qualità di «civil servant» di chi, lo scrive il Corriere della Sera, “ha dato volto all’Italia migliore, fatta di competenza ed etica del bene comune”, l’indiscusso ufficio di Uomo della Provvidenza e Salvatore della Patria in Europa.

Le foto ufficiali con le strette di mano e gli abbracci “accademici” sembrano proprio anticipare di poco l’augurabile replica desiderata da tutti del  già visto quando  esattamente 9 anni fa Napolitano nominò senatore a vita Monti per permettere la sua ascensione a Palazzo Chigi mettendo alla porta l’ormai molesto Berlusconi per sostituirlo con un grigio funzionario della troika. In questo caso l’eterno candidato, che Fubini sprecando un coccodrillo definisce spericolatamente “il Timoniere” come un Mao qualunque, si presenta con ancora più credenziali: dottorato in Economia al Massachusetts Institute of Techonology, accademico di rango, direttore del Tesoro di un Paese del G7, banchiere di Goldman Sachs, governatore della Banca d’Italia, una vera incarnazione del solerte servitore degli apparati del totalitarismo economico e finanziario nella colonia dell’impero.

Si vede proprio che i padroni anche stavolta non si accontentano delle stantie alleanze prone al loro servizio dopo i proclami di indipendenza fatti apposta per accreditarsi come successivi reprobi pronti alla cieca ubbidienza, dopo le rivendicazioni di sovranismo a coprire l’indole alla cortigianeria ben impersonata da un giullare, da un guappo tracotante e da un bullo di provincia e vogliono andare sul sicuro con un loro agente che garantisca il sacrificio totale dell’Italia senza cincischiare con referendum, crisi e consultazioni, meno che mai con elezioni delle quali ormai è stata sancita la costosa superfluità e assicuri la cessione di competenze, poteri, autodeterminazione e democrazia, realizzando praticamente uno slogan e una raccomandazione a lui cari, quando senza tanti giri di parole sentenziò la necessità che gli stati si disfino della loro “sovranità”, evidente ostacolo alla crescita oltre che all’appartenenza al contesto dei grandi.

Diciamo che in tema di “disfarsi” abbiamo a che fare con un esperto: dobbiamo a lui la promozione di una delle più  efficaci svendite dell’industria pubblica italiana, compiuta a tempi di record per allinearsi ai criteri e ai  parametri richiesti dall’ingresso della moneta unica. Si tratta di una operazione condotta con spregiudicatezza sfrontata che gli varrà poi la vicepresidenza elargitagli dall’acquirente, Goldman Sachs,  quando cede  l’immenso patrimonio immobiliare e il know how tecnologico dell’Eni a poco più di un terzo del valore di mercato: alberghi, palazzi, imprese turistiche, l’area di Rho Pero che poi accolse la nuova Fiera, appartamenti e uffici e un patrimonio di ricerca e applicazione tecnica.

Ci aspettano tempi bui, se la glorificazione di Draghi lo farà recedere dalla prudenza per inseguire il suo sogno di potere assoluto non disgiunto da conseguente status e rendite invidiabili. Si tratta di una di quelle montature cui ci ha abituato la società dello spettacolo, di un personaggio creato ad arte per meritarsi uno di quei Nobel fasulli, quando non si dovrebbe dargli nemmeno l’Oscar per la interpretazione del cattivo cui si riferì quando coniò l’espressione  whatever it takes, presa da un western, per definire la sua strategia di difesa dell’euro a ogni costo.

E infatti il suo è un curriculum di educati insuccessi, come ebbe a dire qualche tempo fa in un suo articolo  Angelo de Mattia, ex direttore centrale di Banca d’Italia e del Direttorio durante la gestione di Antonio Fazio, sostenendo che il timoniere avrebbe registrato un primo flop,  nell’unica vero ruolo affidato alla Bce, quello di ancorare l’inflazione sotto, ma vicino, al 2%, un limite mai raggiunto, se, ricorda, “negli ultimi mesi l’inflazione nell’eurozona sta sempre più calando, con quella italiana quasi a livello di deflazione, 0,3%”.

Per non parlare di un altro ruolo cruciale affidato alla Bce quello da svolgere in collaborazione con le autorità nazionali, di  responsabile del funzionamento efficiente e coerente della vigilanza bancaria, che in Italia ha permesso il ricorso al bail in per le banche criminali in aperta violazione dell’articolo 47   della Costituzione in merito alla tutela del risparmio e che ha prodotto lo scempio del sistema finanziario italiano e della sua reputazione, salvando i crediti deteriorati mentre generava la  fuga di capitali verso altri Paesi. E dire che nelle referenze di Draghi c’era già qualche segnale che avrebbe dovuto mettere in allarme se da governatore della Banca d’Italia aveva abiurato al cosiddetto assenso preventivo e vincolante dell’istituto  in occasione di fusioni e acquisizioni, autorizzando o girando la testa davanti a  procedure opache e irregolarità.

Insomma c’è poco da fidarsi anche quando si fa titolare dell’esigenza di dare avvio a un tenace e determinata “politica fiscale e di espansione” che ponga termine alla “differenza tra Europa e Usa”, si, proprio così, per assomigliare a una economia sostenuta unicamente dal credito speculativo da decenni, per avvicinarci  agli standard di dove sono nate e si sono sviluppate le bolle avvelenate, i sub prime  concessi anche a chi non disponeva di reddito, gonfiando sempre di più l’indebitamento delle famiglie per poi strangolarle, quegli stessi mutui cartolarizzati tra l’altro dal suo vecchio padrone, Goldman Sachs, per farne titoli negoziabili venduti dalla stesse banche sotto forma di prestiti da cravattari a soggetti già gravati dalla pressione speculativa, dai debiti contratti per l’assistenza, la casa, gli studi. O delle sue necessarie future  riforme strutturali nell’eurozona,  a imitazione di quelle che  hanno prodotto la flessibilizzazione e precarizzazione dei mercati del lavoro, all’esplosione della disoccupazione e al decremento dei salari che peggiorerà grazie alla svolta umanitaria dell’Europa che mira a determinare una competitività in basso al livello di chi arriva e è ancora più ricattabile nei lavoratori italiani.

Eppure una speranza c’è, non quella di una Greta invocata da Monti per chiamare a raccolta i militanti intorno al tema del debito pubblico, a conferma che certi santini finiscono per servire soprattutto all’establishment. Perché un foto che gira in rete dimostra che i potenti sono soggetti alla paura, che non serve un San Giorgio per piegare i draghi, basta lo sberleffo di una  ragazza che in piedi sul tavolo di una prestigiosa presidenza  fa piovere addosso a lui terrorizzato una cascata di coriandoli per dirgli che non ci sta alla sua quaresima.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: