Annunci

Cresciuti nella monnezza

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Tutto il mondo è paese: mi ero tanto adirata quando in risposta ai veneziani colpiti da una acqua alta anomala, l’allora sindaco Cacciari rispose con ficcante realismo: si mettano gli stivali di gomma. La rimozione di problemi e la dimissione dalle responsabilità quando si sta in alto e non si hanno in piedi in acqua e dove non arriva il tanfo dell’immondizia è proprio una cifra dei poteri contemporanei, se il presidente dell’Ama di Roma in occasione dello sciopero del 15 giugno, dopo quello del 3, dopo quello del quale non serbiamo memoria, se non olfattiva, ha consigliato ai romani di tenersi in casa i rifiuti, nascondendoli pudicamente alla vista di ospiti stranieri e sottraendoli alle telecamere delle tv.

Poco male, tanto i commenti sdegnati e le pungenti riflessioni sono prevedibili. Perché in attesa di arrampicarsi sul camion della monnezza del vincitore, chiunque esso sia, la prassi impone di prendersela con gli indigeni e gli ospiti molesti e altrettanto maleducati, rei di stipare di ogni ex bendidio diventato rifiute traballanti cassonetti, senza provvedere all’opportuna selezione con la scusa che “tanto poi, i monnezzari raccolgono e macinano tutto insieme”, di  lasciare abbandonati in mezzo alla via lavatrici e microonde, di “farsi riconoscere”, come si dice qui, per accidia, scostumatezza, indifferenza, la stessa che rivelano davanti alle violenze perpetrate su una donna, come sul declino rovinoso della loro capitale, sugli sfregi pubblici e privati ai loro beni comuni, sulla cessione  dissipata del loro patrimonio.

E difatti stamattina un parterre di prefiche che piangono in forma dimostrativa e minacciosa in previsione delle nefaste sorti che ci attendono se seppelliamo prematuramente il governo, e in particolare la santanchè del piccolo napoberluscone  di Rignano sotto forma di giornalista sibilava velenosa che in barba a Ostia esonerata del titolo di mafiosa, in barba a Mafia Capitale, in barba a Tor Bella Monaca, in barba a periferie retrocesse a bidonville e favelas, il problema di Roma è, si, il traffico, è, si, lo stato dell’azienda municipale, ma soprattutto perché i romani, mortacci loro, non pagano il biglietto.

Ecco, è la conferma che mai come ora è stata salda e inviolabile l’alleanza opaca tra il  regime e la sua informazione, ormai tutta. Che abbiamo consegnato le nostre città, i servizi, l’abitare, il muoversi, le memorie e la storia, a gente che non ne sa nulla, perché non vuole mischiarsi con noi, un ceto che non prende mai un bus né tantomeno lo aspetta per ore a una fermata sotto il sole cocente o il diluvio, quello che allaga le fermate della metro e le strade, gente che quando sente parlare di lavoro, per sé e, ormai, per gli altri, mette mano alla pistola,  sicché è meglio dotare i mezzi pubblici di forniture di obliteratrici taroccate, di distributori farlocchi, piuttosto che assumere controllori, probabilmente perché è diventato un mestiere a rischio di botte dagli utenti incazzati, tanto da non essere più un proficuo giacimento clientelare. Così non c’è mai un intrattenitore di talk show che ficca il microfono in bocca agli sfrontati come fa in occasione di dolori o giubili, per smentirli, per chiedere conto, magari solo per informarsi di quando per l’ultima volta prima del successo sono saliti sul numero 3, quello degli invisibili, stanchi già di prima mattina che non possono assopirsi perché è proprio da loro che passa il controllore.

In questi giorni un loro ospite d’onore è il marziano per antonomasia, autore di un’autobiografia, proclama di combattività incontenibile e pretesa di innocenza indomita. Nella sceneggiatura sempre uguale seguita dagli intervistatori, gli stessi peraltro che esibivano in vergognosa ostensione le immagini del tramonto della capitale durante il suo breve mandato, e dall’ex più celebrato dopo la deposizione di Romolo Augustolo, venerato soprattutto da chi non abita a Roma, occupa un posto di rilievo la trionfale commemorazione della rivoluzione mariniana in materia di rifiuti. Quando cioè venne chiusa la discarica scandalosa di Malagrotta, sottraendo la gestione e i profitti al monopolio malaffaristico del trust dalla monnezza, compreso della parentopoli delle assunzioni familistiche e clientelari.

Viene da chiedersi se non sia perché Marino faceva concorrenza sleale al sindaco d’Italia nella politica degli annunci che è stato espulso, se la sua amministrazione è stata segnata dall’installazione di comitati e commissioni con compiti preliminari di rilevazione e analisi probabilmente ancora in funzione di ponderata osservazione, da atti rituali e apotropaici ad effetto, da dichiarazioni di intenti, da gesti epici, appunto, come i sigilli alla discarica senza aver nemmeno individuato soluzioni alternative, se il piatto resta ricco per malaffare e malavita grazie a uno dei più profittevoli export, quello della monnezza romana verso destinazioni interne o neo coloniali.

Gli affezionati del voto inutile che vivono i “secondi turni” come un cruccio possono orientarsi su una scelta che dichiari di voler provare a mettere fine alla politica delle falsificazioni centrali e periferiche del Pd, del quale è un interprete facondo e irriducibile il suo candidato con le sue bandiere, che garriscono al vento della rendita, dei costruttori, dei cementificatori, dei barbari dei nuovi sacchi di Roma, tutti col tovagliolo al collo intorno al tavolo delle Olimpiadi, dello Stadio, dei prossimi e tetri luna park che dovrebbero “valorizzare” la Città Eterna, più di una città degli studi e della ricerca, più del risanamento urbanistico, sociale e morale delle periferie, più degli investimenti in tutela e cultura.

Chiunque in questi anni abbia combattuto una battaglia per l’istruzione pubblica, per i beni comuni, per la difesa del territorio da dissipazione e speculazione, per il diritto a abitare con dignità e nella legalità, ha avuto come controparte la nomenclatura del regime, fosse il Pd, fosse Forza Italia, fosse la Lega, convenuti nella santa alleanza che ci sta facendo guerra. Senza illusioni, ma ormai coltivarle è più improvvido che seminare marijuana e meno efficace che fumarla,  io proverei, dopodomani e poi ancora e ancora, a dir loro di no.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Cresciuti nella monnezza

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: