PinottiQualche giorno fa il ministro della guerra Pinotti, affetto da grave sindrome di androginia morale, ha spiegato come vanno le cose ad un convegno organizzato e promosso dal Centro Alti studi della difesa. In cosa siano alti, se non forse per le retribuzioni, è difficile capirlo, ma la Pinotti è stata illuminante facendo balenare un’insolita altezza di ipocrisia e ambivalenza nel suo speech. Anzi qualcosa che dovrebbe suscitare un altissimo allarme.

Dice dunque il ministro che “oggi presentiamo un progetto importante che riguarda gli strumenti militari terrestri per i prossimi 30-40 anni. In questi tempi dividere la sicurezza in esterna e interna non ha più alcun senso, e questi strumenti dovranno avere la caratteristica di essere duali, così da poter venir utilizzati anche in ambiti civili”.  Ora proviamo a capire cosa significhi questa frase visto che l’uso generico e civile di mezzi bellici estremamente specializzati è del tutto esclusa: non si possono avere carri armati ambulanza o mine anti terremoto o caccia che svolgano funzione di navetta per i feriti. Ciò che si può fare con mezzi comuni come camion, tende, anfibi  o elicotteri da trasporto, ancorché militari, viene già normalmente fatto e sarebbe fin troppo banale anche per un ensemble governativo del calibro che ci ritroviamo, basare su questo il programma di nuovi armamenti per i prossimi 40 anni. Dunque cosa può voler dire?

La prima ipotesi è che si tratti di pura retorica acchiappacitrulli: di fronte alle enormi spese che comporta l’accontentare il famelico complesso industrial – militare oltre che le imposizioni della Nato, si accenna a possibili e vaghi usi in caso di disastri e calamità di vario tipo per indorare una pillola amara e far credere che non si tratti di pura dilapidazione di denaro pubblico, ma di investimenti fatti per il nostro bene. La seconda ipotesi è invece un’altra: che la difesa duale della Pinotti  si riferisca all’eventualità che i mezzi militari dei prossimi 30 o 40 anni, siano concepiti anche per far fronte a rivolte contro le oligarchie al potere, contro le contestazioni o l’opposizione – tanto per fare un esempio – alle grandi opere che ormai è ufficialmente equiparata al terrorismo.

E’ tutt’altro che assurdo: per secoli i cannoni sulle mura delle città sono stati rivolti verso l’interno e non verso l’esterno, mentre  gli scenari di guerra che si prospettavano fino a un anno fa, prima della crisi ucraina, erano di combattimenti in ambiente ostile, spesso urbano, di guerriglia contro forze organizzate per bande, non quello di scontri campali tra eserciti veri e propri. Dunque le due cose si saldano in un insieme coerente e fanno emergere una nuova dottrina nella quale anche il nemico diventa liquido e ubiquo. Non è più lo “straniero”, ma anche il cittadino.

In un contesto di normale democrazia o anche di un minimo sindacale di democrazia, un ministro della difesa che usa frasi allarmanti e ambigue sarebbe quanto meno chiamato a risponderne e a chiarire il significato delle sue parole. Qui invece tutto scivola come l’olio mentre i lor signori della difesa, di Finmeccanica e di quant’altro fanno il cavolo che vogliono. E la cosiddetta informazione nemmeno osa chiedere, così come del resto non osa far notare che il tragico disastro europeo per quanto riguarda i profughi – stigmatizzato da molti esponenti governativi – arriva dopo l’acclamato  semestre di guida italiana che doveva aprire l’età dell’oro e che ha fallito totalmente anche in questo.