Annunci

Archivi tag: terrorismo

La guardia e il ladro

Macron-e-Benalla-nel-maggio-2017-quando-il-sig_-Benalla-era-a-capo-della-sicurezza-del-candidato_0Dopo tanto attivismo militare e mediatico destinato a deviare in qualche modo il malcontento sociale suscitato dalla loi travail e dalle sue applicazioni, Macron è scivolato su una buccia di banana così insidiosa da coinvolgere la presidenza in tutte le sue dimensioni, compresa quella personale. Lo scandalo Benalla sta facendo calare in modo impressionante la già scarsa popolarità di Macron che a stento già prima superava il 30% e che contrasta in modo stridente con le lodi sperticate dell’oligarchia europea che ne esalta i tagli ai servizi e alle pensioni, la rigidità imposta agli orari di lavoro e lo scasso dei diritti. Ma chi è Alexandre Benalla? E’ la guardia del corpo tunisina che Macron si porta sempre dietro e che ha tentato in tutti i modi di confermare nelle sue funzioni anche dopo il corteo del primo maggio, quando il gorilla presidenziale è stato filmato mentre,”travestito” da poliziotto si accaniva col manganello sulla testa di due manifestanti stesi sull’asfalto.

Il fatto che Macron non abbia ritenuto opportuno allontanare subito questo personaggio nonostante lo scalpore e l’indignazione suscitati dall’episodio, anzi la sua ferma volontà di tenerlo a tutti i costi, è stata la prima di linea di frattura politica, allargata dal fatto che Benalla era destinato a  diventare il capo di un nuovo dispositivo di sicurezza dell’Eliseo, dal silenzio totale del presidente sull’episodio incriminato, dalla stratosferica paga del personaggio che supera i 10 mila euro al mese su specifica disposizione macroniana, dalla lussuosa berlina con autista concessagli, dall’appartamento prestigioso messogli a disposizione, dalle tessere per entrare nelle aule parlamentari e dalle password per accedere a documentazioni riservate. Tutto questo per un personaggio conosciuto per la sua violenza al ministero dell’Interno.

Al quadro già pesante per il quale si preparano accese sedute in Parlamento, si è sommato  negli ultimi giorni un inquietante livello istituzionale quando sono giunte le notizie provenienti dall’Algeria, anzi dall’organo ufficioso del governo algerino, il quotidiano Algerie Patriotique, secondo le quali la guardia del corpo apparterebbe ai servizi segreti marocchini che sarebbero riusciti ad infiltrarsi ai più alti livelli del potere francese grazie a questo aitante giovanotto. Solo dopo tale ulteriore batosta e dopo il definitivo riconoscimento di Benalla nei video del pestaggio, Macron si è mosso e a quasi tre mesi di distanza dai fatti ha detto che l’episodio “è inaccettabile”. Nel frattempo però si è saputo che Benalla, abita nell’appartamento riservato ai bei tempi all’amante di Mitterrand, una circostanza quanto mai strana che ha definitivamente aggiunto un terzo livello e una nuova dimensione personale alla vicenda.

Naturalmente  quello che fa o non fa Macron nell’intimità sono fatti suoi, ciò che impressiona semmai è il complicato e barocco meccanismo messo in piedi per nascondere ciò che a un perbenismo feroce e cinico sembra sconveniente. Tanto più che non si tratta di un architettura episodica o solo a scopo elettorale, ma dura fin dall’adolescenza: se Freud fosse vivo il presidente francese sarebbe una pepita d’oro per la sua teoria psicanalitica estesa peraltro a una società che fa dell’apparenza la sua sostanza. In ogni modo e al di fuori di qualsiasi sfumatura di grigio, c’è da chiedersi con quale criterio Macron scelga le sue guardie del corpo, visto che il precedente favorito che lo ha accompagnato in ogni minuto della campagna elettorale, un gigante congolese alto più di due metri, soprannominato Makao, è stato beccato in un video nel quale lo si vede accompagnarsi a Jawad Bendaoud, mentore dei terroristi della strage di Parigi del novembre 2015. Ce n’è in abbondanza per il più aggrovigliato e forse anche divertente romanzo di fantapolitica o di politica tout court, ma ce n’è anche per suggellare il definitivo tramonto di questo golden boy delle oligarchie finanziarie che è riuscito in poco più di un anno a coniugare la protesta sociale susciatata dalle sue riforme con le dense ombre che si allungano sulla sua personalità. Poco male si troverà qualcun altro per reinterpretare il peggio.

Annunci

Campagna elettorale: la Mafia non esiste

treAnna Lombroso per il Simplicissimus

C’è un tema estromesso dalla campagna elettorale, che non rientra nemmeno nella paccottiglia della propaganda bi partisan sulla sicurezza, limitata ormai al contrasto di ben altre impellenze: criminalità straniera, nella quale ormai si annovera anche il femminicidio, diventato esclusiva di fedi e tradizioni oscure, irrispettose della donna  e dei diritti quindi incompatibili con la nostra civiltà superiore. E alla lotta al terrorismo, anche quello di origine forestiera, salvo certe eccezioni (No Tav e no Triv), poiché  non ne farebbero parte  formazioni violente e eversive e pure assassini o aspiranti tali mossi da motivi ideologici e dottrine finora guardate con l’indulgenza riservata a patetiche nostalgia,    in quanto le loro azioni non sono fanno parte di strategie strutturate ancorché  premeditate.

Quelli incaricati di occuparsi del contrasto alle mafie che non godono di altrettanta visibilità nella stampa e ancor meno nelle manifestazioni elettorali, come la Dia, voluta e istituita da Falcone, quando le cupole e Cosa Nostra e le Famiglie   venivano viste come un pericolo e non come un fenomeno sociologico, spunto ideale per serie televisive, sono retrocessi a centri studi i cui rapporti periodici e le cui diagnosi finiscono tra le brevi in cronaca locale, con minore autorità dei dati farlocchi dell’Istat o dei prodotti dei sondaggisti di regime.

È caduto un pudico e compito silenzio anche su Mafia Capitale, indicata dai giornali con la denominazione frutto della creatività dei suoi attori principali: Mondo di mezzo, (ne scrivemmo con amara preveggenza qui: https://ilsimplicissimus2.com/2015/11/07/roma-ancora-tutti-a-dire-che-la-mafia-non-esiste/ ), a ribadire che le tesi di un magistrato coraggioso che aveva scoperchiato il vaso dei veleni che hanno contaminato tutta la capitale, altro non erano che un teorema azzardato. Come se non debba essere denominato mafioso qualsiasi sistema che intride e inquina la società e la condiziona attraverso la violenza, l’intimidazione, il ricatto, l’estorsione, la corruzione, il familismo e il clientelismo, come se non fosse “mafioso” il modello introdotto, a Venezia e non solo, grazie a una legge dello stato in modo che opere e interventi siano solo opportunità e occasione per ruberie e profitti in favore di soliti noti, cordate spregiudicate i cui manager entrano e escono da inchieste giudiziarie e da galere e sempre beneficati da sorprendenti patteggiamenti, non inaspettate lungaggini processuali e restituiti a prestigiosi incarichi.

Eppure basterebbe grattare un po’ sotto la superficie, leggerli quei rapporti della Dia e si scoprirebbe che le Marche colpite dal terremoto sono diventate la geografia scelta per le scorrerie e le rapine delle mafie, come ha denunciato il procuratore generale   mettendo in guardia sul salto di qualità della criminalità organizzata, interessata ai fondi per la ricostruzione post sisma. Si apprenderebbe   che la cupola nigeriana che occupa quei territori si è assicurata sì il brand della tratta delle schiave e della droga, ma su incarico e in stretto collegamento con camorra e ‘ndrangheta,  che usano gli africani come esercito e manovalanza. E a loro sarebbe stato affidato anche il business del gioco d’azzardo e dello spaccio nelle regioni confinanti e a Roma.

Si scoprirebbe – ne è stato dato conto in più audizioni e report trasmessi alla Camera, che resta alto l’allarme per le infiltrazioni mafiose negli istituti creditizi e nella banche,  sofferenti (un crack simbolico anche se poco pubblicizzato è proprio quello di Banca Marche) o in relativa buona salute, in modo da rendere più agevoli passaggi e pulizia di soldi sporchi, anche in vista della non recente riduzione dell’impegno per la rintracciabilità delle transazioni opache.

E si avrebbe conoscenza della vera entità, del volume economico e delle modalità adottate dal protagonismo delle cosche nel settore dell’accoglienza, delle collaborazioni fertili con onlus poco compassionevoli e delle feconde jont venture con cooperative poco solidali.

Chi si stupisce per l’eclissi del tema rimosso perfino dal più reclamizzato degli ex capi della Dia prestato alla politica e pure da icone parentali al Colle, pecca di ingenuità.

Non si sciorinano panni sporchi in odor di impresentabilità e impunità, quando gli interessi coincidono e sono tutelati da manovali adibiti alla riscossione e da cravattari professionisti con armi differenti, ma pari capacità di intimidazione, da manager addetti alla somministrazione in tutte le altitudini di mazzette o – la notizia è di oggi – del depistaggio nell’ambito di indagini fianzniarie. E da studi legali al servizio di multinazionali esplicitamente criminali o sedicentemente legali che producono leggi ad personam, misure e provvedimenti e perfino codici che esonerano da responsabilità e autorizzano evasori, corrotti, riciclatori.

Sulle nostre teste reclinate c’è  un impero   che ha i tratti di  una cupola mondiale che ci comanda e delle sue declinazioni  nazionali, fatta di grandi patrimoni, di alti dirigenti del sistema finanziario, di politici che intrecciano patti opachi con i proprietari terrieri dei paesi emergenti, di tycoon dell’informazione, insomma di quella classe capitalistica transnazionale che  conserva la sua  egemonia grazie all’entità numerica e al patrimonio controllato,  che rappresenta   decine di trilioni di dollari e di euro   l’80% dei quali è costituita dai nostri risparmi dei lavoratori,    gestiti a totale discrezione dai dirigenti dei vari fondi, dalle compagnie di assicurazioni o altri organismi affini. E servita da  quelli che qualcuno ha chiamato i capitalisti per procura, poteri forti per la facoltà che hanno di decidere le strategie di investimento, i piani di sviluppo, le linee di produzione anche di quel che resta dell’economia reale, secondo i comandi di una cerchia ristretta e rapace, banche, imprese, investitori e speculatori più o meno istituzionali sotto il cntrollo di agenzie di rating e controllati incaricati di controllare.

Se valgono le definizioni di  mafia date da dizionari e enciclopedie:  “Sistema di potere” fondato sul consenso sociale   della popolazione e sul  controllo che ne consegue; ciò evidenzia come la sua principale garanzia di esistenza non stia tanto nei proventi delle attività illegali, quanto nel consenso della popolazione e nelle collaborazioni con funzionari pubblici, istituzioni dello Stato e politici  e soprattutto nel supporto sociale. Oppure: “Associazione coi fini di illecito arricchimento per i propri associati, che si impone come intermediazione parassitaria, e imposta con mezzi di violenza, tra la proprietà e il lavoro, tra la produzione e il consumo, tra il cittadino e il proprio Stato”,  se facciamo come le tre scimmiette, allora non siamo vittime, siamo omertosi, complici e corrotti, sia pure dalla paura.

 

 

 

 


Terrorismo e agenti provocatori

nintchdbpict0002900549121In altri tempi avrei detto “come volevasi dimostrare”,  formula ancora applicata ai tempi delle mie elementari durante le ore di aritmetica, se non fosse che in questo caso dovrebbe essere applicata ai conti che non tornano della narrazione occidentale. Il sospetto più volte espresso in questo blog che le azioni terroristiche compiute in Europa,  potessero anche avere una sponda in un sottofondo opaco, in un intrico inestricabile di fanatismi ciechi , disperazione, isolamento, delinquenza comune, radicalizzazione e servizi segreti o parte di essi ancora più segreti e sfuggenti, oggi trova finalmente un qualche margine di riscontro. Non che le tempistiche spesso a ridosso di appuntamenti elettorali o referendari, le bizzarre dinamiche pressoché fotocopiate con documenti lasciati i bella vista e uccisione finale quanto disutile degli attentatori, il tortuoso sentiero delle armi che qualche volta porta a gente legata ai servizi, il fatto stesso che si tratta quasi sempre di personaggi  ufficialmente “sorvegliati” ma in realtà liberi di andare e venire a loro piacimento, non instillassero forti perplessità sulle tesi ufficiali.

E tuttavia si aveva sempre l’impressione di fare un passo troppo lungo rispetto alla realtà percepita ovvero quella riferita a piene mani e passivamente dai media. Oggi però qualcosa è cambiato: da un’inchiesta giornalistica del Berliner Morgenpost e di Radio Berlin Brandenburg è saltato fuori che il famoso attentato al mercatino di Natale in cui hanno perso la vita 12 persone, fosse stato ordito in prima persona non dal tunisino Anis Amri, autista del camion della morte poi ucciso in Italia grazie a una sorprendente casualità, ma fosse stato in qualche modo stimolato e suggerito da una “persona di fiducia” del Kriminal Amt del NordRhein – Westfalen, chiamato in codice VP-01 ossia Vertrauer person ( persona di fiducia) numero 01.

Secondo l’inchiesta delle due testate giornalistiche questo signore nel 2016 avrebbe frequentato per mesi i cosiddetti ambienti radicalizzati nell’area che va tra Dortmund a Dusseldorf,  ufficialmente per infiltrarsi nei gruppi islamici con il nome di Murat, ma nei fatti alla ricerca di qualcuno disponibile ad atti di terrorismo. Anzi come un viaggiatore di commercio che si porta dietro il campionario, avrebbe offerto a quelli che contattava anche diverse tipologie di attacco, compresa quella del camion lanciato sulla folla e dispensando consigli su come mimetizzarsi meglio, per esempio tagliandosi la barba. Come premio per l’azione il neo terrorista sarebbe stato aiutato ad andare in Siria per combattere a fianco dell’Isis, cosa che tra l’altro spiegherebbe la fuga a sud di Amri e il suo essere beccato invece al fuori dei confini tedeschi. Ad avallare questa dinamica ci sono diversi testimoni implicati nella vicenda tra cui uno sentito più volte dalla polizia, un altro intervistato direttamente da Radio Berlino e da molti altri che parlano per tramite dei loro avvocati difensori: a tutti costoro, frequentatori del gruppo islamista Abu Walaa il reclutatore dell’Isis che fu arrestato a novembre 2016, il misterioso personaggio di fiducia avrebbe suggerito un attacco terroristico dicendo, “parliamo più di kalashnikov e meno di preghiere”, oppure “uccidiamo questi miscredenti”. A sostegno di questa tesi c’è da considerare che la posizione  di questi testimoni, tutti sotto inchiesta si aggrava a seguito di queste rivelazioni e ci sono naturalmente anche le tonnellate di sms di VP-01 a tutti gli implicati e ad Amri in particolare. Ma anche stranissime cose, come ad esempio gli inviti a colpire inviati al tunisino, tre mesi dopo la sua morte, da un informatore spagnolo presente in Sudan.

Qui entriamo in un campo dove l’ambiguità  è così spessa che si può tagliare con il coltello e deve pure essere bello affilato: gli uomini come VP-01 dovevano semplicemente infiltrarsi e riferire su possibili piani di attacco o dovevano fare gli agenti provocatori suggerendoli essi stessi, nonostante il pericolo che questo comportava? Il personaggio specifico di cui parliamo ha agito in proprio molto al di là dell’incarico affidatogli o ha invece secondato degli ordini ufficiali o dei suggerimenti per così dire privati di qualche responsabile? La polizia è in grandissimo imbarazzo e ammette errori ed omisioni, ma naturalmente una risposta chiara e documentata non la si avrà mai, a meno che non si scopra qualche carta secretata o qual che imbarazzante rapporto, ma di sicuro almeno il dado è stato tratto perché da oggi i dubbi e le perplessità di fronte alle versioni ufficiali non potranno più essere considerati come puro e deteriore complottismo, ma come volontà di comprendere a pieno le cose e gli arcana imperii.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: