Archivi tag: terrorismo

Londra, la Borsa e le vite

attentato-a-londra-suv-travolge-turisti-morto-attentatore-videoFin da bambino non sono mai riuscito a farmi piacere l’arte della retorica e sono a rischio di choc anafilattico quando a questa si aggiunge la demagogia, l’enfasi, l’asimmetria fra realtà e discorso. Ma purtroppo è a questo cio a cui siamo ormai abituati e dunque abbiamo dovuto assistere a un’intero pomeriggio a reti mondiali unificate nel quale la democrazia (sic) e i destini dell’intero occidente sembravano essere in balia di un suv, cosa certamente ridicola per qualche verso, specie a sentire le voci drammatiche e affettate insieme degli speaker, ma per qualche altro penosa esprimendo tutta la cattiva coscienza occidentale e un senso di colpa che si attacca a qualsiasi cosa pur di scaricarsi. Ancora non sappiamo se il conducente dell’auto che ha tentato in maniera diciamo così non professionale di assaltare il Parlamento inglese, fosse da solo, se fosse un esaltato, un pazzo, un predicatore anglicano, un messaggero di morte dell’Isis o qualche lupo solitario jiahdista spinto ad agire non si sa in base a che cosa o a quale suggerimento. Forse non lo sapremo mai visto che come in tutti  gli altri eventi è stato ucciso prima che parlasse, ma questo importa poco, perché attraverso questi gesti simbolizzati di frantumano i dubbi e le domande.

Dunque è inutile costruire teoremi e contro teoremi basandosi su alcune coincidenze, per esempio sul fatto che l’attentato arriva a una settimana dall’inizio ufficiale delle pratiche della brexit, oppure che cada nell’anniversario della strage di Bruxelles. Né si può dedurre nulla dal fatto che nel cuore della Londra politica, ieri in seduta plenaria, vi siano misure di sicurezza così scarse che un’auto può percorrere indisturbata Westminster bridge a velocità folle e schiantarsi sui cancelli del Parlamento senza che nessuno muova un dito, cosa quanto meno singolare visto che è sulla sicurezza che si basa tutta la strategia della paura. Però nel mondo liquido nel quale viviamo tutti i riferimenti sono mobili come quinte, tasselli di un lego infinito che può essere costruito e ricostruito a volontà, tanto che alla fine la notizia è fondamentale e la verità un opzional, l’emotività sviluppata dagli eventi il capitale da mettere a frutto per ottenerne un profitto. Questo non è un mondo per le idee.

Un processo di disgregazione arrivato a tal punto che mentre infuriavano le prefiche della paura, della guerra di civiltà, dell’europeismo e appunto della democrazia, in un miscuglio Borsa Londrache non è più dibattito, ma potpourri di frasi fatte che non odorano precisamente di lavanda, il  mercato azionario di Londra viveva un’imprevista impennata dopo una giornata incerta e cominciata con un ribasso, come si vede dal grafico qui a fianco. D’accordo che le borse hanno contatti sempre più labili con la realtà concreta, ma quando un attentato diventa un affare e un’occasione di speculazione, vuol dire che qualcosa si è rotto, che viviamo dentro una finzione. O forse in una deformazione così evidente che finisce per alludere alla verità sottostante: se si arriva a proclamare una strenua battaglia per la sopravvivenza della democrazia per il pazzo del suv, che adesso in mancanza di informazioni precise viene dichiarato d’ufficio come “ispirato dal terrorismo internazionale”, significa che la democrazia è davvero in coma, aggredita non dal terrorismo o presunto tale delle schegge impazzite che provengono dalle stragi occidentali in Medio Oriente, ma dalle ispirazioni di chi gioca in borsa contro di essa.  Tutti i santi giorni.

Advertisements

Ex Jugoslavia: chi rompe paga

isisbalcani8Se dovessimo definire la contemporaneità potremmo chiamarla era dell’ipocrisia: essa è talmente diffusa e consustanziale alla narrazione pubblica  da non essere più nemmeno percepita, da violare qualsiasi recinto di realtà fattuale, da sfregiare ogni idea di diritto e di giustizia e da sostituirsi anche moralmente alla verità per cui il mentitore non sa di esserlo e qualora ne abbia consapevolezza non ha sensi di colpa. Gli esempi costituiscono ormai un catalogo immenso che si arricchisce ogni giorno: per esempio – e mi riferisco a due giorni fa – su quali criteri di diritto internazionale o di semplice buona fede si basano gli Usa quando minacciano di bombardamenti la Corea del Nord per la messa a punto di missili a raggio più vasto?  Eppure non ho letto o sentito nemmeno una parola che facesse notare la totale assurdità dei diktat americani al di fuori della logica brutale della forza. Oppure come si fa a definire “moderata” l’Arabia Saudita che è uno dei principali finanziatori del terrorismo, spesso come mediatore e che peraltro è lo stato più lontano da ogni concezione democratica da avere il Corano come costituzione? Come si fanno ad ignorare totalmente le stragi di Mosul dopo aver organizzato una piccola Hollywood del massacro e del famoso “ultimo ospedale” bombardato ad Aleppo quando la città è stata riconquistata dai siriani? O come fa Israele a minacciare la Siria di ritorsioni per aver risposto alle quotidiane violazioni del suo spazio aereo?

La confusione è così grande sotto il cielo che non ce ne si accorge nemmeno più, segno che l’armageddon occidentale si avvicina a grandi a passi: qualcosa di cui faranno  le spese per primi quelli che si adeguano alla logica della forza brutale senza averla. Per esempio da noi politici di bassa lega e commentatori di giro continuano a campare sull’allarme terrorismo che sarebbe portato dai barconi, probabilmente per trovare una formula che riesca a confondere un problema umanitario che non si è in grado di affrontare, con uno di sicurezza, ancor più vicino ai confini cresce il terrorismo vero. Però non conviene dirlo perché una rappresentazione realistica della ex Jugoslavia mostrerebbe senza possibilità di dubbio la totale insensatezza della guerra balcanica, la brutalità Usa e la intollerabile oltre che autopunitiva sottomissione europea ai piani americani. Dunque si fa finta che principalmente in Bosnia, ma anche in Macedonia e Kosovo non crescano come funghi le comunità wahabite e salafite, estremamente radicalizzate e fornitrici di “foreign fighters” ovvero combattenti stranieri per la Siria e l’Iraq, tutta gente che adesso è tornata e  si prepara a nuove avventure.

I semi di tutto questo sono stati posti dall’occidente perché fosse più facile la disgregazione della Jugoslavia, arrivando addirittura ad importare 11 mila mujaheddin, ma successivamente  essi sono stati facilmente coltivati  dall’Arabia Saudita e da altri Paesi del Golfo, attraverso Ong che hanno facile gioco ad infiltrarsi e a operare in un territorio completamente devastato, in una terra di nessuno etica, dove corruzione, assenza di servizi, disoccupazione, sanità al lumicino, criminalità rampante, rendono facile fornire alle fasce di popolazione più disperata un aiuto, un’istruzione, persino riferimenti morali cancellati dalla guerra.  La radicalizzazione di questi naufraghi delle guerre occidentali è  quasi naturale, tanto che in alcune aree della Bosnia e del Kosovo hanno ormai controllo del territorio, mentre la svanita retorica europea nasconde tutto questo sotto tappetini talmente lisi da essere indecenti:  prendere atto della situazione del resto è un tutt’uno con l’ammettere il gigantesco e disumano errore di aver voluto a tutti i costi distruggere la Jugoslavia, sostituendo un entità multiculturale funzionante con spezzoni senza futuro e di fatto in territori di occupazione la cui unica visibile tendenza è quella di frazionarsi si ancora di più. Del resto non si può certo porre rimedio a tutto questo con operazioni di polizia, occorrerebbe ribaltare da cima a fondo lo sciagurato modello imposto oltre che trovare miliardi a valanga.

Di certo l’Arabia Saudita sta creando nel cuore dell’Europa una nuova e gigantesca area di instabilità, di cui il continente e soprattutto i Paesi circonvicini come l’Italia, faranno ben presto le spese. Ma che sapete che vi dico? Chi rompe paga e i cocci, specie se taglienti, sono i suoi.

 


Palliwood o della dissonanza cognitiva

abu-ghraib-header1In psicologia viene chiamata dissonanza cognitiva e consiste nella presenza contemporanea di pulsioni, credenze ed eventi in contrasto fra loro che la persona cerca di conciliare in qualche modo. Normalmente  una realtà fattuale che mette in crisi l’universo di credenze personali o collettive dovrebbe portare a una revisione di queste ultime, ma spesso non è così, anzi ciò avviene raramente. Persino nella scienza e nel pensiero è un atteggiamento raro e solo quando proprio non è possibile sostenere in nessun  modo la coerenza fra idee e realtà si ha un cambiamento di paradigma. L’atteggiamento più frequente è quello di cercare attraverso interpretazioni magari contorte, memoria selettiva, adeguamento a menzogne evidenti di adeguare la realtà a ciò che si desidera.

Naturalmente se le differenze diventano troppo grandi o si arriva a cambiare le proprie convinzioni oppure il tutto sfocia in uno stato patologico nel quale la “difesa” ad oltranza dalla realtà porta a subire passivamente ogni narrazione anche la più improbabile, la meno consistente o la più ripetitiva, non rendendosi conto che essa è contraria ai propri interessi. E’ del tutto evidente ed empiricamente dimostrato  -faccio solo un esempio – che i tagli di bilancio portano a una depressione dell’economia e dunque a un aumento del debito, ma nonostante questo da un decennio ormai vediamo questa logica perversa squadernarsi come dottrina dell’austerità ovvero ossessione del debito con risultati catastrofici. Ora la domanda è se l’insieme di chi la propone e la impone soffra della medesima dissonanza cognitiva che porta le vittime ad accettarla evitando così di mettere in discussione le proprie credenze generali, oppure sia assolutamente coerente con obiettivi del tutto diversi che vengono tenuti nascosti, ancorché facilmente deducibili. La stessa cosa si potrebbe dire di mille altre cose, dall’euro fino alla ricerca degli esopianeti o alle stravaganti dottrine che sostengono ogni tipo di “alternativismo” consumistico, sostenuto con mano ferma e visibile da quei poteri che  sanno come tutto questo coacervo di religiosità deviante, mitizzazioni e mezze verità serve ad esorcizzare e a depotenziare la richiesta di cambiamenti sociali.

Tutto questo sarebbe tuttavia impossibile se il potere e i poteri tra loro legati non disponessero di tutta o quasi la comunicazione orientata a definire una realtà inesistente che in qualche modo attenui le dissonanze cognitive dell’era contemporanea. Faccio un esempio geograficamente lontano, ma psicologicamente vicino visto che viviamo pur sempre dentro i ricatti della paura: in Israele la quasi totalità della popolazione crede che esista Palliwood, ossia una sorta di Hollywood palestinese che attraverso migliaia di operatori con telecamera è sempre pronta pronta a documentare con false immagini e narrazioni devianti le violenze dei militari israeliani con la conseguenza di creare a propria volta un circuito questa volta reale e ben finanziato, in cui si cerca spesso in maniera del tutto surrettizia di dimostrare l’inconsistenza delle denunce ancorché evidenti. La cosa a mille chilometri di distanza suona assurda, ma in Israele è diventato normale perché è in gioco la posibilità di conciliare la propria visione delle cose con le violenze che effettivamente avvengono e che in qualche caso sono state filmate. Si tratta di un livello basico di  decostruzione narrativa del conflitto a fini di buona coscienza: quando non è possibile creare leggende di questo tipo si ricorre a strategie più sottili, come è accaduto dopo l’11 settembre dove la riproposizione anestetizzante del crollo delle Twin Towers, condotto quotidianamente per mesi interi, ha di fatto cancellato tutti quegli appigli che consentivano una visione critica degli eventi. Spesso l’iperrealismo accompagna l’irrealtà e favorisce la sua copertura narrativa, tanto che solo a distanza di 15 anni è stato possibile avanzare qualche dubbio sulla dinamica degli eventi e sul loro retroterra, senza perciò stesso essere accusati di fiancheggiamento del terrorismo.

Allo stesso modo la diffusione assillante delle foto delle torture ad Abu Ghraib ha avuto un effetto del tutto contrario a quello che si sarebbe potuti attendere da reazioni coerenti: le foto dei prigionieri, sempre coperti da cappucci per spersonalizzarli, hanno finito per immunizzare, dopo il primo scandalo iniziale, alla violenza estrema le opinioni pubbliche occidentali e in particolare di quelle anglosassoni direttamente implicate. Pur di non rinunciare al proprio immaginario di superiorità e di dominio hanno finito per considerare quelle immagini come umiliazione del nemico e sotto forma di neutrale “pathos figurativo”, aiutate in questo dal fatto che erano state studiate nei minimi particolari proprio a questi scopo: di significare il potere e allo stesso tempo evitare che lo scandalo  mettesse in crisi il paradigma americano con pochi danni collaterali, qualcosa che non sarebbe stata possibile se ciò che accadeva in Iraq fosse stato conosciuto attraverso una documentazione non “registica”.

Del resto la cosiddetta guerra al terrore è interamente costruita su queste suggestioni che costituiscono una sorta di supermenzogna che serve a proteggere un campo minato di bugie, parecchie delle quali alla fine vengono alla luce. Ma si ha una profonda fiducia che le tre generazioni nate sotto il segno dell’acquario preferiranno credere alle favole piuttosto che dubitare.

Piccola bibliografia:

William J. T. Mitchell Cloning Terror. La guerra delle immagini dall’11 settembre a oggi

Clément Chéroux Diplopia. L’immagine fotografica nell’èra dei media globalizzati: saggio sull’11 settembre 2011

Eishton Pallywood : The dark matter of the Zionist universe


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: