Archivi tag: Opposizione

Il Paese normale

879C6431-1851-4FAC-8478-893446EE4431-720x540Qualche anno fa, quando ancora c’era Berlusconi e la sinistra era già un fantasma così pigro da non riuscire a battere un colpo, la massima aspirazionedi progresso e civiltà era vivere in un Paese “normale”. In realtà non è mai stato chiaro a cosa facesse riferimento quella parola, a quale normalità si appellasse, se a quella costituzionale o a quella dei dettami formali del neo liberismo globalista. Molto meglio sarebbe stato chiedere un Paese senza ambiguità di cui quella stessa battaglia senza molta sostanza politica e sociale faceva pienamente parte: ma sarebbe davvero stato troppo, tanto che ancora adesso non siamo un Paese normale, anzi meno normale che mai visto che alle anomalie di allora se ne sono aggiunte di nuove e siamo praticamente l’unico Paese del continente e del mondo dove non esiste un opposizione di qualunque tipo al sistema e/o alle sue diverse incarnazioni. Anzi è straordinario che mentre opposizioni di questo tipo sono cresciute dovunque in questi anni, si pensi soltanto ai gilet gialli e alla Brexit, da noi queste posizioni si sono via via polverizzate portando come conseguenza un diffuso malessere, ma non una forza significativa in grado di esprimerlo sul piano delle idee e abbiamo di fatto un unico partitone il cui unico pensiero è quello di simulare una dialettica politica ormai inesistente.

Salvini fa da capitan Fracassa, ma nella sostanza non perde occasione per ribadire la sua sudditanza e per giunta fa molta fatica a comprendere la vera dinamica degli eventi: tanto che si è prostrato di fronte a Trump per l’azione terroristica contro Soleimani, non riuscendo ad afferrare e nemmeno a sospettare che magari la Casa bianca non era precisamente contenta di un atto che mette in grave difficoltà la presidenza in vista delle elezioni. Eppure costui che non riuscirebbe a fare la sua porca figura nemmeno al bar del Giambellino è il nuovo fenomeno politico italiano. Non parliamo poi di tutti gli altri, gli ultimi seguaci della mummia di Arcore, i piddin renziani incapaci esprimere un’idea nemmeno sotto tortura, i leucemici e i Cinque stelle che sono riusciti a rinnegare se stessi  senza nemmeno aspettare il canto del gallo. Vabbè che i poteri forti cercano in ogni modo di normalizzare il Paese, di impedire che si approntino delle difese nella consapevolezza che lo Stivale è la prossima vittima designata delle rapine alla greca, ma che in milioni si facciano così facilmente normalizzare facendo un tifo da stadio senza accorgersi che la squadra in campo è sempre la stessa,  è segno che il sistema politico è in qualche modo figlio della paura e dei vizi più incalliti del Paese che fanno sinergia.

Così siamo immersi nel mediterraneo, ma non contiamo pressoché più nulla nel mare nostrum e ci facciamo prendere a pesci in faccia persino dalla Turchia, non siano in grado di dire di no a qualsiasi stratagemma  e macchinazione euroberlinese per buttarci ai margini e magari soffiarci i risparmi per pagare i debiti di chi si finge virtuoso, città e infrastruture cadono letteralmente a pezzi mentre nemmeno si riesce a rimediare ai terremoti e i soldi svaniscono dentro un maelstrom d retorica,  abbiamo abbandonato qualsiasi idea di solidarietà che non sia quella patinata e ipocrita dei salotti buoni che non sono mai solidali col popolo, ci riempiamo senza fiatare di basi militari e di armi atomiche che servono soltanto a renderci le vittime designate dei primi cinque minuti di guerra secondo la strategia del “primo colpo” che tuttavia la tecnologia militare ha reso impossibile e che oggi mira soltanto a saturare sull’Europa e non sugli Usa il potenziale avversario. Persino le piazze le piazze, deserte alla ragione, si riempiono di branchi e di banchi ittici, di tavvini e bambocci al soldo del sistema economico: che magari non lo sappiano o non se ne accorgano non è una scusante, ma un aggravante. Insomma si vive alla giornata dentro una disgregazione sociale che pare inarrestabile e che si va man mano trasformando in una disgregazione del Paese stesso.

 


Niente di nuovo sul fronte occidentale

odAnna Lombroso per il Simplicissimus

Va a sapere se si tratti di sindrome di Stoccolma. Va a sapere se invece non ricordi l’atteggiamento non dissimile di quelle donne ripetutamente menate dal consorte, fidanzato, compagno, che, ancora coi segni delle busse non si risolvono a sciogliere quel vincolo avvelenato e non per motivi economico, ma per una malintesa affezione, per l’aspirazione a redimere e salvare il reprobo, per fedeltà a tradizioni patriarcali.

Comunque le aspettative riposte in quello che il Corriere a forma Cazzullo definisce “il principale partito di opposizione  uscito dal limbo in cui si era rinchiuso da oltre due anni, dal 4 dicembre 2016; ed è una buona notizia, non tanto per il partito quanto per il Paese e tutto sommato anche per il governo; perché in democrazia c’è bisogno di un’opposizione”, rientrano a pieno titolo nell’ambito delle patologie o, per dirla con Spinoza, delle passioni tristi,  secondo il quale la sua non era più  l’epoca dell’entusiasmo per i “segni prognostici” dell’avvenire ma quella del ripiegamento e dell’implosione delle aspettative. E ai giorni nostri quella dell’accontentarsi dei MenoPeggio,  di una politica “estetica”, siliconata grazie a iniezioni e artifici di umanitarismo che si guarda bene dal mettere in discussione il capitalismo nella sua declinazione più assatanata di sfruttamento e profitto, la più avida  e  disinibita, capace di ridurre l’etica in utilitarismo e la ricerca di ciò che è giusto in edonismo.

C’è da chiedersi  che cosa gli elettori, i simpatizzanti, tali in quanto antipatizzanti di tutto quello che si muove al di fuori del paesaggio dei gazebi, gli opinionisti (cito ancora: il compito del nuovo segretario è costruire un dialogo con la società, in particolare con forze civiche, cattoliche, sindacali, di volontariato: primo passo verso nuove alleanza con liberali, europeisti, moderati), si aspettino dall’elefantino morente, ridotto ai numeri del Psi dopo la scissione di Palazzo Barberini ma molto meno influente, spodestato anche a livello locale, grazie alla rinuncia al suo tessuto tradizionale di circoli e sezioni, incapace di ristabilire un dialogo con il suo popolo tradito, per via di una politica di governo che ha ridotto gli spazi dei corpi intermedi, rappresentanze, sindacati, associazioni sul territorio, indicati dal reuccio irriducibile come molesti  comitati e  comitatini, da coagulare intorno a sigle uniche, sindacali, partitiche, informative.

Io un merito lo riconosco a queste primarie e al vincitore, quello di sgombrare in maniera definitiva il campo dagli equivoci che piacciono tanto al verminaio sul corpicino morente ma anche alla fazione contraria quella che ha abiurato al credo che voleva obsolete le categorie di destra e sinistra, preferendone la più comoda sussistenza con la speranza di poter occupare da solo  quel confortevole centro, vuoto di idee e principi e vantaggioso perché permette di dire e disdire, fare e probabilmente malaffare.

Beh adesso ancora di più ci vorrà una bella faccia di tolla per dire che il Partito Debole è di centro sinistra, adesso sfido chi mi commenta attribuendomi un’appartenenza comune con   i progressisti che hanno da almeno due decenni scelto di mettersi al servizio dell’ideologi e del costume neoliberista, spacciando per riforme le marce trionfali che hanno accompagnato la dissoluzione dello stato sociale, lo smantellamento dell’edificio di diritti e conquiste del lavoro, la condanna al lavoro minorile di Poletti e alla fatica vegliarda della Fornero,  e poi la tutela del decoro in cambio della sicurezza, della “cooperazione” in Africa con despoti sanguinari al posto dei corridoi umanitari, le Grandi Opere invece della salvaguardia del territorio, l’inerzia per evitare la possibile corruzione e la corruzione  sbrigliata come sistema di governo e delle leggi per favorire l’egemonia privata e finanziaria, esemplarmente simboleggiata tanto per dirne una dalle ultime rilevazioni sull’emergenza sanitaria a Taranto, che ha persuaso il “people” del quartiere Tamburi – assente dalla manifestazione di Milano, a mettere le catene  ai cancelli dell’Ilva. E convinto gli operai di Pomigliano   a indire uno sciopero a cui hanno aderito quasi tutti gli operai dello stampaggio per l’aumento dei turni senza il pagamento degli straordinari, in modo da non riprendere i cassintegrati, spremendo chi  sta alla catena.

Sempre i giornaloni raccontano di un fitto dialogo costruttivo del neo segretario con Chiamparino. E figuriamoci se non si presentava l’occasione per ribadire la priorità del tema Tav, diventato la battaglia per la democrazia, così guai a chi non ci sta, a chi vuole fermare il progresso ed escluderci dal consesso dei grandi insieme al napoleoncino piccolo piccolo che fa il furbo invitandoci a prenderci noi la patacca che lui non vuole più, in modo da alleviare i sonni dei francesi disturbati dei continui passaggi di auto e tir. Figuriamoci se non si approfitta della gradita opportunità di fare di Torino grazie alla Tav la nuova capitale del lavoro facendo capitolare la sindaca invisibile e il suo partito discontinuo quanto ricattato, puntando sui cantieri a termine, sul cottimo precarizzato, sui caporali dell’edilizia nel posto dove si è consumata l’infame liturgia della svendita di una industria che aveva fatto man bassa di aiuti, assistenzialismo, prebende e regalie, scappata col malloppo abbandonando i suoi lavoratori a miseria e dileggio, mentre l’azionariato esangue e inabile si gode dividendi e i frutti dei fondi che ha creato per sfruttare due volte i dipendenti.

Figuriamoci se non viene bene che la Torino del Lingotto  sia teatro del dialogo sulle nuove priorità, dopo che là con la fondazione del morto partito è stato seppellito il mandato ricevuto, la storia, la testimonianza e l’incarico di rappresentanza, quando il promoter scelse la dismissione anche del termine “sinistra” annunciandolo a una testata straniera, quando si stabilì una volta per tutte l’adesione cieca e ubbidiente a Ue e Nato, alla pari con preferenza per la seconda anche per via dell’affiliazione indiscussa  del leader all’impero nonostante la scarsa conoscenza dell’idioma locale,  quando si sancì che i diritti fondamentali ce li avevano elargiti, erano al sicuro: casa, lavoro, salute, istruzione, e adesso era la volta di quelli estetici dei quali un partito moderna in via di trasformazione in azienda si sarebbe fatto mallevadore, per garantircene il minimo sindacale in modo da non irritare altri poteri forti.

E infatti abbiamo visto come erano inalienabili quei diritti e quelle prerogative, subito attaccati dal prodotto del Lingotto in barba alle parole d’ordine e ai quattro temi chiave della fondazione: ambiente, patto generazionale, formazione, sicurezza. Contro i quali vennero via via armate le campagne nazionali: Buona Scuola, Jobs Act, misure di ordine pubblico, Legge Fornero, Salva Italia e condoni, Grandi Opere e riduzione della portata della valutazione di Impatto Ambientale. Ma anche quelle locali, con il fiscal compact, le cravatte per i comuni, la cancellazione fittizia delle province e il rafforzamento delle regioni più ricche, lo stravolgimento delle leggi sul territorio che riduce l’urbanistica a negoziazione del provati con pubblico, condannato aprioristicamente a cedere, impoverimento del sistema sanitario regionale e della somministrazione di assistenza e cura.

Dal 2007 anno di fondazione il trend del Pd e dei suoi leader è quello, i curricula e le referenze sono sovrapponibili per esperienze e competenze, gli obiettivi gli stessi, le disuguagliante tra chi sta casualmente e immeritatamente  sopra e chi sta sotto altrettanto immeritatamente si sono incrementate. Il fatto è che una forza debole come quella fa comodo alle altre forze anche più forti, come opposizione scialba, come ago della bilancia instabile e pronto a ondeggiare al minimo alito di vento, come utile avversario o potenziale alleato opaco.

E allora a qualcuno piace essere cornuto e farsi mazziare, accoppiarsi con gli uni o con gli altri perché fuori da quei sodalizi tocca pensare, scegliere, agire, criticare, perdere qualcosa per guadagnare altro, di sconosciuto certo, ma nostro, e forse buono e giusto.

 

 


Libri da orbi

emanuele-fiano-927463_tn Anna Lombroso per il Simplicissimus

Come un masaniello, come un ciompo, l’onorevole Fiano, interprete preclaro e ideale del neo antifascismo –  quello che ritiene il regime di Mussolini un incidente casuale della storia e non una dittatura di classe delle classi dominanti, che si ripete perché si sarebbero sorprendentemente materializzati nuovi duci e ducetti, deplorevole perché contiene e legittima in veleni della xenofobia e del razzismo, è diventato l’icona della piazzetta del Pd.

Pare addirittura che nello slargo troppo largo davanti a Piazza Montecitorio sia risuonato il grido, Emanuele menaje ancora!  A sancire la svolta culturale che, grazie alla trasformazione del sapere in utile di impresa, fa dei libri da strumento di conoscenza a arma letale, e a dimostrazione che i pochi fedelissimi si sono ormai  stufati dei molesti e codardi limiti imposti da una democrazia in declino, determinati a afferrare il machete della contestazione attiva, dell’opposizione belligerante, proprio come soldati giapponesi che resistono nella giungla del Parlamento con ogni mezzo.

L’invidiosa ammirazione per soggetti politici che hanno saputo allinearsi con la pancia vuota del Paese, raccomanda insomma  di scagliare invettive  più veementi e contundenti delle leggendarie fette di mortadella del senatore Strada, di mutuarne, sia pure ad uso di ventri meno deprivati, i messaggi, i modi e le accuse: quelle di  abiura e resa ai diktat del racket europeo feat il senatore a vita Monti,  quelle dei  sindaci finora ostili al bieco e maleducato sovranismo che fino a oggi hanno sopportato di buon grado i capestri, oggi folgorati dall’agnizione improvvisa che il Fiscal Compact è una condanna, talmente sgradita a chi ce l’ha imposta da non farla entrare  nel diritto comunitario, o quelle in  difesa dei risparmiatori e dei pensionati nell’interpretazione della sovrumana sfrontata, fino a quelle che accompagnano l’affettuoso e grato riconoscimento della imprescindibilità delle misure sociali della lacrimosa, e dei sindacati usciti dal lungo letargo durante il quale non si erano accorti del massacro.

È che l’opposizione è comoda e paga quando si ha ancora qualche legame con la plebe, ma se l’irriconoscente marmaglia ha voltato le terga sofferenti allora serve abbassarsi al suo livello, come se si fosse analoghi straccioni, identici miserabili, equivalenti fegatosi animati dalla stessa biliosa furia popolare e perché no? populista, sperimentata a sorpresa nel momento infausto della perdita di privilegi, dominio, ma non certo sicumera. Che allora occorre disfarsi dello chic e tenersi il radical, allora è preferibile adeguarsi a sistemi e prassi movimentiste, allora in mancanza del riformismo è meglio farsi promotori di una rivoluzione situazionista: agire e costruire dei momenti di vita piuttosto che annullarsi nella passività e nella sopportazione del tallone di un  potere che un tempo era proprio.

Non c’è niente di nuovo per il partito che ha rivendicato via via una sempre più feroce rimozione del passato e del mandato ricevuto, come se l’abiura fosse un valore irrinunciabile della modernità, un tradimento necessario per stare al passo coi tempi.  È nato così l’eroe pop,  pre o (post?) razionale e demagogico,  icastico e screanzato tanto da mettersi  in competizione col tanghero del Viminale,  capace di sbraitare come Sgarbi per convincere all’attivismo e chiamare all’adunata col piglio di una impunita rockstar, ormai libera di fare del parlamento “esautorato” il palco per i gesti estremi e dimostrativi del nuovo manipolo.

Non c’è niente di nuovo per una formazione che ha espresso al meglio il vuoto feroce della fine non delle ideologie, ma delle idee sostituite da un dinamismo  vacuo e futile che si agita inconsulto con il fine unico di preservare prerogative e rendite aziendali, che si serve di valori cosiddetti antifascisti, antirazzisti, umanitari come coperchio per giustificare l’ordine sociale imposto che deve essere interiorizzato da chi lo subisce come uno stato di necessità cui sarebbe irragionevole sottrarsi.

Che disastro per chi non vuole essere arruolato a viva forza nelle file delle due tifoserie, per chi pensando che sia possibile qualcosa di “altro” da questo si sente autorizzato a fare opposizione e anche opposizione a quell’opposizione, che di libri, prima di tirarli, ne ha letti troppo pochi e male.

 

 

 


Sicurezza, cronache dal caos

mc Anna Lombroso per il Simplicissimus

L’Assemblea capitolina ha approvato con 28 voti favorevoli (M5S, Pd e Si) e 3 contrari (Fdi) una mozione a firma M5S in Campidoglio per contrastare gli “effetti devastanti” che il dl Sicurezza potrebbe avere su Roma. il documento a firma della presidente della commissione Politiche sociali di Roma Capitale, Agnese Catini (M5S), impegna la sindaca Virginia Raggi e la Giunta a “chiedere al ministro dell’Interno e al Governo di aprire un confronto istituzionale con Roma e le citta’ italiane, al fine di valutare le ricadute concrete di tale decreto sull’impatto in termini economici, sociali e sulla sicurezza dei territori” e contiene anche l’impegno per la sindaca “ad approntare tutti gli atti necessari a mitigare gli effetti in termini di diritti sia per i cittadini sia per le persone accolte” e, inoltre, “a incrementare le politiche di accoglienza ed inclusione sociale realizzate da Roma Capitale con particolare attenzione alle fragilità”.

In controtendenza con il passato, non si ha notizia di condanne sommarie, purghe e espulsioni. Segno questo che va accolto positivamente come un sia pure tardivo e non universalmente condiviso affrancamento dall’esuberante alleato di governo. E se è vero che  Luigi Di Maio a conoscenza della congiura  pur avendo espresso le sue riserve, non avrebbe fatto nulla per fermare l’atto di insubordinazione  lo si può intendere come  un adattamento del Movimento a regole tacite ma da sempre vigenti nell’esercizio politico.

E’ che chi cambia gabbana, chi, a seconda di come tira il vento si arrampica su qualche nuovo carro  prima disprezzato, ma anche chi, pur restando in seno a organizzazioni, ne critica progetto, azioni e alleati, viene guardato non più con biasimo, macché. Viene invece riverito  perché caute infrazioni alla linea di rivelano  vantaggiose, viene coltivato come una buona pianta dalla formazione nella quale milita, perché c’è la certezza che la sua presenza aiuti e aiuterà in futuro a legittimare nequizie dei vertici e acquiescenza della base, a fare da ponte con target esterni che non aspettano altro che farsi traghettare grazie a loro, sentendosi a posto con la coscienza, perché c’è pur sempre un Fico a fare da foglia,  un Cuperlo a confezionare delicate ricette con una punta di acido, una  di dolce e una di croccante in modo da far digerire qualsiasi piatto avvelenato.

Certe minoranze funzionali, certi entristi che si somministrano con oculata prudenza, sono trattati come orchidee in serra. L’hanno capito quelli che avendo ereditato senza merito un’azienda hanno deciso che era finito il tempo di emarginare ed espellere pungenti cactus, che era più conveniente e consono con la decisione di darsi alla realpolitik piuttosto che alla politica, a dimostrazione che anche insofferenza  e rifiuto sono emozioni sorpassate, proprio come le idee sacrificate in nome della  doverosa morte delle ideologie, e che è preferibile nutrire qualche utile contraddittore, qualche volubile, fruttuoso di consensi raccolti tra chi cerca un riferimento per dare  autorevolezza alla sua mancanza di ideali o al suo eccesso di aspirazioni non sempre nobili.

Va di moda insomma, in assenza di ragioni e idee, mostrare di possedere molte anime meglio se in apparente conflitto tra loro, apparente perché unite dalla stessa volontà di sopravvivere, di tenersi ben collocati su poltrone e benefits irrinunciabili. In altri tempi questa molteplicità veniva chiamata pluralismo, ma obiettivi e risultati erano poi gli stessi, per la incrollabile volontà di esibire molte facce di una stessa medaglia, anzi di una stessa moneta che serviva a appagare interessi comuni, e, come oggi, a far vendere lo stesso prodotto, partito, movimento, merce fisica o intellettuale, ideale estetico,  intorno ai quali coagulare riconoscimento “liquido” con la speranza di tenerlo insieme per un po’. Per alcuni di questi organismi è più facile a fronte dalla totale dismissione di valori e l’abiura da funzioni di rappresentanza di ideali e bisogni: lo dimostra il balletto di spettri, come in certi disegni di Goya o di Tiepolo che raccontano l’esaurirsi di antiche grandezze, del Pd, ma, molto più in grande, il tramonto dell’Europa ridotta a cimitero di élite  per lasciar spazio all’unitaria cleptocrazia che ha depredato i suoi popoli di lumi, beni, democrazia.

Si tratta di una confusione che non possiede  nulla del caos della creazione, ma invece tutto del brulicare di vermi sulle carcasse. Ad agitarsi intorno si trova di tutto, fan dei gilet gialli e reduci dei forconi, veterani dell’ordoliberismo e folgorati dalla neo-austerità, predicatori della difesa della civiltà dal pericolo del meticciato e previdenzialisti che si aspettano la benefica catarsi tramite le contribuzioni degli stranieri. E in testa gli adepti del menopeggiorismo, ragionevolmente dediti al culto di concrezioni di materiali di mezza tacca che hanno dimostrato, nel migliore dei casi, di cosa sono incapaci, o, peggio, la loro inclinazione al crimine sociale, purché presentabili alle cene dei Lyons, come a quelle con Buzzi, e come a quelle di famiglia con i loro babbi ingombranti,  contro le formazioni che, non avendo avuto sufficienti testimonianze dirette degli antagonisti, più screanzati o meno avvezzi all’uso di mondo, restano avvinghiati all’illusione che sorgendo dal marasma e dalle contraddizioni si materializzino usbergo e redenzione.

Insomma niente di nuovo sotto il sole che declina tristemente sull’Occidente. Chi era convinto che per contrastare l’egemonia  del mercato occorra più stato per tutelare meglio gli interessi nazionali e per dare protezione alle vittime della globalizzazione e occorra più popolo per limitare lo strapotere di regimi al servizio della cupola imperiale, chi era  convinto che il “riformismo” abbia fallito perfino il progetto di democratizzazione dei mercati, si è accorto che il personale politico progressista, interprete della socialdemocrazia, è stato l’artefice del consolidamento del neoliberismo, il nemico in casa della lotta di classe, macchinatore del suo rovesciamento. E sa che la salvezza non verrà dal caos, né dai marziani che ci guardano riluttanti a  scendere tra noi, né dalla collera ridotta a fenomeno di ordine pubblico. E dire che basterebbe ricollocare l’Utopia, dal passato al nostro futuro, dal regno dell’impossibile alla possibilità di pensarla e realizzarla, noi.

 

 

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: