Santa Vanity

Immagino che i cattolici siano perplessi dopo che il Santo Padre è riuscito ad avere finalmente un posto nel panteon contemporaneo, ossia una foto e un testo simile a quello della benedizione Urbi et Orbi di Natale, pubblicati  su  Vanity Fair, dimostrando in maniera inequivocabile di non essere una pecorella smarrita del pensiero unico e nemmeno una pecora nera che si ostina a non voler negoziare i valori. Proprio lui che ha più volte messo in guardia dalla vanità, con un’insistenza che parrebbe frutto di una battaglia personale, finisce sulla bibbia dichiarata di questo vizio dell’anima.  Magari a qualcuno potrà far piacere che la religione cristiana sia ormai esposta nella fiera delle vanità  e che figuri sulla bancarella della storia come un oppiaceo da banco che ormai non ha nemmeno bisogno della ricetta medica per quanto è blando, ma probabilmente il pontefice si ripropone di rinnovare la teologia a misura del grande reset di Davos e di inaugurare una nuova trinità con Pachamama che salva il pianeta, il Vaccino che discende super vos per mantenervi in vita e Cristo a fare da testimonial come personaggio universalmente noto, un divino tronista un po’ malconcio. Tuttavia da ateo infastidito dalle pratiche devozionali e magiche, incredulo di fronte alla credulità, ma affascinato dall’ingegno profuso nei secoli per dimostrare l’esistenza di Dio, preferisco osservare con qualche ironico distacco l’ex cappellano dei militari argentini che tesse giorno per giorno la sua grossolana e furbesca resa al potere globalista. Tuttavia ne parlo, al di fuori di tutte le polemiche che tutto questo può suscitare negli ambienti cattolici, di cui poco mi interessa, perché in questa occasione appare in tutto il suo solenne splendore la vacuità del pensiero unico e globalista, di quel suo umanesimo ipocrita e affetto da una visibile eterogenesi dei fini  che tace su stragi e rapine di risorse e santifica invece le sue conseguenze, ovvero le migrazioni.

Tra i vari testi che Vanity propone a contorno e a commento della benedizione papale, tra cui un articolo di  Andrea Tornielli, direttore editoriale del Dicastero per la comunicazione della Santa Sede, si evince da una parte uno sviscerato amore per tutte le minoranze, mettendo assieme condizioni che non c’entrano nulla le une con le altre perché si va dalle diversità di genere, ai disoccupati, ai migranti, ai rifugiati, tutte situazioni sociali  intrinsecamente diverse e tra l’altro non necessariamente minoritarie, che solo lo scarso senso del ridicolo può indurre a mettere assieme in papocchio di cui probabilmente un pontefice europeo, aduso a qualche lettura,  si sarebbe vergognato. Ma poi si spiega che questo afflato così generico più che universale vale in quanto portatore di “amore per le diversità, tutte le diversità”. Quasi quasi, di fronte a tanto obiettivo ci sarebbe da far passare in secondo piano le incoerenze e la terribile superficialità nel mettere assieme situazioni così diverse in radice , se immediatamente dopo non arrivasse l’invito ad “abbattere tutte le distinzioni culturali e politiche”. Allora vediamo un po’ “amore per le diversità” ma allo stesso tempo eliminare le diversità. Qui la retorica inciampa clamorosamente e fa cadere la veste che nasconde l’ipocrisia.  Un discorso di questo genere lo potremmo attribuire a qualche mega miliardario rimbambito dai soldi e dalle poche letture, ma non da un Papa che si suppone abbia già troppe contraddizioni teologiche e materiali a cui badare per aggiungerne altre così scoperte. Ma il fatto è che siamo di fronte, in purezza direbbero i gourmand da televisione, alla vacuità globalista che proprio in sé non sopporta la diversità delle culture, delle lingue, delle visioni del mondo delle teorie e prassi politiche, per tentare una totale omologazione servile dentro il pensiero unico. E non a caso le diversità che si prendono in esame riguardano situazioni imposte più che modi di essere e al massimo questioni esclusivamente individuali come quelle di genere, dunque differenze che non incidono sul sistema di dominio oppure, come la disoccupazione, che sono strutturali al sistema economico che si vuole imporre. La diversità e l’amore per la medesima costituiscono un mero pretesto per simulare umanità, uguaglianza e democrazia in un sistema disumano e portatore di una disuguaglianza mai così feroce.

Cosa dire di più:  A -men, A -women, A – vaff

 

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

3 responses to “Santa Vanity

  • GATTO

    A proposito dell’inesistenza di Dio e relative “prove ontologiche”, ribattevo ad un A-teo (per restare in tema di A-men, -women, -vaff…) commentatore che si fa chiamare MARK TWAIN, che calca le gesta voltaireiane dell’originale:

    «…“un dio inesistente” è esprimere una verità sacrosanta, ma non come la vorrebbe ridurre il poveretto, cioè un puro nulla, infatti: “esistente”, da “ex-stare”, significa proprio “stare al di fuori” della propria “ragion sufficiente”, ossia quella “cosa” per cui “non accade mai niente senza che vi sia una ragione determinante [sufficiente], vale a dire qualcosa che possa servire a rendere ragione a priori del perché una data cosa è esistente […] nonostante che il più delle volte queste ragioni non ci siano note a sufficienza (Leibniz)»; o anche che «niente esiste senza una ragione sufficiente per cui esista invece di non esistere [Schopenhauer]”.

    Dire quindi “inesistente” (“non-esistente”) è come dire “ESSERE” (non a caso è anche l’INFINITO del “VERBO” per eccellenza), cioè non essere più “al di fuori” della propria causa o principio, quali effetto transitorio: Dio, infatti, non potrà mai esistere perché eminentemente “È” – non potendo assolutamente “ES-ISTERE” – “Causa sui” e di tutte le cose! “ESSERE”: verace e pertinentissimo sostantivo che descrive con più esattezza ciò di cui si tratta e di cui “DIO”, non ne è che un sinonimo alterato da connotazioni sentimentali, ma pur legittime, mutuate dal punto di vista religioso o exoterico.

    Ecco a quali sublimi vette speculative sono arrivati, dalla “…nascita del ‘Pensiero Scientifico’…le cui conquiste sono state precluse all’Umanità durante tutto un ‘Oscuro Medioevo’… derivato dalla diffusione di quel CANCRO DELLA MENTE chiamato… CRISTIANESIMO!” in poi, questi BARBARI PERSONAGGETTI alla MARK TWAIN, che si permettono anche il lusso di dire ai pochi rimasti con la testa sul collo, che sarebbero loro gli psicopatici fuori dalla realtà! Chissà poi “Dove saremmo oggi se non avessimo sprecato mille anni a costruire cattedrali …, cancellando le opere contenenti le vette del pensiero greco per ricopiare delle preghiere!!!!”, sì, chissà proprio dove saremmo… La tristezza comica di questi scienziatini, di cui il Nostro tesse instancabilmente le lodi, sentendosi parte integrante, che hanno pure la pretesa di credere di aver espanso come mai prima i confini dello scibile, mentre in realtà, senza nemmeno rendersi conto, occupati come sono a baloccarsi con giochetti da deficienti, si sono rinchiusi in gabbia come dei topi laboratorio, questa comica tristezza, dicevo, almeno per me, è diventata insopportabile.
    Non è fantastico vedere questi “esserini”, sacrificanti sull’altare del Progresso, il Principio di Ragion Sufficiente (e di cosa mai si potrebbe ancora discutere con siffatta genia, dopo un azzardo simile?), che brigano a contare i peli del culo degli “atomi” (altro aspetto contraddittorio su cui si è basata tutta la pantomima scientifica moderna…), ostinarsi, entusiasti ed inconsapevoli, nella via infera della loro imminentissima fine?».

    "Mi piace"

  • Ilaria

    Questo Papa non mi rappresenta ed ho già detto tutto.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: