Nasce il bugiardino del Governo

cuoAnna Lombroso per il Simplicissimus

Annunciata ufficialmente dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all’Informazione e all’Editoria, Andrea Martella (altro fenomeno dell’improvvisazione dadaista che, alla faccia dell’ideologia meritocratica della Leopolda, sostituisce egregiamente esperienza e competenza), è stata finalmente istituita l’Unità di monitoraggio per il contrasto della diffusione di fake news relative al COVID-19 sul web e sui social network.

Era un passaggio doveroso, ha dichiarato il “capitato per caso” sia sui temi della comunicazione, non vantando nemmeno uno status da pubblicista, che su quelli sanitari,  a fronte della massiccia, crescente diffusione di disinformazione e fake news relative all’emergenza COVID-19”.

Il nuovo organismo avrà vari compiti: dall’analisi delle modalità e delle fonti che generano e diffondono le fake news, al coinvolgimento di cittadini ed utenti social per rafforzare la rete di individuazione, al lavoro di sensibilizzazione attraverso campagne di comunicazione.” A conferma dell’impegno del governo nel fornire una risposta all’insidia della disinformazione che indebolisce lo sforzo di contenimento del contagio“,  ha aggiunto  compiaciuto il Martella che non ha mancato di rivolgere, nel segno della leale collaborazione con l’opposizione,  uno speciale ringraziamento a tal Antonio Palmieri, un deputato di Forza Italia, che aveva lanciato un appello social all’Esecutivo affinché intervenisse a tutela della collettività  esposta al contagio della menzogna.

Verrebbe da sorridere per l’involontario effetto paradosso della ricerca della verità da parte di chi possiede tribune e amplificatori, seleziona le fonti, attribuisce autorevolezza o la demolisce allo scopo di autorizzare disposizioni, accreditare misure, imporre comandi, persuadere che regole inopportune e illegittime siano giustificate dall’intento di agire nell’interesse popolare, e che con tutta evidenza vuole tacitare qualsiasi forma di critica e dissenso in nome dello stato di necessità.

Verrebbe da sorridere per la composizione della task force, fatta tutta di appartenenti alle cerchie riconosciute, accademici della comunicazione e giornalisti, finalmente abilitati a dare addosso,  a zittire, a intimorire chi non appartiene a ordini, chi non gode delle difese immunitarie delle caste e di quelle legali delle corporazioni, con tanto di coperture assicurative in caso di sfacciato uso della menzogna.

Verrebbe da sorridere che l’idea sia venuta in seno a un Esecutivo che da due mesi somministra numeri contradditori, manipola dati, adultera statistiche, impartisce direttive impraticabili e confuse, dice e smentisce, chiama a testimoniare la scienza e la sconfessa a intermittenza, riducendo gli esperti al ruolo di opinionisti ben visti se corroborano la scelta apocalittica e oggetto di pubblico anatema se non la certificano.

Verrebbe da sorridere perché in prima linea nella guerra a menzogne e distorsioni ci sono proprio gli addetti ai lavori dei giornaloni che da due mesi contribuiscono a un’operazione di “rappresentazione” spettacolare dell’epidemia in termini sensazionalistici, tra sussurri e grida in sostituzione dell’informazione, con le supposizioni al posto dei dati, dell’acquiescenza a icone improvvisate mai sottoposte a contraddittorio, favorendo l’irruzione dell’immaginario all’interno della realtà, promuovendo una percezione avvelenata dalla paura, condizionata dall’imposizione di quello che vogliono mostrarci le telecamere,  dall’allarme generato dai titoli in sovraimpressione, dal confronto rissoso dei  pareri discordanti delle “convinzioni” dei tecnici, dalle cifre lanciate come armi a scopo intimidatorio.

Verrebbe da sorridere perché non cambia mai la natura delle censure, che comprende   quella finalità “pedagogica” intesa a tutelare una massa immatura, a proteggere un volgo ignorante, a salvaguardare una plebe puerile.

Invece c’è poco da stare allegri, perché si ricompone quel disegno di infantilizzazione del Paese, che perfino per me è un punto dolente, se ogni giorno qualcuno mi chiede di non “scrivere difficile”, di non usare termini che superino quel centinaio di parole in uso nelle scuole, nei social, nella comunicazione istituzionale , nei giornali, di “abbassare” il livello oltre che i toni per uniformarmi ai requisiti che assicurano consenso.

Il processo in Italia ha avuto molti promotori, le televisioni di Berlusconi, certo, ma pure  il gergo moderno e dinamico dei “progressisti” prodotto e subito consumato nei Think Tank, la decodificazione aberrante del linguaggio dell’economia e comunque delle scienze inesatte, impiegata per prendere per i fondelli e intimorire un popolino di bamboccioni indolenti, il lessico e la fraseologia della “politica”, volontariamente o involontariamente inadeguata a garantire partecipazione e riconoscimento, soprattutto perché al livello mediocremente elementare della comunicazione fa da controcanto l’esuberanza prolissa e barocca della produzione burocratica e giuridica.

Così mettere il bavaglio oltre che la mascherina a voci fuori dal coro della retorica del terrore, dell’amor patrio, della compassionevole beneficenza, prevede certamente la somministrazione a lungo termine delle favole adatte a un popolo bambino. E non occorre tirare il ballo Propp per sapere che le fiabe seguono schemi precisi e paradigmatici, quelli dell’obbedienza agli ordini e alle regole, la cui violazione comporta rischi mortali, perdersi nei boschi, essere mangiati dai lupi, ingabbiati da streghe che mettono all’ingrasso per arrostire il trasgressore, quelli delle prove da superare per garantirsi la salvezza.

Non ci resta che sperare che qualche Franti superi la stigmatizzazione e qualche Pinocchio si slavi dall’anatema di chi una volta arrivato in cima e per paura di ruzzolare, vuole la riconferma quotidiana del suo status superiore grazie al disprezzo per la “gente”, dimostrato anche con l’ostensione di una funzione educativa e paterna.

Non a caso la morale dell’apologo regressivo che ci viene raccontato ogni giorno  è proprio quella di Pollicino, di Cappuccetto Rosso, quella della sottomissione docile e deferente, pena oscuri e mortali esiti, fino all’attenersi a prescrizioni che sono le stesse che hanno accompagnato la nostra infanzia: lavarsi le mani, non frequentare cattive compagnie, voler bene a papà e mamma  (ma da lontano), apprezzare muratorini, carbonai  e  altri eroi anonimi che lavorano per noi, esaltare l’identità patria, voler bene alla bandiera e cantare l’inno nazionale, purché dalla finestra.

 

 

 

 

 

 

 

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

2 responses to “Nasce il bugiardino del Governo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: