Mose, fallimento di Natale

ITALY-WEATHER-FLOODING-ALTA ACQUA-HIGH WATER-VENICEForse i veneziani sommersi speravano in un regalo di Natale, ma  anche la seconda prova generale del Mose, dopo quella fatta nei giorni successivi all’acqua grande storica di qualche settimana fa, è  fallita. Proprio niente sembra funzionare perché tutto è stato funzionale non alla salvezza della città quanto piuttosto ai profitti delle aziende del Consorzio, al potere dello stesso, di natura politico affaristica, così grande che tutte le obiezioni al progetto e poi ai lati oscuri della sua realizzazione, sono stati soffocati: dire di no significava essere esclusi da tutti gli altri lavori e commesse, emarginati negli ambienti professionali, diventare dei rompicoglioni e degli appestati. Così le cerniere delle paratie originariamente progettati in fusione di ghisa, sono state poi oggetto di una variante  che ha puntato sul lamierato saldato semplicemente  perché nelle aziende del Consorzio non c’era chi aveva la tecnologia della ghisa, ma invece c’era la Mantovani che aveva acquisito un azienda esperta di lamierati.  Peccato che  secondo la letteratura internazionale sono una scelta pessima per opere subacquee. Specie se poi i materiali non sono della qualità prevista.  E’ solo un esempio di un’intricata storia di varianti, corruzione, che per due decenni ha agito come una cupola, senza ascoltare nessuno, senza ricorrere alle migliori tecnologie, senza tollerare critiche.

Lorenzo Fellin, ingegnere padovano docente di impiantistica, dopo essere stato costretto a sbattere la porta per avere espresso dubbi pesantissimi sulle cerniere che il Consorzio Venezia Nuova aveva deciso di far costruire per il Mose ha detto in una recente intervista: “In tutte le riunioni a cui ho partecipato non ci sono mai stati interventi critici, qualcuno che alzasse la mano per dire no così non va. In fondo era quello il nostro compito, controllare. Molti avevano anche progetti che andavano in discussione. O erano consulenti delle imprese del Mose o di imprese ad esse collegate”. Insomma il Consorzio agiva come un ecosistema chiuso ad ogni ragionamento e a ogni critica, ad ogni apporto tecnico, tutto intento a costruire un proprio potere col pretesto della salvezza di Venezia: così il Mose già ora, cioè incompleto e non funzionante, è costato più di tre volte l’intera autostrada del Sole e semmai dovesse funzionare implicherà folli spese di manutenzione che costituiranno un pesante vitalizio a favore di chi ha combinato il disastro.

Naturalmente dire che il Mose funzioni, ossia sia in grado di alzare le sue paratie, non significa che esso sia davvero utile a salvaguardare Venezia, anzi questo è molto dubbio e studi approfonditi dicono che la progettazione stessa delle barriere è sbagliata. Ci si è avventati ad occhi chiusi su un progetto, peraltro già abbandonato altrove, perché esso garantiva i massimi profitti non certo la massima efficacia. Ma qui non si tratta del fallimento di un’opera, siamo invece di fronte al fallimento di un intero modello di governance fondato sulla corruzione, sul conflitto di interessi, sul cortocircuito affari politica che produce pessimi risultati per i cittadino e per il Paese, ma grandi vantaggi per le cupole che operano. Le soluzioni sono sempre quelle implicano il maggior costo e la minima efficacia e questo indipendentemente dall’importanza dell’obiettivo: c’è una certa differenza tra il costruire una linea ferroviaria del tutto inutile come la Tav Torino – Lione e lasciare affondare Venezia per aver scelto una soluzione monstre, averla progettata in maniera superficiale e  averla realizzata in maniera pessima. Proprio questa differenza ci dice che il “sistema Italia” è marcio dalla testa ai piedi perché non riesce  a fare un passo indietro nemmeno di fronte ai temi vitali. Anche la politica non è ormai che un grande consorzio volto alla salvezza di questo sistema e dove in nome di tale obiettivo generale le forze politiche sono aggregabili e disaggregabili a piacere come se fossero pezzi di un Lego. E del resto non esprimendo differenze significative, anzi non avendo visioni non possono che essere legate a questa logica “costruttiva”. In realtà è l’Italia tutta intera che sta affondando e di certo non verrà salvata da un parlamento Mose,

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

2 responses to “Mose, fallimento di Natale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: