Annunci

Il debito come peccato

colpaSe volessimo leggere il padre nostro nel gotico del IV secolo dopo cristo che del resto è una delle pochissime testimonianze scritte di questa lingua, ci troveremmo d fronte a questi due versetti: jah aflet uns þatei skulans sijaima, swaswe jah weis afletam þaim skulam unsaraim,  ovvero rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori. La parola debito. in questo caso opportunamente declinata, è skula o skulō del protogermanico usata anche nel significato di colpa, testimonia del perché in Toscana la malasorte si dica sculo e nel dialetto romanesco, poi diffusosi in tutta l’area di lingua italiana, avere culo significhi invece avere fortuna, cosa che non c’entra assolutamente nulla col lato b. La cosa più interessante è però che dall’antico lemma discende  l’attuale parola tedesca Schuld che significa sia colpa che debito, cosa che peraltro accade in tutte le lingue sassoni compreso l’inglese sia pure per ramificazioni più complesse: debt è il latinismo che deriva dal francese di Guglielmo il conquistatore e tuttavia in questa lingua colpa si dice guilt  con derivazione da gieldan, ossia debito e ancor prima dal protogermanico gulthan, ovvero oro il che lega indissolubilmente le due cose.

In latino e nelle lingue moderne derivate da esso, il debitus  è de – habere, ossia è una constatazione di fatto che magari implica un’ obbligazione morale o materiale, ma che non contiene assolutamente il concetto di colpa e di peccato. Se queste cose le avessero sapute quelli che ci hanno trascinato nell’euro, anche a costo di un patto segreto con J.P. Morgan per far apparire il debito pubblico inferiore, forse ci avrebbero pensato più di una volta nel mandare avanti un progetto di moneta unica assurdo in sé, reazionario negli strumenti, ma anche percepito in maniera profondamente diversa nella cultura profonda delle varie aree europee che sono territorialmente contigue, ma distantissime quanto a mentalità: l’austerità, le rigidissime regole  sul bilancio, le ricette sul rapporto debito – pil  al 60% basate sul nulla, se non hanno alcuna ragione economica, nel profondo sono moralmente orientate. E’ per questo che riesce facile il gioco di dipingere come cicale i Paesi del Sud Europa e dunque come portatori di una colpa originale, proprio nel momento in cui si è costruito un meccanismo fondato sulla moneta unica che ha reso la Germania e i Paesi ad essi collegati una macchina da export.

Ed è sempre questo sentimento di base che pur non avendo alcun fondamento economico reale, si è sparso anche altrove non tanto come mentalità, ma attraverso ricette pseudo economiche e politicamente reazionarie secondo le quali  il denaro lo si può ricavare solo con il ricorso al mercato finanziario, mentre tutta la ricostruzione europea del dopoguerra e il successivo boom economico, compreso quello italiano, è stato realizzato con il denaro creato dalla banche centrali acquistando i buoni del Tesoro, senza interessi. Come mai poi la Bce abbia creato trilioni di euro per il suo quantitative easing, tutto denaro finito poi al mercato finanziario e non alle persone o alle famiglie, è un mistero doloroso che svela tutta l’inconsistenza delle teorie neoliberiste le quali non sono altro che un teorema politico in favore dell’oligarchia. Il risultato  lo abbiamo sotto  gli occhi con l’Europa che dopo l’euro e l’instaurarsi di questi diktat, è cresciuta molto meno del resto del mondo, addirittura un decimo per alcuni economisti. E adesso la stessa Germania sta comprendendo di essersi adagiata sui suoi stessi criteri di austerità che peraltro hanno creato un enorme divario di reddito interno e fatto calare la domanda aggregata, mentre è stato trascurato l’aggiornamento delle infrastrutture, l’aggancio alle nuove tecnologie e alla rivoluzione digitale, oltre a indurre catastrofici errori nel calcolare i tempi di emersione della Cina.

Alcuni pensano (fonte Bloomberg)  che la dottrina dell’austerità che popone la bizzarra e assurda equazione disoccupazione uguale ad alta inflazione, che non trova riscontro nel mondo reale nel quale semmai accade proprio il contrario, derivi dalla confusione che esisterebbe in Germania  tra l’iperinflazione degli anni successivi al primo conflitto mondiale e l’ondata di disoccupazione avutasi dopo la crisi di Wall Street che poi portò al potere Hitler. Dubito fortemente di questa spiegazione diciamo così un po’ raffazzonata e buona per le persone di facile contentatura. Probabilmente invece l’ossessione del debito, naturalmente favorevole a un progetto politico di evidente distruzione di welfare e di diritti, ha le sue radici in visioni del mondo inconsce che si rivelano nella lingua e che rendono possibile il consenso al proprio impoverimento. Del resto anche in ambito anglosassone, come si è visto il parallelismo debito – colpa rende possibile la sottomissione politica dei “perdenti”, continuamente e compulsivamente spinti a consumare con il credito facile, ma che oscuramente si sentono in colpa, responsabili, portatori di un peccato che devono in qualche modo espiare, senza avere il coraggio di mettere in questione le tavole della legge economica.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

6 responses to “Il debito come peccato

  • jorge

    gli scioperi nella logistica, spesso lavoratori extracomunitari, sono ancora in atto , sono gli scioperi del settore più maltrattato del proletariato presente in italia, denigrarne la lotta come fa anonimo è cosa squallida e vergognosa

    scioperi categoriali ? mica colpa dei lavoratori della logistica, si aggreghino gli altri, la cosa può mettersi in moto , come molti movimenti di protesta nel mondo dimostrano

    certo sarà più difficile se è forte l’ideologia reazionaria cui aderisce anonimo, il quale non ci pensa nemmeno a supportare le lotte ma le denigra

    la strada è questa, se la lotta di classe non crescerà, sarà la barbarie

    la tabella di marcia stabilita per il crescere della lotta dei facchini, e poi rimodulata, è pura invenzione di anonimo sofferente, e che non sa come uscire dalle proprie paranoie, del che a livello umano molto ci dispiace

    da un punto di vista oggettivo marxista la lotta classe esplode improvvisa ed inaspettata, es come in cile, ma ci sono condizioni premonitrici che devono essere supportate da forze soggettive ( soggettivamente anonimo è un gran reazionario, da quel che scrive)

    la lotta di classe puo crescere, fino a raggiungere il livello politico, i segnali sono tanti, e non solo i facchini della logistica, diversamente le false alternative proposte dal sistema ci precipiteranno definitivamente nella barbarie, alternative a queste due possibilità non ve ne sono

    PS :magari oltre al requiem di mozart, una pilloletta ?

    "Mi piace"

  • jorge

    I tedeschi guardano al nudo interesse economico

    la classe dominanre tedesca non vuole i bond europei, perchè consentirebbero , ad es all’italia, di avere un margine di spesa maggiore, con cui farebbe concorrenza all’industria tedesca. La classe dominante tedesca dice, e perchè dovremmo consentirvi di fare concorrenza a noi grazie una maggiore capacita di spesa da noi stessi garantita ?

    d’altra parte, i piccoli industriali padani che lavorano per l’industria tedesca (unica forza che resta all’ italia), l’euro lo vogliono, perche non c’e un tasso di cambio che renda poco conveniente ai tedeschi l’aquisto di prodotti semilavorati e componentistica italiana, ma l’euro consente al sistema italia di rifornirsi di petrolio energia e materie prime in modo conveniente data la forza dell’euro

    Ecco perchè è del tutto illusoro pensare che, ad es, salvini, abbia mai pensato di sganciarsi da una certa europa

    l’italia, ed altri paesi, che emettevano buoni del tesoro comprati poi dalla banca centrale, esprimevano un modello economico keinesiano che è entrato in crisi negli anni 70, questo il simplicissimus lo censura.

    Inflazione al 20%, niente crescita economica, sovrapproduzione e licenziamenti, un circolo da cui non si usciva, è solo ideologia non tenere in conto questo

    Bisognava avanzare verso una maggiore socializzazone dell’economia, o tornare ai padrioni delle ferriere, purtroppo prevalse questa seconda opzione

    Quando l’inflazione era nei maggiori paesi intorno al 20%, era inflazione core, ovvero sganciata dall’andamento di alcune materie prime ,soprattutto petrolio

    forse si tengono in conto questioni linguistiche o l’inconscio religioso proprio per sfuggire all’analisi reale, ed anche di ciò che è stata la crisi degli anni 70

    "Mi piace"

    • Anonimo

      Jorge recita da sempre i soliti sermoni, ma con grande sicumera…soluzioni fattibili Non ne da, se glielo si fa notare, inizia a denigrare come un Mago Otelma permaloso qualsiasi, e proietta gran parte della sua miseria sugli altri…ah, si , aveva proposto di far nascere la “rivoluzione” da degli scioperi di categoria, alla contestazione, che dopo 2 anni dal suo predicare sti scioperi di categoria non avevano prodotto granche, per i fuori categoria(!!), si è messo a dire che bisognava aspettare ;
      alla contestazione circa 6 mesi dopo che aspettando aspettando Non si vedeva niente ha iniziato a dire che lui non ha mai detto che gli scioperi della logistica sarebbero stati forieri di un cambiamento socialista, e poi ha iniziato a denigrarmi se gli facevo notare l’aspetto grottesco del suo predicare sermoni senza proporre una soluzione al problema capitalismo fattibile in una generazione.

      Vabbe aspettiamo e speriamo ancora dai sermoni di Jorge, il simpatizzante per il femminismo 2.0.

      Intanto uno si può fare un idea di cosa possa voler dire l’essere sinistrato e femminista 2.0.:

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: