Annunci

Settimo comandamento: cacciare

sesto  Anna Lombroso per il Simplicissimus

La capitale morale è una città obesa che ha già ingurgitato tonnellate di  cemento, vetro,  acciaio, asfalto  e che ne vuole ingoiare molte altre ancora grazie a progetti che interessano 3 milioni di metri quadrati:   area ex Expo (1,1 milioni di metri quadrati), scali ferroviari (1,2 milioni di metri quadrati), Bovisa Gasometro (850 mila metri quadrati), Aree Falk e Città della Salute (1,4 milioni di metri quadrati). E poi Città Studi, Citylife, Fiera Milano City, Piazza d’Armi e   Milano Santa Giulia a Rogoredo. La stessa città che  ha invenduti o sfitti 1,5 milioni di metri quadrati a uso commerciale, dove è vuoto il 6,8 per cento degli uffici nelle aree centrali, il 16 per cento in periferia e il 13 per cento nella cintura.

E circa  30 mila appartamenti sfitti o inutilizzati di edilizia residenziale.

Eppure è la stessa capitale morale che ieri ha mobilitato per un blitz  molto muscolare ed energico decine di agenti e militari  per liberare  dai “residenti temporanei” il palazzo di Sesto San Giovanni occupato,  un tempo sede degli uffici dell’ex compagnia di bandiera, uno stabile di  sette piani  occupato da decine di senza tetto tra cui 25 bambini.

Per il comune di Sesto – si non è Milano ma il contagio del cemento ha invaso tutto l’hinterland – che aveva dimostrato di non essere capace di fornire una soluzione dignitosa e tempestiva, quel palazzone era una spina nel fianco: perché un gruppo di persone, volontari, gente dei centri sociali, aveva realizzato un’alternativa decorosa e accettabile ai paria,  licenziati, pensionati sotto il livello di decenza, famiglie sfrattate con figli e anziani a carico, che si erano autoregolamentati e autogestiti, contribuendo alla gestione della “comune” così invisa a chi è affetto da quella imperitura forma di razzismo che ha come obiettivo i poveri, da emarginare fino all’invisibilità, da cancellare perché turbano non le coscienza, non sia mai, ma la rispettabilità e la reputazione.  Mentre aspettavano in piazza che venissero svolte le procedure di identificazione, i nostri nativi irregolari trattati alla stregua degli esterni colpevolmente clandestini, arrivati là dopo che Milano se li era tolti di torno, grazie a una mediazione con il Comune di Sesto, spostandoli  da via Oglio, in zona Corvetto, cercavano di far sapere agli scarsi testimoni per caso – alla stampa certi repulisti non interessano granché – che da anni cercavano di mettersi in regola, chiedendo la sospensione il distacco delle utenze, ancora là dai tempi dell’Alitalia, in modo da farsene carico. E che avevano fatto di quel l’edificio, un condominio “civile”, pulito e decente, allestendo perfino due mercatini dell’usato per l’autofinanziamento, una sala giochi per i bambini, spazi e cucina comuni.

Quei testimoni per caso oggi, a un giorno di distanza, si sono accorti della notizia, buona per aggiungere altra riprovazione a quella sparsa con generosità contro l’increscioso ministro dell’Interno e il terreno di coltura della sua malapianta. Alla quale mi aggiungo di buon grado, ricordando però che certi atti di forza, così indegni e disdicevoli rientrano nella tipologia autorizzata, anzi promossa, dalla nuova fase di gestione dell’ordine pubblico attuata per legge dal precedente governo, quando gli educati “progressisti” del cosiddetto centro sinistra nella speranza di scucire qualche voto all’impresentabile Gran Maleducato,  decise di inseguire le destre sul terreno securitario del “sorvegliare e punire”, supera e inasprendo le previsioni del deprecato Decreto Sicurezza di Maroni del 2008, in modo da rafforzare il quadro dei dispositivi penali per gestire le conseguenze sociali generate dalle aberrazioni del mercato e di rimuovere dal panorama urbano le moleste comparse del teatro della marginalità.

Le ruspe per la bonifica delle periferie (Capalbio compresa?), i pogrom nei campi rom, non sono il nauseabondo riflusso che esce dal ventre dei neofascisti in felpa o da una plebe rabbiosa e ignorante legittimata a rivendicare rifiuto e intolleranza difensivi, macché. Si muovono  nel solco tracciato anche  dai sindaci del centro sinistra che hanno tirato su muretti e recinti nelle pingui cittadine del Nordest, che hanno messo le targhette sulle panchine “dedicate” solo agli indigeni, da Veltroni che inaugura la stagione delle pulizie etniche negli accampamenti rom con una ferocia che non ha avuto uguali nemmeno nel successore, perché razzismo e xenofobia esercitata quest’ultima contro il Terzo Mondo interno, sono  il carattere e la qualità della conversione delle politiche sociali in politiche della sicurezza, comprensiva della opportunità di favorire l’espulsione dalla società civile di coloro che la società civile  non è più in grado di includere.

E con l’intento di colpire gli ultimi per accontentare  i penultimi, grazie a quelle che sono state definite regolamentazioni “ibride”   o “semi-penali”, quelle indirizzate al controllo di un’ampia gamma di comportamenti,  soprattutto di quelli che si manifestano nello spazio pubblico,  posti in essere da gruppi  dagli esclusi e dai sommersi  e che sono percepiti come problematici per l’ordine sociale, indipendentemente dall’essere definiti, o meno, come reati dal codice penale: come, ad esempio, il trasferimento dagli stadi del Daspo urbano, un dispositivo che può essere applicato a chi viene denunciato o fermato per reati minori, ma anche per chi sostiene la lotta per il diritto all’abitare, dei lavoratori in sciopero o promuove le lotte collettive per il riuso e il riutilizzo degli spazi abbandonati, in modo  da  “prevenire”, condannandolo a priori,  il dissenso  di chi  esprime bisogni e rivendica diritti,  come si è visto   in occasione delle manifestazioni per la celebrazione del 60° anniversario dei Trattati di Roma, quando decine di manifestanti hanno ricevuto fogli di via dal territorio romano, prima ancora di arrivare in città.

In fondo è l’Europa che ce lo chiede, qui, in Francia, in Spagna, in Austria, in Belgio, mica solo nell’abbietta Ungheria, dove ordinanze per per il civismo e la convivenza regolano l’abusivismo commerciale, la mendicità, il disturbo della quiete pubblica (compreso il gioco del pallone in strada), la prostituzione, con innegabile preferenza a colpire gli ultimi anelli della catena (proprio come gli ambulanti nelle spiagge), piuttosto che  mandanti, sfruttatori, speculatori, capi clan, padroni e padroncini  che organizzano le reti criminali che lucrano sulla  sopravvivenza degli “inabissati” nelle economie di sussistenza delle nostre città.

Non rallegriamoci che l’ordine torni a regnare a Sesto, sul bagnasciuga, intorno a noi, che siamo a rischio di passare dallo stato di penultimi a quello di ultimi.

 

 

 

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

3 responses to “Settimo comandamento: cacciare

  • jorge

    Dal link postato da. Anonimo :

    Preliminare ad ogni altra esigenza è il rispetto della personalità umana; qui è la radice delle libertà, anzi della libertà, cui fanno capo tutti i diritti che ne prendono il nome

    finora per scgmbrare degli occupanti, se impossibilitati ad una propria abitazione, era necessario trovare una sistemazione abitativa alternativa, Il nuovo governo ha cambiato le linee guida ed oggi non vi è piu questa tutela

    Mi piace

    • Anonimo

      Siccome tra gli occupanti, si dovrebbe presumere tendenzialmente disperati, ci saranno probabilmente dei connazionali, ANCHE DA QUI SI VEDE CHI HA A CUORE, SUL SERIO LA TUTELA DEGLI INTERESSI E DEL BENESSERE DEI PROPRI CONNAZIONALI, certamente Non potranno essere dei fascisti sostanziali ad avere a cuore l’interesse della Nazione poiche hanno demolito in origine gran parte del benessere ed interessi nazionali partecipando e perdendo la seconda guerra mondiale.

      Mi piace

  • Anonimo

    “perché razzismo e xenofobia esercitata quest’ultima contro il Terzo Mondo interno, sono il carattere e la qualità della conversione delle politiche sociali in politiche della sicurezza, comprensiva della opportunità di favorire l’espulsione dalla società civile di coloro che la società civile non è più in grado di includere.”

    https://www.brocardi.it/costituzione/principi-fondamentali/art2.html

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: