Annunci

Archivi tag: Maroni

Da buttafuori a buttadentro

poltrona-sindacoAnna Lombroso per il Simplicissimus

Siccome pare sia ormai necessario esibire in testa ad ogni affermazione il proprio curriculum anti salviniano e le proprie referenze antifasciste, antirazziste ed antixenofobe, autocertifico che da anni esercito la mia opposizione  alle formazioni politiche che usano la triade (razzismo, xenofobia, autoritarismo) per applicare su larga scala e pure con un certo consenso le direttive del totalitarismo economico.

Ecco, sgombrato il campo dalle formalità d’uso ormai tassative per  esprimersi senza essere immediatamente arruolati forzosamente in una delle due fazioni in campo, posso dire che ormai non mi sorprende nulla delle misure pensate e adottate in materia di ordine pubblico e immigrazione, come d’altra parte non mi avevano stupito quelle proposte con  unanime successo di critica e di pubblico dal precedente ministro del precedente governo, che avevano sancito la necessità più che la opportunità di legalizzare le differenze colpendo gli ultimi per rassicurare i penultimi, accanendosi contro i “diversi” stranieri o indigeni, comunque poveri, e suffragando definitivamente che la legge non è uguale per tutti e nemmeno i gradi di giudizio in tribunale.

Mi stupisce invece questo risveglio della categoria dei sindaci, che a diverse latitudini stanno organizzando l’esercito dei disubbidienti civili, risvegliati d’improvviso per via di un inatteso incidente della storia, un fulmine a ciel sereno, l’immigrazione, che finora li aveva solo sfiorati e che avevano fronteggiato come un problema di ordine pubblico con muri, panchine e bus riservati, emanando ordinanze severe quanto discriminatorie, reclamando forza pubblica e intervento militare, chiudendo l’occhio davanti alle operazioni di polizia finalizzate al comune decoro,  dando la delega a organizzazioni non sempre no profit addette alla gestione del problema stranieri, che quello dei rom perlopiù italiani si amministrava già con opportune pulizie etniche bipartisan.

Deve essere successo un miracolo della democrazia languente  per il quale saremo costretti a riservare  gratitudine alla belva all’Interno, se, proprio come Thoreau, adesso alzano la testa contro il governo, anche quello peraltro manifestatosi inopinatamente, incitando alla ribellione e al boicottaggio per chiamarsi fuori  da quella massa  di uomini che serve lo Stato “non come uomini coraggiosi ma come macchine, con il loro corpo…. Per i quali nella maggioranza dei casi non c’è nessun libero esercizio del giudizio e del senso morale… al livello del legno, della terra, delle pietre”. O come quelli, la maggioranza dei legislatori, dei politicanti, degli avvocati, dei preti e dei tenutari di cariche, che  “servono lo Stato soprattutto in base a ragionamenti astratti; e poiché fanno assai di rado distinzioni morali, hanno la stessa probabilità di servire Dio che, senza volerlo, di servire il diavolo”.

Riscatto un po’ tardivo e  un po’ confuso, quello dei nostri Masaniello, con in testa Orlando e De Magistris saliti sulle barricate e pronti a restituire la fascia insieme a Sala (quello dei repulisti alla Stazione), Nardella (Firenze è stato il primo comune a applicare il Daspo urbano)  e qualche divino ex come Cacciari, in un fronte comune caratterizzato da una moderna e diffusa ignoranza di prerogative e dettato costituzionale, al quale invece si appellano Chiamparino e Renzi, noti fan della Carta della cui distruzione volevano essere gli unici e indiscussi promotori, che avrebbero allo studio un ricorso alla Consulta diventata anche quella d’improvviso insostituibile soggetto di vigilanza democratica da covo polveroso di arcaici parrucconi, cui non hanno pensato di rivolgersi quando furono emanate la Bossi-Fini, la Turco- Napolitano, la legge Maroni né tantomeno il codice Minniti.

Va bene così, in mancanza di meglio tocca accontentarsi dei nuovi sacerdoti dell’accoglienza e dell’integrazione che hanno finora fatto finta di non sapere e non vedere di essere anche loro sia pure in regime di scala, al servizio di uno schema imposto per far affluire masse disperate di proletari stranieri da mettere  in concorrenza con quelli indigeni, riducendo così drasticamente il costo della manodopera e contrastando la concorrenza dell’Asia. Che ha ideato e propagato la grande menzogna della difesa della nostra civiltà superiore minacciata, per legittimare imprese predatorie e coloniali, guerre che hanno fornito a paesi straccioni e impoveriti dall’Occidente  una valvola di sfogo  per ridurre le tensioni interne e limitare  la possibilità che rivolte generalizzate rovesciassero i già precari equilibri dell’intero sistema su cui si regge il modo di produzione capitalistico.

Va bene così, in mancanza di meglio, tocca accontentarsi di un antifascismo che serve a prendersela con la superficie, con le sagome di cartapesta e gli spaventapasseri rievocativi di un regime che negli anni è stato banalizzato,  ridimensionato, amnistiato, per lasciare  inalterato e sostenere l’attuale regime sovranazionale e l’ideologia cui si ispira e che li possiede, anche in caso di estemporanea sovversione.

Va bene così, in mancanza di meglio teniamoceli, soprattutto se siamo fan non di un’alternativa ma del partito del meno peggio, che sono comunque preferibili, sempre per restare nella cerchia degli amministratori, all’assessore di Monfalcone, del vicario di Dipiazza che fa l’anti San Martino buttando nel cassonetto le coperte del barbone.

Però, viene da dire, peccato che non ci abbiano pensato prima a ribellarsi, a difendere i diritti di cittadinanza di tutti. Che non ci abbiano pensato quando i loro partiti concordemente votavano  campagne di guerra, compravano armi, davano in comodato il territorio per farne poligoni di tiro e piste di lancio, deposito di armi atomiche e geografie adatte a test e sperimentazioni tossiche. Che non ci abbiamo pensato quando si è trattato di dire si ai capestri europei sotto forma di una misura, il Fiscal Compact, che perfino l’europarlamento ha declinato non integrandola nel diritto comunitario, che non ci abbiano pensato quando l’unica alternativa all’acquiescenza che oggi rimproverano all’attuale governo, ultimo in ordine di tempo a porgere il collo sacrificale alle cravatte di Bruxelles è stata innalzare le tasse comunali e diminuire qualità e volume dei servizi, compresi quelli sanitari e assistenziali, per stranieri e per italiani.

Siamo condannati a accontentarci: di uno stato di diritto con uno Stato ridotto nella sua indipendenza, di diritti sostituiti da elargizioni, premi e paghette, di risvegli occasionali e confusi, come dopo una sbornia, di un pizzico di pepe della sedizione nella pietanza dell’obbedienza, per nascondere il marcio e il veleno.

 

 

Annunci

Settimo comandamento: cacciare

sesto  Anna Lombroso per il Simplicissimus

La capitale morale è una città obesa che ha già ingurgitato tonnellate di  cemento, vetro,  acciaio, asfalto  e che ne vuole ingoiare molte altre ancora grazie a progetti che interessano 3 milioni di metri quadrati:   area ex Expo (1,1 milioni di metri quadrati), scali ferroviari (1,2 milioni di metri quadrati), Bovisa Gasometro (850 mila metri quadrati), Aree Falk e Città della Salute (1,4 milioni di metri quadrati). E poi Città Studi, Citylife, Fiera Milano City, Piazza d’Armi e   Milano Santa Giulia a Rogoredo. La stessa città che  ha invenduti o sfitti 1,5 milioni di metri quadrati a uso commerciale, dove è vuoto il 6,8 per cento degli uffici nelle aree centrali, il 16 per cento in periferia e il 13 per cento nella cintura.

E circa  30 mila appartamenti sfitti o inutilizzati di edilizia residenziale.

Eppure è la stessa capitale morale che ieri ha mobilitato per un blitz  molto muscolare ed energico decine di agenti e militari  per liberare  dai “residenti temporanei” il palazzo di Sesto San Giovanni occupato,  un tempo sede degli uffici dell’ex compagnia di bandiera, uno stabile di  sette piani  occupato da decine di senza tetto tra cui 25 bambini.

Per il comune di Sesto – si non è Milano ma il contagio del cemento ha invaso tutto l’hinterland – che aveva dimostrato di non essere capace di fornire una soluzione dignitosa e tempestiva, quel palazzone era una spina nel fianco: perché un gruppo di persone, volontari, gente dei centri sociali, aveva realizzato un’alternativa decorosa e accettabile ai paria,  licenziati, pensionati sotto il livello di decenza, famiglie sfrattate con figli e anziani a carico, che si erano autoregolamentati e autogestiti, contribuendo alla gestione della “comune” così invisa a chi è affetto da quella imperitura forma di razzismo che ha come obiettivo i poveri, da emarginare fino all’invisibilità, da cancellare perché turbano non le coscienza, non sia mai, ma la rispettabilità e la reputazione.  Mentre aspettavano in piazza che venissero svolte le procedure di identificazione, i nostri nativi irregolari trattati alla stregua degli esterni colpevolmente clandestini, arrivati là dopo che Milano se li era tolti di torno, grazie a una mediazione con il Comune di Sesto, spostandoli  da via Oglio, in zona Corvetto, cercavano di far sapere agli scarsi testimoni per caso – alla stampa certi repulisti non interessano granché – che da anni cercavano di mettersi in regola, chiedendo la sospensione il distacco delle utenze, ancora là dai tempi dell’Alitalia, in modo da farsene carico. E che avevano fatto di quel l’edificio, un condominio “civile”, pulito e decente, allestendo perfino due mercatini dell’usato per l’autofinanziamento, una sala giochi per i bambini, spazi e cucina comuni.

Quei testimoni per caso oggi, a un giorno di distanza, si sono accorti della notizia, buona per aggiungere altra riprovazione a quella sparsa con generosità contro l’increscioso ministro dell’Interno e il terreno di coltura della sua malapianta. Alla quale mi aggiungo di buon grado, ricordando però che certi atti di forza, così indegni e disdicevoli rientrano nella tipologia autorizzata, anzi promossa, dalla nuova fase di gestione dell’ordine pubblico attuata per legge dal precedente governo, quando gli educati “progressisti” del cosiddetto centro sinistra nella speranza di scucire qualche voto all’impresentabile Gran Maleducato,  decise di inseguire le destre sul terreno securitario del “sorvegliare e punire”, supera e inasprendo le previsioni del deprecato Decreto Sicurezza di Maroni del 2008, in modo da rafforzare il quadro dei dispositivi penali per gestire le conseguenze sociali generate dalle aberrazioni del mercato e di rimuovere dal panorama urbano le moleste comparse del teatro della marginalità.

Le ruspe per la bonifica delle periferie (Capalbio compresa?), i pogrom nei campi rom, non sono il nauseabondo riflusso che esce dal ventre dei neofascisti in felpa o da una plebe rabbiosa e ignorante legittimata a rivendicare rifiuto e intolleranza difensivi, macché. Si muovono  nel solco tracciato anche  dai sindaci del centro sinistra che hanno tirato su muretti e recinti nelle pingui cittadine del Nordest, che hanno messo le targhette sulle panchine “dedicate” solo agli indigeni, da Veltroni che inaugura la stagione delle pulizie etniche negli accampamenti rom con una ferocia che non ha avuto uguali nemmeno nel successore, perché razzismo e xenofobia esercitata quest’ultima contro il Terzo Mondo interno, sono  il carattere e la qualità della conversione delle politiche sociali in politiche della sicurezza, comprensiva della opportunità di favorire l’espulsione dalla società civile di coloro che la società civile  non è più in grado di includere.

E con l’intento di colpire gli ultimi per accontentare  i penultimi, grazie a quelle che sono state definite regolamentazioni “ibride”   o “semi-penali”, quelle indirizzate al controllo di un’ampia gamma di comportamenti,  soprattutto di quelli che si manifestano nello spazio pubblico,  posti in essere da gruppi  dagli esclusi e dai sommersi  e che sono percepiti come problematici per l’ordine sociale, indipendentemente dall’essere definiti, o meno, come reati dal codice penale: come, ad esempio, il trasferimento dagli stadi del Daspo urbano, un dispositivo che può essere applicato a chi viene denunciato o fermato per reati minori, ma anche per chi sostiene la lotta per il diritto all’abitare, dei lavoratori in sciopero o promuove le lotte collettive per il riuso e il riutilizzo degli spazi abbandonati, in modo  da  “prevenire”, condannandolo a priori,  il dissenso  di chi  esprime bisogni e rivendica diritti,  come si è visto   in occasione delle manifestazioni per la celebrazione del 60° anniversario dei Trattati di Roma, quando decine di manifestanti hanno ricevuto fogli di via dal territorio romano, prima ancora di arrivare in città.

In fondo è l’Europa che ce lo chiede, qui, in Francia, in Spagna, in Austria, in Belgio, mica solo nell’abbietta Ungheria, dove ordinanze per per il civismo e la convivenza regolano l’abusivismo commerciale, la mendicità, il disturbo della quiete pubblica (compreso il gioco del pallone in strada), la prostituzione, con innegabile preferenza a colpire gli ultimi anelli della catena (proprio come gli ambulanti nelle spiagge), piuttosto che  mandanti, sfruttatori, speculatori, capi clan, padroni e padroncini  che organizzano le reti criminali che lucrano sulla  sopravvivenza degli “inabissati” nelle economie di sussistenza delle nostre città.

Non rallegriamoci che l’ordine torni a regnare a Sesto, sul bagnasciuga, intorno a noi, che siamo a rischio di passare dallo stato di penultimi a quello di ultimi.

 

 

 

 


Dal Ponte alla Brebemi, le opere del gatto e la volpe

31dbs03g01_01_01-k1ad-u43040223998525lud-1224x916corriere-web-bergamo-593x443Visto che si ritorna a parlare di Ponte sullo stretto, sia come compensazione affaristica per le Olimpiadi mancate, sia come specchietto per le allodole in vista del referendum, sia come nuova ipotesi di patto con la parte più oscura del Sud attraverso una grande opera del tutto inutile senza prima mettere mano alla strutture fatiscenti di Calabria e Sicilia, c’è da incazzarsi e dire che non se ne può più, che è ora di uscire  da una logica perversa che costa montagne di miliardi, sottratti al welfare e alla dignità dei cittadini, in cambio di opere gadgets. E che dietro la presunta innocenza di teorie e prassi economiche, si nasconde in realtà il contrario della ragione e del buon governo.

Certo il guappo ci mette del suo per far intravedere il futile e il marcio dietro il sipario , ma ricordo benissimo i turibuli al vento quando si decise di dare inizio alla costruzione della Brebemi ovvero della nuova autostrada Brescia – Milano, calco di un futuro fondato sul privato e sul project financing, l’immancabile inglesorum per i citrulli che in realtà non vuol dire proprio nulla dal momento che indica come le spese di progetto verranno coperte dai ricavi di cassa del progetto stesso, ovvero  la forma base e ovvia di qualsiasi impresa: investimento e ricavo dalla produzione sia essa materiale o immateriale. Però il capitalismo è molto abile a creare parole per fingere un progresso e nel caso italiano esse vengono usate per nascondere un regresso, in questo caso l’affidamento a privati di servizi universali che essi concepiscono giustamente in ragione dei loro profitti. Con un vantaggio però che i finanziamenti stessi per la loro utilità generale vengono garantiti almeno in gran parte dai soldi pubblici, se non sono direttamente soldi pubblici quelli che vengono prestati come è accaduto per la Brebemi dove il grosso è stato scucito dalla Cassa depositi e prestiti. Dunque si può osare sul velluto e in accordo col milieu politico mettere in piedi opere, magari devastanti per l’ambiente, di scarsa utilità i cui ricavi si rivelano poi di gran lunga inferiori a quelli ipotizzati per favorire il grande affare.

Così la logica si inverte, si fa ciò che porta profitti a pochi, non ciò che serve.E se poi se l’errore è clamoroso, niente paura interviene lo Stato. Così adesso per salvare l’impresa che vede un traffico di due terzo inferiore rispetto a quello preventivato come il minimo per ripagare i costi , si sono dovuti regalare 320 milioni a fondo perduto, più altre consistenti cifre nell’ambito di un piano di finanziario di recupero, il che non ha impedito agli 11 consiglieri di amministrazione della Brebemi di aumentarsi lo stipendio e portare i loro assegni annuali a 626 mila euro l’anno. Del resto per tenere in piedi l’impresa la concessione è stata aumentata di sei anni (e dire che il consorzio aveva vinto basandosi sulla brevità di quest’ultima), gli azionisti incassano un rendimento garantito del 6,8% sul capitale investito e dulcis in fundo avranno diritto a una buonuscita di 1,2 miliardi di euro. Avranno la pancia bella piena nonostante siano autori di un’impresa fallimentare.

E badate il fallimento non è solo frutto di destino e di errori. Certo nel 2009 anno di inizio della costruzione la crisi già c’era, ma si pensava sarebbe passata in fretta con la tipica ottusa arroganza liberista. Però era proprio di base che il progetto non funzionava: che senso aveva costruire un autostrada il cui pedaggio è del 50 %  superiore a quello della Milano Bergamo Brescia per ovvi motivi di recupero spese, che passa per un territorio agricolo con scarsa densità di popolazione e che per di più permette di risparmiare solo 4,4 chilometri? Le centinaia di ettari di terreno produttivo bruciato dal nuovo nastro d’asfalto e i 2,4  miliardi spesi che alla fine graveranno sul bilancio pubblico, valgono questo misero risparmio che oltretutto si traduce in un pedaggio molto più alto? Chiaramente no, com’è ampiamente dimostrato dall’insuccesso: quell’autostrada si è fatta non perché servisse davvero, ma perché sembrava un buon sistema per fare soldi. Del resto Maroni che stanziò a suo tempo 60 milioni a fondo perduto per l’opera mise nella Autostrade Lombarde, la società controllante, un suo uomo di fiducia, tale Andrea Mascetti, personaggio che svolge “una intensa attività di ricerca storica e archeologica sui popoli celtici, germanici e alpini”, dunque un vero esperto di traffico e di autostrade. Ma non ce ‘era bisogno: bisognava essere esperti di ben altre cose.

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: