Annunci

Lavoro, i job act dello zio Tom

lavoroC’è una sorta di panico dentro le segrete stanze della Federal Reserve e più che mai nell’ufficio della presidente Janet Yellen: dopo aver dato per consolidata la ripresa statunitense e in particolare quella del lavoro che sembrava andare a gonfie vele, si è invece trovata di fronte a una realtà molto diversa. Intanto il dipartimento del lavoro ha confessato di aver pubblicato tra il marzo 2014 e quello  2015 dati derivanti da stime sbagliate e di aver creato sulla carta 260 mila posti di lavoro nel settore privato che non ci sono mai stati. Quella della revisione al peggio dei dati dopo un consistente periodo di tempo, quando il loro effetto politico e/o finanziario è ormai incassato, è diventata una pratica standard degli Usa: quindi si può immaginare l’ orrore moltiplicato per il coefficiente di bugia e incertezza con il quale Janet Yellen ha incassato le nuove brutte notizie: i 21 mila posti in meno a luglio rispetto alle previsioni, i 40 mila in meno ad agosto , il fatto che tra luglio e settembre i nuovi posti siano stati 167 mila, ossia meno  dei 260 mila registrati mensilmente nell’ultimo anno, tutte cifre al ribasso dovute al deterioramento dell’economia statunitense causata dal calo della domanda globale e dal dollaro alto.

Ciononostante il tasso di disoccupazione tra gennaio e settembre di quest’anno è diminuito dal 5,7 al 5,1%  restituendo un’idea assolutamente falsata della realtà. Ciò accade perché man mano che calano le occasioni di lavoro, calano anche le iscrizioni alla disoccupazione che è la base sulla quale vengono vengono compilate le statistiche, per cui a una diminuzione reale dei posti di lavoro può  far riscontro un aumento del tasso di occupazione. Ho parlato degli Usa, ma questo schema generale pur con numerose varianti è adottato in tutto l’occidente portando così a risultati paradossali come quelli forniti dall’Istat per settembre nel quale sono aumentati sia i disoccupati che gli occupati producendo come dato finale una lievissima diminuzione del tasso di disoccupazione che ha dato la possibilità al guappo narciso e al suo governo di specchiarsi nelle meraviglie del job act. In realtà sono solo aumentati gli inattivi ed è anche probabile che vi saranno correzioni al peggio tra qualche mese perché dopotutto è irresistibile la tentazione di fare  gli ammergani.

Ci si può legittimamente e retoricamente chiedere come mai in tutto il mondo occidentale si usino sistemi di rilevazione e calcoli così ambigui che sembrano fatti apposta per confondere l’opinione pubblica e per gettare legna sul falò della peggiore retorica politicante. Quale euristica li suggerisce? Ed è facilissimo scoprirlo: la svalutazione completa del significato stesso di lavoro e la sua riduzione a puro job, vale a dire attività temporanea ed estemporanea. Prendiamo per esempio i criteri con cui l’Istat compila le sue statistiche: l’occupato è colui – tra i 15 e i 64 anni – che nelle quattro settimane precedenti la rilevazione ha svolto almeno un’ora di lavoro retribuito in denaro o in natura. Si può dire che sia lavoro questo? Un disoccupato va dalla vicina e mette a posto il rubinetto, viene ripagato con una fetta di torta (altre fattispecie non risulterebbero, ma sarebbero comunque ammissibili)  ed ecco che miracolosamente passa dalla parte degli occupati.   Chissà come sarebbero contenti quelli dell’Istat se fossero impegnati un’ ora ogni mese in cambio di una pummarola alla Fornero. Mica perderebbero il lavoro visto il concetto che hanno del medesimo. Dunque non solo i numeri creano confusione, ma nascono da un concetto di lavoro francamente intollerabile e fonte di un errore radicale riguardo alla macroeconomia: così come avviene negli Usa, il numero degli “occupati” non viene mai confrontato in via diretta con l’entità del salario in denaro o in natura, quindi nulla si può dire riguardo alla quantità di domanda aggregata che poi determina la crescita.

Questo però frega poco alle teorie assurde liberiste e ai mentecatti che le ripetono come automi: ciò che interessa è che la statistica rifletta un concetto di lavoro volatile, mal pagato e sotto ricatto quando non apertamente schiavistico  (anche lo zio Tom era pagato in vitto e alloggio) . Più ci si avvicina a quell’idea più sono contenti, anche se i numeri diventano ballerini e di fatto un riflesso ideologico più che una realtà. La quale è lenta, ma prima o poi si vendica,

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Lavoro, i job act dello zio Tom

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: