Ci voleva la guerra libica perché finalmente Bossi dicesse qualcosa di sensato e di aderente alla realtà:   “Noi italiani siamo bravi a prenderlo in quel posto”. Infatti se non fossimo così bravi la Lega sarebbe solo un partitino marginale e patetico. Del resto essi stessi si fanno un vanto di averlo sempre duro e quindi sono i maggiori indiziati nelle sevizie all’intelligenza e agli interessi del Paese.

Nella frase stessa del furioso babbeo c’è anche la spiega e la quadra di questa ormai più che decennale violazione del lato b. Questi che non hanno partecipato ai festeggiamenti del i 150 anni, che considerano un’offesa e una provocazione il tricolore, che giocano alla padania spacciando per realtà una pura invenzione elettorale, quando si viene al sodo si dimenticano delle loro chiacchiere ed ecco che diventiamo improvvisamente  “noi italiani”. Forse perché la Lega ha grandi responsabilità nella gestione demenziale dell’ amicizia con Gheddafi.

Però francamente sono io che non voglio essere in quel noi dove ci sono Bossi, il frutto ittico dei suoi lombi e la banda di ottusi e profittatori che seguono. Poca confidenza, datemi del voi.